Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 13-06-2006, 11.02.45   #11
davide50
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 88
Dentro di me che c’è parecchio “inquinamento”. So che devo cominciare a frequentare ambienti religiosi meno "terroristici", dove si parla meno di inferno demonio punizione ecc. imparare una religione non terrorizzante.
Vorrei fare piazza pulita di quello che mi hanno trasmesso e che ho interiorizzato: gioia cristiana al 5 per cento, e paure e sensi di colpa al 95 per cento. Che guaio.
So che devo riuscire a dire basta a un certo indottrinamento e condizionamento perché sono stanco fino alla nausea delle mie paure religiose.
Sto cominciando a buttare fuori tante tensioni e stanchezze accumulate, e sento che mi fa bene, anche pensando che qualcuno mi ascolta disposto a comprendermi. In tutti gli ambienti religiosi mi sono sempre dovuto autocensurare molto.
davide50 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 11.02.56   #12
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Caro davide.

Capisco il tuo problema. Perchè anche io a mio tempo ho temuto quell'inferno che ti perseguita.

Io il problema l'ho risolto in altro modo: arrivando alla verità.

E la verità, tu sai quale è. Lo hai sempre saputo. E sempre rimasta dentro di te, nascosta, soppressa. Non la volevi fare uscire. Spesso ti dimenticavi di averla, ma ogni tanto si faceva sentire....sottile, come una lama di rasoio, come una piccola ferita interna sempre aperta.

Avevi paura di quella verità, e anche ora la temi come prima.

Io però sono giovane e ho compiuto il passo nel momento propizio, quando il cervello ancora ventenne è pronto ad assimilare nuove idee, pronto ad essere scolpito dall'uomo stesso, pronto al cambiamento straziante della visione del mondo.

La logica mi è venuta in aiuto e ho capito, da solo, semplicemente osservando il mondo dalla mia finestra di casa che tutto ciò che mi era stato insegnato era falso.
L'iferno non esiste. Dio non esiste. Il paradiso non esiste.

Esiste solo l'uomo e la sua mente, e tutti quei concetti esistono unicamente nella mente dell'uomo, che li rende reali.

Solo dopo, libero, mi sono accorto delle ENORMI contraddizioni insite nella religione, degli ENORMI inganni. raggiri, falsità che se te le elencassi tutte, TI GIURO non basterebbe l'intero forum per scriverle.
Scopriresti cose che ti farebbero accaponare la pelle, rabbrividire, odiare perfino. O compatire, piangere, ridere..........

Io so, che tu non puoi cambiare. Il tuo cervello ormai da tempo si è fermato dopo una lunga assimilazione di dati a delle certezze uniche, stabilite, irremovibili.
A delle idee che non possono essere rimosse, pena: lo stravolgimento della visione del mondo assolutamente negativa per un essere umano.

Quando io avrò la tua età anche io non potrò cambiare. E i miei figli nonostante cercheranno di spiegarmi le nuove scoperte, le nuove idee sull'universo, le nuove concezioni della vita, nulla potranno fare poichè il mio cervello è già formato, e non vuole cambiare ancora. Non piu.

Nonostante tu non possa stravolgere le tue idee però ancora una cosa puoi fare: il compromesso.

Si tratta di un piccolo cambiameto, che non stravolgerebbe le tue idee, gli darebbe solo un assestamento.

Convinciti dell'inesistenza dell'inferno. Dio esiste, credici, il paradiso anche. MA l'inferno non esiste. E sai perchè non esiste? Perchè Dio non può essere così crudele da creare l'uomo che è parte di se stesso per poi punirsi da solo: sarebbe autolesionismo. L'iferno è stato creato dagli uomini altrimenti nessuno avrebbe rispettato i precetti religiosi!!!!
E logico no? Non esiste l'inferno, solo nei fumetti esiste, e sappi che i preti lo sanno bene questo, anche s enon lo dicono.


