Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 20-12-2006, 08.47.18   #21
Tommy2005
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-09-2006
Messaggi: 176
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
...
Onanismo di coppia…beh…il coinvolgimento emotivo ci può anche stare; per quello spirituale altri ingredienti devono essere aggiunti!
Io intendevo comunque parlare del “sesso” a 360 gradi…ed in particolare dell’atto sessuale…che sia poi onanismo, emozionale, spirituale o tutt’assieme ne scopriremo le relative differenze scrivendo!

Però Tommy…com’è che a volte un rapporto veloce extraconiugale senza troppi coinvolgimenti cerebrali lascia esperienze, sensazioni, emozioni, ricordi piacevoli, senz’altro più intensi rispetto l’amore casalingo che troppo spesso diventa routine e nonostante ci sia amore è proprio quest'ultimo che rischia di venir scambiato per onanismo di coppia?

Attenzione : non confondiamo la sessualità col piacere : hanno qualche elemento comune ma sono profondamente diversi !
E non confondiamo la sessualità con la routine stanca e spenta, che tiene in vita rapporti vivi ufficialmente, ma ufficiosamente morti !

La sessualità è qualcosa di molto più vasto, ed è questo che stò prendendo in esame...l'atto sessuale nudo e crudo non posso prenderlo in esame perchè sarebbe un'estrapolazione da una realtà molto più complessa, che è la sessualità...e ciò ci porterebbe inevitalbilmente in considerazioni errate.

Se sei d'accordo su questo, si può provare a capire che cosa sia la sessualità e cosa comprenda.

Ciao.
Tommy2005 is offline  
Vecchio 20-12-2006, 09.44.52   #22
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da Yam

Sarebbe pero interessante allargare in concetto di Filosofia che si ha, contemplando anche le visioni non occidentali, come le interessantisime visioni del pensiero Orientale per esempio, dove si possono trovare delle sorprese.

Infatti...so che sei esperto di cultura orientale quindi se ne hai voglia potresti esporci la diversa visione dell'eros rispetto a quella occidentale.
Interessante sarebbe conoscere anche le diverse pratiche orientali che arrivano a trattare il sesso da un punto di vista spirituale...paragonandole magari alla classica "sveltina" alla quale è spesse volte costretto l'uomo occidentale a causa di impegni che egli ritiene più importanti del sesso.

maxim is offline  
Vecchio 20-12-2006, 10.13.03   #23
Franco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-10-2005
Messaggi: 508
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da individuo
Beh e la filosofia e il cibo e la filosofia e il sonno dove li lasci?

individuo,

ma è la sessa cosa? Significa rimanere allo stesso livello? Cibo, sonno e sesso sarebbero sullo stesso livello d'importanza ai fini della posizione del problema dell'essenza umana? Cibo e sonno ci aiutano maggiormente o alla stessa maniera? Fino a prova contraria, e non è una banalizzazione, i bambini non nascono perchè un maschio e una femmina dell'homo si addormentano insieme, o mangiano insieme. Non è certo attraverso una mangiata speciale o attraverso una dormita speciale con-divisisa che la specie umana si riproduce.
Mangiare e dormire sono in una certa misura atti "pubblici", soggetti a regole etiche e legali profondamente diverse da quelle cui è soggetto il sesso.

Negli atti del dormire e del mangiare maschio e femmina dell'antropos rimangono separati: potrebbero mangiare allo stesso tavolo ma potrebbero anche non farlo, così come potrebbero utilizzare letti separati anzichè quello matrimoniale.

Franco
Franco is offline  
Vecchio 20-12-2006, 10.38.27   #24
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da Franco

.....Di ciò, come base per l'edificazione di un sistema filosofico degno di tal nome, come base per l'edificazione di un sistema filosofico meritevole di entrare a far parte dei "manuali di filosofia", non c'è esempio fino alla comparsa del "Mondo come volontà e rappresentazione" di Arthur Schopenhauer. Si ricordi che per vederne la realizzazione si è dovuto attendere fino ai primi anni del 1800.

Franco

Già arrivato ai giorni nostri? Vabbè…me ne andrò spedito anch’io allora!

