Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 15-10-2005, 15.45.50   #41
Braveheart
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-09-2005
Messaggi: 162
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
in bocca al lupo!

Grazie, e crepi!
Braveheart is offline  
Vecchio 15-10-2005, 19.31.08   #42
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Citazione:
Messaggio originale inviato da Joolee
Ringrazio bomber, metropolis e tutti quelli che hanno difeso il mio mestiere...o meglio...futuro mestiere !!!!
Spesso è vero...gli psichiatri danno ai pazienti, di nome e di fatto (!!), solo farmaci che alleviano il sintomo...ma cosa c'è sotto? Il problema a monte qual è?? E poi, quando si interrompe il farmaco, cosa succede? Bhe accade che il poverino di turno starà peggio di prima... La psicoterapia, la psicoanalasi..., invece, aiutano ad andare a fondo...per capire meglio quando, come e perchè si è entrati in depressione o si soffre di un particolare tipo di nevrosi.
Il percorso psicoterapeutico è molto doloroso...ma Jung ha perfettamente ragione...bisogna conoscersi a fondo.
In bocca al lupo per i tuoi studi Bomber...se non erro!! Sarà dura, ma tieni i denti stretti!!
Buona domenica, ragazzi!
J
PS: Ma come fate per riprendere una citazione??? Mi spiego: all'inizio di un post spesso in neretto vi è riportata una frase o l'intera discussione proposta da altri...come si fa?? Scusate l'ignoranza....


beh sai difendo anche la mia professione ...



diciamo che spesso alcuni psichiatri si limitano a dare la terapia senza curarsi troppo di estirpare la causa del problema ... ma non è sempre così -.... ci sono cmq tanti psichiatri bravi ...


Grazie ma gli studi gli ho gia finiti da un po

Per riprendere la frase di una persona che ha appena postato basta schiaccare il tasto Quote nella frase che si vuole citare e secondo quello che ti interessa puoi cancellare delle parti ... attenta però a non cancellare le parentisi quadre e quello che ce scritto dentro che sono i comandi che servono appunto per citare la frase ....
bomber is offline  
Vecchio 16-10-2005, 16.00.56   #43
Joolee
Soleluna
 
L'avatar di Joolee
 
Data registrazione: 25-08-2005
Messaggi: 427
Citazione:
Messaggio originale inviato da bomber
beh sai difendo anche la mia professione ...



diciamo che spesso alcuni psichiatri si limitano a dare la terapia senza curarsi troppo di estirpare la causa del problema ... ma non è sempre così -.... ci sono cmq tanti psichiatri bravi ...


Grazie ma gli studi gli ho gia finiti da un po

Per riprendere la frase di una persona che ha appena postato basta schiaccare il tasto Quote nella frase che si vuole citare e secondo quello che ti interessa puoi cancellare delle parti ... attenta però a non cancellare le parentisi quadre e quello che ce scritto dentro che sono i comandi che servono appunto per citare la frase ....

Grazie...che sfizio!!!
Certo, per fortuna ci sono tanti psichiatri bravi!!
A presto
Joo
Joolee is offline  
Vecchio 16-10-2005, 16.03.18   #44
Joolee
Soleluna
 
L'avatar di Joolee
 
Data registrazione: 25-08-2005
Messaggi: 427
Citazione:
Messaggio originale inviato da Braveheart
Esatto. Io prendo antidepressivi da più di 2 anni e mi hanno fatto molto bene...ma così risolvo il problema? Ecco perchè da giovedì finalmente inizierò la psicoterapia

In bocca al lupo!!
Un consiglio: non mollare, anche quando pensi che non ce la fai a sostenere la marea di consapevolezza che ti invade...dopo ti sentirai diverso, ma migliore.

Joo
Joolee is offline  
Vecchio 18-10-2005, 10.29.58   #45
Sirtaki
Ospite abituale
 
L'avatar di Sirtaki
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 203
<<La conoscienza del paziente serve per diagnosi e cura.
Lo psicologo non ne può fare a meno. Solo che usa come suo surrogato le chiacchierate sul lettino e le "statistiche".
Che sono molto più imprecise e soggettive di una "conoscienza".>>

Conoscere una persona in base alle statistiche non l'ho capita...e comunque non ha senso.
Parenti e/o amici sono sempre di grande aiuto e rappresentano certamente la prima risorsa da cui attingere; ma è altrettanto vero che si possa rendere necessario un "supporto" ulteriore, quale lo psicoterapeuta, che grazie alle sue capacità (ovvio, se è competente) può arrivare a conoscerti meglio di te stesso! E questo non tramite magie, bensì grazie a te che invece di "chiaccherare" semplicemente, esprimi ciò che provi. Non è facile, ci vuole sempre del tempo per aprirsi.


