Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 13-01-2004, 09.15.39   #111
Lucifero
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-12-2003
Messaggi: 179
X Rodi

"Da questo si presupporrebbe una forte attenzione alle esigenze interiori di chi ti sta di fronte e la predisposizione alla comprensione, alla pietà e all'amore."

La pietà e l'Amore, l'altruismo sono il più grande ostacolo alla propria realizzazione, poichè ci allontana da noi stessi. Questa è la via del santo, se tu hai questa predisposizione innata allora questa è la tua Via.

"Come fa un imprevisto ad essere provocato?
Forse non è ciò che traspare dalle tue parole quello che volevi veramente esprimere e mi scuso con te se quel che leggo ai miei occhi appare contraddittorio."

Non puoi provocare un imprevisto, ma puoi provocare intenzionalmente gli effetti provocati da essi, poichè è questa potente energia di sofferenza di cui si ha bisogno per risvegliare la propria Coscienza. Faccio un esempio, non seguitelo, muore il vostro cane, questo è motivo di sofferenza, è un imprevisto, è accaduto. Immagnate ora di abbandonarlo o di regalarlo a qualcuno in modo volontario e cosciente. Pesate sia la sressa cosa? Ora non voglio intendere che bisogna privarsi dei propri beni materiali o affettivi, poichè saremmo tutti soli e morti di fame, questo lasciamolo fare agli asceti, quella e la loro via esasperata per giungere alla stessa cosa. Ma noi non siamo asceti, ma possiamo ottenere gli stessi risultati senza privarci di nulla, ma sconfiggendo man mano la Paura.

"In ogni caso il succo della domanda che ti avevo posto (facendo l'esempio del medico coscienzioso che effettua un'analisi, prima di prescrivere una cura) è che secondo me è un po' superficiale generalizzare una cura che vada bene per tutti, senza neanche conoscere le persone alla quale la consigli."

Io non dò nessuna cura, io dico solo che tutti, e dico tutti soffrono a causa della paura. Ora andate dal vostro medico e fatevi dare una cura. Se per assurdo dovesse esistere una medicina per tale cura, ti posso assicurare che sarebbe la medicina uguale tutti!!!
Ma poichè tale miracolo della scienza ancora non esiste e mai esisterà, allora l'unica medicina è DETERMINAZIONE E CORAGGIO per affrontare le proprie Paure.

"Tu stesso dici che il superamento dell'ego è basilare per la vera comprensione e risoluzione.
Come fai a conciliare questa veduta con il fatto che tu stesso usi solo te stesso e la tua esperienza come termini di paragone e prospetti la tua soluzione come quella universalmente valida?"

La Paura è l'unica energia che ci accomuna tutti. Risolviamo le nostre paure e SCOPRIAMO IL VERO AMORE.

"Alcune volte, in perfetta buona fede, noi ci creiamo delle certezze per tenere sopite le paure che non siamo in grado di controllare veramente.
Alcune volte ebbri per aver fatto un passo avanti ci fermamio, statici, in quella fase, precludendo a noi stessi la possibilità di evolverci ancora."

Solo la paura ostacola il proprio cammino, e nessun'altra cosa.

Il mondo secondo me è in continuo movimento, ogni singola persona è in continua evoluzione ed ogni persona relaziona via via con gli altri, crendo una rete infinita.
Tutto ciò è affascinante a mio avviso, anche se dobbiamo noi stessi lavorare di continuo per partecipare a questa evoluzione.
Questo è il mio pensiero, forse è per questo che non riesco a comprendere il tuo.

Vi sono varie cose che sono in continua evoluzione, tra queste la tecnologia è la più significativa. Ma l'uomo, inteso come l'uomo interiore (Coscienza), nella scala dell'evoluzione occupa l'ultimo posto. Mentre l'uomo esteriore, e cioè la Mente essendo di infinita potezialità, evolve molto rapidamente. In questi ultimi 100 anni ha fatto un salto evolutivo di parecchi millenni. E questo per molti è divenuto un altro mistero.
Se la Coscienza dell'uomo dovesse evolvere con la stessa rapidità della Mente, questo mondo sarebbe un Paradiso. Ma purtroppo questo non è possibile, e sai perchè? La Coscienza, l'uomo interiore non può evolvere in maniera meccanica. La Coscienza possiede delle potenzialità straordinarie, ma nell'uomo tale coscienza non è in funzione, è assopita. E per poterla risvegliare bisogna necessariamente sprigionare elevate energie, potenti energie. Energie queste che possono essere create tramite la sofferenza, e se la sofferenza è cosciente il risveglio avviene più rapidamente.

