Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 07-02-2007, 10.10.05   #61
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

"Il mio "regno dei cieli" è "dentro di me"

Amén.

Saluti
Andrea
spirito!libero is offline  
Vecchio 07-02-2007, 10.12.46   #62
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
Le prostitute e i peccatori vi precederanno nel regno dei cieli. (Gesù Cristo)

Si, ma quelli che tra questi,si convertiranno: Convertitevi e credete al Vangelo ,non dice continuate a peccare!

Quello che io ho manifestato è un mio pensiero poetico
se tu ci vedi il Diavolo dentro è un tuo problema
Io non intendo fondare alcuna chiesa, non amo le organizzazioni, la burocrazia,
le gerarchie, il potere.


Ma io non vedo il diavolo, vedo la gnosi che e' ben diverso!


Se mi interessasse il potere non sarei una insegnante felice di fare il suo dovere, di essere e non di apparire.
Io sono e voglio essere me stessa fino alla fine dei miei giorni.
Non ho mai bestemmiato perchè non amo la volgarità e la violenza di nessun tipo. Se qualcuno grida e bestemmia lo compatisco perchè penso che sia in stato di grande sofferenza.

Io invece compatisco, chi fa un minestrone di tutte le religioni, poi entra in CHiesa e canta,cosi' come se niente fosse, convinto quasi, che Dio e' amore e percio' accoglie tutto quello che pensiamo.
Toglimi una curiosita', per te che frequenti la Chiesa "cantando",ma quando recitano il Credo, che fai di bello?


Ho imparato a non dare consigli a nessuno, tranne nel caso che mi vengano richiesti.

Questa la considero una grazia abbondante.

Vivo e lascio vivere. Essere madre
mi ha insegnato che i figli si amano comunque siano, che si attende con pazienza che crescano e che li si osserva anche commettere esperienze
negative sperando che l'esempio e l'amore che li circonda li aiutino
ad apprendere le lezioni e a non ripetere le esperienze dolorose.

Ma di quale amore parli? Tu sei stata Battezzata, e hai un compito di educare i tuoi figli per essere cittadini del Cielo, Cristo stesso te ne chiedera' conto!

Il mio "regno dei cieli" è "dentro di me", conquista anch'esso di esperienze
e di vita. So che Dio mi ama, me lo dimostra continuamente
e non saranno le tue "espressioni" a spaventarmi.
Chi è nell'amore e nella grazia non teme nulla.
Il timore è nemico dell'amore.


Il timore, e' principio della Sapienza! Leggilo sulla Bibbia.

Spero che tu ti liberi da esso e possa trovare il regno di Dio"dentro di te"
così come vuole Gesù Cristo, quì e ora.

Ma il mio Regno dei Cieli e' la Chiesa!
Solo chi l'accolgie, avra' la Grazia del Pentimento e dei Sacramenti, inidspensabili per Salvarsi Eternamente

Comunque sappiatelo, solo nella Chiesa si trova la Salvezza!
Per i Battezzati!
massylety is offline  
Vecchio 07-02-2007, 10.28.55   #63
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Citazione:
Originalmente inviato da Patri15
Forse un piccolissimo momento davanti allo specchio potrebbe ricordarti che anche tu sei un essere umano, massylety.

E' pur vero che anche i kamikaze lo sono, ma ....


Io me lo ricordo sempre, Patri,... e tu?
Appunto, e' pur vero che anche i dannati... lo sono!
E che Dio sia sempre Infinitamente Buono e Misericordioso, pero' all'inferno le anime ci vanno lo stesso!
Non ditevi Cristiani...Cristiano e' solo colui che accoglie Cristo con Umilta' e con Fede.
Mette in pratica le sue parole o per lo meno si sforza di farlo.
Non ci si puo' dire Cristiani, se poi si combatte la sua Stessa Chiesa.
Avete bevuto le nefandezze di questo mondo e voltato le spalle a Cristo, che solo vi puo' Salvare, solo attraverso la Sua Chiesa, attraverso la vostra Umilta' e attraverso i Sacramenti.
Voi siete Battezzati!
Ma voi fate orecchio di mercante
massylety is offline  
Vecchio 07-02-2007, 11.53.07   #64
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

ciao massylity, vorrei chiederti che cosa è Chiesa per te. Ciao da Lucio
Lucio P. is offline  
Vecchio 07-02-2007, 13.59.15   #65
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Citazione:
Originalmente inviato da Lucio P.
ciao massylity, vorrei chiederti che cosa è Chiesa per te. Ciao da Lucio


