Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 04-03-2005, 00.58.41   #31
codiceasia
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 02-03-2005
Messaggi: 1
rispondo a Carolina

Carolina scrive...."in un rapporto di coppia secondo voi quanto è giusto ripercorrere il vissuto dolore parlando delle proprie esperienze più significative con l'altro?"...


Ciao sono nuova e mi ha interessato il post che hai inserito, è una domanda che si fanno in molti, ma certamente non sempre è facile dare una risposta.

Io ritengo, considerando la difficoltà che oggi si vive nei rapporti di coppia, che forse non bisognerebbe approfondire le proprie tragedie precedenti. Certo le nostre esperienze sono importanti, ma ho come la sensazione che possano essere ricevute dall'altro in modo conflittuale, nell'apparenza credo si cerchi il massimo dell'apertura nel dialogo di coppia, quindi sviscerare anche quelle che sono le precedenti esperienze per farsi conoscere meglio dall'altro.
Dall'altra parte credo che a livello inconscio questo possa ulteriormente creare nuove incertezze e paure, se queste non sono state del tutto superate, alla prima lite o confronto, o discussione si finirà con il portarle alla luce.
Penso che possa diventare un'arma a doppio taglio la considero, che potrebbe addiritttura portare nuovi attriti in una coppia che deve costruire il suo vissuto, si sulla base di esperienze, ma proprie e forse che non dovrebbero totalmente essere condivise, ma servire al singolo, per migliorare ciò che costruisce con il partner.
Mi scuso se sono stata un po' prolissa, ma non ho resistito, l'argomento è interessante ed attulaissimo secondo me.

buona serata
codiceasia
codiceasia is offline  
Vecchio 04-03-2005, 08.50.50   #32
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Carolina scrive...."in un rapporto di coppia secondo voi quanto è giusto ripercorrere il vissuto dolore parlando delle proprie esperienze più significative con l'altro?"...

Fino a quando ero chiuso e soffocato dai miei problemi, cercavo qualcuno che mi ascoltasse. Già quando ero bimbetto e vedevo i miei coetanei correre dietro ad un pallone, ed io ero impossibilitato a farlo, chiedevo agli adulti perché mai fosse possibile ciò e non avevo risposta alcuna, anche perché forse non v'era risposta che potesse considerarsi tale... già allora provai cosa significasse avere un dolore, non riuscire a sopportarlo ma non sapere nemmeno a chi confidarlo. Era una sofferenza. Poi, invece, una volta liberatomi da quella spessa coltre protettiva che mi impediva di comunicare serenamente col prossimi, mi aprii. Allora, come per incanto, iniziarono a rivolgersi a me diverse persone dell'altro sesso, di qualsiasi età. Persone che avevano lo stesso mio desiderio di qualche anno prima: svuotarsi, liberarsi da un peso che le opprimeva. Il fatto che io avessi imparato a capire cosa ci fosse dietro uno aguardo truce o un atteggiamento apparentemente scorbutico, mi dava la possibilità di punzecchiare l'interlocutore, di metterlo a suo agio. Così sono venuto a conoscenza di un'infinità di storie dolorose, che mi hanno aiutato a maturare, a crescere dentro. Io non so se sia giusto o sbagliato ripercorrere i momenti di dolore. Secondo me, tuttavia, è utile per crescere.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 04-03-2005, 09.51.43   #33
alpha
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-01-2005
Messaggi: 218
Re: comunicare tra uomo e donna

Citazione:
Messaggio originale inviato da carolina
in un rapporto di coppia secondo voi quanto è giusto ripercorrere il vissuto dolore parlando delle proprie esperienze più significative con l'altro?


Giusto o non giusto, non saprei proprio.

Penso che, come e' gia' stato detto da altri prima di me si puo' correre il "rischio" di scambiare il proprio partner per il proprio analista (e non mi sembrerebbe proprio il caso di farlo mai), oppure si puo' correre il "rischio" di vedersi rigettare contro, da parte dell'altro, i nostri stessi dolori confidati.

A questo punto credo che anche questo argomento rientri nelle variabili imponderabili e casuali della vita.
Cioe', non esistono un "giusto o sbagliato" a priori, esistono forse e piu' propriamente, la possibilita' e la capacita' che si creano in una coppia affinche' lo scambio di esperienze comuni, sia attuali che passate, sia dolorose che gioiose, siano di aiuto alla crescita del rapporto.





p.s.: Accidenti!...Ma si vede tanto che stanotte ho dormito poco e niente?
alpha is offline  
Vecchio 04-03-2005, 10.15.29   #34
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
IL RE E' NUDO

Comunicare.

