Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 19-02-2007, 12.15.46   #1
Gianf
Ospite
 
Data registrazione: 03-05-2006
Messaggi: 12
Tu esisti?

Salve a tutti .
Vorrei proporvi questo mio quesito che mi sono posto mentre a scuola facevamo Cartesio:
Avendo certezza solo del mio pensiero come faccio a sapere che gli altri esistono o sono solo il frutto della mia mente o di un essere che mi vuole ingannare? Sapreste dimostrare la vostra esistenza partendo però dal mio punto di vista?
Gianf is offline  
Vecchio 19-02-2007, 16.53.41   #2
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Riferimento: Tu esisti?

No, è impossibile.

L'unica certezza è l'atto di essere un essere pensante.

Non vi è sicurezza nemmeno della propria forma fisica dato che noi percepiamo i dati dell'esperienza attraverso i sensi che sono passabili di inganno o illusione.


Non provarci neanche. Non vi è certezza per te che la fuori ci siano veramente persone e che tu non sia solo, lo stesso ovviamente vale per me.
alessiob is offline  
Vecchio 19-02-2007, 19.44.41   #3
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Riferimento: Tu esisti?

Citazione:
Originalmente inviato da Gianf
Salve a tutti .
Vorrei proporvi questo mio quesito che mi sono posto mentre a scuola facevamo Cartesio:
Avendo certezza solo del mio pensiero come faccio a sapere che gli altri esistono o sono solo il frutto della mia mente o di un essere che mi vuole ingannare? Sapreste dimostrare la vostra esistenza partendo però dal mio punto di vista?

Ciao, innanzitutti ti invito a leggere la mia firma.

Non ti rifaccio le migliaia di critiche anti cartesiane.
Ti faccio altre domande:

Cosa sarebbe in realtà ciò che vedi e tocchi, cosa sarebbero quelle cose con cui parli, in italiano, colle quali ti capisci, dalle quali impari i significati che utilizzi?

Nel momento in cui non hai la minima nozione nè dell'esistenza di questo dio ingannatore, nè di come sarebbe la realtà dietro le illusioni e gli inganni, ha senso parlare del tuo mondo come illusione?
odos is offline  
Vecchio 19-02-2007, 19.56.09   #4
Farvat
Ospite
 
Data registrazione: 06-02-2007
Messaggi: 13
Riferimento: Tu esisti?

Citazione:
Originalmente inviato da Gianf
Salve a tutti .
Vorrei proporvi questo mio quesito che mi sono posto mentre a scuola facevamo Cartesio:
Avendo certezza solo del mio pensiero come faccio a sapere che gli altri esistono o sono solo il frutto della mia mente o di un essere che mi vuole ingannare? Sapreste dimostrare la vostra esistenza partendo però dal mio punto di vista?

Nell'intersoggettività ci si getta per fede, ma Cartesio è caduto certamente in un grosso equivoco scambiando "l'io penso" con "l'io sono cosciente" cioè ha confuso il pensiero con la coscienza. La coscienza non è qualcosa di espressamente soggettivo e non può essere ridotta al pensiero, ma è l'irriducibile orizzonte fenomenologico entro cui si manifesta tutto, soggettività compresa. Diciamo che la strada per sfuggire al solipsismo è certamente il superamento del rapporto soggetto-oggetto, cioè nel rendersi conto che nemmeno la propria stessa soggettività è poi tanto fondata. Fa sempre parte di quel celeberrimo velo di maya del tradizione del pensiero orientale, se non sono sicuro nemmeno della mia esistenza, che problema c'è a considerare quella degli altri soggetti? Siamo tutte forme illusorie allo stesso modo e quindi tanto vale interagire visto che l'esistenza è appunto solo interazione.
Farvat is offline  
Vecchio 20-02-2007, 00.51.56   #5
Rasputin
Evoliano
 
L'avatar di Rasputin
 
Data registrazione: 19-02-2007
Messaggi: 37
Riferimento: Tu esisti?

Citazione:
Originalmente inviato da alessiob
L'unica certezza è l'atto di essere un essere pensante.

bè, io la penso diversamente...voglio dire: tutto potrebbe essere un'illusione, ma allora anche l'esistenza come essere pensante...
Rasputin is offline  
Vecchio 20-02-2007, 11.19.34   #6
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Riferimento: Tu esisti?

Citazione:
Originalmente inviato da Rasputin
bè, io la penso diversamente...voglio dire: tutto potrebbe essere un'illusione, ma allora anche l'esistenza come essere pensante...

Scusa Rasputin, ma parliamo la stessa lingua? Ma se non esistiamo come essere pensanti come facciamo a fare queste riflessioni? Come facciamo a dialogare con noi stessi e arrivare alla conclusione che si potrebbe trattare di illusioni? Come potremmo esercitare il dubbio? Come poremmo stabilire che si tratta di illusioni?

