Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 12-01-2008, 15.20.15   #91
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

Mi ero persa la codina dell'arringa:

Citazione:
Da Maxim:
E' altresì possibile sviluppare un rapporto ove i sentimenti appartenenti all'amicizia, al sesso e all'amore si fondono in un unico impulso percettibile o a rigor d'idioma dobbiamo per forza scegliere uno di quei termini in scala gerarchica?

Non c'è niente che costringa qualcuno, eccetto tutto ciò che egli è in quel momento della sua vita, a scegliere una qualsiasi cosa...( volevo escludere anche il rispetto per i propri simili come fattore di costrizione-condizionamento, ma anch'esso è soggettivo... o no? )

Stavolta sono stata breve... brava, brava!!! (Ve lo vedete zelig?)

Ciao e scusate se ultimamente sono così!
veraluce is offline  
Vecchio 12-01-2008, 15.36.53   #92
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

Carissimi amici,Senza voler peccare di paternalismo,anche se potrei farlo perchè ho la convinzione di essere tra tutti il più attempato.

Il sesso è secondo me, è tra le più belle, alte e subblimi cose che il nostro Buon Dio ci abbia dato in dotazione, mi sembra un peccato,attraverso tutte queste discussioni che gli danno le più svariate qualità,tipologie ed indirizzi,sminuirlo e qualificarlo quasi come una semplice partita a briscola. cerchiamo per favore di tenerlo più in considerazione dandogli più qualificazione e dignità.
Un amichevole grazie a tutti espert37
espert37 is offline  
Vecchio 12-01-2008, 15.39.46   #93
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Certo che dobbiamo spiegarle perchè altrimenti ci fermiamo all'effetto senza comprenderne le cause. Siamo o non siamo in un forum di psicologia? Avete forse paura di buttare li delle azzardatissime ipotesi sul perchè una determinata azione provoca un particolare sentimento in noi?

Ho chiesto un perchè "psicologico" sul motivo di tale sentimento....
perchè? perchè è comico...bene, ma perchè è comico?...mah...boh...perchè è comico! ma c'è un motivo?...no/si/forse...perchè è comico!

Ma che razza di risposta è questa?...a me la barzelletta, qui, va spiegata!


Omettevo la spiegazione perchè mi sarebbe sembrato offensivo dell'altrui intelligenza il darla, non perchè non fosse possibile darla.

La ragione della comicità è che il sesso, collocato nell'amicizia che tale restasse,... concretizza l'ipotesi umoristica dell'understatement: ossia quell'effetto comico che si verifica ogniqualvolta vengano impiegati termini e locuzioni sottoquotati rispetto all'entità dell'accaduto.

Esempio: una nave che si fracassa contro un iceberg non ha nulla di comico.
Ma farebbe ridere sentire il capitano che via radio, mentre la nave affonda e l'acqua entra da tutte le parti, comunicasse "forse abbiamo qualche problemino , ma stiamo cercando di fronteggiarlo".

Chiaro che torna basilare la correttissima analisi linguistica svolta da Marco.
E forse saremmo noi a dover chiedere, molto più semplicemente : "ci spieghino loro, siore e siori, perchè usano due termini (che NON sono sinonimi) quali Amicizia e Amore.... se poi si comportano come se fossero sinonimi!"
Ma non la facciamo per non rispondere, e infatti rispondiamo:

il sesso fra x persone, esattamente come la nave che ha beccato l'iceberg, non ha nulla di ridicolo (quale che sia il rapporto fra le x persone sino a quel momento) e salvo che una o più delle X persone siano intrinsecamente patetiche durante, ma questo è altro discorso;

il ridicolo subentra dopo: nella qualificazione ex post dell'accaduto.... irragionevolmente forzato a star dentro una qualificazione (amicizia) che non può contenerlo! Ma, se mi dici che può contenerlo, allora dimmi ti prego la differenza tra amicizia e amore!

Il che, sia ben chiaro, non ha NULLA a che vedere con l'impossibilità di far con l'amico un sesso che non sia comico.
L'importante è non farsi fregare dall'understatement.