Ciao Lucio.
Vedi per me la Chiesa e' la sola Pietra di paragone!
E' la mia vita stessa, e' tutta la ragione della mia speranza!
Nella Chiesa Opera lo Spirito Santo. Datore della Vita e della Santita'.
Oper l'Amore di Dio Padre,che Tutto ha Creato con Potenza e Gloria Grande.
Opera L'amore incondizionato e Gratuito di Gesu' Sapienza Increata.
E' Vivo e Presente Il Corpo, Sangue, Anima e Divinita' di Gesu' Cristo, Nostro Signore ..Egli e' Presente Nella Santa Eucarestia!
Nella Chiesa e' Presente, Viva e Opera la Sua Sconfinata Misericordia, Attraverso e solo attraverso i Sette Sacramenti, Attraverso quella Verita' UNICA, di cui la Chiesa e' Tesoriera.
La Chiesa e' la Gloria dei Santi!
La Chiesa opera per virtu' dell'Amore di Cristo!
Essa resiste contro i suoi nemici e gli uragani che si abbattono contro,di Lei, proprio perche' sono Vere le Parole del Suo Santo Fondatore:" Le porte dell'inferno non prevarranno mai contro di Essa!".
La Chiesa e' formata da peccatori chiamati alla Santita'.
Quindi, evitiamo il solito brodo, delle Inquisizioni e delle Guerre Sante.
La Chiesa e' la Porta del Paradiso, della Visione Beatifica di Cristo.
"Tutto quello che Scioglierete sara' Sciolto e quello che Legherete sara' Legato...."
La Chiesa e solo la Chiesa e' Madre e Maestra di tutti gli uomini.
Ecco per me, cos'e' la Chiesa e cosa davvero io provo per Lei.
Amore, Amore e Amore.
Ciao
massylety is offline  
Vecchio 07-02-2007, 14.23.00   #66
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Citazione:
Originalmente inviato da Patri15
Mi unisco al tuo dolore e alle tue parole, cara Paperapersa, ma c'è in me anche la rabbia di chi si sente provocato.

Credo che dopo lo scritto assolutamente perfetto di Visechi, nessun individuo che conosca almeno un po' di umiltà (umiltà riconosciuta anche dalla Chiesa cattolica) possa rispondere con quel tono provocatorio di chi non vuol sentire niente e nessuno.

mia cara
la parola umiltà è per me fonte di grande sapienza.
Per me è umile come dice l'etimologia della parola chi, avendo a cuore
l'humus di esso si prende cura.
Pertanto al di là di quello che possono pensare i ben pensanti, io mi sento umile perchè amo la terra, amo la materia di cui siamo fatti, mi prendo cura di me e di ciò che mi circonda, ne rispetto le esigenze e cerco di dare tutto l'amore che posso......
C'è una idea di umiltà che io non condivido e che è il Non sum dignus
questa umiltà paralizza, impedisce la crescita e il movimento, blocca
nell'idea di essere piccolo ed incapace di cambiare prima sè stessi e poi il proprio mondo......
paperapersa is offline  
Vecchio 07-02-2007, 19.46.19   #67
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Torino, 07/02/07
Ciao Massylletty, premetto che non desidero affatto creare polemiche che altro non fanno, fomentare coloro che non credono a discreditare sempre più il concetto divino sulla stessa di cui parliamo. Sono contento per te, vedo che ci tieni all’esporre fatti e circostanze che vorrebbero, in qualche modo, condurre persone a Dio. Detto questo devo anche aggiungere che, secondo me, sbagli nell’affermare che la chiesa cattolica romana sia l’unica e indiscutibile mezzo per ottenere salvezza. A riguardo ti invito a leggere il mio post di oggi “GESU’, CHE COSA E’ PER NOI?” Spirito!libero ha abbozzato una risposta al tuo pensiero ma, è utile dare a questo abbozzo, un approfondimento più esaustivo secondo ciò che la Bibbia afferma. Ripeto non per polemizzare, ma per far luce su alcune tematiche da cui non si può prescindere se non con la Scrittura, la Parola di Dio.