Dunque…cos’è il sesso? O meglio…cos’è il sesso per l’uomo?
Facciamola breve ed analizziamo il semplice atto sessuale in termini di ritorno all’uomo che lo pratica. Il sesso è piacere…il più forte dei piaceri. Facile da ottenere, breve ma intensissimo…validissimo strumento per isolarsi momentaneamente dalla realtà. Un piacere talmente forte che in certi casi è in grado di annullare la ragione, portando alla luce aspetti finora sconosciuti della nostra vera essenza.
Soffermiamoci quindi un attimo su cos’è per noi l’atto sessuale in termini, come diceva Epicurus, biologici e chimici.
Il sesso ritorna all’uomo piacere intenso!
Che tipo di piacere? Momentaneo quindi incerto, intenso quindi sopra qualsiasi altro piacere della vita e come tale potrebbe sostituirsi a tutto il resto, pertanto, distruttivo!

Mi rifaccio ora ad un omino, a me peraltro molto simpatico, che si chiama H. Marcuse.
Che fa quest’omino? Analizza la storia della civiltà, la nostra società, e gli schiaffa dentro il sesso!
Può esistere la società odierna con un’idea differente di sesso? No! Si accorge che la società attuale è proprio così in funzione dell’idea che ha l’uomo del sesso!
Egli si accorge che la civiltà comincia quando si è rinunciato efficacemente alla soddisfazione integrale dei bisogni cioè da quando l’uomo rinuncia ad un piacere momentaneo, distruttivo ed incerto come il sesso, in favore di un piacere soggetto a costrizioni, differito ma sicuro.
L’organizzazione della società e la sua relativa crescita nei termini che ci appaiono oggi (con i nostri principi, valori, obiettivi, etc) non può basarsi su piaceri momentanei e che, vista l’intensità degli stessi, potrebbero distrarre da tutto il resto.
Con il Marcuse mi fermo un attimo qui perché vorrei sentire che ne pensa padron Franco e nel contempo vorrei invitare qualche donna a prestarsi ad intervenire sul sesso (mica possiamo fare senza loro ).

maxim is offline  
Vecchio 20-12-2006, 10.55.42   #25
Franco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-10-2005
Messaggi: 508
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da odissea
Non è un tread banale.
Credo sia innegabile che la sessualità sia un elemento costitutivo dell'uomo e uno dei motori principali che lo muove nei suoi progetti esistenziali, nelle sue dinamiche emotive e psichiche. Forse è il principale e unico vero motore.
Parlo di sessualità di proprosito, come dimensione più ampia e più costitutiva rispetto allo specifico atto sessuale.
So che maxim odierà questo riferimento, ma tant'è che lo stesso Freud (se ne può dire ciò che vuole, ma è il genio fondatore della psicoanalisi,un pioniere in ambito di conoscenza dell'uomo vero, carnale)riconosce nella sessualità un elemento fondante che accompagna (e costituisce) l'uomo dalla nascita alla morte; la sessualità non compare in adolescenza e non si riduce all'atto sessuale, ma ci costituisce fin dal primo vagito e dal primo respiro su questa terra.
A mio parere, non vedo perchè una dimensione così importante per la persona, debba essere oggetto di infinite polemiche in ambito religioso, talvolta politico e psicolgico, mentre in ambito filosofico no.
La filosofia non è speculazione su tutto ciò che è umano?

A mio parere può esserci filosofia anche sul cibo; lavorando in comunità, e cucinando io stessa (ma qualsiasi madre di famiglia può asserirlo meglio di me)potrei intavolare una discussione su come il mangiare bene, e il preparare il cibo con cura, migliori l'umore dei commensali, favorisca il senso di appartenenza a una comunità, o ad una famiglia.

Forse sono temi banali per chi ritiene che la vita si risolva tutta nell'al di là,o nella pura razionalità; c'è chi, purtroppo, viaggia più basso e a cui interesserebbe discutere sulla vita di ora, di questo momento, brutalmente materiale e concreta. La vita, almeno la mia, è fatta anche di questo

