Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 28-11-2006, 12.04.45   #51
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: A cosa serve Meditare??

Citazione:
Originalmente inviato da MIMMO
tanti chiedono che fare? Nulla di diverso da ciò che fai, ma presta attenzione a ciò che fai, stai mangiando? mangia
stai leggendo? leggi. prsta attenzione a ogni attimo della tua vita senza sottoporlo al giudizio del tuo passato o alle speranze del tuo futuro e in quel silenzio accadrà la comprensione .......
C'è una trappola: prestare attenzione a ciò che stai facendo presenta il rischio di ripetere a se stessi quello che stai facendo. P.es. Mi sto lavando i denti, sto guidando il motorino, etc. E perdi il qui ed ora.......... Non lo si può ottenere per sforzo volitivo. L'unico sistema che conosco è di appassionarsi, entusiasmarsi a quello che stai facendo. Ma, da adulti, è rarissimo. Mentre da bambini è naturale.
freedom is offline  
Vecchio 28-11-2006, 13.41.51   #52
MIMMO
Ospite abituale
 
L'avatar di MIMMO
 
Data registrazione: 21-11-2006
Messaggi: 349
Riferimento: A cosa serve Meditare??

Citazione:
Originalmente inviato da freedom
C'è una trappola: prestare attenzione a ciò che stai facendo presenta il rischio di ripetere a se stessi quello che stai facendo. P.es. Mi sto lavando i denti, sto guidando il motorino, etc. E perdi il qui ed ora.......... Non lo si può ottenere per sforzo volitivo. L'unico sistema che conosco è di appassionarsi, entusiasmarsi a quello che stai facendo. Ma, da adulti, è rarissimo. Mentre da bambini è naturale.

infatti io ritengo lo sforzo, più che inutile , impedente.
L'attenzione non è concentrazione, ma attenzione è vivere cio che fai mentre lo fai!
MIMMO is offline  
Vecchio 28-11-2006, 14.20.32   #53
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: A cosa serve Meditare??

Citazione:
Originalmente inviato da freedom
A me sfugge questo spazio. Mi sembra che i pensieri siano uno attaccato all'altro.....


In pratica l'ho capito intelletualmente ma non per esperienza diretta.

beh.. inizialmente è grande cosa capirlo con la mente..
successivamente, praticando, questo piccolo spazio appare.. con la giusta attenzione appare..

certamente è sempre la mente, quell'organo cosciente in grado di osservar se stessa..
atisha is offline  
Vecchio 28-11-2006, 14.23.16   #54
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da shanti
Grazie Atisha

Osservo tra l'altro che tra due pensieri esiste uno spazio dove non vi è assolutamente nulla......... questa è VERITA', il SILENZIO, il SE', la nostra MADRE NATURA......

Osservate lo "spazio" dopo il cessate del respiro e prima dell'inizio del respiro , SORPRESA.....

Om Shanti

certamente.. questi spazi via via si ampliano dando corpo a nuove percezioni di sè... e del circostante...

Om Shanti
atisha is offline  
Vecchio 28-11-2006, 14.34.18   #55
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: A cosa serve Meditare??

Citazione:
Originalmente inviato da MIMMO
Non è che non siamo , il problema stanell'identificarsi con i pensieri e credere di essere "solo" quello, siamo anche quello, da dove nascono i pensieri? Nascono dalla memoria e dall'esperienza, e chi ha fatto quell'esperienza? noi.
Si vive in un continuo dondolare ( con il pensiero) tra ciò che è stato (ricordi) e quello che sara ( che non è altro che il passato trasformando secondo gli schemi del presente) in tutto questo sfugge l'essenziale. Se noti bebne sia futuro che passato sono figli del pensiero senza pensiero non sono nulla , esistono solo se pensi nei loro termini.
Qualunque attimo della tua vita lo vivi e lo percepisci solo nel presente, ma aimè siamo sempre intenti a pensare (il dondolio tra ricordi e speranze - che poi sarebbe quella vocina che senti nella "capoccia" che non tace mai) e quindi non percepisci il presente , non vedi mai ciò che è, passato l'attimo lo ricordi e lo traduci attraverso il filtro del pensiero.
Vivere nel presente esclude il pensiero, in quello stato tace, se non tace stai dondolando, ma se tace tutto è diretto , tutto nasce e muore ogni attimo e sempre tutto nuovo, senza giudizi (se non pensi non giudichi) è solo e basta, esiste. Non ci sei tu le cose ecc...ec... c'è solo tutto che coinvolge l'attimo.
tanti chiedono che fare? Nulla di diverso da ciò che fai, ma presta attenzione a ciò che fai, stai mangiando? mangia
stai leggendo? leggi. prsta attenzione a ogni attimo della tua vita senza sottoporlo al giudizio del tuo passato o alle speranze del tuo futuro e in quel silenzio accadrà la comprensione
.......
ricorda non rimandare mai nulla, perchè comunque qualsiasi cosa la puoi fare solo adesso, domani sarà un altro adesso......si vive solo in un presente che muta e corre continuamente
spero di essere stato d'aiuto.....
...penso che atisha mi comprenda....almeno in parte

comprendo tutto.. eccome..
aggiungerei che anche mentre "pensi" ma sei immerso nella presenza, nel momento, è qualcosa di nuovo.. un "canale" ricevente nuovo..
si apre una nuova sorgente di conoscenza, di ispirazione.. intuizione..
non più ostacolata dal pensiero identificato di prima..
anche pensando al passato, ad un avvenimento della memoria, il pensiero stesso, accompagnato dalla nuova Presenza o Consapevolezza, offrirà una visione diversa di ciò che è stato...
atisha is offline  
Vecchio 28-11-2006, 17.25.32   #56
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: A cosa serve Meditare??

