Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 13-06-2006, 13.28.29   #21
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Quello che serve veramente è un'esperienza interiore.
Mai sostenuto il contrario.

Citazione:

Possiamo citare tutte le scritture del mondo, portare tutte le possibili argomentazioni teologiche. Ma non credo che questo possa cambiare veramente le cose.
C'è anche chi dice che tutto è vanità.
E con tutto è inteso proprio tutto... anche "l'esperienze interiori."
Per questo non dovremmo fare nulla?
Se non ti fosse chiaro, l'unica cosa che volevo sottolineare, è la "falsa" fede...

Citando Davide...
Citazione:

Sento il peso della paura di Dio, del senso di colpa determinato da un certo tipo di educazione (autoeducazione) cattolica, e dalla conseguente paura del castigo divino e dell’inferno, dal timore di non vivere conformemente alle prescrizioni della Chiesa (è meglio dire: preti, vescovi, papi, insegnamento tradizionale) e dunque venire punito da Dio.
Questo sopra non è fede nel Dio Biblico, e in particolar modo non si tratta della fede del Dio predicato da Gesù il Nazareno; bensì da quello predicato dalla Chiesa (che prende quando gli fa comodo fonte dall'Antico Testamento), che è tutt'altra cosa.

Avrei potuto scrivere anche solo questo per rispondere a Davide:

Ama il tuo Dio.
&
Chi ha paura non è perfetto nell'amore.

Ultima modifica di Elijah : 13-06-2006 alle ore 13.31.27.
Elijah is offline  
Vecchio 13-06-2006, 13.45.16   #22
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da Elijah
Mai sostenuto il contrario.
[/i]

Non era una critica a te. Infatti non ti avevo nemmeno quotato. Volevo solo provare a spostare l'attenzione generale (di tutti) da un atteggiamento teorico ad uno più ... collegato alla vita.

Fragola is offline  
Vecchio 13-06-2006, 14.44.59   #23
Sirtaki
Ospite abituale
 
L'avatar di Sirtaki
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 203
sono molto d'accordo con ciò che ha scritto Ishm, sottoscrivo.

riguardo alla capacità di cambiare....sì che è possibile secondo me.

Davide, hai bisogno di un continuo confronto con le altre "verità" e renderti conto di quanto non siano affatto rischiose le alternative.
perchè in effetti, come qualsuno ha già detto, bisogna convincersene con il cuore!

io non sono credente, ma un comandamento lo seguo: il rispetto degli altri.
basta questo secondo me a vivere in pace nella comunità.
Sirtaki is offline  
Vecchio 13-06-2006, 15.11.34   #24
Franco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-10-2005
Messaggi: 508
Ho paura di Dio

Citazione:
Messaggio originale inviato da davide50
Ho decso di intervenire in questo forum per dire il mio problema e chiedere aiuto. Può darsi che il mio problema sia più di tipo spirituale che psicologico, e che quindi richieda l’intervento del prete o del teologo, ma i colloqui con sacerdoti non sono mai bastati a risolverlo; in secondo luogo credo che le questioni spirituali e religiose abbiano sempre risonanze e conseguenze psicologiche fortissime.
Dunque scrivo per avere qualche consiglio che mi possa aiutare e ringrazio se vorrà rispondermi, o chiunque altro vorrà farlo. Mi piacerebbe avere un confronto con altre persone.

Ho 50 anni. Da 25 anni sono cattolico praticante, sono impegnato in parrocchia, frequento ambienti cattolici, ma da diversi anni mi rendo conto che sento il peso della paura di Dio, del senso di colpa determinato da un certo tipo di educazione (autoeducazione) cattolica, e dalla conseguente paura del castigo divino e dell’inferno, dal timore di non vivere conformemente alle prescrizioni della Chiesa (è meglio dire: preti, vescovi, papi, insegnamento tradizionale) e dunque venire punito da Dio.

L’inferno, il fuoco eterno, la tortura eterna, a cui l’uomo si condanna col peccato…. io ho paura anche solo a pronunciarla, questa parola: “inferno”.
Ragiono e mi dico che non posso credere in una “verità di fede” che mi trasmette un volto sfigurato di Dio. E’ un Dio mostruoso, non un Dio giusto, un Dio feroce e vendicativo, inferiore perfino all’uomo nella capacità di perdonare, un Dio terrificante e spaventoso che punisce uomini e donne con fuoco e fiamme per l’eternità, un Dio pazzescamente al di sotto dei peggiori sistemi carcerari della terra, un Dio infinitamente meno pietoso e compassionevole dell’uomo. Come posso credere in una cosiddetta verità di fede che per me è violentissima, disumana, atroce e ingiusta che mostra un Dio non giusto ma vendicativo, che sferra in nome della giustizia una punizione che è in realtà la crudeltà vendicativa più efferata ed inimmaginabile? E noi, noi che per quanto siamo induriti di cuore ci sentiamo alla fine scattare nel cuore la pietà per chi è caduto, perché siamo uomini, fosse anche il peggiore dei criminali, chi di noi potrebbe essere felice per l’eternità sapendo che tanti soffrono e soffriranno per l’eternità? Non ci scatterebbe forse nel cuore la pietà? O devo immaginare un paradiso talmente felice di sè e di Dio da scordare la pietà per chi è caduto? Non posso accettare un simile volto sconvolgente e sfigurato di un Dio che si è invece rivelato in Gesù Cristo! Non posso amarlo! Non mi si può dire che è “verità di fede” un volto di Dio che mi porta solo ad avere paura di Lui, mi porta lontano dalla nostra fede, non ad amarlo, non ad essere felice di essere un cristiano!