"Forse è per questo che il tuo atteggiamento a me appare come quello di un essere che si è costruito attorno delle certezze ristrette, per non affrontare la paura di questo 'infinito'."

La paura dell'infinito è dovuto all'istabilità dell'essere, una sorta di caos, di confusione di incertezze che ognuno si porta dentro. Quando invece si comincia a creare ordine, e cioè a cominciare ad analizzarsi e riflettere su cosa effettivamente è dovuto questo caos interiore, automaticamente la sensazione di infinito si riduce alla concentrazione in noi stessi, ovvero si focalizzano le cause di tale caos dentro di noi. In una parola IGNORANZA. L'ignoranza, quindi, è la causa delle nostre Paure. L'Ignoranza è assenza di COMPRENSIONE.

"La dò solo come spiegazione del perchè proprio non riesco a condividere ciò di cui ti mostri così sicuro.
Con affetto ti invito a provare a sbirciare oltre quel muro di sicurezze. magari scopri che non è poi così difficile vivere provare a camminare senza il bastone delle certezze.
Magari scopri che di conquiste, come quelle che già hai fatto, ne puoi fare altrettante e forse di più.
Senza fermarti, per tutto il corso della tua vita".

La Paura e l'insoddisfazione sono dovuti per mancanza di sicurezza e di ecquilibrio costante e permanente.
Sai quando finisce il cammino, sempre se l'avrai iniziato? Quando hai commutato ogni forma di Paura in Comprensione. Quando avrai fatto ciò ti assicuro che non hai altro da cercare, non avrai più altre domande da fare, poichè hai trovato te stesso.

Ciao
Riccardo
Lucifero is offline  
Vecchio 13-01-2004, 10.27.58   #112
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Ciao Riccardo,
Senza che ci sia nessun tipo di fraintendimento, sono contento che tu abbia cambiato "tono", noi (inteso come chiunque) possiamo anche aver scoperto, o creder di averlo scoperto, come và il mondo, ma..
come è stato già detto non siamo tutti uguali, per cui ognuno ha le sue vie e i suoi tempi, comunque siccome a suo tempo tra i tanti ho "amato" il tuo ispiratore mi fà piacere trovarti chissà che non ne nasca uno scambio di viste, però se mi permetti, ( altrimenti fai finta di non aver letto ) non sentirti arrivato c'è sempre d'andare avanti ( eventualmente si dice Iniziato mica Finito ). Sperando di averti fatto capire il vero intendimento, adesso sul tema del post, da vero pignolo qual sono, secondo me l'uomo sulla scala dell'evoluzione non occupa l'ultimo posto.
Se ti fà piacere più o meno in vari orari sono sempre in giro sul forum.

Uno is offline  
Vecchio 13-01-2004, 10.56.29   #113
Lucifero
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-12-2003
Messaggi: 179
Citazione:
Messaggio originale inviato da GiraSole
Ciao Riccardo,
Senza che ci sia nessun tipo di fraintendimento, sono contento che tu abbia cambiato "tono", noi (inteso come chiunque) possiamo anche aver scoperto, o creder di averlo scoperto, come và il mondo, ma..
come è stato già detto non siamo tutti uguali, per cui ognuno ha le sue vie e i suoi tempi, comunque siccome a suo tempo tra i tanti ho "amato" il tuo ispiratore mi fà piacere trovarti chissà che non ne nasca uno scambio di viste, però se mi permetti, ( altrimenti fai finta di non aver letto ) non sentirti arrivato c'è sempre d'andare avanti ( eventualmente si dice Iniziato mica Finito ). Sperando di averti fatto capire il vero intendimento, adesso sul tema del post, da vero pignolo qual sono, secondo me l'uomo sulla scala dell'evoluzione non occupa l'ultimo posto.
Se ti fà piacere più o meno in vari orari sono sempre in giro sul forum.


Quando avrai compreso l'INIZIO, ovvero, quando sarai nella Via iniziatica, non avrai più alcuna preoccupazione riguardo alla fine.
Un inizio presuppone sempre una fine. Ma tu giustamente dirai, ma se c'è una fine ci sarà un nuovo inizio! Certo che c'è un nuovo inizio, DIO!!!