Su chi è fondata la Chiesa?
Pietro stesso spiega che il capo della Chiesa è Cristo: "Egli è la pietra che è stata da voi edificatori sprezzata, ed è divenuta la pietra angolare. E in nessun altro è la salvezza; poiché non v'è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad essere salvati" (Atti 4:10-12).
Nel Vangelo di Matteo leggiamo: "Ed egli disse loro: "E voi, chi dite che io sia? Simon Pietro rispondendo disse: tu sei il Cristo, il Figliuolo dell'Iddio vivente. E Gesù replicando disse: Tu sei beato Simone, figliuolo di Giona, perché non la carne e il sangue ti hanno rivelato questo, ma il Padre mio che è nei cieli. E io altresì ti dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa" (Matteo 16:14-18). La Chiesa Cattolica Romana, interpretando ciò asserisce che "la pietra", cioè il fondamento della Chiesa è Pietro e sulla errata interpretazione di questo passo fonda e giustifica il papato.
I Cristiani evangelici interpretano questo passo alla luce di altri brani della Bibbia che trattano lo stesso soggetto. Nella Parola di Dio leggiamo: "Poiché nessuno può porre altro fondamento che quello già posto, cioè Cristo Gesù" (1 Corinzi 3:11; vedi anche 1 Pietro 2:4-8). Infine, Cristo stesso afferma di essere "la pietra" (Marco 12:1-11).
Tornando al brano di Matteo 16:14-18, appare chiaro che "la pietra" di cui Cristo parla non è Pietro ma la sua confessione di fede cioè Cristo stesso. Infatti, Pietro dice: "Tu sei il Cristo, il Figliuolo dell'Iddio vivente".
L'idea del papato che si fonda appunto sulla errata interpretazione di questo unico passo biblico, ha acquistato importanza a poco a poco nel corso dei secoli. Quanto alla infallibilità del papa, questo dogma venne sancito solo nel 1870, nonostante la forte opposizione all'interno del cattolicesimo stesso. Che Pietro, primo papa secondo la tradizione cattolica, fosse ben lontano dall'essere infallibile, ce lo mostrano i seguenti passi biblici, in cui egli fu riprovato perché "era da condannare": Galati 2:11-14; Matteo 26:69-75).
A chi dobbiamo confessarci?
Quando i discepoli di Gesù gli chiesero: "Signore, insegnaci a pregare", Egli insegnò a loro di pregare direttamente al Padre chiedendo a Lui il perdono dei loro peccati: "Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà anche in terra com'è fatta nel cielo. Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimettici i nostri debiti come anche noi li abbiamo rimessi ai nostri debitori." Sappiamo che "rimettici i nostri debiti" qua significa "perdonaci i nostri peccati" perché nel Vangelo di Luca lo stesso versetto dice esplicitamente: "perdonaci i nostri peccati" (Matteo 6:9-12; Luca 11:1-4).
È chiaro dunque, che dobbiamo confessarci direttamente a Dio. Così infatti faceva la chiesa nei primi secoli. La dottrina della confessione fatta al prete fu ammessa nella Chiesa Cattolica solo nel 1225, ma ancora prima di quella data già dei sacerdoti avevano iniziato ad ascoltare confessioni e, pur non dando l'assoluzione, pregavano Dio di rimettere i peccati.
A sostegno della confessione al prete, il clero cattolico cita le parole del Vangelo di Giovanni: "A chi rimetterete i peccati, saranno rimessi; a chi li riterrete, saranno ritenuti" (Giovanni 20:21-23). Prima di tutto facciamo notare che queste parole non sono dirette agli apostoli, cioè ai dodici, ma ai discepoli, cioè a tutti i suoi seguaci. La prerogativa quindi di rimettere i peccati non è un privilegio riservato al clero, ma è estesa a tutti coloro che credono in Cristo come Signore e Salvatore.
Inoltre, fatto molto importante per intendere il significato delle parole di Gesù, i discepoli, che avevano ricevuto personalmente questo ordine, non ascoltarono mai la confessione di alcuno, ma predicarono l'evangelo, dicendo che solo in Cristo Gesù è possibile ottenere la remissione dei peccati (Atti 2:37-38; 10:43 e molti altri passi). Il comportamento dei discepoli è una prova senza possibilità di contestazione che le parole di Gesù si riferivano alla potenza redentrice della predicazione dell'evangelo e non già ad una confessione al prete.
Oltre ciò, l'evangelista Luca, narrando lo stesso episodio di Giovanni 20:21-23, dice: "... che nel suo nome (di Cristo) si predicherebbe ravvedimento e remissione dei peccati" (Luca 24:45-48). Questo non lascia adito ad alcun dubbio; Cristo non parlò mai di confessare i peccati ad un uomo.
Quanto detto porta con sé un'inevitabile domanda: "Dobbiamo confessarci o no??" Sì, ogni vero cristiano ha il dovere di confessare i propri peccati, ma questa confessione non va fatta ad alcun uomo, in quanto solo Dio ha il potere di rimettere i peccati. L'apostolo Giovanni scriveva: "Se confessiamo i nostri peccati, egli (Dio) è fedele e giusto da rimetterci i peccati e purificarci da ogni iniquità" (1 Giovanni 1:9).