Quindi NO! Non portrebbe essere un´illusione a priori!

Che poi tu non ci creda e non ci crederai mai, é provato dal fatto che non hai dubitato un secondo del fatto che la tua tastiera non é scomparsa mentre scrivevi il post, che ad ogni lettera che schiacciavi sarebbe corrisposta una determinata lettera sul monitor, e che la sedia sulla quale sedevi non sarebbe scomparsa all´improvviso. Sono tutte certezze che non possiamo dismettere a piacere, fantasticando su possibili illusioni di cui al momento non abbiamo la minima nozione
odos is offline  
Vecchio 20-02-2007, 12.18.04   #7
Catone
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2006
Messaggi: 193
Riferimento: Tu esisti?

Io sono dalla parte di Odos: se esiste un Dio ingannatore o un arealtà diversa da ciò che vedo e non lo so, allora la mia illusione è l'unica realtà.
Catone is offline  
Vecchio 20-02-2007, 12.49.46   #8
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Riferimento: Tu esisti?

Ok, credo di comprendere il significato profondo delle argomentazioni di Odos, condivise da altri.

Da quello che ho capito l'idea dovrebbe essere questa: Anche se tutto quello che vediamo fosse un illusione, questa illusione sarebbe per noi reale, quindi di fatto sarebbe reale.

E potrei dire che le concordo. In effetti ammesso anche che tutto questo sia un illusione (e in effetti è così) l'illusione in cui viviamo di fatto diventa realtà per noi.

Però il problema su cui discutiamo qui è un altro. Qui si parla di cosa sia reale, di quale siano le certezze assolute e quali non lo siano.
Il discorso ha vita molto breve dato che, come già detto, l'unica certezza è l'atto del pensare.

PEr fare un esempio ad eventuali scettici, basterbbe osservare il film matrix.
Matrix, un mondo creato al computer offre una realtà assolutamente verosimile, ma di fatto il tutto è un illusione. Volendo si potrebbe programmare matrix affinchè il mio corpo abbia sei gambe e io non saprei nulla della mia vera forma che invece ha due sole gambe.

Infatti il protagonista del film compie azioni sovrannaturali come volare, ma in realtà egli non sta volando affatto dato che il suo corpo si trova comodamente seduto su una poltrona.

Se qualcuno nutre dei dubbi in proposito dica pure la sua.
alessiob is offline  
Vecchio 20-02-2007, 13.16.10   #9
Rasputin
Evoliano
 
L'avatar di Rasputin
 
Data registrazione: 19-02-2007
Messaggi: 37
Riferimento: Tu esisti?

Citazione:
Originalmente inviato da odos
Scusa Rasputin, ma parliamo la stessa lingua? Ma se non esistiamo come essere pensanti come facciamo a fare queste riflessioni? Come facciamo a dialogare con noi stessi e arrivare alla conclusione che si potrebbe trattare di illusioni? Come potremmo esercitare il dubbio? Come poremmo stabilire che si tratta di illusioni?

Quindi NO! Non portrebbe essere un´illusione a priori!

Che poi tu non ci creda e non ci crederai mai, é provato dal fatto che non hai dubitato un secondo del fatto che la tua tastiera non é scomparsa mentre scrivevi il post, che ad ogni lettera che schiacciavi sarebbe corrisposta una determinata lettera sul monitor, e che la sedia sulla quale sedevi non sarebbe scomparsa all´improvviso. Sono tutte certezze che non possiamo dismettere a piacere, fantasticando su possibili illusioni di cui al momento non abbiamo la minima nozione

ma scusa, se le nostre conoscenze e sensazioni varie sono illusorie perchè non può esserlo anche il pensiero? sono cose così difficili da capire - e anche da cercare di spiegare come possibilità/teorie - che come fai a avere una certezza...quando si arriva a questo punto in una riflessione puoi dire che tutto potrebbe essere, quindi in effetti queste discussioni lasciano il tempo che trovano...
riguardo alla seconda parte: bè, secondo me si può tenere in conto la possibilità che tutto sia illusorio senza per questo continuare a pensarci. se durante ogni cosa che faccio dovessi pensare che potrebbe essere tutta un'illusione sarebbe meglio che ci rinunciassi subito...
Rasputin is offline  
Vecchio 20-02-2007, 13.24.42   #10
Gianf
Ospite
 
Data registrazione: 03-05-2006
Messaggi: 12
Riferimento: Tu esisti?

Sapete mi avete convinto , in fondo che sia reale o no reale poco importa dato che viviamo in questo mondo. Grazie a tutti per le risposte .
Gianf is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it