Ciao
Riccardo
Lucifero is offline  
Vecchio 13-01-2004, 11.45.46   #114
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Ero indeciso se risponderti (un mio vecchio amico senza aver mai sentito dello Zen diceva: "Non ti sputo perchè ti lavo"), ma visto che siamo in forum di riflessioni, rifletto.. premesso che non credo nell'annullamento del Ego, casomai nel suo controllo, se io in messaggio che mi può esser mandato con buone intenzioni, leggo e noto e controbatto solo quello che credo sia un attacco nei miei confronti, io ho veramente il controllo del mio Ego?
Uno is offline  
Vecchio 13-01-2004, 12.29.12   #115
Lucifero
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-12-2003
Messaggi: 179
Citazione:
Messaggio originale inviato da GiraSole
Ero indeciso se risponderti (un mio vecchio amico senza aver mai sentito dello Zen diceva: "Non ti sputo perchè ti lavo"), ma visto che siamo in forum di riflessioni, rifletto.. premesso che non credo nell'annullamento del Ego, casomai nel suo controllo, se io in messaggio che mi può esser mandato con buone intenzioni, leggo e noto e controbatto solo quello che credo sia un attacco nei miei confronti, io ho veramente il controllo del mio Ego?

In questo caso il tuo Ego si difende cercando possibilmente di prevaricare, i modi poi sono puramente soggettivi, a seconda del proprio grado di comprensione.
Controllare il proprio Ego non è cosa facile, poichè si tratta di controllare i propri sentimenti negativi, che solitamente vengono repressi, accrescendo così la Rabbia.
Quindi se per controllo vuoi intendere reprimere, soffocare, simulare, nascondere i propri sentimenti negativi ti posso garantire che l'uomo è maestro in questa arte.
Lucifero is offline  
Vecchio 13-01-2004, 12.44.49   #116
basil
Ospite abituale
 
L'avatar di basil
 
Data registrazione: 16-08-2003
Messaggi: 242
Citazione:
Messaggio originale inviato da Lucifero
Questa è la mia personale e soggettiva opinione, frutto delle mie esperienze. Non sò se esistono altre vie per questo obiettivo, se ci sono molto bene, andate fino in fondo.

Ci puoi giurare. Non mi piace lasciare le cose a metà.

ciao
basil is offline  
Vecchio 13-01-2004, 17.34.36   #117
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Le paure