Preferirei parlare del paradiso anziché dell'inferno. Purtroppo preti prediche e libri cattolici scelti assai male mi hanno insegnato più la paura dell'inferno che la gioia del paradiso, un cristianesimo della paura e non della gioia. E l'imprinting spirituale è rimasto e mi ha segnato. Vivo nella paura dell’Inferno e del giudizio di Dio. Ho in mente tanti, tantissimi, infiniti discorsi di preti o libri che ho avuto la sfortuna di incontrare e la stupidità di ascoltare e leggere, veri terroristi psicologici e manipolatori delle coscienze, desiderosi di dominare le persone e la società controllando la sessualità altrui, che mi hanno trasmesso nient’altro che sensi di colpa e paura, non la gioia di essere cristiano ma la paura.
Sono arrivato a dovermi sentire in colpa, e quindi a sentire paura del castigo, anche per azioni o comportamenti per i quali nella mia coscienza non sento un rimprovero morale.
Invidio quei cristiani che hanno un’autonomia di giudizio e di comportamento che io non ho e forse non avrò mai. La Chiesa mi ha dato molto ma mi ha anche chiesto molto.
Non tutto il mondo cattolico è così, ma io sono venuto a contatto con un certo cattolicesimo terroristico, l’ho assorbito irresponsabilmente, e ora faccio fatica non solo a vivere una vita normale ma anche a considerare Dio per quello che è, cioè Amore e Misericordia, non il Giudice che emette condanne alla morte eterna. Dio mi hanno insegnato a temerlo più che ad amarlo.

Ho fatto lo sbaglio madornale di ascoltare voci sbagliate, in passato, e ora liberarsene è dura, ma ci provo, mi arrabbio, e non sono più disposto a dare sempre ragione a certi solo perché sono preti o vescovi, perché sono certo che Cristo mi vuole libero e vero, me stesso, non un uomo spaventato da loro e dalle loro parole
Ma la paura di Dio resta, e mi fa vivere male come cristiano e come uomo.


davide



davide,

prima di intervenire hai pensato alla possibilità che nel forum avresti trovato qualcuno non tanto disposto ad un aiuto quanto disposto a discutere frase per frase cio' che saresti andato a scrivere?

Cio' che mi interessa, davide, é cio' che scrivi e il modo in cui lo scrivi.

In che senso chiedi aiuto? Lo chiedi sul serio? Quanto sei consapevole di una posizione diversa dalla tua?

Noto con interesse che alcuni forumisti intervenuti hanno già compreso al punto di consigliarti questo e quello. Io non sono per nulla convinto di aver compreso cio' che hai nella testa quando pensi cio' che costituisce il tuo testo d'apertura.

Saresti disposto ad una discussione del tuo intervento di apertura frase per frase?

Ti faccio un esempio del tipo di discussione che realizzeresti con me nel caso in cui tu accettassi:

Scrivi:"Può darsi che il mio problema sia più di tipo spirituale che psicologico, e che quindi richieda l’intervento del prete o del teologo"

In che senso piu' di tipo spirituale che psicologico? Metti sullo stesso piano 'spirituale' e 'psicologico' come se fosse pacifico qualcosa come l'esistenza reale dello psichico da una parte e qualcosa come l'esistenza reale dello spirituale dall'altra. Intendi lo spirituale come un'entità non-materiale distinta dalla psiche come entità materiale?


Franco

Ultima modifica di Franco : 13-06-2006 alle ore 15.13.49.
Franco is offline  
Vecchio 13-06-2006, 16.32.42   #25
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Re: Ho paura di Dio

Citazione:
Messaggio originale inviato da Franco
davide,

1) Noto con interesse che alcuni forumisti intervenuti hanno già compreso al punto di consigliarti questo e quello. Io non sono per nulla convinto di aver compreso cio' che hai nella testa quando pensi cio' che costituisce il tuo testo d'apertura.