L'eventuale comicità, ripeto, emerge nella qualificazione linguistica ex post!
Ed è evitabilissima.
Si evita automaticamente OGNI VOLTA che , fatto sesso con l'amico, è nato un rapporto nuovo che non chiameremo più amicizia.
Ma si evita automaticamente ANCHE OGNI VOLTA che, fatto sesso con l'amico, si ha la franchezza di dire "oggi volevamo fare sesso e non sapevamo con chi farlo, meno male che ci siam trovati qui con lo stesso problema."
Il che...non presuppone affatto l'amicizia: credo che migliaia di persone al giorno, senza particolari bigotterie, esternino in rete i propri desiderata in tal senso e riescano perfettamente a realizzarli senza bisogno di dirsi "amici". E, quando DOPO si dicono "amici"... sanno di esserlo diventati PERCHE' avevano questo "problema" in comune e l'hanno affrontato insieme.

Ma non era di QUESTA "amicizia" che si parlava.
Qui si parlava dell'amicizia come nota e praticata da ognuno di noi.
Che può "servire" a tutto, per carità!
Ma dire "quella trombatina lì ce la siam fatta proprio perchè siamo amici, proprio perchè ci vogliamo bene, e infatti siamo amici più di prima"... Maxim... se non ti fa ridere ricorro a Veraluce: non è la barzelletta che non fa ridere, forse è solo che non sei nel momento giusto per ridere!

L'appiattimento e l'omologazione da nulla autorizzati di luoghi mentali diversi (amicizia e amore) dà vita all'effetto umoristico nell'abbinamento a "sesso" (oltre che dirla lunga sul rigore concettuale di chi li usa QUASI - e dentro quel quasi affonda la nave - come sinonimi).

Ma quel che (per me, s'intende) smette d'esser comico e diventa stomachevole.... NON E' "far sesso dove e come capita"....bensì è cercare ipocritamente e BIGOTTAMENTE di mascherarlo sotto nobili giustificazioni para-sentimentali......persino dinanzi all'EVIDENZA che il tizio non ti tira neanche quel tanto che basta a farne più d'un "amico"!!!!! E QUESTO si dovrebbe pure chiamare "altra forma d'amore?"...... Ma non lo senti che urla vendetta?

donella is offline  
Vecchio 12-01-2008, 16.06.28   #94
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: il luna park della trasgressione

Citazione:
Originalmente inviato da Nadége
Escludevo categoricamente che in amicizia potesse esserci sesso fin quando non ho letto questo post.
Se la distinzione è esattamente questa (beninteso in italiano), il mondo è pieno di amici che fanno sesso
Perché tra coniugi, dopo tanto tempo, non è infrequente che esistano reciproco affetto, stima e fiducia e non è infrequente che permangano un "minimo" di desiderio erotico [certo non passione come all'inizio!] e conseguente intimità fisica.
Più che comico questo sembra... tragico!

Concordando sul "tragico" e sulla visione che trovo realistica... io osserverei due cosine che confermano l'analisi di Marco piuttosto che smentirla:

1) la riduzione del desiderio e il proporzionale aumento della quotidianità (sì: direi quotidianità, non "confidenza") portano a quel definirsi "amici" anche tra coniugi annoiati. Ma da nessuna parte è scritto che questo non sia un uso impropio, e a propria volta bigotto ed edulcorato ed eufemistico, per indicare una mucillagine muffosa e abitudinaria e per nulla Confidenziale.... che con l'Amicizia non ha nulla a che vedere;

2) se così fosse.... l'Amicizia in senso proprio.... non c'entra nulla manco con questa ipotesi.

A me diventa sempre più urgente una domanda: ma siamo sicuri che quando diciamo "amicizia" diciamo tutti la stessa cosa?
Ma l'amicizia è mica quella dimestichezza tiepida nella stanza con aria consumata.... in cui riponiamo senza troppa attenzione tutto quel che c'è d'avanzo per non aver - secondo noi - più nitida ed esaltante collocazione!!!!!!

donella is offline  
Vecchio 12-01-2008, 17.05.03   #95
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Maxim... se non ti fa ridere ricorro a Veraluce: non è la barzelletta che non fa ridere, forse è solo che non sei nel momento giusto per ridere!

Ma non è una questione di momenti...qui siamo in una sezione specifica del forum che porta il nome di "psicologia" quindi è lecito chiedersi anche il perchè una determinata battuta a qualcuno fa ridere a crepapelle a qualcun altro no!