Bene! Già che ci siamo proviamo a guardare dentro il significato della paura e dentro il suo perché.
Cos'è una paura se non un freno che limita o impedisce che si compiano azioni che potrebbero arrecare danno? Nulla nasce per caso, ciascuna cosa che riguarda l'uomo ha un suo precipuo compito. La paura del vuoto inibisce il gran desiderio ancestrale dell'uomo di spiccare il volo in assenza di appendici tecnologiche; la paura di essere abbandonati o di rimanere soli stimola nell'uomo il desiderio d'intessere rapporti e di legarsi amichevolmente con i propri simili; la paura del dolore assolve il compito di evitare stati fisici o psichici che per l'uomo non sono naturali o ad essa confacenti; esistono poi quelle paure o fobie che rientrano un nella sfera della socialità e che impediscono o evitano al soggetto un innaturale isolamento. E' ovvio che queste paure, in un soggetto 'emotivamente sano', dovrebbero mantenersi ad un livello fisiologicamente accettabile, non dovendo, infatti, mai essere d'intensità tale da inibire o rendere difficoltosa la capacità d'interazione con il prossimo, in caso contrario si scivolerebbe nella patologia e detta importantissima funzione, la capacità di provare paura, non presidierebbe bene la funzione alla quale è preposta: evitare che ci si butti con eccessiva leggerezza in situazioni che potenzialmente potrebbero mettere a repentaglio la vita stessa. Veniamo ora alla paura della morte, quella più grande ed intensa. Pare che assolva il compito di preservare la vita dell'individuo. Rende disagevole intraprendere iniziative eccessivamente sconsiderate, valorizzando così l'insorgere di quei fattori ed elementi che spingono verso la ponderatezza e la prudenza nell'agire, nel senso che la paura di mettere a rischio la propria vita dovrebbe indurre l'individuo di evitare situazioni eccessivamente pericolose. Inconsciamente, l'uomo, elevando ad incubo un fatto naturale, esalta la vita a scapito della morte. La pulsione alla vita è una forza primigenia che, se inibita oltremisura, si trasforma in elemento disgregatore e non più funzionale alla preservazione della specie, così accadrebbe anche qualora le paure divenissero smodatamente invasive e coattive. Le paure, quindi, ben lungi dall'essere ciò che Lucifero semplicisticamente vorrebbe farci credere, assolvono un compito fondamentale e non possono o devono mai essere completamente annullate, pena il patimento d'irreversibili danni. Ribadisco, solo se eccessive, se diventano troppo invasive, sconfinano nelle aberrazioni che molti di noi conoscono, ma la paura in sé e per sé non è un elemento negativo e non inibisce la vita… anzi la preserva. Compito dell'uomo è di mantenerle ad un livello umanamente accettabile affinché non travalichino mai le nostre capacità di vivere. Per cui ascoltare con lungimiranza e attenzione i messaggi che spesso lanciano, senza volerle soffocare, diviene uno dei compiti preminenti di chi si pone come obiettivo quello di condurre una vita 'sufficientemente equilibrata'. E' giusto e corretto voler guardare negli occhi le proprie paure, analizzarle, esorcizzarle e, in una certa misura, addomesticarle ed ammansirle, ma pretendere che queste siano completamente trascese ed annientate non rappresenta certo un buon servizio che l'individuo possa fare a sé stesso. Per capire questo è appena sufficiente provare ad immaginare una persona che viva completamente affrancata dalle proprie paure. Nessuna più paura di perdere il lavoro: immagino che nel giro di poco tempo ci si troverebbe sulla strada ad elemosinare un tozzo di pane. Immagino anche in quali situazioni potrebbe andare a ficcarsi colui che non dovesse avere alcun timore di morire. No, non riesce proprio a convincermi. Le paure fanno parte di noi e sovrintendono ad un compito essenziale, quello di preservare la vita e l'equilibrio sociale dell'uomo. Vivere consapevolmente (anch'io, come qualcun altro, avverto un certo fastidio nell'utilizzare questo termine) significa accettare e controllare anche le nostre paure, mantenendole in costante equilibrio, affinché continuino a svolgere correttamente la loro ordinaria funzione a mai divengano eccessivamente invasive andando a precludere possibilità di vita e d'esperienza.
Il cambiamento auspicato da Lucifero, che comporta un'immersione nel proprio dolore e nella propria sofferenza, esercizio per certi versi formativo, non penso però sia la strada da percorrere, così come non comprendo l'esortazione di SonoGiorgio: < Per quello che posso consigliarvi, per quel che vale il mio consiglio, a tutti coloro che sono realmente intenzionati a capire, intenzionati perché è la loro anima a richiederlo e non solo la mente razionale, a tutti coloro che sentono intimamente l'afflato al Vero, suggerisco di avvicinarsi alla Scienza, senza attendere un dolore o un grande Amore.>, che vuol significare questo? La 'scienza esoterica' rappresenterebbe forse un percorso per conoscersi, per capirsi, per cambiare? Dubito! Questa, piuttosto è un'altra forma d'intellettualismo sofistico, di capziosità metafisica che allontana dalla meta. I sistemi per giungere a toccare le più recondite pieghe del proprio intimo, e da qui riemergere con una più completa, mai perfetta, conoscenza di sé, probabilmente esistono, ma confidare sullo 'studio cosmologico' - se non sbaglio la scienza esoterica, postulando l'analogia fra microcosmo e macrocosmo, teorizza, fra le altre cose, la possibilità di 'giungere a sé' attraverso la perfetta conoscenza di quanto vi è 'oltre il sé' - sarebbe un allontanamento dallo scopo, proietterebbe l'individuo in una dimensione in cui egli sarebbe succube di forze o influenze solo supposte, che non potrebbe in alcun caso controllare e, direi io, anche alquanto improbabili, e spesso chi si affida a queste 'teologie' <… imbocca una via non corretta, rischia di cadere in balia di ciarlatani, imbonitori, furfanti…>, gli stessi che, a suo tempo, irretirono e ridicolizzarono John Dee, il grande mago del XVI° secolo (forse XVII°). Lasciamo da parte le speculazioni pseudospirituali e misteriche per affidarci ad una costante introspezione che ben poche aderenze ha con mirabolanti percorsi esoterici, che appaiono più che altro complessi ed artificiosi edifici eretti dalla mente, da cui promanano e che solo a questa apportano 'benefici' egoici.


visechi is offline  
Vecchio 13-01-2004, 17.54.35   #118
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Per Lucifero:

Ti ringrazio per i chiarimenti e le spiegazioni che mi hai dato nei riguardi del tuo punto di vista.

Continuo a non condividere anche se non smetterò di cercare di capire veramente, perchè sono sempre attratta da ciò che va oltre la mia comprensione.