Alla luce di quanto su esposto aggiungo:
La Chiesa è formata da tutti, indistintamente, coloro che hanno accettato Gesù come proprio personale Salvatore e che con il battesimo (da adulti), hanno sigillato la loro confessione di fede. Non verso una religione o casta particolare; non sono i cattolici, i protestanti o altre confessioni di fede che possono dare “salvezza”, ma il prezioso sangue di Gesù. Non una religione dunque, ma Dio stesso. Essi sono sparsi un po’ dovunque! Possono essere in qualunque credo religioso, e allo stesso tempo esserne fuori; in quanto il Signore sa chi sono i veri convertiti di cuore.
Matteo 18:20 Poiché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

Giovanni 14:6 Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.

Ciao Lucio
Lucio P. is offline  
Vecchio 07-02-2007, 20.11.44   #68
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
mia cara
la parola umiltà è per me fonte di grande sapienza.
Per me è umile come dice l'etimologia della parola chi, avendo a cuore
l'humus di esso si prende cura.
Pertanto al di là di quello che possono pensare i ben pensanti, io mi sento umile perchè amo la terra, amo la materia di cui siamo fatti, mi prendo cura di me e di ciò che mi circonda, ne rispetto le esigenze e cerco di dare tutto l'amore che posso......
C'è una idea di umiltà che io non condivido e che è il Non sum dignus
questa umiltà paralizza, impedisce la crescita e il movimento, blocca
nell'idea di essere piccolo ed incapace di cambiare prima sè stessi e poi il proprio mondo......

Ancora una volta mi trovo d'accordo con te: Tu sei una persona degna, piena di umanità, di rispetto.

Ma chi crede di essere solo fra i giusti, chi adora la Chiesa prima ancora forse di Dio, quando tutti sanno che la Chiesa è un apparato essenzialmente politico, mi fa pensare a quale insegnamento tristo ha potuto divulgare il catechismo cattolico.

Sul non sum dignus, ancora una volta la penso come te: è paralizzante. Ma l'ottimismo dell'individuo, la sua energia spirituale, creativa, fisica, sono dolori per la Chiesa, giacché mal si plagiano tali esseri pieni di risorse.

