Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 18-07-2006, 19.35.08   #11
metodico
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2006
Messaggi: 79
ciao a tutti
ti voglio seguire nel discorso cara Patri15.
Mentre non condivido chi sbraita contro l'uno o contro
l'altro. "Buttiamo le bombe atomiche" ma ...per piacere!!!!!!
Oggi mentre parliamo ci sono più di una ventina di conflitti
armati in corso, soprattutto nelle zone più povere dell'Africa e
dell'Sudest Asiatico. Qualcuno se ne ricorda tra i pacifisti e
i militaristi convinti. Credo di no........non fanno odience e non
fanno.......politica!.
Quanti morti contiamo ogni giorno per fame, sete, malattie nei paesi poveri?.
Un numero spaventoso ma insignificante per noi civilizzati.
Hai ragione lo slogan politico è la prassi, la soluzione dei
problemi che affliggono il nostro pianeta un.....mistero!.
Gli aiuti internazionali, i progetti di sviluppo del Fondo monetario
internazionale(FMI) e la Banca Mondiale hanno compiuto errori
madornali: soldi ai leader politici, a dittatori che li hanno portati
in Svizzera o nei paradisi fiscali. Per le popolazione e lo sviluppo economico, sociale, solo le briciole. Lo sfruttamento delle risorse
naturali alle multinazionali europee e americane.
Fin quando i finanziamenti e gli aiuti non andranno alle popolazioni, al miglioramento delle condizioni di vita, alla nutrizione, alla salute, all'istruzione, credo che i problemi
dei più poveri e sfruttati non si risolveranno mai.
Non credo che avrebbero troppo "peso" le esternazioni dei capi
palestinesi, libanesi, giordani, iraniani, se le popolazioni locali
non soffrissero la fame o le condizioni di "inferiorità" in cui vivono.
Qui dobbiamo giocare la partita "vincente". Ma questo implica che gli Stati europei e l'America rinuncino allo sfruttamento delle risorse natrurali di questi Paesi e che le multinazionali facciano meno profitti: cioè mettere in discussione l'economia liberale!.
Se un popolo è felice, ha di che vivere, non si deve preoccupare
per la vita dei figli, non c'è Bin Laden che possa convincerli a
"morire" per "religione" o altro!.
ciao da mettodico
metodico is offline  
Vecchio 19-07-2006, 12.03.44   #12
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Giustissimo quanto scritto da Metodico.

Stamattina uno speciale condotto da Beirut ha mostrato in diretta le distruzioni provocate dai bombardamenti aerei e navali israeliani nella capitale libanese e ha lanciato un collegamento con Haifa dove un altro giornalista, dall’interno della stazione ferroviaria, ha documentato gli effetti dell’attacco missilistico degli Hezbollah.

In entrambe le corrispondenze è stato messo in primo piano l’enorme prezzo pagato dalla popolazione civile che continua a morire.

C’è un vuoto terribile: quello di una diplomazia internazionale che avrebbe i mezzi per garantire a tutti sicurezza, ma non fa nulla di concreto.

Ben venga allora quell’informazione capace di far vedere che questo vuoto politico lo pagano gli innocenti.

Ma poi?
Patri15 is offline  
Vecchio 19-07-2006, 13.36.46   #13
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Citazione:
Messaggio originale inviato da Patri15
Contro quindi l'evidenza, si dà voce al solito "giustificazionismo": Israele è stata provocata e questa provocazione altro non è che un piano studiato ad arte per distruggere Israele. Per questo motivo, non si può chiedere ad Israele di sospendere quelle che sono delle vere e proprie rappresaglie naziste contro le popolazioni civili se prima non vengono soddisfatte determinate condizioni.

Condizioni, condizioni e ancora condizioni. Sono anni che per la soluzione palestinese vengono poste condizioni a chi subisce l'occupazione e mai nei confronti dell'occupante.
Rappresaglie naziste sui civili? Prima dell' offensiva Israele ha sganciato migliaia e migliaia di volantini che consigliavano alla popolazione civile di andarsene momentaneamente per salvare le loro vite, fino al termine delle operazioni. Se involontariamente vengono colpiti anche dei civili, beh sono loro che hanno deciso di restare lì... gli obbiettivi sono solo gli hezbollah.

Ed al contrario di quanto dici tu, e gli hezbollah stessi, i terroristi colpiscono a caso, sparano sul mucchio e chi pigliano pigliano. Non è assolutamente vero che puntano solo ad obbiettivi militari, tant' è che non ne sarebbero nemmeno capaci con i sistemi d' arma antiquati che hanno. E come puoi negare le decine e decine di missili katiuscia che sono piovuti su tutte le città del nord di Israele?