<<Il problema è che non si può nemmeno dimostrare che lo psicologo-psicoterapueta aiuti veramente le persone, dato che non è possibile somministrare un placebo di psicoterapia ad una persona e fare una sperimentazione in doppio cieco come si fa per un farmaco.>>

non si dimostra?? bah, io penso veramente che se non si è fatta mai terapia o almeno non si conosca da vicino questa realtà, non si riesca a capire cosa significa!

<<Nonostante questo, gli psicoterapueti pubblicizzano in modo esasperato le loro terapie utilizzando le tecniche dei vendidori, arrivando a scrivere "è stato scientificamente dimostrato che la psicoterapia comportamentale è efficace nel curare...eccetera eccetera) confondendo bene le idee al poveretto di turno, il quale sarà portato a credere che le psicoterapie siano delle scienze; e se lo dice la scienza, sarà vero, no?
Siamo al punto che non sono più i "malati" a cercare gli psicoterapueti, ma gli psicoterapueti che vanno
in cerca di malati da curare.
Poiché il mercato della sofferenza psicologica è vastissimo e sempre più grande, c'è sempre qualcuno dietro l'angolo pronto a venderti (a caro prezzo) la soluzione a tutti i tuoi problemi.>>

anche qui leggo una certa esasperazione.
sullo "scientificamente dimostrato" però voglio specificare che sono stati fatti numerosi esperimenti nella storia della psicologia; ed esperimento vuol dire che è stato condotto con metodo scientifico.


<<Cosa significa guarire, quando è il pensiero ad ammalarsi?>>

il compito dello psicoterapeuta non è guarire, ma fornire al paziente gli strumenti necessari per riuscirci da solo.
Sirtaki is offline  
Vecchio 19-10-2005, 18.11.52   #46
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
>non si dimostra??

La psicoterapia, la psicoanalisi, non sono scienze, su questo credo non ci siano dubbi. Come può quindi una non-scienza a dimostrare che il proprio metodo è scientificamente efficace contro ansie, fobie, depressioni, ecc...come ho letto su certe pubblicità???
Per dimostrare l'efficacia di un farmaco si fanno delle sperimentazioni. Ad alcuni si somministra un placebo ad altri il principio attivo. Ma come si fa a somministrare un placebo di psicoterapia ad una persona?


>sullo "scientificamente dimostrato" però voglio specificare >che sono stati fatti numerosi esperimenti nella storia della >psicologia; ed esperimento vuol dire che è stato condotto >con metodo scientifico.

Tu confondi psicologia con psicoterapia. Sono cose diverse. Un laureato in psicologia non è uno psicoterapeuta (deve fare un corso per diventarlo.
La psicologia poi, o almeno alcuni campi di studio della psicologia, sono definibili scienza (sebbene non mi sia chiaro cos'abbia dimostrato questa scienza), la psicoterapia invece no; e non tutte le psicoterapie poi sono uguali.


>il compito dello psicoterapeuta non è guarire, ma fornire >al paziente gli strumenti necessari per riuscirci da solo

Ma penso anche io che parlare di guarigione sia improprio, eppure non è quello che credono in molti che si rivolgono agli psicoterapueti.
L'obiettivo è stare bene con se stessi, non guarire (da che?)
bside is offline  
Vecchio 19-10-2005, 20.32.02   #47
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Citazione:
Messaggio originale inviato da bside
>non si dimostra??

La psicoterapia, la psicoanalisi, non sono scienze, su questo credo non ci siano dubbi. Come può quindi una non-scienza a dimostrare che il proprio metodo è scientificamente efficace contro ansie, fobie, depressioni, ecc...come ho letto su certe pubblicità???
Per dimostrare l'efficacia di un farmaco si fanno delle sperimentazioni. Ad alcuni si somministra un placebo ad altri il principio attivo. Ma come si fa a somministrare un placebo di psicoterapia ad una persona?