La mia idea di comunicazione tra uomo e Donna la racchiudo in una metafora, ma vi assicuro che potrei parlarne per ore e ore, dato che spesso parlo di questo tema (la comunicazione..). So che per quello che scriverò verrò crocefisso, ma se avessimo il tempo di parlarne con calma capireste che la mia è una idea aperta, non chiusa..

Le Donne vogliono spesso un livello di comunicazione che potremmo definire a vari livelli (sentimentale, romantico, profondo, intuitivo, responsabile...). Tale modalità di comunicazione presuppone una controparte che sia disposto a calarsi a questo livello comunicativo. Se ciò non accade la donna ritiene la comunicazione insoddisfacente.
Se non c'è il livello di comunicazione desiderato, Lei non si sente più Regina.

Se non si sente Regina, la Donna si eclissa.
Il problema in questa vicenda è che la Donna, a mio avviso, non riconosce un presupposto fonadamentale. Che per essere Regina deve avere un RE (!!!!).
Deve trovare un livello di comunicazione che sia anche quello del Re.E' inamissibile che nella comunicazione , culturalmente, si ritenga che l'unica comunicazione giusta , profonda e appagante sia quella della Regina.

Tale schema di comunicazione è quello che è stato perseguito negli ultimi 30/40 anni ... l'effetto è l'instabilità della coppia, per non parlare di divorzi e separazioni......

Sappiamo tutti che, oggi, il re è nudo...
Troppo nudo...Se volete essere Regine dovete iniziare a riconoscere chi è il RE !!

(PS. : sono stato volutamente provocatorio, scusatemi tutte e tutti, vi prego, ho bisogno di provocare per far passare pesantemente il contenuto....ma vi prego di non badare alla forma e di pensare al rapporto di coppia dagli anni 60/70 ai giorni nostri...c'è uno spazio vuoto da riempire che, secondo me è stato riempito troppo dal "Femminile", e ne paghiamo tutti le conseguenze...)
Ettore is offline  
Vecchio 04-03-2005, 10.57.36   #35
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: IL RE E' NUDO

Citazione:
Messaggio originale inviato da Ettore
Tale schema di comunicazione è quello che è stato perseguito negli ultimi 30/40 anni ... l'effetto è l'instabilità della coppia, per non parlare di divorzi e separazioni......
Pigliando per buona la metafora, della Regina e del Re e concordando anche che si deve trovare un punto di incontro, mi soffermo sulla tua frase di sintesi che evidenzia cause ed effetti e cioè: - Tale schema di comunicazione è quello che è stato perseguito negli ultimi 30/40 anni ... l'effetto è l'instabilità della coppia, per non parlare di divorzi e separazioni......

Può esserci del vero nell’attribuire al cambiamento dello schema di comunicazione l’instabilità della coppia, ma quel cambiamento, (nello schema di comunicazione), si inserisce in un processo di mutamento molto più vasto e ampio, che è nato e sta procedendo sull’onda dell’industrializzazione prima e dello sviluppo tecnologico poi.

Il problema, secondo me, è che dei “valori” sono stati invalidati dal cambiamento socio-culturale che c'è in atto e noi stentiamo ad accettare questa cosa, e nel non accettarla preveniamo anche il fatto che possano emergere dei “valori” nuovi.
(Le cose sono anche peggio di quello che possiamo immaginare o vedere, ma mi rendo conto che, oltre che essere fuori 3d, qui il problema si fa complessissimo).

VanLag is offline  
Vecchio 04-03-2005, 11.10.06   #36
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Re: IL RE E' NUDO

Citazione:
Messaggio originale inviato da Ettore
Comunicare.

Sappiamo tutti che, oggi, il re è nudo...
Troppo nudo...Se volete essere Regine dovete iniziare a riconoscere chi è il RE !!


deve essere una mia mania...
ma mi sta tornando in mente di nuovo De Andrè e la sua canzone 'Carlo Martello'...
è un re anche quello ma i contenuti quali sono?

