Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 14-11-2006, 20.20.03   #1
Ateo
Non lo so...o forse si...
 
L'avatar di Ateo
 
Data registrazione: 19-02-2006
Messaggi: 46
Meditazione

Perchè se la meditazione è la verità ultima, il massimo stato raggiungibile, si sono sviluppate infinite idee diverse intorno ad essa, come il Buddismo, l'Induismo, il Taoismo, lo Zen... Queste filosofie, nonostante tutte abbiano come centro la meditazione, hanno sempre come contorno idee diverse e cotradditorie. Vorrei sapere come mai. Se la meditazione porta a uno stato di illuminazione totale, ritengo che tutte le persone illuminate dovrebbero avere il linea di massima le stesse idee.
Ateo is offline  
Vecchio 15-11-2006, 09.10.06   #2
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da Ateo
Perchè se la meditazione è la verità ultima, il massimo stato raggiungibile, si sono sviluppate infinite idee diverse intorno ad essa, come il Buddismo, l'Induismo, il Taoismo, lo Zen... Queste filosofie, nonostante tutte abbiano come centro la meditazione, hanno sempre come contorno idee diverse e cotradditorie. Vorrei sapere come mai. Se la meditazione porta a uno stato di illuminazione totale, ritengo che tutte le persone illuminate dovrebbero avere il linea di massima le stesse idee.
Scusa, ma chi ha mai detto una cosa del genere, che la meditazione è la verità ultima?
Le tecniche meditative sono tante perchè c'è stata la necessità di adattarle ai vari tipi di umanità nel corso del tempo.
Lo stato meditativo invece, più o meno profondo, è una delle porte di accesso che, se ampliato fino alla sua più completa realizzazione, può portare alla cosiddetta Buddhità o condizione che generalmente, può essere semplicemente chiamata "Illuminazione" o Liberazione dal senso dell’ego.
Per cui gli Illuminati hanno tutti lo stesso stato di Coscienza che, bada bene, non è un insieme di idee... ma tutt'altro. Ma questo è un altro discorso.
Piuttosto, le vie - tra cui le varie tecniche meditative - per raggiungere tale condizione sono diverse e numerose, a seconda dei luoghi dove sono state elaborate e sperimentate, ma in ogni caso sempre per raggiungere la stessa meta.

Ultima modifica di Mirror : 15-11-2006 alle ore 10.05.36.
Mirror is offline  
Vecchio 15-11-2006, 09.15.44   #3
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da Ateo
Perchè se la meditazione è la verità ultima, il massimo stato raggiungibile, si sono sviluppate infinite idee diverse intorno ad essa, come il Buddismo, l'Induismo, il Taoismo, lo Zen... Queste filosofie, nonostante tutte abbiano come centro la meditazione, hanno sempre come contorno idee diverse e cotradditorie. Vorrei sapere come mai. Se la meditazione porta a uno stato di illuminazione totale, ritengo che tutte le persone illuminate dovrebbero avere il linea di massima le stesse idee.

La meditazione non e' la Verita' ultima e non e' uno stato raggiungibile e non ci sono tante idee diverse intorno ad essa ma solo sfumature...
E' l'uomo semmai che vede differenze e contraddizioni ovunque.
In ogni caso la parola meditazione indica un lavoro di disciplina della mente (concentrazione in un sol punto), mentre la parola contemplazione di solito indica l'aspetto della visione profonda, della sensibilita' spirituale, in cui lo spazio e il silenzio hanno una rilevanza importante.
Capisco i tuoi dubbi, alimentati da tutta una serie di messaggi e luoghi comuni....l'illuminazione non puo' essere un conseguimento.
Yam is offline  
Vecchio 15-11-2006, 11.39.24   #4
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Meditazione

Buon giorno!
Condivido in pieno quanto riportato riguardo la meditazione dai precedenti posts, mi farebe comunque sapere perchè l'"illuminazione" o "stato di Consapevolezza" non possa essere definito un conseguimento. claudio
fallible is offline  
Vecchio 15-11-2006, 12.52.58   #5
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
Buon giorno!
Condivido in pieno quanto riportato riguardo la meditazione dai precedenti posts, mi farebe comunque sapere perchè l'"illuminazione" o "stato di Consapevolezza" non possa essere definito un conseguimento. claudio

Alcuni sistemi (Yogasutra per esempio) considerano l'illuminazione un conseguimento, cioe' il risultato di particolari discipline, altri (la maggior parte) considerano l'Illuminazione come la naturale e spontanea manifestazione della maturita' della Coscienza, in sostanza la fine del ciclo delle incarnazioni....e solo in quel momento si puo' sostenere che vi e' solo l'UNO senza secondo, perche' la Coscienza vi e' completamente immersa, e' cioe' divenuta Universale. Oppure sistemi come la Mahamudra e il Mahayana dello Zen considerano sin dall'inizio l'identita' assoluta tra relativo ed assoluto (Samsara e Nirvana), quindi e' ovvio che cercare l'Illuminazione e' una illusione della mente
C'e' poi l'insegnamento prezioso, oltre che dei Sahajisti Buddisti, dei tanti Maestri antichi e moderni che indicano nel Sahaj (stato naturale) la vera illuminazione (Kabir, Dadu, Guru Nanak, Ramana Maharshi, Nisargadatta, Poonja ecc.) ecc. ecc.
Cio' che puo' essere oggetto di conseguimento sono le Siddhi (poteri Spirituali).
In ogni caso qualsiasi praticante esperto sa che la pratica della visione profonda senza sforzo coincide con uno stato naturale di rilassamento in cui emerge la pura Coscienza di Se'.
Con la sola testa, senza una qualche disciplina, non si comprendera' mai un fico secco di niente.
Yam is offline  
Vecchio 15-11-2006, 13.41.26   #6
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
Buon giorno!
Condivido in pieno quanto riportato riguardo la meditazione dai precedenti posts, mi farebe comunque sapere perchè l'"illuminazione" o "stato di Consapevolezza" non possa essere definito un conseguimento. claudio