Un caro abbraccio
Patri15 is offline  
Vecchio 07-02-2007, 20.56.55   #69
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Citazione:
Originalmente inviato da massylety
Ciao Lucio.
Vedi per me la Chiesa e' la sola Pietra di paragone!
E' la mia vita stessa, e' tutta la ragione della mia speranza!
Nella Chiesa Opera lo Spirito Santo. Datore della Vita e della Santita'.
Oper l'Amore di Dio Padre,che Tutto ha Creato con Potenza e Gloria Grande.
Opera L'amore incondizionato e Gratuito di Gesu' Sapienza Increata.
E' Vivo e Presente Il Corpo, Sangue, Anima e Divinita' di Gesu' Cristo, Nostro Signore ..Egli e' Presente Nella Santa Eucarestia!
Nella Chiesa e' Presente, Viva e Opera la Sua Sconfinata Misericordia, Attraverso e solo attraverso i Sette Sacramenti, Attraverso quella Verita' UNICA, di cui la Chiesa e' Tesoriera.
La Chiesa e' la Gloria dei Santi!
La Chiesa opera per virtu' dell'Amore di Cristo!
Essa resiste contro i suoi nemici e gli uragani che si abbattono contro,di Lei, proprio perche' sono Vere le Parole del Suo Santo Fondatore:" Le porte dell'inferno non prevarranno mai contro di Essa!".
La Chiesa e' formata da peccatori chiamati alla Santita'.
Quindi, evitiamo il solito brodo, delle Inquisizioni e delle Guerre Sante.
La Chiesa e' la Porta del Paradiso, della Visione Beatifica di Cristo.
"Tutto quello che Scioglierete sara' Sciolto e quello che Legherete sara' Legato...."
La Chiesa e solo la Chiesa e' Madre e Maestra di tutti gli uomini.
Ecco per me, cos'e' la Chiesa e cosa davvero io provo per Lei.
Amore, Amore e Amore.
Ciao
Che tutto ciò in cui credi sia! Amen!
Come dice Gesù è la fede che salva
e quindi se credi sei salvo!
se hai bisogno di tutto questo apparato
per essere certo di essere salvo
che così sia!
ma non togliere ad alcuno il diritto di pensare
che la sua "via" sia giusta pur se diversa dalla tua.
E ricorda sempre che tutto ciò che ci dà fastidio negli altri
sono aspetti di noi che non riconosciamo e non accettiamo.
E tutto ciò che non conosciamo ci fa paura.
Io so che abbiamo tutti un solo Padre/Madre
e che facciamo parte della Sua esistenza,
so che sono figlia dell'Amore e ritengo che tutto
nel mondo sia parte di Lui,
mi dispiaccio se ci sono parti di un corpo che si credono separate
e sole, e comprendo che soffrono perchè non sanno;
so che ogni parte di un corpo è utile e funzionale
per il buon funzionamento dello stesso..... e tento soltanto
di risvegliare a tale interconnessione.....e se riesco in questo,
nel far crescere il senso di appartenenza al Tutto, già mi sembra
di aver raggiunto un risultato eccellente nel servizio
all'Armonia.
paperapersa is offline  
Vecchio 08-02-2007, 01.28.31   #70
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Oggi si è adempiuta la scrittura che voi avete udita

Citazione:
Originalmente inviato da Lucio P.
Torino, 07/02/07
Ciao Massylletty, premetto che non desidero affatto creare polemiche che altro non fanno, fomentare coloro che non credono a discreditare sempre più il concetto divino sulla stessa di cui parliamo. Sono contento per te, vedo che ci tieni all’esporre fatti e circostanze che vorrebbero, in qualche modo, condurre persone a Dio.

Allora, mi sa che non ci siamo capiti per niente!
Io non voglio condurre nessuno a Dio, voglio solo evitare che si scrivano, nefandezze aberranti, intorno alla Chiesa!


Detto questo devo anche aggiungere che, secondo me, sbagli nell’affermare che la chiesa cattolica romana sia l’unica e indiscutibile mezzo per ottenere salvezza. A riguardo ti invito a leggere il mio post di oggi “GESU’, CHE COSA E’ PER NOI?”


Se parti dicendo, cosa e' per noi,allra ti correggo, per me e CHI E' PER NOI!




Spirito!libero ha abbozzato una risposta al tuo pensiero ma, è utile dare a questo abbozzo, un approfondimento più esaustivo secondo ciò che la Bibbia afferma. Ripeto non per polemizzare, ma per far luce su alcune tematiche da cui non si può prescindere se non con la Scrittura, la Parola di Dio.


Dipende da quale scrittura, accetto solo quella CEI cioe' Conferenza Episcopale Italiana, le altre le ho lette quasi tutte, ma mi convincono poco.