Di solito si tende a riconoscere un re tale nei fatti, altrimenti si entra solo in un ipocrita gioco delle parti.

rodi is offline  
Vecchio 04-03-2005, 11.21.39   #37
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
Re: Re: IL RE E' NUDO

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Pigliando per buona la metafora, della Regina e del Re e concordando anche che si deve trovare un punto di incontro, mi soffermo sulla tua frase di sintesi che evidenzia cause ed effetti e cioè: - Tale schema di comunicazione è quello che è stato perseguito negli ultimi 30/40 anni ... l'effetto è l'instabilità della coppia, per non parlare di divorzi e separazioni......

Può esserci del vero nell’attribuire al cambiamento dello schema di comunicazione l’instabilità della coppia, ma quel cambiamento, (nello schema di comunicazione), si inserisce in un processo di mutamento molto più vasto e ampio, che è nato e sta procedendo sull’onda dell’industrializzazione prima e dello sviluppo tecnologico poi.

Il problema, secondo me, è che dei “valori” sono stati invalidati dal cambiamento socio-culturale che c'è in atto e noi stentiamo ad accettare questa cosa, e nel non accettarla preveniamo anche il fatto che possano emergere dei “valori” nuovi.
(Le cose sono anche peggio di quello che possiamo immaginare o vedere, ma mi rendo conto che, oltre che essere fuori 3d, qui il problema si fa complessissimo).


sottoscrivo pienamente.

Infatti , rimanendo sulla scia dell'argomento proposto, non stiamo parlando di vecchi Re e vecchie Regine.

Proprio perchè è in atto questa invalidazione, dobbiamo
porre la comunicazione (in questo caso parliamo di quella tra i sessi..) come prioritaria. Ciò significa che se si assume che è emersa una nuova regina con valori,contenuti,visibilità,di ritti, immagini e fantasie molto diverse da quelle del passato, dobbiamo anche far emergere il nuovo RE, altrimenti la comunicazione è unilaterale e auto - referenziale. Penso che tra i sessi lo sia troppo.

Vuoi un esempio: spesso si dice che è fondamantale comunicare in modo profondo.

Ora, sinceramente, dimmi quante ore un compagno e una compagna spendono per capire cosa vuol dire la parola PROFONDO...Spesso si assume che sia un qualcosa di giusto , corretto ,femminile, importante, che ha valore.
Ma la parola profondo , oggi, è una etichetta di una scatola senza contenuto. E' un libro con un indice, ma senza paragrafi.

Cosa è per me e per te profondo? Io Re e tu Regina? O meglio tu nuova Regina e io nuovo RE?
Ettore is offline  
Vecchio 04-03-2005, 11.28.57   #38
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
Re: Re: IL RE E' NUDO

Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi
deve essere una mia mania...
ma mi sta tornando in mente di nuovo De Andrè e la sua canzone 'Carlo Martello'...
è un re anche quello ma i contenuti quali sono?

Di solito si tende a riconoscere un re tale nei fatti, altrimenti si entra solo in un ipocrita gioco delle parti.


Vero: personalmente sto cercando un abito che si addica a un vero Re. Mi rendo conto che molti preferiscono rimanere nudi.

I contenuti sono la creazione di valore che faticosamente dobbiamo perseguire insieme.
Questo è il titolo di un capitolo: dovremmo proseguire e capirci su quali, come e cosa si può creare come valore.

In questo caso il valore potrebbe essere quello dell'interazione reciproca tra i sessi basato su un reciproco riconoscimento della propria sessualità.
Ma se tu ne hai altri che pensi che creino valore, possiamo parlarne..
Ettore is offline  
Vecchio 04-03-2005, 11.34.16   #39
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
Re: Re: IL RE E' NUDO

Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi


...Di solito si tende a riconoscere un re tale nei fatti, altrimenti si entra solo in un ipocrita gioco delle parti.


Di solito si tende a riconoscere un re dai fatti.

Ora dovremmo parlarci e intenderci su cosa è un fatto per una donna e cosa è un fatto per me....quando parlavo di comunicazione tra i sessi, parlavo proprio di questo.

Cosa vuol dire un Re è tale se lo è nei fatti per te? Che cos'è un fatto?

Spesso le Donne cercano "prove", "fatti", ma dal mio punto di vista dobbiamo capirci cosa sono questi fatti.

Ettore is offline  
Vecchio 04-03-2005, 11.42.47   #40
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Ettore
Ciò significa che se si assume che è emersa una nuova regina con alori,contenuti,visibilità,dir itti, immagini e fantasie molto diverse da quelle del passato, dobbiamo anche far emergere il nuovo RE
Probabilmente è vero..... Ma i RE hanno voglia di lasciare la loro vecchia immagine?

VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it