La domanda della presente discussione è chiara, precisa, pulita ed è stata postata in questa precisa sezione che non è una chat e non si presta neanche a luogo da sterili loquele d'abbordaggio per mettere in evidenza tanto decantate capacità linguistiche.
Per essere più chiaro ti faccio un esempio che trae spunto dal tuo, qui di seguito quotato:

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Esempio: una nave che si fracassa contro un iceberg non ha nulla di comico.
Ma farebbe ridere sentire il capitano che via radio, mentre la nave affonda e l'acqua entra da tutte le parti, comunicasse "forse abbiamo qualche problemino , ma stiamo cercando di fronteggiarlo".

Qui ci si sta facendo delle domande quando la nave è già affondata...

Se io chiedessi...perchè la nave è affondata?... che mi risponderesti?
- ovvio, naturale, comprensibile...ha cozzato contro un iceberg!

E' lecito a questo punto ricercare le cause di questa collisione, magari facendo l'alcoltest al capitano , o ci limitiamo a dire che è affondata per colpa dell'iceberg?

Convinto che questo ultimo esempio abbia fugato ogni ombra di dubbio, ripropongo nuovamente la domanda per chi volesse tentar fortuna:
- Per quale motivo c'è un blocco piscologico nell'affrontare un rapporto di natura sessuale qualora esista già un "normale" rapporto di amicizia in atto?

maxim is offline  
Vecchio 12-01-2008, 17.59.45   #96
senzanome
Ospite abituale
 
L'avatar di senzanome
 
Data registrazione: 17-04-2006
Messaggi: 163
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Omettevo la spiegazione perchè mi sarebbe sembrato offensivo dell'altrui intelligenza il darla, non perchè non fosse possibile darla.

La ragione della comicità è che il sesso, collocato nell'amicizia che tale restasse,... concretizza l'ipotesi umoristica dell'understatement: ossia quell'effetto comico che si verifica ogniqualvolta vengano impiegati termini e locuzioni sottoquotati rispetto all'entità dell'accaduto.

Esempio: una nave che si fracassa contro un iceberg non ha nulla di comico.
Ma farebbe ridere sentire il capitano che via radio, mentre la nave affonda e l'acqua entra da tutte le parti, comunicasse "forse abbiamo qualche problemino , ma stiamo cercando di fronteggiarlo".

Chiaro che torna basilare la correttissima analisi linguistica svolta da Marco.
E forse saremmo noi a dover chiedere, molto più semplicemente : "ci spieghino loro, siore e siori, perchè usano due termini (che NON sono sinonimi) quali Amicizia e Amore.... se poi si comportano come se fossero sinonimi!"
Ma non la facciamo per non rispondere, e infatti rispondiamo:

il sesso fra x persone, esattamente come la nave che ha beccato l'iceberg, non ha nulla di ridicolo (quale che sia il rapporto fra le x persone sino a quel momento) e salvo che una o più delle X persone siano intrinsecamente patetiche durante, ma questo è altro discorso;

il ridicolo subentra dopo: nella qualificazione ex post dell'accaduto.... irragionevolmente forzato a star dentro una qualificazione (amicizia) che non può contenerlo! Ma, se mi dici che può contenerlo, allora dimmi ti prego la differenza tra amicizia e amore!

Il che, sia ben chiaro, non ha NULLA a che vedere con l'impossibilità di far con l'amico un sesso che non sia comico.
L'importante è non farsi fregare dall'understatement.

L'eventuale comicità, ripeto, emerge nella qualificazione linguistica ex post!
Ed è evitabilissima.
Si evita automaticamente OGNI VOLTA che , fatto sesso con l'amico, è nato un rapporto nuovo che non chiameremo più amicizia.
Ma si evita automaticamente ANCHE OGNI VOLTA che, fatto sesso con l'amico, si ha la franchezza di dire "oggi volevamo fare sesso e non sapevamo con chi farlo, meno male che ci siam trovati qui con lo stesso problema."
Il che...non presuppone affatto l'amicizia: credo che migliaia di persone al giorno, senza particolari bigotterie, esternino in rete i propri desiderata in tal senso e riescano perfettamente a realizzarli senza bisogno di dirsi "amici". E, quando DOPO si dicono "amici"... sanno di esserlo diventati PERCHE' avevano questo "problema" in comune e l'hanno affrontato insieme.