Su chi è fondata la Chiesa?
Pietro stesso spiega che il capo della Chiesa è Cristo: "Egli è la pietra che è stata da voi edificatori sprezzata, ed è divenuta la pietra angolare. E in nessun altro è la salvezza; poiché non v'è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad essere salvati" (Atti 4:10-12).
Nel Vangelo di Matteo leggiamo: "Ed egli disse loro: "E voi, chi dite che io sia? Simon Pietro rispondendo disse: tu sei il Cristo, il Figliuolo dell'Iddio vivente. E Gesù replicando disse: Tu sei beato Simone, figliuolo di Giona, perché non la carne e il sangue ti hanno rivelato questo, ma il Padre mio che è nei cieli. E io altresì ti dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa" (Matteo 16:14-18). La Chiesa Cattolica Romana, interpretando ciò asserisce che "la pietra", cioè il fondamento della Chiesa è Pietro e sulla errata interpretazione di questo passo fonda e giustifica il papato.


Mentre invece i protestanti e tutti gli altri, interpretano le scritture a modo loro per assoggettarsi quello che non gli apprtiene.


I Cristiani evangelici interpretano questo passo alla luce di altri brani della Bibbia che trattano lo stesso soggetto. Nella Parola di Dio leggiamo: "Poiché nessuno può porre altro fondamento che quello già posto, cioè Cristo Gesù" (1 Corinzi 3:11; vedi anche 1 Pietro 2:4-8). Infine, Cristo stesso afferma di essere "la pietra" (Marco 12:1-11).
Tornando al brano di Matteo 16:14-18, appare chiaro che "la pietra" di cui Cristo parla non è Pietro ma la sua confessione di fede cioè Cristo stesso. Infatti, Pietro dice: "Tu sei il Cristo, il Figliuolo dell'Iddio vivente".




Ma chi l'ha detto che appare chiaro? A me appare chiaro sempre di piu', che invece la Chiesa di Cristo sia proprio e solo quella Cattolica.
Le altre Chiese, di cui da secoli, auspichiamo il beato ritorno, sono irradiate sempre dalla luce di Cristo, e quindi possiamo dirci fratelli nella fede.


L'idea del papato che si fonda appunto sulla errata interpretazione di questo unico passo biblico, ha acquistato importanza a poco a poco nel corso dei secoli.

Questo, potrebbe valere anche per gli eretici come Calvino, Lutero Erasmo da Rotterdam e compagnia bella!
Sono loro, che hanno voluto apostatare e scindersi dalla Chiesa di Gesu' Cristo.




Quanto alla infallibilità del papa, questo dogma venne sancito solo nel 1870, nonostante la forte opposizione all'interno del cattolicesimo stesso. Che Pietro, primo papa secondo la tradizione cattolica, fosse ben lontano dall'essere infallibile, ce lo mostrano i seguenti passi biblici, in cui egli fu riprovato perché "era da condannare": Galati 2:11-14; Matteo 26:69-75).
A chi dobbiamo confessarci?
Quando i discepoli di Gesù gli chiesero: "Signore, insegnaci a pregare", Egli insegnò a loro di pregare direttamente al Padre chiedendo a Lui il perdono dei loro peccati: "Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà anche in terra com'è fatta nel cielo. Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimettici i nostri debiti come anche noi li abbiamo rimessi ai nostri debitori." Sappiamo che "rimettici i nostri debiti" qua significa "perdonaci i nostri peccati" perché nel Vangelo di Luca lo stesso versetto dice esplicitamente: "perdonaci i nostri peccati" (Matteo 6:9-12; Luca 11:1-4).
È chiaro dunque, che dobbiamo confessarci direttamente a Dio. Così infatti faceva la chiesa nei primi secoli.


Si, ma non puoi fare un salto nel passato di duemila anni e pretendere che le cose siano uguali anche oggi!
Del resto spiegami, perche' i protestanti prima erano non protestanti, ed erano nella Chiesa!
Cosa significa? che prima non erano capaci di protestare?
Gesu' non poteva dire, andate da Pietro e confessatevi!
Gesu' era tra loro ed insegno' la piu' bella ed importante preghiera di tutti i tempi!
Ma siccome sapeva che ritornava a Dio dal quale e' venuto ha fondato la Sua Chiesa su Pietro e tutto torna amico mio.
Altrimenti non avrebbe detto: tutto cio' che legherete, sara' legato!