Scrivi che:
"La pietà e l'Amore, l'altruismo sono il più grande ostacolo alla propria realizzazione, poichè ci allontana da noi stessi. Questa è la via del santo, se tu hai questa predisposizione innata allora questa è la tua Via."

Non credo proprio di avere la predisposizione alla santità, ma questo è secondario.

Non capisco: cosa ti spinge a cercare dialogo e contatto con gli altri?

"Io non dò nessuna cura, io dico solo che tutti, e dico tutti soffrono a causa della paura. Ora andate dal vostro medico e fatevi dare una cura. Se per assurdo dovesse esistere una medicina per tale cura, ti posso assicurare che sarebbe la medicina uguale tutti!!!"

Per assurdo si possono dire tante cose, ma solo per assurdo.

Personalmente trovo più rispondente alla realtà che, anche se esaminiamo solo una forma di paura, gli esseri umani sono tutti diversi e lo stesso metodo non può andar bene per tutti.
La realtà ci chiede di essere più elastici!

Es.:
ci sono persone che per loro caratteristiche fisiche devono ricorrere agli antibiotici anche per curare una semplice influenza; se guardo me stessa negli ultimi venti anni mi sono stati prescritti antibiotici solo in seguito a due interventi chirurgici.

Come posso, basandomi solo su di me, consigliare a tutti di fare la stessa cosa?
Non abbiamo tutti un uguale sistema immunitario, questo lo posso capire anche senza essere medico (ciò che questo significa nel particolare non sono in grado di dirlo ).

"La Paura è l'unica energia che ci accomuna tutti. Risolviamo le nostre paure e SCOPRIAMO IL VERO AMORE."

Anche qui non ti capisco, perchè proprio all'inizio di questo intervento dici che: 'la pietà, l'Amore, l'altruismo sono il più grande ostacolo alla propria realizzazione...'

Letto così a me sembra una contraddizione, qualcosa che forse non è veramente chiaro neanche dentro te stesso.
Queste due idee opposte sull'amore me le puoi chiarire solo tu.
io da sola non ci arrivo.

"Solo la paura ostacola il proprio cammino, e nessun'altra cosa."

Bisogna vedere se la paura è solo interiore o se è 'aiutata' da circostanze estreme (leggi uno stupro, un incesto, un abbandono da parte di un genitore in età ancora formativa..., purtroppo di esempi se ne possono citare tanti).
Magari in alcuni casi l'essere umano che abbiamo di fronte già sta compiendo un enorme lavoro su se stesso e a me sembrerebbe una presa in giro andargli a dire cosa deve ulteriormente fare.
Mi sento di provare a spronarlo, sostenerlo, magari, ma tenendo sempre conto anche dello sforzo enorme che già sta compiendo.
Per rispetto questo e perchè non posso sapere io quale è il carico massimo di dolore che è in grado di sostenere.

"Ma l'uomo, inteso come l'uomo interiore (Coscienza), nella scala dell'evoluzione occupa l'ultimo posto."

Su questo dissento:
non credo che siamo molto consapevoli nei riguardi dei bambini che nascono con qualche menomazione, ma almeno abbiamo smesso di buttarli da una rupe (e se in alcune parti del mondo ci sono esseri che se ne fregano, in altre c'è chi combatte battaglie per questo);
la schiavitù la stiamo combattendo;
lo sfruttamento minorile lo stiamo combattendo...

La strada è lunga ma l'uomo a mio avviso sta camminando in tal senso.

"La Coscienza possiede delle potenzialità straordinarie, ma nell'uomo tale coscienza non è in funzione, è assopita. E per poterla risvegliare bisogna necessariamente sprigionare elevate energie, potenti energie. Energie queste che possono essere create tramite la sofferenza, e se la sofferenza è cosciente il risveglio avviene più rapidamente. "

E chi stabilisce il limite in cui si cade nel sadismo o nel masochismo?
Troppo rischioso, secondo me, si rischia di far peggio.
Ma è solo la mia opinione.

"La Paura e l'insoddisfazione sono dovuti per mancanza di sicurezza e di ecquilibrio costante e permanente.
Sai quando finisce il cammino, sempre se l'avrai iniziato? Quando hai commutato ogni forma di Paura in Comprensione. Quando avrai fatto ciò ti assicuro che non hai altro da cercare, non avrai più altre domande da fare, poichè hai trovato te stesso."