un saluto

Odissea,

bella la metafora del motore, ma perchè forse quello principale? Dici poi che parli di sessualità di proposito, come dimensione più ampia e più costitutiva rispetto allo specifico atto sessuale. Ma la proposta di maxim s'incentra sull'atto, sull'azione, sul comportamento sessuale. Sei così convinta che l'atto sessuale sia un dato scontato? Talmente scontato da non meritare una riflessione seria, rigorosa, filosofica?
Infatti, si è dovuto attendere il primo quarto del secolo scorso per assistere all'entrata del "sessuale" nel regno dell'indagine scientifica. Che sia stato così è dimostrato anche - e le dimostrazioni si potrebbero "sprecare" - dallo sforzo dello stesso Freud di dover criticare l'idea invalsa al suo tempo secondo la quale i bambini e le bambine sarebbero stati "esseri privi d'istinto sessuale" fino all'adolescenza.
Sei dunque in un certo senso d'accordo con me e con la mia proposta di lettura di certi fenomeni alla luce della lente d'ingrandimento della ormai più volte citata "Sindrome di Abelardo"! Anche tu sembreresti cogliere un divario tra il modo in cui la filosofia è in rapporto con il sesso ed il modo in cui lo sono altre forme spirituali come l'attività politica e religiosa.
Si banalizza e si tende a banalizzare ciò che in un certo senso si é necessitati a banalizzare. Usi poi la metofora del viaggiare basso in una maniera per me facilmente contestabile. E se invece coloro cui ti riferisci come viaggiatori più alti, fossero in realtà viaggiatori le cui radici nel terreno non sono così profonde? Vita che si risolve tutta nell'al di là!? Vale a dire?
Vita che si risolve nella pura razionalità!? Vale a dire?

Franco

Ultima modifica di Franco : 20-12-2006 alle ore 12.39.48.
Franco is offline  
Vecchio 20-12-2006, 11.55.18   #26
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da Tommy2005
Attenzione : non confondiamo la sessualità col piacere : hanno qualche elemento comune ma sono profondamente diversi !
E non confondiamo la sessualità con la routine stanca e spenta, che tiene in vita rapporti vivi ufficialmente, ma ufficiosamente morti !

La sessualità è qualcosa di molto più vasto, ed è questo che stò prendendo in esame...l'atto sessuale nudo e crudo non posso prenderlo in esame perchè sarebbe un'estrapolazione da una realtà molto più complessa, che è la sessualità...e ciò ci porterebbe inevitalbilmente in considerazioni errate.

Se sei d'accordo su questo, si può provare a capire che cosa sia la sessualità e cosa comprenda.

Ciao.

La sessualità è indubbiamente qualcosa di più vasto ma non riesco a scinderla dal piacere...almeno in termini di cosa è in grado di offrire come ritorno...ovverosio, e molto banalmente, si pratica sesso per avere in cambio piacere, sia fisico, sia psicologico!

Ben venga una tua considerazione sulla sessualità in generale...anche se temo una dura replica da parte di Franco.

maxim is offline  
Vecchio 20-12-2006, 12.45.53   #27
Franco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-10-2005
Messaggi: 508
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
La sessualità è indubbiamente qualcosa di più vasto ma non riesco a scinderla dal piacere...almeno in termini di cosa è in grado di offrire come ritorno...ovverosio, e molto banalmente, si pratica sesso per avere in cambio piacere, sia fisico, sia psicologico!

Ben venga una tua considerazione sulla sessualità in generale...anche se temo una dura replica da parte di Franco.


maxim,

fai bene a temerla giacchè non ho ancora avuto la possibilità di discutere "nel dettaglio" il tuo primo con-tributo.

Franco
Franco is offline  
Vecchio 20-12-2006, 12.51.02   #28
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Talking qualcosina da dire mi è venuta in mente

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Il sesso è piacere…il più forte dei piaceri. Facile da ottenere, breve ma intensissimo…validissimo strumento per isolarsi momentaneamente dalla realtà. Un piacere talmente forte che in certi casi è in grado di annullare la ragione, portando alla luce aspetti finora sconosciuti della nostra vera essenza.
[...]
Che tipo di piacere? Momentaneo quindi incerto, intenso quindi sopra qualsiasi altro piacere della vita e come tale potrebbe sostituirsi a tutto il resto, pertanto, distruttivo!
[...]
L’organizzazione della società e la sua relativa crescita nei termini che ci appaiono oggi (con i nostri principi, valori, obiettivi, etc) non può basarsi su piaceri momentanei e che, vista l’intensità degli stessi, potrebbero distrarre da tutto il resto.