Ma non era di QUESTA "amicizia" che si parlava.
Qui si parlava dell'amicizia come nota e praticata da ognuno di noi.
Che può "servire" a tutto, per carità!
Ma dire "quella trombatina lì ce la siam fatta proprio perchè siamo amici, proprio perchè ci vogliamo bene, e infatti siamo amici più di prima"... Maxim... se non ti fa ridere ricorro a Veraluce: non è la barzelletta che non fa ridere, forse è solo che non sei nel momento giusto per ridere!

L'appiattimento e l'omologazione da nulla autorizzati di luoghi mentali diversi (amicizia e amore) dà vita all'effetto umoristico nell'abbinamento a "sesso" (oltre che dirla lunga sul rigore concettuale di chi li usa QUASI - e dentro quel quasi affonda la nave - come sinonimi).

Ma quel che (per me, s'intende) smette d'esser comico e diventa stomachevole.... NON E' "far sesso dove e come capita"....bensì è cercare ipocritamente e BIGOTTAMENTE di mascherarlo sotto nobili giustificazioni para-sentimentali......persino dinanzi all'EVIDENZA che il tizio non ti tira neanche quel tanto che basta a farne più d'un "amico"!!!!! E QUESTO si dovrebbe pure chiamare "altra forma d'amore?"...... Ma non lo senti che urla vendetta?


deduco, quindi, in termini logici che due amici che fanno sesso, appena hanno finito, per utilizzare le definizioni giuste del dizionario di italiano si dovrebbero guardare negli occhi e dirsi: bene, fino a tot minuti fa (ehm... al tot metteteci voi un numero) avevamo un legame di amicizia, ora a rigor di logica secondo il dizionario italiano abbiamo un legame di amore.
e se, uno dei due, o entrambi, non fossero d'accordo con il dizionario come potranno definire il loro rapporto?
sono l'unica alla quale le definizioni stanno spesso strette?

a meno che i due prima abbiano sbagliato a definirsi amici. il loro legame non era amicizia. beh... allora riprendiamo il dizionario.
amicizia = sentimento e legame tra persone basato su reciproco affetto, stima, fiducia
nel dizionario è specificato quanto affetto? quanta e quale stima? quanta e quale tipo di fiducia?
Due persone che sentono di avere questo legame e fanno sesso devono per forza poi definirsi in altro modo?
amore = sentimento intenso ed esclusivo verso qcn., spec. una persona dell’altro sesso, basato sul desiderio erotico e sull’affetto
intenso, sì ma quanto? e per quanto tempo?
desiderio... quanto desiderio? e prolungato per quanto? sentimento intenso.. ma quanto intenso?
il mondo non è bianco o nero.

La ragione della comicità è che il sesso, collocato nell'amicizia che tale restasse,... concretizza l'ipotesi umoristica dell'understatement: ossia quell'effetto comico che si verifica ogniqualvolta vengano impiegati termini e locuzioni sottoquotati rispetto all'entità dell'accaduto

ehm scusatemi ma qui mi viene porprio spontaneo...
Ma che è stato? ma che è successo? ma che sarà mai accaduto?

e poi... a proposito di franchezza.
ma perché due amici che hanno fatto del sesso insieme dopo averlo fatto che si dovrebbero mai dire?
non va bene: oggi volevamo fare sesso e non sapevamo con chi farlo, meno male che ci siam trovati qui con lo stesso problema?

non lo trovo molto diverso, estremizzando un po', da oggi volevamo andare al cinema e non sapevamo con chi andarci, meno male che ci siam trovati qui con lo stesso problema. e qui possiamo declinare tutte le innumerevoli varianti, cinema, quattro chiacchiere per stare in allegria, chiacchiere per riflettere assieme su temi che entrambi giudichiamo importanti, godere assieme della visione di una mostra d'arte, andare insieme al luna park... ognuno ci metta la sua sennò non finisco più.