Perchè per esserci un conseguimento bisogna che ci sia un soggetto che beneficia di ciò.
L'Illuminazione è invece proprio la scoperta che questo soggetto non esiste.
Quindi, come potrebbe chi ha "realizzato" questa Comprensione attribuirla a sè?
C'è l'evento dell'Illuminazione ma non può esserci un qualcuno che afferma di averla ottenuta.
Casomai potrà indicare poi la strada ad altri per "ottenere" questo stato di Coscienza, come fecero il Buddha e molti altri Illuminati.
Mirror is offline  
Vecchio 15-11-2006, 15.04.12   #7
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Meditazione

Dice Dadu: "Nessuno ti trova con le sue sole forze, per Tua Grazia soltanto Tu vieni."

"Solo attraverso di TE, ti si raggiunge, e cio' avviene in un unico istante. Contando su noi stessi non potremo mai farcela, neanche se passassero miliardi di Kalpa*"


"Niente e' stato fatto da me, ne potrebbe essere fatto.
Io non sono capace di fare nulla.
E' Hari che fa cio' che gli piace.
Ma tutti continuano a dire : "Dadu...Dadu...."

(*lunghi periodi cosmici)

Dadu, India XVI secolo...mi pare...

Una parte di lavoro spetta a noi ed e' la nostra stessa Vita in cui siamo chiamati ad essere Uomini e questo si puo' apprendere.....
Yam is offline  
Vecchio 15-11-2006, 16.45.56   #8
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Meditazione

Ciao e buon pomeriggio!
Con la sola testa, senza una qualche disciplina, non si comprendera' mai un fico secco di niente explain please........per disciplina non si può intendere l'applicazione quotidiana dell'ottuplice sentiero?


Perchè per esserci un conseguimento bisogna che ci sia un soggetto che beneficia di ciò. mi sembra di aver letto da qualche parte di un bramhino che osservando il Buddha in meditazione gli chiede se egli è un dio un se è un essere superiore o quant'altro e lui risponde "sono sveglio" perchè lo stato di Coscienza non può essere vissuto? eventualmente si ha la Consapevolezza della limitatezza della forma manifesta pur nella completezza del suo manifestarsi......ascolta il respiro claudio
fallible is offline  
Vecchio 15-11-2006, 17.06.55   #9
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Dice Dadu: "Nessuno ti trova con le sue sole forze, per Tua Grazia soltanto Tu vieni."

"Solo attraverso di TE, ti si raggiunge, e cio' avviene in un unico istante. Contando su noi stessi non potremo mai farcela, neanche se passassero miliardi di Kalpa*"


"Niente e' stato fatto da me, ne potrebbe essere fatto.
Io non sono capace di fare nulla.
E' Hari che fa cio' che gli piace.
Ma tutti continuano a dire : "Dadu...Dadu...."

(*lunghi periodi cosmici)

Dadu, India XVI secolo...mi pare...

Una parte di lavoro spetta a noi ed e' la nostra stessa Vita in cui siamo chiamati ad essere Uomini e questo si puo' apprendere.....


mi viene in mente la parabola cristiana delle nozze...

da una parte dio invita tutti...
dall'altra solo chi indossa il vestito bianco entra...

ciao
turaz is offline  
Vecchio 15-11-2006, 18.08.50   #10
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Meditazione

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
......ascolta il respiro claudio

Se ascolti il respiro va bene, quella e' meditazione...non contemplazione, non visione profonda.
Il respiro e' un supporto su cui poggi la mente (in alcune tradizioni ermetiche occidentali si usa il battito del cuore che ha anche un'altra funzione...), e' quindi una forma di concentrazione.
Prova, in seguito, ad espandere l'ascolto, ad aprire tutti i sensi...lasciando che la pura consapevolezza accolga tutti i suoni, tutti gli odori, i sapori....tutte le sensazioni.....che vanno e vengono. Da dove vengono e dove vanno? (c'e' qualcosa che va e che viene ed e' l'energia che crea la forma...anche il pensiero e' parte di quella unica energia......e la sorgente del fiume dell'energia e' il vuoto e al vuoto quel fiume ritorna....il fenomenico, il mondo della forma e' una unica energia....). [...e poi...] Chi e' consapevole di tutto questo?
Se sei "per strada" ti accorgerai non solo dei tuoi pensieri che vanno e vengono ma di tutto il resto.....tutte le infinite forme che l'energia assume.... Questo e' un metodo pratico.
L'ottuplice sentiero va benissimo....il settimo e ottavo sono cio' che ti ho indicato....e' un metodo pratico, senza pratica.....
Normalmente l'identificazione con il pensiero e' talmente forte e radicata che e' come avere un paraocchi, e' una forma di cecita' che non ci fa vedere la realta' "complessivamente", e' una forma di sonno....per quello il Buddha e' detto il risvegliato....

Ultima modifica di Yam : 15-11-2006 alle ore 19.16.59.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it