>sullo "scientificamente dimostrato" però voglio specificare >che sono stati fatti numerosi esperimenti nella storia della >psicologia; ed esperimento vuol dire che è stato condotto >con metodo scientifico.

Tu confondi psicologia con psicoterapia. Sono cose diverse. Un laureato in psicologia non è uno psicoterapeuta (deve fare un corso per diventarlo.
La psicologia poi, o almeno alcuni campi di studio della psicologia, sono definibili scienza (sebbene non mi sia chiaro cos'abbia dimostrato questa scienza), la psicoterapia invece no; e non tutte le psicoterapie poi sono uguali.


>il compito dello psicoterapeuta non è guarire, ma fornire >al paziente gli strumenti necessari per riuscirci da solo

Ma penso anche io che parlare di guarigione sia improprio, eppure non è quello che credono in molti che si rivolgono agli psicoterapueti.
L'obiettivo è stare bene con se stessi, non guarire (da che?)




Prima di tutto sia la Psicologia che la Psicoterapia si sono affermate da diversi anni come scienze e non fantascienza o non scienza ...
Capire se una terapia farmocologica possa guarire è difficile allo stesso modo che capire se una psicoterapia sia efficacie ...
dato che siamo tutti diversi sia Biologiamcamente che psicologicamente è impossibile scoprire la cura perfetta per qualsiasi cosa anche se indubbiamente ci si può andare molto vicina e questo valesia per psico che per bio.
Guarire ha diversi significati ma principalmente quello di uarigione si rifà ad un idea che si passa da una situazione di disagio ad una di benessere sia personale che sociale ... in effetti si tende a chiamare i dipendenti di sostanze malati piuttosto che persone normali ,...
bomber is offline  
Vecchio 19-10-2005, 21.27.41   #48
Metropolis
Neofita
 
L'avatar di Metropolis
 
Data registrazione: 02-10-2005
Messaggi: 112
Rispondo a bEside :
da anni ormai la psicologia è una scienza...
forse è il caso che ti informi nello specifico...
inoltre ti posso dimostrare che è una scienza in quanto facendo un parallelismo deduciamo che:
la psicologia (a partire dalla psicanalisi freudiana) è empirica quindi basata su esperienze,e di conseguenza,si fonda su radici concrete,come la scienza stessa.Del resto la psicologia dimostra attraverso esperimenti che nella storia,poi,si sono solidificati in realtà affermate.
La psicologia inoltre sfrutta il metodo induttivo dove le leggi e principi conoscitivi sono assunti in seguito dall'esperienza.
Quindi dopo questi processi logici e dimostrativi puoi capire perchè la psicologia è una scienza.
Metropolis is offline  
Vecchio 20-10-2005, 13.42.16   #49
Ygramul
Anima Antica
 
L'avatar di Ygramul
 
Data registrazione: 22-07-2002
Messaggi: 423
Citazione:
Messaggio originale inviato da bomber
beh sai difendo anche la mia professione ...



diciamo che spesso alcuni psichiatri si limitano a dare la terapia senza curarsi troppo di estirpare la causa del problema ... ma non è sempre così -.... ci sono cmq tanti psichiatri bravi ...


Grazie ma gli studi gli ho gia finiti da un po


Grazie per aver difeso la MIA categoria

Per entrare in argomento: come in tutte le professioni ci sono psicologi/psichiatri/psicoterapeuti capaci e psicologi/psichatri/psicoterapeuti incapaci. Chi è incappato nel 2° gruppo tenderà ovviamente a pensare che siano tutti dei cani, che lo studio della mente è aleatorio, che la psicologia è inutile ecc. Posso comprendere questo modo di vedere le cose, ma faccio presente che di solito nasce o da una delusione (a volte anche grave) o da una serie di luoghi comuni che purtroppo fanno parte del nostro bagaglio mentale.

La psicologia non è una scienza esatta. ma non lo è manco la medicina. La medicina è una scienza biologica in continua evoluzione, soggetta a studi che portano a rivoluzionarla ad ogni piè sospinto. Anche la psicologia è così. Essa ha radici più umanistiche che scientifiche, ma se riflettete la scienza altro non è che una costola della filosofia, da cui si è staccata, ma alla quale rimane pur sempre vincolata, checcé se ne dica.
La psicologia ha due basi fondamentali: una è di natura osservazionale-esperenziale, l'altra è speculativa. La prima base è quella più attinente alle scienze, la seconda pesca da molte radici diverse, molte delle quali sono legate alla filosofia e alle cosiddette "scienze umanistiche".