cercare ipocritamente e BIGOTTAMENTE di mascherarlo sotto nobili giustificazioni para-sentimentali......persino dinanzi all'EVIDENZA che il tizio non ti tira neanche quel tanto che basta a farne più d'un "amico"!!!!! E QUESTO si dovrebbe pure chiamare "altra forma d'amore?"...... Ma non lo senti che urla vendetta?

e qui non mi è chiaro. sarebbe a dire che due amici che fanno sesso insieme o non erano amici prima o non si sono accorti che si sono innamorati.
o bigottamente e ipocritamente stanno mascherando che cosa?
mascherano la voglia di far sesso chiamandosi amici? o la mascherano rifiutandosi di chiamarsi amanti?
quindi o si fa sesso strafregandosene del partner (nel senso che proprio affetto non ce ne deve stare, nel senso che proprio stima non ce ne deve stare, nel senso senso che proprio fiducia non ce ne deve proprio stare) o si fa sesso con il partner di cui si è innammorati (affetto, stima e fiducia in gran quantità e desiderio erotico, ah... dimenticavo esclusivo).
tutte le vie di mezzo sono ipocrite. ma ipocrite in che senso?
ipocrisia = simulazione di buone qualità o di buoni propositi attraverso azioni o atteggiamenti falsamente virtuosi, per ingannare qcn. o per ottenerne i favori
chi sta ingannado chi? chi sta simulando? l'uomo? la donna? entrambi? perché vogliono un favore dall'altro?
sul bigotto non mi soffermo, non ce la faccio.
senzanome is offline  
Vecchio 12-01-2008, 18.01.30   #97
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

A me diventa sempre più urgente una domanda: ma siamo sicuri che quando diciamo "amicizia" diciamo tutti la stessa cosa?
Ma l'amicizia è mica quella dimestichezza tiepida nella stanza con aria consumata.... in cui riponiamo senza troppa attenzione tutto quel che c'è d'avanzo per non aver - secondo noi - più nitida ed esaltante collocazione!!!!!! [quote]{Donella]


Qui siamo arrivati al nocciolo del problema.
Forse sarebbe il caso di aprire una discussione sull''Amicizia" ? Purtroppo si fa spesso uso di questo termine in modo improprio ed indegno.
hava is offline  
Vecchio 12-01-2008, 18.09.14   #98
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
... Per quale motivo c'è un blocco piscologico nell'affrontare un rapporto di natura sessuale qualora esista già un "normale" rapporto di amicizia in atto?


ciao max
io parlo per me. Non credo di voler parlare di blocco psicologico nel fare l'amore con un amico. Per me é solo una questione di prudenza verso me stessa.

Se tu ( ora, non necessariamente tu ) sei mio amico, può succedere e sarebbe bellissimo, in un certo momento diciamo di necessità reciproca, stringersi e farsi forza e magari lasciarsi andare a qualcosa di più intimo.

Da parte mia però, a causa del fatto che so di tendere a legarmi e a sviluppare il senso del possesso, vuoi per insicurezza, per vuoti affettivi etc, sarebbe rischioso indulgere in qualcosa di così profondo, stupendo, intimo, qualcosa che per me necessariamente tenderebbe ad aspettarsi un continuum, sapendo che non ci sarà.

E' solo un fatto personale.

Se fossi il tipo di persona che vede nell'atto del fare l'amore qualcosa di meno di quanto ho asserito, sarebbe ben diverso.

Ma siccome nel passato ho fatto l'errore di scambiare un carretto per una limousine, con tutto il rispetto per il carretto (era vera amicizia, ma lì finiva!),
ci siam fatti male entrambi.

E' solo ripeto un fatto personale.

un abbraccio
feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 12-01-2008, 18.57.31   #99
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: si può essere amici e fare sesso

Citazione:
Da Maxim:
Convinto che questo ultimo esempio abbia fugato ogni ombra di dubbio, ripropongo nuovamente la domanda per chi volesse tentar fortuna:
- Per quale motivo c'è un blocco piscologico nell'affrontare un rapporto di natura sessuale qualora esista già un "normale" rapporto di amicizia in atto?

Non mento se dico che sarebbe potuto capitare anche a me di avere un coinvolgimento del genere con un amico... sono certa...
questo perché psicologicamente sono poche le cose che escludo non mi potrebbero mai accadere...