Citazione:
Originalmente inviato da MIMMO
infatti io ritengo lo sforzo, più che inutile , impedente.
L'attenzione non è concentrazione, ma attenzione è vivere cio che fai mentre lo fai!

Lo fai o pensi di farlo? E se lo fai come fai? Scusa il gioco di parole.
freedom is offline  
Vecchio 28-11-2006, 17.51.06   #57
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: Meditazione

come non condividere e non vivere un momento di grazia quando si legge tutto ciò?
l'anima riconosce per assonanza quando le parole giungono direttamente dallo spirito senza "interferenze".
quando si è "canali" diretti e si vibra all'unisono.

condivisione.
un saluto
turaz is offline  
Vecchio 29-11-2006, 11.45.35   #58
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Meditazione

Meditando, oltre alla resa nel Silenzio profondo, sono in grado di osservare il mutamento della mia mente e gli analoghi cambiamenti comportamentali che avvengono..
Tecniche e metodi associati alla meditazione (ve ne sono una marea) rendono la mente abile a trasformare se stessa.. e mutandosi, muto le domande e mutano in me le risposte..
Per conseguire una radicale trasformazione devo però eliminare completamente il conflitto tra il dentro ed il fuori.. chiamiamolo tra il conscio e l'inconscio.
Questo comporta un lavoro di osservazione solitaria e giornaliera .. un'esplorazione temporale che mi deve creare una sempre maggiore chiarezza.. comprensione.
Ciò che ne consegue nel tempo, meditando ed indagando, senza che me ne possa accorgere e senza sforzo alcuno, è il liberarsi in me di un'immensa energia: mi accorgo così che una trasformazione Spirituale sta prendendo campo..

In alcuni casi questa trasformazione avviene anche senza un completo lavoro manifesto di tutto il contenuto psichico.. ed è ciò che anche nel mio caso è successo.
Questo comporta una seguente raffinazione dell'indagine e della conoscenza meccanica psichica, per permettermi di accedere ad una completa trasformazione, dove l'ego (personalità) scompare totalmente, o meglio dire, viene riassorbito in una nuova sensibilità che spazia in nuova chiarezza di ciò che sono.. e conseguentemente mi apre una seconda porta, quella della percezione dell'intero mondo e manifestazione.

Questi, in due parole, sono gli stadi della meditazione, accompagnata al lavoro interiore.. e per natura non vanno mai separati: è un compito arduo che richiede serietà, tempo ed impegno.

Se conoscete altre vie da percorrere, fatelo.. fino in fondo, ma con vera umiltà.
L'umiltà è una delle qualità essenziali per progredire.. e nasce dalla comprensione che ciò che stiamo attraversando non deriva da una nostra scelta.. ma da una nostra impotenza, perchè al momento non abbiamo altro da percorrere..
Però, se percorrendo una strada sentiamo però troppo dolore o troppo calore, chiediamoci perchè ci troviamo in quella apparente via senza uscita.. chiediamoci se esistono alternative..
guardiamo attorno con fiducia, perchè la mutazione avvinene di attimo in attimo, anche adesso.. qui.
Questo il miracolo più grande..

atisha is offline  
Vecchio 29-11-2006, 12.36.40   #59
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: Meditazione

... grazie al magnetismo...
la mutazione avviene e "coinvolge" (attrae) gli altri.
e se riconosciuta per assonanza dall'IO (spirito) ciò è meraviglioso.

il tutto ha voce unica.
questa è la meraviglia della luce
umiltà e cuore puro le "basi".

un abbraccio
turaz is offline  
Vecchio 29-11-2006, 12.44.34   #60
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da Ateo
Perchè se la meditazione è la verità ultima, il massimo stato raggiungibile, si sono sviluppate infinite idee diverse intorno ad essa, come il Buddismo, l'Induismo, il Taoismo, lo Zen... Queste filosofie, nonostante tutte abbiano come centro la meditazione, hanno sempre come contorno idee diverse e cotradditorie. Vorrei sapere come mai. Se la meditazione porta a uno stato di illuminazione totale, ritengo che tutte le persone illuminate dovrebbero avere il linea di massima le stesse idee.
La tua riflessione è giusta, e prova il fatto che attraverso la meditazione non si può mai raggiungere l'illuminazione.
Io penso che abbia ragione Martinus che dice che l'illuminazione, cioè la coscienza cosmica, è una realtà a cui ogni individuo arriverà spontaneamente come risultato del processo evolutivo.
Quando abbiamo raggiunto un certo livello evolutivo, basato sulle esperienze durante migliaia di vite, ci sperimentiamo la struttura cosmica che esiste dietro, e su cui si è basato il mondo fisico. Questa "illuminazione" ha dunque luogo spontaneamente in ogni individuo quando l'umanità e la morale di esso sono sufficientemente evoluti.

Questo è descritto molto bene in un interessantissimo libro da un altro scrittore, Richard M. Bucke, chiamato "La Coscienza Cosmica". Bucke stesso aveva un tipo di "illuminazione" spontanea ed è infatti Bucke che ha creato il concetto "coscienza cosmica".
Bucke era medico e aveva quindi un'impostazione scientifica alla vita e nel suo libro, che è il risultato di una ricerca, ha provato a stabilire i fenomeni comuni che gli individui sperimentano in una tale "illuminazione".
Basato su questa ricerca ha potuto indicare alcuni individui che secondo lui hanno avuto ciò che lui chiama "coscienza cosmica". Fra questi troviamo fra l'altro Buddha, Gesù, Dante, Spinoza, Svedenborg, Socrate, Balzac, Plotino, Ramakrishna e Whitman.
Il libro è quindi molto interessante ed è pubblicato da "Edizione Crisalide".
Ciao
Rolando is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it