Poi ripeto ancora come ho scritto nell' intervento sopra, che Israele ne ha fatte parecchie di concessioni ai palestinesi e pure ai libanesi, cosa che tu hai spudoratamente negato. I luoghi da cui partono i razzi dei terroristi, sono territori che Israele ha liberato in cambio di pace (che poi naturalmente i terroristi non hanno dato).

E poi scusa, da quando in qua è il perdente a dettare le condizioni?
Bige is offline  
Vecchio 19-07-2006, 16.21.27   #14
metodico
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2006
Messaggi: 79
ciao a tutti
La Storia è costellata di vittime innocenti!
La Storia dicono i saggi dovrebbe... insegnare!.
Si ha insegnato ai "potenti" ha disporre a piacimento
del popolo "ignorante e pecora".
Non ha insegnato al popolo "ignorante e pecora" a ribellarsi
al potente.
L'ignoranza, la povertà, la miseria, sono indispensabili
per ottenere e mantenere il "potere" e il "dominio".
E' il terreno "ideale" per i nostri politici e per quelli di tutto
il continente.
Nulla mi stupisce di coloro che parteggiano per gli uni e per gli
altri, in fondo fanno il "gioco" dei "potenti".
ciao da metodico
metodico is offline  
Vecchio 19-07-2006, 19.15.44   #15
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Citazione:
Messaggio originale inviato da metodico
ciao a tutti
La Storia è costellata di vittime innocenti!
La Storia dicono i saggi dovrebbe... insegnare!.
Si ha insegnato ai "potenti" ha disporre a piacimento
del popolo "ignorante e pecora".
Non ha insegnato al popolo "ignorante e pecora" a ribellarsi
al potente.
L'ignoranza, la povertà, la miseria, sono indispensabili
per ottenere e mantenere il "potere" e il "dominio".
E' il terreno "ideale" per i nostri politici e per quelli di tutto
il continente.
Nulla mi stupisce di coloro che parteggiano per gli uni e per gli
altri, in fondo fanno il "gioco" dei "potenti".
ciao da metodico



Vorrei riportare un articolo da La Stampa:

«OGNUNO DI NOI FAREBBE QUELLA SCELTA SE VIVESSE DA 50 ANNI IN UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO»
Andreotti: se fossi nato lì sarei un terrorista
19/7/2006
di Jacopo Iacoboni

Eterno Andreotti. È sceso il silenzio, ieri, nell’aula di Palazzo Madama quando il senatore a vita è intervenuto nel dibattito sulla guerra in Libano. «Credo che ognuno di noi, se fosse nato in un campo di concentramento e non avesse da cinquant’anni nessuna prospettiva da dare ai figli, sarebbe un terrorista».

Non è una novità, naturalmente, e non è la prima volta che il divo Giulio espone limpido una posizione che ha ispirato quasi mezzo secolo di politica estera «realista» all’italiana. Eppure, i colleghi l’ascoltavano muti quasi come a una lezione di diplomazia democristiana. La linea italiana di politica estera, ha detto Andreotti, «prescinde dal carattere strutturale del governo, perché è nata nel ‘70 a Venezia, quando per la prima volta si parlò della necessità di dialogo tra israeliani e palestinesi».

E pazienza se certe posizioni espressamente filoarabe non esistono più neanche nell’odierno centrosinistra (quello riformista, ovviamente), Andreotti ha ricordato che nel ‘48 l’Onu ha creato lo stato di Israele e lo stato palestinese, ma «lo stato di Israele esiste, lo stato arabo no». Chiosa finale, non lontanissima da certa odierna terminologia diplomatica ulivista: «Nel nostro vocabolario abbiamo la parola equidistanza ma non esiste la parola equivicinanza». Di qui l’auspicio a «riattivare, attraverso il nostro stimolo, un intervento dell’Unione europea perché questa è una situazione che moralmente dovrebbe impegnarci di più».

Non sono una fan di Andreotti, ma condivido quanto ha detto, in particolare sulla parola "EQUIDISTANZA".

Non esiste sul ns. vocabolario il termine " EQUIVICINANZA"

Patri15 is offline  
Vecchio 19-07-2006, 21.18.02   #16
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Thumbs down

Citazione:
Messaggio originale inviato da Patri15


Vorrei riportare un articolo da La Stampa:

«OGNUNO DI NOI FAREBBE QUELLA SCELTA SE VIVESSE DA 50 ANNI IN UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO»
Andreotti: se fossi nato lì sarei un terrorista
19/7/2006
di Jacopo Iacoboni
Cosa ci si potrebbe aspettare di meglio da un uomo legato alla mafia e un pò troppo in là con gli anni?
In poche parole essere terrorista è un diritto, secondo questo discorso... praticamente anche chi uccide per soldi lo fa solo perchè era povero, e non può quindi essere incriminato: <OGNUNO DI NOI FAREBBE QUESTA SCELTA SE VIVESSE DA 50 ANNI SOTTO UN PONTE>, così direbbe il simpatico ometto...
Tra l' altro faccio notare che chi finisce per 50 anni in un campo di concentramento evidentemente era già un terrorista! Si è confuso l' effetto della sua prigionia con quello che è in realtà la sua causa... Se non fai male a nessuno non ci finisci in prigione per 50 anni.
Bige is offline  
Vecchio 19-07-2006, 21.53.29   #17
metodico
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2006
Messaggi: 79
ciao a tutti
Devo dire che non sapevo di questo intervento
dell'on. Giulio Andreotti.
Le parole annunciate non fanno una piega, come dici anche
te Patri15.
Non sono un fan di Andreotti e della Democrazia cristiana
anche perchè di errori madornali nella storia italiana ne hanno
fatto a "bizzeffe": elencarli tutti non mi basterebbe una...
...una settimana!
A partire dal Meridione ad arrivare al colossale DEBITO PUBBLICO!.
Quello che mi chiedo e mi piacerebbe chiedere ad Andreotti
dove era lui e i suoi amici di partito quando il famoso "Stato
Palestinese" da lui citato, non è MAI STATO CREATO!
O lo devo chiedere ai suoi amici....AMERICANI?
Le parole dette sono giuste, ma come dice il proverbio
"tra il dire e il fare c'è di mezzo....LA POLITICA!
Dette da lui, purtroppo, suonano .....MALE!
ciao e sono nervoso!
metodico.....calmo!
metodico is offline  
Vecchio 20-07-2006, 04.45.15   #18
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Nessuna pietà!!.

....dice un vecchio adagio , chi aiuti a vivere , non ti lascia vivere!!. In pratica chi rispetti , non ti rispetta. Israele vuole i suoi tre soldati , la solidarietà con gli hezbollah è totale , da quel paese , il Libano , da Gaza dalla popolazione non arriva nessun messaggio per liberare i soldati sequestarti , continuano avvelenati a inveire contro Israele e non contro i loro terroristi , dicendo un rotondo : ritornate i soldati e facciamola finita!! :, encomiabile quello che sta facendo Israele per i propri uomini , cause e principi si fondono , non aveva altre alternative , si capisce ormai che sta facendo sul serio e con l'America alle sue spalle , l'Iran e la Siria stanno zitte , forse ammutolite o forse sornione per sferrerare una controffensiva che , per altro pare sia un pochino in ritardo!! , ma neppure loro manco si sognano di ordinare agli hezbollah di liberare i soldati sequestrati. La Francia , ormai non più dei francesi , la Spagna vittima del sempre più montato Zapatero , entrambe si stanno mostrando "nemiche" di Israele condannandone aspramente la reazione dicono loro spropositata.....questo giudizio , dopo 60 anni di tira e molla e centinaia di morti israeliani. Gli "incivili" libanesi avevano fatto conti solo con gli hezbollah , grosso errore , dovevano stimare meglio gli israeliani....grosso errore , ora piangono ma non condannano i responsabili , gli hezbollah , sino ad ora godono più dei danni fatti a Israele che quelli patiti da loro....sia quindi fatta la loro volontà , e chi se ne frega di Chirac e Zapatero , e D'Alema.........
svirgola is offline  
Vecchio 20-07-2006, 07.44.12   #19
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Lasciamo stare Andreotti, ho appena letto questo:

Giro d'affari da 34,1 milioni negli ultimi 4 anni (ANSA) -

MILANO, 19 LUG - L'Italia e' in assoluto il terzo esportatore di armi in Medio Oriente, subito dopo la Russia e la Cina. Inoltre, tra il 2000 e il 2004, il Bel Paese e' stato il principale fornitore di materiali bellici al Libano. Lo svela un'inchiesta del mensile Microfinanza basata su dati Onu. Il traffico d'armi verso Iran, Sudan, Libia, Siria e Libano ha reso ai Paesi occidentali ben 327 milioni di dollari in 4 anni: la fetta italiana e' stimata in 34 milioni.

Patri15 is offline  
Vecchio 20-07-2006, 12.27.49   #20
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Re: Nessuna pietà!!.

Citazione:
Messaggio originale inviato da svirgola
....dice un vecchio adagio , chi aiuti a vivere , non ti lascia vivere!!. In pratica chi rispetti , non ti rispetta. Israele vuole i suoi tre soldati , ................

Hai espresso molto chiaramente quello che volevo dire. Se si è arrivati a questa situazione la colpa è solo dei terroristi e di tutti i governi che li coprono.

Vai Israele dagli una bella botta anche per noi!!!
Bige is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it