In effetti, mi ricordo di aver sentito alla tv, qualche anno fa, una sociologa che spiegava la funzione del matrimonio (o, più in generale, del rapporto di coppia duraturo) nella società. Più o meno affermava che il sesso è qualcosa di irrazionale, imprevedibile e caotico, ed il matrimonio ha la funzione di rendere più gestibili i rapporti tra gli esseri umani. La tesi, insomma, era: se non ci fosse il matrimonio, o almeno il concetto di rapporto di coppia duraturo (con, annesso, dimensione emotiva), allora la società sarebbe più anarchica, incontrollabile (cioè meno società e più accozzaglia di individui, aggiungo io).


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 20-12-2006, 13.10.21   #29
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

La tesi, insomma, era: se non ci fosse il matrimonio, o almeno il concetto di rapporto di coppia duraturo (con, annesso, dimensione emotiva), allora la società sarebbe più anarchica, incontrollabile

ossia il matrimonio come istituzione di controllo da parte della societa nei confronti del singolo..sara' un caso che tale istituzione sia in forte crisi?
acquario69 is offline  
Vecchio 20-12-2006, 13.28.28   #30
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: L'atto sessuale come costituente dell'uomo

Citazione:
Originalmente inviato da Franco
Di ciò, come base per l'edificazione di un sistema filosofico degno di tal nome, come base per l'edificazione di un sistema filosofico meritevole di entrare a far parte dei "manuali di filosofia", non c'è esempio fino alla comparsa del "Mondo come volontà e rappresentazione" di Arthur Schopenhauer. Si ricordi che per vederne la realizzazione si è dovuto attendere fino ai primi anni del 1800.


Effettivamente a 18 anni mi innamorai di Shopenhauer e lo portai all'esame di maturita'. In seguito scoprii da dove lui aveva attinto, poverino, senza aver a disposizione testi e traduzioni affidabili e in mumero veramente esiguo.

Non saprei come procedere, credo che la cosa migliore sarebbe "fare della Filosofia" ruspante, lasciando perdere velleita' che non ci competono, onde non fare anche la figura dei pinocchietti di fronte a dei veri filosofi che dispongono di tecniche piuttosto raffinate di indagine ed espressione (purtroppo a volte posseggono solo quelle..)...e che certo non vengono a scrivere in questo forum. Partirei, in sostanza da noi stessi.

Personalmente partirei dall'alto, dalla metafisica, dall'ontologia...come fanno le tradizioni Orientali....dove l'uomo (e la donna) non sono altro che manifestazioni nel "microcosmo" del "macrocosmo"...e farei un discorso terra a terra, indicando anche linee di approfondimento (terminologie e testi tra parentesi).
Questo modo di procedere ripercorre la nascita dell'Universo dal Vuoto primordiale (o Assoluto Immanifesto) perche' e' da li che si manifesta la necessaria polarita' o dualita'.....dalla cui tensione (attrazione-repulsione-indifferenza o positivo-negativo e neutro) si manifesta la forza creatrice, la Dynamis o Shakti....o Maya......
In Tibetano c'e' una parola che indica l'essenza di ogni donna e dell'energia Creatrice, e' Kan-dro-ma (sanscrito Dakini) che letteralmente vuol dire: colei che va per il cielo, che alcuni traducono "la danzatrice del cielo".
La donna e' quindi nella sua essenza piu' profonda l'energia creatrice....ma ha bisogno della sua controparte, dove ella manifesta tutte le sue qualita'....e quello e' il Vuoto, lo Spazio immenso dove ella danza...tradizionalmente Maschile (anche se a volte, trattandosi di simbologie, sono invertite).
Il sesso in questa prospettiva, arrivera' nel Tantrismo, ad assumere una dimensione di Sacralita', nonche' di utilizzo Cosciente delle energie (l'orgasmo, come anche nel Taoismo e' di altra natura...non c'e' cioe' la dispersione del seme a terra - il che ricorda il monito del Dio Giudaico ad Onan - perche' attraverso la respirazione e una sessualita' morbida e lunga...il contrario di una sveltina...si arriva a conoscere una dimensione diversa e piu' autentica dell'Amore). (La dispersione del seme e' per le tradizioni Yoga e Taoiste una grave perdita di energia che causa invecchiamento e decadimento precoci.....).
Gasp!
Ho detto gia' abbastanza.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it