Ciao.
alessiob is offline  
Vecchio 13-06-2006, 11.20.38   #13
davide50
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 88
per Alessio
ti ringrazio tantissimo per il tuo intervento. Sei giovane ma hai una capacità non comune di mettersi nei panni di un’altra persona. Alla mia età forse non si può più cambiare del tutto (e non è facile neanche fare un “compromesso” come mi suggerisci), ma capisco quello che dici e di certe realtà sono consapevole anch’io. Anch’io su internet ho trovato tante informazioni che non circolano sui giornali e nelle librerie….. e che davvero suscitano rabbia e pena.
davide50 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 11.24.06   #14
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Non è che hai paura "di te stesso". Al si lá dell'educazione del senso religioso, veramente estremo, dove più che una fede reale si trasmette un senso vero e proprio di terrore, dove i sensi di colpa sono la meta principale per mantenere "la giusta via"... non è che la tua paura è frutto dall'inconscia necessità di ribellarti a tutto quanto?
Hai parlato che ti sei lasciato "bere il cervello", che "hai ascoltato senza agire", quindi hai negato la tua propria capacita di giudizio verso quello che ti veniva imposto...
Quella "paura" che senti adesso è proprio quello che volevano coloro che ti hanno imposto delle direttrici rigidissime e non è altro che una naturale necessità tua ad imporre il tuo giudizio personale a tutto ciò... dire la tua, interpretare a tuo modo, accettare quello che tu consideri accettabile e così via.
Penso che è l'ora che ti tolga di addosso ogni senso di colpa e tu dia voce alla tua coscienza, è la cosa più giusta ed il tuo Dio te lo ringrazierebbe perché solo così stabilirai con lui il giusto approccio che "vi avvicinerà".
Allontanati da quel mondo, molte volte quando si è lontani si riesce a mettere a fuoco meglio il tutto.
Dati un periodo proprio di riflessione, con te e per te stesso. Smette per un tempo di essere coinvolto a livello religioso come lo sei stato fino adesso. Leggi letteratura diversa, quello apre la mente e la percezione del mondo.
Hai bisogno di te stesso più che di Dio in questo momento proprio per ritrovarlo (tuo Dio).
Ish459 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 11.24.46   #15
davide50
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 88
Confesso che sono perfino sorpreso dell’ascolto che sto trovando qui stamattina, è un ascolto comprensivo e non-giudicante, che non ho MAI trovato in forum cattolici.
E vorrei dire a chi mi sta rispondendo, che questi interventi per me sono importantissimi, perché sono voci nuove che mi parlano, assai diverse da quelle che ascolto sempre o quasi sempre, e non sono cose che leggo una volta e poi basta, ma questi messaggi di riposta li rileggo, me li ricopio col copia-incolla, ci penso oggi e ci penserò domani, perché vengono da persone che mi ascoltano davvero. Per me sono importanti.
davide50 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 11.43.48   #16
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Citazione:
Messaggio originale inviato da davide50
Confesso che sono perfino sorpreso dell’ascolto che sto trovando qui stamattina, è un ascolto comprensivo e non-giudicante, che non ho MAI trovato in forum cattolici.
.

Ribadisco, allontanati....
Cerca altre risposte ma non per cambiare le tue idee, semplicemente per avere più possibilità di giudizio, del tuo giudizio, che è lì, che preme per uscire...
Apri la tua mente, solo così Dio troverà il suo spazio in te...

ps. io non sono credente, affatto! sono entrata in sinagoghe, chiese, moschee... con lo stesso rispetto per tutti i centri di colto, quindi non posso fare altro che suggerirti quell'apertura e quel momentaneo allontanamento. Lo brami. Lo necessiti e tu stesso lo stai confermando ad ogni piccolo intervento. Il tuo Dio vuole che tu dia VOCE alla TUA anima.

Auguri.
Ish459 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 11.46.38   #17
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da davide50
C’è l’imprinting delle famiglia (mi raccomando fai il bravo, comportati bene, ubbidisci, devi ubbidire….). E un certo cattolicesimo non mi ha aiutato ad uscirne, anzi lo ha rafforzato tantissimo.
Secondo me potresti comunque cercare forme di religione e di spiritualità che siano meno negative e che invece che deprimere, ti aiutino ad essere felice, così salveresti la tua spiritualità.
Le religioni orientali, solitamente, in questo senso, sono meno oppressive. Conosco gente molto incline alla devozione, che non poteva fare a meno di riti, formule e preghiere, che ha lasciato il cattolicesimo ed ha trovato in esse ristoro.

L’imprinting non lo cambi, ma come dici tu se senti oppressione con un “certo cristianesimo”, forse è ora di cambiare compagnia, e quello è già un qualche cosa che fai per te.