Penso che siano delle sovrastrutture mentali particolari che non ci fanno ritenere accettabili certe esperienze... se la mamma da piccoli ci ha insegnato che quella cosa non si fà, sicuramente da grandi, se avremo assimilato le indicazioni materne, non faremo quella cosa... però se la mamma ci trascurava e noi per riflesso facevamo il contrario delle cose che lei ci chiedeva, allora da grandi continueremo a trasgredire ai redarguimenti materni facendo tutto il contrario delle di lei raccomandazioni... ovviamente è una esposizione semplicistica la mia, per rendere usufruibile il contenuto... e ho considerato la figura materna soltanto perché la trovo un buon riferimento "psicologico" per costruire l'esempio...

L'essere umano cerca incessantemente di avere-costruire dei punti fermi dentro di sé, intorno a cui far riferimento per potervi far ruotare attorno tutta la propria esistenza... tant'è che scardinarne uno di questi punti fermi talvolte tanto faticosamente costruiti, può far crollare tutto il castello di sabbia che si è creato intorno... tutto ciò che è costruito in un determinato modo è comunque invalidabile dalla presenza da qualcos'altro che è stato costruito in modo diverso... ad esempio: io non faccio sesso con l'amico e su questo principio, costruito nella mia mente dall'apprendimento esperienzale (es: l'ho appreso dalla mamma etc), baso il mio atteggiamento nei confronti degli amici... qualora incontrassi una persona che fa sesso con l'amico (il mio opposto-diverso) i miei principi costruiti:
--- se fortificati da esperienze di vita importanti (es: anche il papà dice che non si fa) sicuramente resteranno ben saldi (al limite se ho una certa apertura mentale potrei anche riflettere sul perché io non faccio sesso con un amico e lei si, ma la riflessione lascia il tempo che trova )
--- se non fortificati da esperienze di vita importanti (es: anche il papà mi dice che non si fa ma egli mi trascura oppure è lui stesso che compie le stesse azioni che dice a me di non compiere) probabilmente crolleranno al primo soffio di vento contrario perché più facilmente li metterei in discussione (avendo avuto in questo caso esperienze che non hanno guadagnato la mia ferma fiducia psicologica)...

(Ovviamente non sto a calcolare tutte le variabili che possono intervenire nel corso di una vita... gli esempi che porto sono sempre riduttivi... e soltanto "aspiranti" ad indicare un contenuto ben più ampio di quello in essi racchiuso)


Per tale motivo, premesso che quel dico non è giudizio di alcuna sorta, che è sempre un mio parere personale e che è relativo alle mie soggettive conoscenze (quindi invalidabilissime affermazioni umane), ritengo per me stessa che i condizionamenti giochino un ruolo importante nelle scelte che si fanno nella vita... nei condizionamenti in cui rivestiamo maggior fiducia spesso ci cristalliziamo... tuttavia non lo ritengo né un pregio né un difetto questa cristallizzazione, bensì qualcosa a cui si arriva naturalmente... il mondo è bello perché è un pò vario... e un pò avariato (direbbe il compiantissimo Jack che è stata una stella cometa incontrata tempo fà in questo forum)... però sinceramente... non saprei dire cosa è vario e cosa è avariato... forse entrambe sono solo cose "diverse"!

E anche stasera vi ho tartassato ... sto approfittando che la connessione mi funzona benino... ma non voglio dirlo neanche, perché ogni volta che lo dico, puff... addio internet!!!

Ultima cosa e mi levo dalle scatole:

Caro Espert37:
la tua veneranda età ci unisce... perché come ho detto in un post precedente, sono una nonnina dentro io ... sotto molti aspetti!

Buon tutto a tutti!
veraluce is offline  
Vecchio 13-01-2008, 03.30.33   #100
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Il gioco delle tre carte!