E' tutto molto complesso, a volte indubbiamente anche contraddittorio e forse questa contraddittorietà spiazza gli utenti, che vorrebbero qualcosa di lineare e univoco.
Ma nulla nella vita è lineare o univoco, la nostra mente è complicatissima e contorta, usa processi biologici, chimici, elettrici, biochimici a rete complicatissimi e, forse, inconoscibili fino in fondo. Ma non ci si può esimere dal cercare, dal'osservare, dal conoscere quanto si può, con umiltà e curiosità, con passione e incanto.

Vorrei chiarire alcune cose, a mio avviso imprecise, che son state dette qui: la depressione, quella vera, è una MALATTIA. Il termine viene usato per indicare sia malattie diverse, sia sintomi che fanno però parte di altre malattie, sia uno stato d'animo nient'affatto patologico, e con carattere di transitorietà. L'amico può aiutarci a superare lo stato d'animo NON PATOLOGICO. Le psicoterapie (alcune meglio di altre) possono aiutare l'individuo a superare alcune forme di depressione, ma ce ne sono altre che sono vere e proprie malattie fisiche e che senza l'uso di farmaci entrano in uno stato di cronicità da cui non si esce.
In molte malattie mentali, anche serie, la combinazione di psicoterapia e farmacologia è la strategia vincente. La VERA psicoterapia è ben lungi che una semplice chiaccherata. Ho una paziente per esempio che io curo con farmaci e che ha deciso di percorrere anche, in parallelo, una strada psicoterapica. Questa strada le sta costando "sangue e sudore", ma è esattamente quello che dev'essere: un percorso di cambiamento, a volte molto radicale, di alcuni "errori di vita", che possono generare o mantenere un disagio anche grave.

Ho fatto a mia volta 3 percorsi di psicoterapia con 3 orientamenti differenti. Sono incappata in 2 persone da dimenticare e in 1 professionista assolutamente meraviglioso, al quale devo una gratitudine immensa. Due dei 3 erano psicologi, e di questi proprio l'ultimo, psicanalista junghiano. Conosco per questa ragione benefici, limiti e trappole delle psicoterapie per averle sperimentate sulla mia pelle. Ho il massimo rispetto degli psicologi che lavorano onestamente e con professionalità vera. Lavoro fianco a fianco con una psicologa molto in gamba, che stimo e i cui risultati vedo nel mio lavoro. Ho contatti con altre psicologhe che lavorano in servizi a noi collegati, e di tutte ho una profonda stima.

Il fatto che esistano scienze non esatte non toglie nulla nè alla loro difficoltà (anzi, semmai le difficoltà si moltiplicano) nè alla professionalità di chi lavora in quei settori.

Ultima modifica di Ygramul : 20-10-2005 alle ore 13.52.34.
Ygramul is offline  
Vecchio 21-10-2005, 15.04.44   #50
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
La psicoterapia una scienza? Suvvia, nemmeno Freud ha definito la psicoanalisi una scienza.
Non vedo cosa ci sia di scientifico nella comunicazione verbale fra due persone.


>Guarire ha diversi significati ma principalmente quello di guarigione si rifà ad un idea che si passa da una
>situazione di disagio ad una di benessere sia personale che sociale

Ma la tua idea di benessere è un'ideale di conformità. Che significa contribuire a realizzare il pieno sviluppo personale e sociale? Trovarsi un posto tra quelli che contano? Guadagnare palate di soldi? Essere bravi consumatori? Risintonizzare il "deviante" sul rispetto della norma?
E se il benessere di una persona invece fosse quello di non accettare tutto questo? Se il benessere fosse rivoltare da capo e piedi questa società, sovvertirne le regole? E se non ci fosse un benessere da raggiungere? Se questa idea
di benessere, di sviluppo armonioso, sempre più grande, sempre più integrale e integrante non fosse che una fantasia? In questo caso la terapia cosa diventa (se non lo è già) se non uno strumento per realizzare una "plebe docile" e compiacente?
bside is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it