Ultima modifica di VanLag : 13-06-2006 alle ore 11.48.37.
VanLag is offline  
Vecchio 13-06-2006, 11.50.44   #18
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
ciao davide,anchio sento di dirti la mia..intanto credo che non sia affatto vero che a 50 non si possa cambiare perche nel tuo caso quello che stai cercando e' la verita e la verita non ha tempo ne spazio per chiunque,quando SENTI come ORA d'altronde che sei piu vicino alla verita,le tue congetture mentali si cancellano fidati!piano piano ma sara' cosi!...vorrei anche consigliarti un libro da leggere,la conoscenza e' fondamentale,la conoscenza rende liberi e appunto lignoranza ci tiene schiavi e questo lo sapevano e lo sanno molto bene i detentori del potere qualsiasi esso sia,nel tuo caso quello "cristiano-religioso"..il libro in questione e':la nuova psicologia di pierre daco..a me ha dato tantissimo quindi perche non consigliartelo anche a te,tentar non nuoce giusto?!
acquario69 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 12.30.31   #19
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Re: ho paura di Dio

Citazione:
Messaggio originale inviato da davide50
Dio mi hanno insegnato a temerlo più che ad amarlo.

Abbastanza tipico per il mondo cattolico - ma non solo -, inculcare ancora nelle persone la paura, il terrore, il timore nei confronti di Dio.
E onestamente parlando, questo è anche quanto troviamo nell'Antico Testamento.
Prima che arrivasse il Messia, Dio - le persone - lo temevano, avevano paura di Lui, dell'Onnipotente, del tre volte Santo, del Dio degli Eserciti.

Un esempio come un altro:
"Or tutto il popolo udiva i tuoni, il suono della tromba e vedeva i lampi e il monte fumante. A tal vista, tremava e stava lontano. 19 E disse a Mosè: «Parla tu con noi e noi ti ascolteremo; ma non ci parli Dio, altrimenti moriremo». 20 Mosè disse al popolo: «Non temete, Dio è venuto per mettervi alla prova, perché ci sia in voi timore di Dio, e così non pecchiate». 21 Il popolo dunque se ne stava lontano, ma Mosè si avvicinò alla nuvola dov'era Dio."
(Esodo 20:18-21)

Il timore nei confronti di Dio era la base della fede, come si può leggere in vari passi:

"Il popolo perciò ebbe timore del SIGNORE, credette nel SIGNORE e nel suo servo Mosè."
(Esodo 14:31)

"Il timore del SIGNORE conduce alla vita."
(Proverbi 19:23)

"Il timore del SIGNORE è il principio della scienza."
(Proverbi 1:7)

Ma... cosa cambia con l'arrivo del Messia?
E, tra le altre cose, come si può anche interpretare questo timore che bisogna avere nei confronti di Dio? Significa aver paura di Dio stesso?

"Il timore del SIGNORE è odiare il male; io odio la superbia, l'arroganza, la via del male e la bocca perversa."
(Proverbi 8:13)

"La paura degli uomini è una trappola, ma chi confida nel SIGNORE è al sicuro."
(Proverbi 29:25)

Il timore di Dio, non è da intendere, o almeno di certo non più da quando è arrivato Gesù, come paura allo stato puro. Aver timore di Dio, significa decidere di propria volontà di stare lontani dalla superbia, dall'arroganza, dal rubare, dal commettere del male, dal seguire il male... Questo significa aver timore di Dio:
Non seguire determinati atteggiamenti, ma non significa aver timore direttamente di Dio.***

Questo in quanto, con l'arrivo del Messia, è cambiato qualcosa:
La bontà e la verità si sono incontrate, la giustizia e la pace si sono baciate.
(Salmo 85:10)

Dio, il tre volte Santo, prima non poteva sopportare la vista dei peccati, appunto in quanto Santo, Giusto e Veritiero, non poteva accettare il male presente nell'uomo, per questo la Sua Santità lo "obbligava" ad avere certi "atteggiamenti", che oscuravano la Sua Bontà, la Pace che voleva darci, e per questo l'uomo aveva timore di Dio - o doveva averne -, ma con Gesù...

Il sangue di Gesù, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato.
(1 Giovanni 1:7)

Avendo, fratelli, libertà di entrare nel luogo santissimo per mezzo del sangue di Gesù, per quella via nuova e vivente che egli ha inaugurata per noi attraverso la cortina, vale a dire la sua carne, e avendo noi un grande sacerdote sopra la casa di Dio, avviciniamoci con cuore sincero e con piena certezza di fede, avendo i cuori aspersi di quell'aspersione che li purifica da una cattiva coscienza e il corpo lavato con acqua pura. Manteniamo ferma la confessione della nostra speranza, senza vacillare; perché fedele è colui che ha fatto le promesse.
(Ebrei 10:19-23)