Carissimi Maxim e Senzanome,

il fatto che l'amicizia e l'amore abbiano parecchi connotati POTENZIALMENTE in comune, non toglie che - se vogliamo conservare un senso a termini e concetti - i due differiscano sicuramente e sempre per il ruolo giocato dall'attrazione erotica. (oltretutto credo sarebbe igienico riferirsi a termini e concetti nella loro fisiologia, e non nella eventuale per quanto diffusa patologia, chè altrimenti la patologia dell'oggetto rischia di diventare patologia del ragionamento che tentiamo di imbastirci sopra! Se parlo del "sorriso del bimbo" è bene - per intenderci - che ci riferiamo mentalmente a quel che dovrebbe essere.... il sorriso di un bimbo.... e certo non ha gran senso riferirlo al riso sardonico del bimbo disgraziatamente colpito da tetania, come non ha gran senso riferirlo alla smorfia scomposta del disgraziatissimamente bimbo spastico.... per poi arrivare a concludere che il sorriso del bimbo... è sempre espressione di sofferenza neurologica!).

E , dunque, se l'uomo ha da sempre sentito la necessità di distinguere due sentimenti - Amicizia e Amore - entrambi benevoli (e realmente esistenti) e se lo ha fatto sulla base pressochè ESCLUSIVA della presenza o assenza in essi dell'attrazione erotica.... non saremo qua sul Forum a perorare la causa dell'insensato depennamento di voci dal dizionario.

Di sicuro, da dizionario di tutte le lingue del mondo abbiamo che il rapporto di amore sentimentale/sensuale (per distinguerlo da quello filiale, materno, ecc.) è connotato dalla reciproca e consapevole attrazione erotica (che è cosa a propria volta assai diversa dall'esigenza di momentanea collocazione dei propri genitali altrimenti inutilizzati), laddove il rapporto di amicizia... O ne è completamente immune, O al massimo vede un'attrazione erotica UNIdirezionale: altrimenti chiamerebbesi "amore"!

L'attrazione erotica, infine, che ha il suo bel caratterino e la sua dignità... primo e come già detto, non credo ami confondersi con il tutto diverso "sfogo fisiologico messo a pressione dall'astinenza", secondo.... ha la sua altissima faccia tosta.... e può vivere benissimo anche senza andare a braccetto nè con l'amicizia nè con l'amore (qualunque erotomane può scrivere trattati iperdocumnentati su questo, come può farne trattati qualunque uomo o donna a cui sia capitata l'esperienza affatto rara di sapere di essere tanto desiderato/a quanto sostanzialmente odiato/a dallo stesso partner).

Queste (Amicizia, Amore, Attrazione Erotica) sono tre carte, disegnate in modo del tutto diverso, l'una dall'altra, dalla realtà, non da me o da qualcun altro qui.

Possiamo giocare a combinarle come vogliamo: importante è volerle leggere singolarmente, e poi non rifiutarsi di ascoltare che lingua parli il risultato della combinazione che s'è ritenuto di produrre. E siccome le carte sono tre.... le combinazioni possibili non sono poi tante!

Prima di guardare le combinazioni, una sola precisazione : io (ma suppongo anche gli altri) non mi sono mai posta il problema del "cosa ci si dice , tra amici, dopo aver fatto sesso" (anche perchè spero che un minimo d'amicizia vera.... - se è vero che ci può essere tra due che fanno sesso - basti e avanzi a dar tutto per ovvio e compreso, senza bisogno di commetarlo o apporre etichette). Il problema che mi ponevo io è solo "cosa direi a me stessa nell'eventuale "dopo"?

Interrogativo che, per nulla collegato a moralismi vari, introduce benissimo alle combinazioni delle tre carte, e alla cui luce si spiega benissimo. E dunque diamo assolutamente per scontato che due persone che si frequentano come amici si trovino a far sesso, e che - POI - (ovviamente direi) non perdano neanche un secondo a qualificare verbalmente l'accaduto (sia che ne escano amanti, sia che ne escano amici: abbiamo già detto che si conoscono, e quindi, 'orco! , dopo tanta intimità... se hanno bisogno pure di farsi le dichiarazioni d'intenti a chiacchiere... è meglio che li reimpastano!)

Combinazione uno : due amici sentono reciproca attrazione erotica... e arriva il giorno che fanno sesso. Sempre nella fisiologia dell'ipotesi, poichè tutto è andato come doveva.... è nato un amore! Non hanno bisogno di proclami: è cambiata la loro vita e ogni loro gesto reciproco, da quel momento, gli farà sembrare tenera, un po' ridicola e immensamente lontana l'epoca della loro "sola" amicizia.