La dottrina della confessione fatta al prete fu ammessa nella Chiesa Cattolica solo nel 1225, ma ancora prima di quella data già dei sacerdoti avevano iniziato ad ascoltare confessioni e, pur non dando l'assoluzione, pregavano Dio di rimettere i peccati.
A sostegno della confessione al prete, il clero cattolico cita le parole del Vangelo di Giovanni: "A chi rimetterete i peccati, saranno rimessi; a chi li riterrete, saranno ritenuti" (Giovanni 20:21-23). Prima di tutto facciamo notare che queste parole non sono dirette agli apostoli, cioè ai dodici, ma ai discepoli, cioè a tutti i suoi seguaci.


Vedi, se parliamo di passato allora ti potrei dire che nei primi tre secoli tutti potevano esorcizzare, ma dopo il terzo secolo, non ricordo sotto quale Concilio, la Chiesa, ha stabilito che solo il Vescovo o il Sacerdote nominato dal Vescovo, potevano esorcizzare.
E questo vale anche per quelli che oggi sono protestanti.
Per il termine discepoli o Apostoli, e' come il termine fratelli o cugini.
Il punto mio caro amico, e' che ci hanno provato gia' in tanti, nel corso di Xx secoli di storia.



La prerogativa quindi di rimettere i peccati non è un privilegio riservato al clero, ma è estesa a tutti coloro che credono in Cristo come Signore e Salvatore.

Come sopra!!!


Inoltre, fatto molto importante per intendere il significato delle parole di Gesù, i discepoli, che avevano ricevuto personalmente questo ordine, non ascoltarono mai la confessione di alcuno, ma predicarono l'evangelo, dicendo che solo in Cristo Gesù è possibile ottenere la remissione dei peccati (Atti 2:37-38; 10:43 e molti altri passi). Il comportamento dei discepoli è una prova senza possibilità di contestazione che le parole di Gesù si riferivano alla potenza redentrice della predicazione dell'evangelo e non già ad una confessione al prete.
Oltre ciò, l'evangelista Luca, narrando lo stesso episodio di Giovanni 20:21-23, dice: "... che nel suo nome (di Cristo) si predicherebbe ravvedimento e remissione dei peccati" (Luca 24:45-48). Questo non lascia adito ad alcun dubbio; Cristo non parlò mai di confessare i peccati ad un uomo.

Ti sono rimessi i tuoi peccati, cosa vorrebbe dire per te?

Quanto detto porta con sé un'inevitabile domanda: "Dobbiamo confessarci o no??" Sì, ogni vero cristiano ha il dovere di confessare i propri peccati, ma questa confessione non va fatta ad alcun uomo, in quanto solo Dio ha il potere di rimettere i peccati. L'apostolo Giovanni scriveva: "Se confessiamo i nostri peccati, egli (Dio) è fedele e giusto da rimetterci i peccati e purificarci da ogni iniquità" (1 Giovanni 1:9).

Ma ti rammento, che la tempo di Giovanni, la Chiesa non era ancora sorta!

Alla luce di quanto su esposto aggiungo:
La Chiesa è formata da tutti, indistintamente, coloro che hanno accettato Gesù come proprio personale Salvatore e che con il battesimo (da adulti), hanno sigillato la loro confessione di fede. Non verso una religione o casta particolare; non sono i cattolici, i protestanti o altre confessioni di fede che possono dare “salvezza”, ma il prezioso sangue di Gesù. Non una religione dunque, ma Dio stesso. Essi sono sparsi un po’ dovunque! Possono essere in qualunque credo religioso, e allo stesso tempo esserne fuori; in quanto il Signore sa chi sono i veri convertiti di cuore.
Matteo 18:20 Poiché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

Giovanni 14:6 Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.


Andate e ammaestrate tutte le genti, Battezzandole nel Nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo!
A Te, Daro' le Chiavi del Regno dei Cieli, tutto cio' che Legherete sara' Legato e quello che Scioglierete sara' Sciolto ,anche nei Cieli!!!!



Ciao Lucio


Caio anche a te.
Massimiliano
massylety is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it