Con Gesù, la Santità di Dio e il Suo Amore, hanno potuto mettersi assieme, e congiungersi in una cosa sola, cosa che prima non era possibile. Ora il peccato nell'uomo non è più - e non deve essere più - fonte di timore.
Avere adesso ancora timore direttamente nei confronti di Dio, significa voler mettere in dubbio il Suo Amore, la Sua promessa, significa voler mettere in dubbio Gesù e il suo atto, il Suo sacrificio, quello che ci ha liberati dalla maledizione della Legge, dal peccato.
Gesù - la Parola fatta carne, Dio incarnato - esorta inoltre e dice le seguenti cose:

Perché avete paura, o gente di poca fede?
(Gesù in Matteo 8:26)

Coraggio, sono io; non abbiate paura!
(Gesù in Matteo 14:27)

Se uno ode le mie parole e non le osserva, io non lo giudico; perché io non son venuto a giudicare il mondo, ma a salvare il mondo.
(Gesù in Giovanni 12:47)

È Dio fatto carne che ti dice di non temere...

Infine, caro Davide, leggendo il seguente passo, dovresti comprendere una volta di più su cosa si basa l'Amore, e la vera fede in Dio, e nel Suo Figlio, come nello Spirito Santo.

7 Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio e chiunque ama è nato da Dio e conosce Dio. 8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 9 In questo si è manifestato per noi l'amore di Dio: che Dio ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo, affinché, per mezzo di lui, vivessimo. 10 In questo è l'amore: non che noi abbiamo amato Dio, ma che egli ha amato noi, e ha mandato suo Figlio per essere il sacrificio propiziatorio per i nostri peccati. 11 Carissimi, se Dio ci ha tanto amati, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri.
12 Nessuno ha mai visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e il suo amore diventa perfetto in noi. 13 Da questo conosciamo che rimaniamo in lui ed egli in noi: dal fatto che ci ha dato del suo Spirito. 14 E noi abbiamo veduto e testimoniamo che il Padre ha mandato il Figlio per essere il Salvatore del mondo. 15 Chi riconosce pubblicamente che Gesù è il Figlio di Dio, Dio rimane in lui ed egli in Dio. 16 Noi abbiamo conosciuto l'amore che Dio ha per noi, e vi abbiamo creduto. Dio è amore; e chi rimane nell'amore rimane in Dio e Dio rimane in lui.
17 In questo l'amore è reso perfetto in noi: che nel giorno del giudizio abbiamo fiducia, perché qual egli è, tali siamo anche noi in questo mondo. 18 Nell'amore non c'è paura; anzi, l'amore perfetto caccia via la paura, perché chi ha paura teme un castigo. Quindi chi ha paura non è perfetto nell'amore. 19 Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo.
20 Se uno dice: «Io amo Dio», ma odia suo fratello, è bugiardo; perché chi non ama suo fratello che ha visto, non può amare Dio che non ha visto. 21 Questo è il comandamento che abbiamo ricevuto da lui: che chi ama Dio ami anche suo fratello.

(1Giovanni 4:7-21)

La paura fa parte del passato...

Shalom,
Solo in Dio ritrova riposo l'anima mia.
(Salmo 62:1)

P.S.:
***
La parabola del figliol prodigo in Luca 15:11-32 riassume assai bene tutto il discorso esposto.
In particolar modo, si può intuire in cosa consiste il timore sano nei confronti di Dio, e in cosa consiste l'Amore di Dio.

Ultima modifica di Elijah : 13-06-2006 alle ore 12.42.22.
Elijah is offline  
Vecchio 13-06-2006, 13.01.41   #20
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Mi sembra che Davide abbia ben chiaro che il suo concetto di Dio non corrisponde ad una visione "teologicamente corretta". Mi sembra che quello che sta dicendo sia: "con la testa lo so, ma non riesco a sentirlo con il cuore".
Una volta, un monaco molto saggio con cui ho parlato mi ha detto una frase che per me è stata illuminante. Mi ha detto che "fede" non significa credere in qualcosa, ma che significa fiducia. Fiducia nella vita!!
La fiducia non si costruisce con un processo cognitivo, ma con un processo di trasformazione interiore! Possiamo citare tutte le scritture del mondo, portare tutte le possibili argomentazioni teologiche. Ma non credo che questo possa cambiare veramente le cose. Quello che serve veramente è un'esperienza interiore. Una "conversione", nel senso di cambio di direzione, di orientamento. E' una cosa possibilissima in ogni momento della vita. E' il fine di un atteggiamento religioso autentico ma anche di una buona psicoterapia. E' possibilissima, ma la si può realizzare solo con un processo, con un percorso, con un lavoro.
Buon lavoro.
Fragola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it