2) In che senso piu' di tipo spirituale che psicologico? Metti sullo stesso piano 'spirituale' e 'psicologico' come se fosse pacifico qualcosa come l'esistenza reale dello psichico da una parte e qualcosa come l'esistenza reale dello spirituale dall'altra. Intendi lo spirituale come un'entità non-materiale distinta dalla psiche come entità materiale?


Franco

1) Giusto, perché Davide appunto cercava semplicemente una strada, qualche chiarimento. L'ho ha detto chiaramente, voleva opinioni. È ovvio che quando qualcuno espone un problema, un dubbio, deve accettare qualunque intervento, anzi, utilizzarlo per "vedersi da fuori". Nessuno cerca di fare giudizi o pretendere di avere la ragione o il consiglio adatto, ma sicuramente servirà a Davide per vedersi "in un modo diverso", anche perché chi "legge" puoi percepire sfumature che a chi scrive possono sfuggire.

2) Ovviamente la confusione sulla guida spirituale che Davide ha subito, ha per forza creato un notevole squilibrio a livello personale, non solo spirituale. La sua "paura" trascende ogni aspetti mistico per intrufolarsi nella sua personalità, cercando "soluzioni" dentro dello stesso circolo che lo strozza...

Infatti, quello che gli proponi te è quasi una terapia virtuale...
Ish459 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 18.06.04   #26
davide50
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 88
per Ish459
per Franco
per Elijah
per Acquario69
per Sirtaki

carissiomi (e cari mi siete davvero per il vostro rispondermi, che sa di ascolto e sa di partecipazione e sa di amicizia),
sono uscito alle 11, torno a casa alle 18 e trovo tutti questi vostri contributi, addirittura una decina, e di che intensità! La prima cosa che voglio dirvi è che davvero sono stupito e grato.
Vi ho già detto con che attenzione vi leggo e vi medito, sento che mi state facendo vedere le cose da nuove prospettive. Ve ne sono grato.
Mi ci vorrà un po’ di tempo (spero stasera tardi oppure stanotte) per leggere tutto con l’attenzione che vi devo, per ragionarci su e per rispondervi, ma vi assicuro che niente di ciò che mi avete scritto resterà senza una mia risposta.
Grazie a voi oggi per me questa è una giornata diversa dalle altre.

davide
davide50 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 18.09.45   #27
davide50
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 88
e per Fragola

dimenticavo lei, il mio messaggio precedente è anche per lei, che mi sta aiutando ascoltandomi con una antenne sensibilissime.
davide50 is offline  
Vecchio 13-06-2006, 18.19.32   #28
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Paura di Dio?
Peur de Dieu?

Come è curiosa questa domanda...

Paura di te stesso...paura di qualche cosa che hai fatto..paura
di qualche cosa che hai fatto contro la Chiesa..paura di avere relazioni con certe persone..

Penso che stai attraversando una piccola crisi di identità..ma se credi in Dio..tutto passerà.
Se veramente hai creduto in certi valori...troverai la forza per andare avanti..
Troverai questa forza..perchè cercando questa forza che abita in te,lì in quel posto c'è DIO..

Dio ti aspetta..Dio vuole vedere se tu hai capito tutti i suoi insegnamenti..

Hai paura di te stesso..perchè,penso, che nella tua vita
c'è tanta teoria e poca vera pratica..

praticare,pregare,credere...so no dei verbi da con-iugare...

la Fede è pratica..la Fede è sofferenza personale..

klee
klee is offline  
Vecchio 13-06-2006, 18.20.22   #29
davide50
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 88
c'è una stupenda canzone del 1973 (è poco nota ma è da brivido) di Fabrizio De Andrè si intitola "La bomba in testa" (da "Storia di un impiegato") e che fra le altre cose dice:

"Chissà cosa si prova a liberare
la fiducia nelle proprie tentazioni,
allontanare gli intrusi
dalle nostre emozioni,
allontanarli in tempo
e prima di trovarti solo
con la pauira di non tornare al lavoro.

Rischiare libertà strada per strada
scordarsi le rotaie verso casa,
io ne valgo la pena,
per arrivare ad incontrar la gente
senza dovermi fingere innocente

e a non aver pietà per la mia prima volta

...non so le regole del gioco
senza la mia paura mi fido poco".

Queste parole continuano a risuonarmi in testa.
davide50 is offline  
Vecchio 14-06-2006, 00.30.34   #30
davide50
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 88
per Vanlag

ti ringrazio per il tuo intervento ma, credimi, cambiare religione mi è assolutamente impossibile. E non perché io non abbia la convinzione che anche in altre religioni si possano trovare valori straordinari da condividere (personalmente penso al buddismo), ma perché… semplicemente non posso. E’ questione di fede, di una vita passata nel cristianesimo cattolico, di amore anche, benché ora si tratti di amore molto sofferto, e neppure più tanto percepibile da me.
ciao
davide50 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it