Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 05-02-2004, 17.09.10   #61
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Thumbs up .

...ma, come giustamente dice Marco, non possiamo prescindere da questo io. Se questo fascio di 'illusioni' concrete se ne va, si porta via anche il corpo. Ed è un fatto unico se questo corpo poi riprende a Vivere in modo nuovo e Naturale. Se si è riusciti a cacciare l''io' volontariamente invece, non c'è nessunissima chanches, ci siamo veramente 'terminati' in modo assurdo e senza nessun beneficio. Se l'io' ad un certo punto brucia se stesso, è solo per un colpo di fulmine che esegue la natura. Non ci sono altre opzioni per quanto ho costatato. Il libero arbitrio come speranzosamente tingendolo di misticismo lo vediamo, non ci sarebbe neanche dopo quel colpo, poiché non c'è più un coordinatore fittizio, l''io', a mal-dirigere il corpo. Non che ci sia passività come potremmo concepirla noi ora, sembra che ci sia un semplice fluire con gli eventi e le leggi naturali che chiedono di mantenere in equilibrio il livello di energia nell'universo. (e neanche questa va vista come mera materialità, qui saremmo realmente e non filosoficamente, proprio al di là del principio del bene e del male). Pertanto non avrebbe più senso porsi la domanda dualistica nel senso di questo topic, non nascerebbero questi interrogativi, sarebbe biologicamente impossibile. Ma, siccome non siamo in quello 'stato', tutte queste sono parole e non possiamo assolutamente comprendere.
Sté-detonator is offline  
Vecchio 05-02-2004, 23.16.57   #62
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
x Marco
Citazione:
...non è proprio così...per quanto la seconda teoria, moderni studi neurologici fanno trapelare che quelli che tu chiami talenti non sono acquisiti da precedenti vite (teoria logica ma totalemente fantasiosa e indimostrabile), ma frutto di connessioni neuronali che predispongono a determinate "arti"...è per questo che ognuno di noi agisce meglio in certi campi che in altri...e questo non dipende affatto dal caso, ma da esperienze e quindi da conoscenze che ragiscono a livello celebrale modificando connessioni e adattando o specializzando di conseguenza un'individuo verso una cosa o verso un'altra...questo quanto trapela dai primi studi...teoria molto più logica...
Ma, Marco Svegliate! Non si può dire: "teoria logica ma totalemente fantasiosa e indimostrabile".
Se una spiegazione o teoria sia logica è per definizione il contrario o l´opposto di "fantasiosa e indimostrabile".
Attraverso la logica si può appunto dimostrare il fatto reale che nella natura tutto si trova in processi di rotazione o cicli ecc. E così è anche nel microcosmo e nel macrocosmo. Dunque il principio della rotazione è un fenomeno universale e con ciò è logico supporre che anche la vita dell´uomo o degli esseri viventi sono soggetti a rotazioni. Questo non è un´idea "fantasiosa" ma la pura realtà dimostrabile dapperttutto.
Citazione:
...e questo non dipende affatto dal caso, ma da esperienze e quindi da conoscenze che ragiscono a livello celebrale modificando connessioni e adattando o specializzando di conseguenza un'individuo verso una cosa o verso un'altra...questo quanto trapela dai primi studi...teoria molto più logica...
Un´idea non diventa "logica" solo perché si la chiama così.
L´idea, che i talenti sono risultati da processi fisici nel cervello non è logica ed è solo espressione della cieca fede nella scienza materialistica.
Prima o poi la scienza sarà necessariamente costretta a lasciare questa vecchia impostazione sbagliata e creare nuove teorie che possono abbracciare tutti i fenomeni della vita, e vederli nel prospettiva giusta.
Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 06-02-2004, 01.13.26   #63
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Messaggio originale inviato da Rolando
Citazione:
Se una spiegazione o teoria sia logica è per definizione il contrario o l´opposto di "fantasiosa e indimostrabile".

... ...la logica scaturisce da "pargaoni mentali"...non necessariamente aderenti al vero...questo significa che anche se apparentemente una teoria sembra logica, può non essere "vera"...soprattutto nel caso in cui non può essere dimostrata perchè non si basa su "leggi" sperimentate, ma su ipotesi fantastiche...

Citazione:
Attraverso la logica si può appunto dimostrare il fatto reale che nella natura tutto si trova in processi di rotazione o cicli ecc. E così è anche nel microcosmo e nel macrocosmo. Dunque il principio della rotazione è un fenomeno universale e con ciò è logico supporre che anche la vita dell´uomo o degli esseri viventi sono soggetti a rotazioni.