Alcune cose credo siano per me negative o, se preferisci, ne ho PAURA:

di arrivare un giorno a dirmi che non ho altro da scoprire, da sperimentare, da imparare;
di arrivare a credere di poter solo insegnare, senza aver nulla da apprendere;
di arrivare a sentirmi tanto potente da leggere con certezza dentro ciascun altro essere umano da subito;
di arrivare a credere di essere arrivata alla fine del mio cammino e di aver compreso TUTTO con statica certezza.

Avrei paura di essere morta dentro prima del sopraggiungere della mia morte fisica.

Forse è questa PAURA che mi impedisce di comprenderti fino in fondo.

Però preferisco tenerle con me queste paure, perchè le vedo come dei mezzi per far avanzare l'evoluzione della mia coscienza.

Forse sono un caso incurabile!

Con affetto, Rodi
rodi is offline  
Vecchio 13-01-2004, 18.15.07   #119
albedo
Ospite
 
Data registrazione: 31-12-2003
Messaggi: 8
Il Dio dei cristiani è buono perchè l'universo è governato dall'amore.
Se non si intende accedere ad una teoria meramente meccanicistica, tutto deve avere un fine ed una ragione della sua esistenza, e questo fine è il Bene.
In ciascuno di noi è presente una scintilla di quell'Uno da cui proveniamo e a cui torneremo, che ci permea e che permea di sè tutto cio che è attorno a noi.
Il nostro cammino non ha alcuna utilità se non ci insegna a comprendere tutti quei segni e simboli, illuminanti della via da seguire per raggiungere quella che qualcuno ha definito la nostra leggenda personale.
Come non comprendere l'analogia che governa l'universo intero, le cose di quaggiù come quelle di lassù, il ripetersi costante nei vari stati di identiche caratteristiche, nel piccolo come nell'immenso.
L'universo si schiude solo a colui che sceglie di predisporre il proprio animo complessivamente inteso all'altruismo, alla generosità verso gli altri, a scelte d'amore in ogni attimo della sua vita.
Quale altra lezione si può diversamente trarre dalla crocifissione di Cristo?
Il distacco dai beni materiali, che sono cause di dispersione della nostra energia, ci apre le porte e ci dà forza per percorrere il labirinto.
Com'é difficile credere che le verità abbiano dimora proprio nelle cose più semplici, che ogni giorno sono sotto i nostri occhi e non siamo capaci di cogliere; i miracoli ci sfiorano.
A oguno la sua via, a ognuno la sua scelta, distesi su un prato a guardare il cielo aspettando la rugiada o volando per il globo, sempre conservando l'entusiasmo dell'infanzia che dà estasi, e non paura, davanti all'inatteso e non lascia cadere nella routine di una vita al buio.
Bello il cammino delle donne, madri come la terra, grazie alla procreazione regolata dalle fasi della luna ed alla natura della nostra vita, fonti di vita mediante l'amore, Come la Vergine Maria, non a caso presente in ogni tempo anche se sotto nomi diversi.
Il Dio dei cristiani è in noi, parlare da soli è avere la percezione di una guida accanto.
Ben venga il confronto passionale con gli altri giacchè è spiegando che ci si chiarisce quanto si è già appreso.
Lassù, come quaggiù, il nostro cammino sulla terra e la via lattea, come un camminamento nel cielo.
Ma perchè tutto abbia un senso, ci si è chiesti quale uso fare della meta raggiunta? Il cerchio si chiude per tornare all'inizio.
albedo is offline  
Vecchio 13-01-2004, 18.41.30   #120
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Poetica e delicata l'immagine della tua fede.

Mi dà speranza il tuo scrivere: '...ad ognuno la sua via, ad ognuno la sua scelta...'.

Quando ho scelto di uscire dalla chiesa e dal cristianesimo non me lo sono sentita dire, da quelli che erano stati i miei compagni di fede, e l'ho sentito come una grossa chiusura.

In effetti, secondo me, far riferimento e credere ad un'energia creatrice 'buona' (quale essa sia, non solo quella cristiana)dovrebbe dare come principale manifestazione l'amore, l'accettazione dell'altro, il lasciarlo libero nelle sue scelte interiori, il non escluderlo ed isolarlo solo per una scelta religiosa diversa dalla propria.

Mi sono sempre chiesta come possano coesistere le due cose:
far riferimento ad un dio buono, comprensivo, misericordioso;
avere atteggiamenti di chiusura, giudicanti.

Credo che questo possa essere l'inizio per un percorso di evoluzione comune accettare e far proprio, profondamente:

AD OGNUNO LA SUA VIA, LA SUA SCELTA

rodi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it