Combinazione due : due amici... sono amici. Uno solo dei due coltiva una qualche attrazione erotica verso l'altro. L'altro no. Dagli e dagli.... arriva il giorno di sfiga dell'altro....l'uno per attrazione e l'altro per sfinimento (=senso di sfiga + non aver di meglio)... fanno sesso! Qui è stata intortata una mezza mucillagine, e forse qualche proclama verbale farebbe anche bene alla salute, almeno di quello che era veramente attratto. A chiacchiere, nei mesi e anni futuri, potranno anche raccontarsi che sono amici... ma forse lo sarebbero di più se l'uno sapesse dire "quanto ci son restato male che fosse solo una sera" e l'altro sapesse dire "quanto ci son rimasto male che sia stata anche solo quella sera". Insomma: mi sa che sto sesso non ha fatto nessun bene all'amicizia, e nemmeno al rapporto fra i protagonisti. Ma è ancora e soltanto un'ipotesi di amore ... "mancato", ma amore (almeno da una parte).

Combinazione tre: due amici...sono proprio e solo amici. Non s'è sviluppata nessuna particolare attrazione erotica fra i due. Succede solo, come dice Senzanome, che una sera, anzichè dire "andiamo al cinema" o "giochiamo a ramino"... dicono "giochiamo a sesso?" (che poi mi fa morire... perchè in questo pathos... dovrebbe esser detto con lo stesso tono di "che dici, andiamo al cinema?".... e i preliminari! I preliminari su cosa si basano? Mi sa che ci vuole un po d'alcool, o una canna, o almeno un filmino hard....sennò come s'avvia?). Più che l'amor potè il digiuno... e - in un modo o nell'altro - s'avvia. Qua - e questa è la vera differenza rispetto alle altre due combinazioni - manca la carta che è fondamentale per fare Sesso: manca completamente l'attrazione erotica! In questa combinazione manca la carta Amore, manca la carta Attrazione Erotica, e poi vedremo cosa resta dell'unica e solitaria carta dell'Amicizia! Al posto dell'Attrazione Erotica c'è un fagotto triste e scomposto di solitudine aperta al rimediaticcio e di esigenza fisiologica ....sì... come la pipì...., e c'è in entrambi!!!
Nessuno lo deride o lo giudica... ma si potrà - se non compatirlo - dire francamente che non lo si ritiene auspicabile per nessuno?
Anche questi due non hanno bisogno di dirsi nulla , fra loro, in proposito. (E che si dicono?). Probabilmente sarebbe salutare che non ci pensassero proprio più neanche ciascuno per conto suo. Solo che è difficile che avvenga per entrambi: se è molto facile per chi aveva un'esigenza fisio.... è forse sommamente triste per chi era invece spinto da un'esigenza soprattutto psico... magari c'era "stato" con l'intima illusione di creare un ponte alla propria solitudine... e ne esce con la stessa solituine aggravata dal dubbio di non essere stato neanche prestante e ri-desiderabile!
Torno all'Amicizia: non sarebbe stato più Bello e Amichevole stare insieme per trovar forza, anzichè per sfogare debolezza?
Non sarebbe stato più Bello e Amichevole cercare di ridere o di piangere insieme....stringedosi soltanto le mani?

Vedi Senzanome?
Non si tratta di di fare i contorsionisti per entrare in categorie che ci vanno strette. Forse è il contrario: qualunque cosa facciamo o diciamo.... sta perfettamente a proprio agio (proprio comoda) in qualche categoria che alle nostre azioni preesiste... e nella quale rientrerà sia che lo vogliamo sia che no, sia che ci siamo posti il problema e sia che no.

Vedi Maxim?
E' chiaro "perchè la nave è affondata?" , visto che siamo in un Forum di Psicologia?
Due Amici , e cioè due persone che si vogliono bene e si stimano, se fanno sesso e restano solo amici..... sono necessariamente due persone... che non si attraggono abbastanza da esser legati ANCHE dall'attrazione erotica.... che con il resto farebbe Amore.
E allora: cincischiare con i propri corpi... per regalarsi a vicenda l'esperienza del sesso come bisogno fisiologico... a me sembra non abbia nulla di amicale.
E metterli insieme - sesso e amicizia - prima di scoprirsi amaro... suona comico come ogni nonsense.

donella is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it