...condivido quanto hai scritto, ma il problema è che l'uomo si manifesta in un determinato momento di quel ciclo e alla sua morte non esiste più quell'Io che prende forma con la nascita...l'uomo muore, la vita continua...il suo corpo si trasforma, la vita continua...L'Io NON ESISTE PIù...l'idea della trasmigrazione dell'anima è legata alle illusioni di questo Io che vuole in qualche modo Sopravvivere alla Morte...

Citazione:
Prima o poi la scienza sarà necessariamente costretta a lasciare questa vecchia impostazione sbagliata e creare nuove teorie che possono abbracciare tutti i fenomeni della vita, e vederli nel prospettiva giusta.

...necessariamente una logica errata viene abbandonata, ma nella nascita della nuova non può essere escluso il presupposto fondamentale della sperimentazione...cosa che non avviene con la reincarnazione...

...ho ribadito più volte che l'Uomo dovrebbe imaprare ad accettare i suoi limiti, il suo sperimentabile, perchè solo questo può avere basi di realtà...l'Uomo vuole comprendere il Tutto e non si rassegna al fgatto che, se in un determinato momento non è in grado di trovar risposta , l'unica cosa logica da dire è :"Non lo so!"...invece continua a fantasticare e a vivere nel mondo reale/sperimentabile con idee del tutto fantasiose e non dimostrabili...INUTILI e in certi casi DANNOSE...

Ciao, Marco .
Marco_532 is offline  
Vecchio 06-02-2004, 08.12.55   #64
Agora
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-01-2004
Messaggi: 278
X Marco
Rif:....l'evoluzione non mira direttamente alla modificazione dell'Io, ma del "corpo" e quindi anche del cervello...il cambiamento dell'Io è conseguente questa modificazione...e non è "mirata" modificazione dell'Io...se fosse superfluo probabilmente lo perderemo con l'evoluzione, ma non credo poichè nell'attuale modello sociale non possiamo farne a meno...
***
Dunque, il corpo e il cervello si modificano, e di conseguenza anche l'io.
L'io potremmo dunque intenderlo come il complesso di tutte queste cose.
Tuttavia da qualche altra parte hai detto che non sono io che decido ma il mio cervello, sulla base di ricordi ecc., e che questo io si limita a "prendere atto".
E' chiaro che se l'IO non è niente di concreto in sè, ma soltanto la somma di ricordi, attività cerebrali, ecc., allora non ha neanche senso parlare di un Io attivo o passivo.
Il riferimento alla concezione darwiniana era soltanto provocatorio, nel senso che una mentalità scientifica e forse utilitaristica non sa poi spiegarsi l'utilità di qualcosa (se esiste in sè).
Io credo che il nostro IO sia ANCHE questo. Credo che esista una
parte dell'IO al di sopra delle mere sensazioni, pulsioni, e quanto altro c'è di fisico e biologico. E' un IO stratificato. E devi ammettere che se non ci fosse questa parte più "attiva", non ci distingueremmo molto dagli animali e adesso non staremmo qui a scrivere. (L'IO pensa se stesso).
Agora is offline  
Vecchio 06-02-2004, 08.40.52   #65
Agora
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-01-2004
Messaggi: 278
X Marco
Rif.: "l'idea della trasmigrazione dell'anima è legata alle illusioni di questo Io che vuole in qualche modo Sopravvivere alla Morte..."
***
Chi ha compreso bene cosa sia la reincarnazione sa che non è l'Io che "vuole " sopravvivere, ma sopravvive una parte di noi (chiamiamola anima, o come ci pare) che continua a sussistere dopo la morte dell'IO. Questa parte di noi è IMPERSONALE, non ci appartiene, ma la assumiamo momentaneamente nel corso della nostra vita. L'io non può fare alcuna richiesta di questo genere. Chi sa questo e ne è convinto, abbandona anzi lentamente il proprio egoismo e le richieste di un Io personale, perchè si rende conto di essere soltanto un "contenitore" dell'anima, e che dopo la morte il corpo, l'io non ci saranno più come tali. Per chi ci crede, queste cose sono un dato di fatto, non un'illusione dell'Io egoistico.
E' chiaro poi che una mentalità scientifica non accetta niente che non sia dimostrabile.
Ma le leggi della natura esistono perchè tu puoi dimostrarle?
Secondo me è il contrario; esse esistono anche laddove non ci fosse nessuno ad osservarle e dimostrarle, e puoi dimostrarle proprio perchè ci sono, indipendentemente da noi.
Con la dimostrazione le rivestiamo di un velo più scientifico, il che è anche utile.
Agora is offline  
Vecchio 06-02-2004, 09.02.59   #66
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Citazione:
Messaggio originale inviato da Agora

Chi ha compreso bene cosa sia la reincarnazione sa che non è l'Io che "vuole " sopravvivere, ma sopravvive una parte di noi (chiamiamola anima, o come ci pare) che continua a sussistere dopo la morte dell'IO. Questa parte di noi è IMPERSONALE, non ci appartiene, ma la assumiamo momentaneamente nel corso della nostra vita. L'io non può fare alcuna richiesta di questo genere. Chi sa questo e ne è convinto, abbandona anzi lentamente il proprio egoismo e le richieste di un Io personale, perchè si rende conto di essere soltanto un "contenitore" dell'anima, e che dopo la morte il corpo, l'io non ci saranno più come tali. Per chi ci crede, queste cose sono un dato di fatto, non un'illusione dell'Io egoistico.
E' chiaro poi che una mentalità scientifica non accetta niente che non sia dimostrabile.
Ma le leggi della natura esistono perchè tu puoi dimostrarle?
Secondo me è il contrario; esse esistono anche laddove non ci fosse nessuno ad osservarle e dimostrarle, e puoi dimostrarle proprio perchè ci sono, indipendentemente da noi.
Con la dimostrazione le rivestiamo di un velo più scientifico, il che è anche utile.

......
Mirror is offline  
Vecchio 06-02-2004, 10.47.28   #67
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Marco
Citazione:
...ho ribadito più volte che l'Uomo dovrebbe imaprare ad accettare i suoi limiti, il suo sperimentabile, perchè solo questo può avere basi di realtà...l'Uomo vuole comprendere il Tutto e non si rassegna al fgatto che, se in un determinato momento non è in grado di trovar risposta , l'unica cosa logica da dire è :"Non lo so!"...invece continua a fantasticare e a vivere nel mondo reale/sperimentabile con idee del tutto fantasiose e non dimostrabili...INUTILI e in certi casi DANNOSE...
È giusto che "l'Uomo dovrebbe imaprare ad accettare i suoi limiti, il suo sperimentabile, perchè solo questo può avere basi di realtà", ma il fatto che un´uomo "Non lo sa" non significa che non ci sono altri che sanno che l´universo non è solo la parte fisica finora conosciuto dalla scienza. Per essere un "indagatore onesto" si deve dunque "rassegnare" anche a questo fatto, cioè alla possibilità che l´esitenza dell´uomo è molto più ampia che normalmente si pensa, e studiare imparzialmente i fenomeni e le idee e prova a capire le ragioni logiche di essi.
Perchè pensi che siano "INUTILI e in certi casi DANNOSE" la idea della reincarnazione? Se la reincarnazione è una realtà, capire la sua natura e la sua funzione può solo essere un bene. Forse c'è qualcos´altro dietro la tua, "argomentazione" contro la reincarnazione? CiaO

Ultima modifica di Rolando : 06-02-2004 alle ore 10.49.55.
Rolando is offline  
Vecchio 06-02-2004, 14.08.45   #68
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
Se la reincarnazione è una realtà, capire la sua natura e la sua funzione può solo essere un bene.

...certamente, ma non è una realtà poichè non esiste prova della reicarnazione (ritorno alla carne)... ...
Marco_532 is offline  
Vecchio 06-02-2004, 14.11.53   #69
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
Messaggio originale inviato da Agora
E' chiaro poi che una mentalità scientifica non accetta niente che non sia dimostrabile.
Ma le leggi della natura esistono perchè tu puoi dimostrarle?
Secondo me è il contrario; esse esistono anche laddove non ci fosse nessuno ad osservarle e dimostrarle...

Certamenente...è ovvio...non l'ho mai negato...ma se non possiamo spiegarle allora accettiamo il fatto che siamo "incapaci" - per il momento o per sempre - ed evitiamo di fantasticare troppo nella presunzione di capire cose molto più grandi di noi...

Ciao, Marco .
Marco_532 is offline  
Vecchio 06-02-2004, 14.15.48   #70
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
Messaggio originale inviato da Agora
E' chiaro che se l'IO non è niente di concreto in sè, ma soltanto la somma di ricordi, attività cerebrali, ecc., allora non ha neanche senso parlare di un Io attivo o passivo.

...non è assolutamente vero...le emozioni?... ...se non sono attive quelle!...
Marco_532 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it