Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-05-2003, 09.07.16   #1
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Tavola Smeraldina

Da tempo, pensavo d'introdurre questo argomento... oserei dire, molto particolare... ovvero, il significato della famosa "Tavola Smeraldina" presumibilmente..scritta da Ermete Trismegisto. Alcune persone, sostengono che Ermete non sia mai esistito...

Tavola Smeraldina o Tavola di Smeraldo

È vero senza menzogna, certo e verissimo.
Ciò ch'è in basso è come ciò ch'è in alto, e ciò ch'è in alto è come ciò ch'è in basso, per fare i miracoli della cosa una.
E poiché tutte le cose sono e provengono da una, per la mediazione d'una, così tutte le cose sono nate da questa cosa unica mediante adattamento.
Il sole è suo padre, la Luna è sua madre, il Vento l'ha portata nel suo ventre, la Terra è la sua nutrice. Il Padre di tutto, il telesma di tutto il mondo è qui. La sua forza o potenza è intera se essa è convertita in terra.
Separerai la Terra dal Fuoco, il sottile dallo spesso, dolcemente e con grande industria. Sale dalla Terra al Cielo e nuovamente discende in Terra e riceve la forza delle cose superiori e inferiori.
Con questo mezzo avrai la gloria di tutto il mondo e per mezzo di ciò l'oscurità fuggirà da te.
E la forza forte di ogni forza: perché vincerà ogni cosa sottile e penetrerà ogni cosa solida. Così è stato creato il mondo.
Da ciò saranno e deriveranno meravigliosi adattamenti, il cui metodo è qui.
È perciò che sono stato chiamato Ermete Trismegisto, avendo le tre parti della filosofia di tutto il mondo.
Ciò che ho detto dell'operazione del Sole è compiuto e terminato.




La grande opera.... la pietra filosofale..... argomento interessante, non trovate?
deirdre is offline  
Vecchio 16-05-2003, 10.03.52   #2
ancient
Ospite abituale
 
L'avatar di ancient
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 758
mmhm...

voglio essere un po' provocatorio...
Al di là del fascino intellettuale che esercitano testi del genere, come applichi concretamente queste parole nel tuo quotidiano, al tuo cammino di crescita non puramente mentale?

Domanda impegnativa, mi rendo conto... ma a volte ho l'impressione che studiando l'antica saggezza costruiamo dei bellissimi castelli in aria, per poi ritrovarci a vivere in misere capanne di paglia...

ciao
ancient is offline  
Vecchio 16-05-2003, 14.02.02   #3
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
astrattezza

Bella da leggere, bella per sognare...ma troppo astratta...io non mi riconosco in questi passaggi oserei dire "mitici"...è bella la poesia, ma uqnado parla di sensazioni, è bello il racconto fantastico, proprio perchè è fantastico...ma non l'astrattezza...

Un abbraccio,
Rain
rain is offline  
Vecchio 16-05-2003, 15.11.06   #4
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
Molto bello questo trattato, ci spinge a conoscere qualcosa di
trascendente, non importa chi l'ha scritto...
Non è fantasia, ogni religione o misticismo parla di queste cose.
Si possono raggiungere queste cose, con una grande forza di
volontà e consapevolezza. Se non si riesce a vedere lo straordi-
nario nell'ordinario, si vive tanto per campare.
osho is offline  
Vecchio 16-05-2003, 16.07.53   #5
SonoGiorgio
Ospite abituale
 
L'avatar di SonoGiorgio
 
Data registrazione: 15-02-2003
Messaggi: 453
Lo stai chiedendo a me?
SonoGiorgio is offline  
Vecchio 17-05-2003, 11.11.26   #6
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Re: astrattezza

Citazione:
Messaggio originale inviato da rain
Bella da leggere, bella per sognare...ma troppo astratta...io non mi riconosco in questi passaggi oserei dire "mitici"...è bella la poesia, ma uqnado parla di sensazioni, è bello il racconto fantastico, proprio perchè è fantastico...ma non l'astrattezza...

Un abbraccio,
Rain
niente di astratto...molto semplice da comprendere...
ovvero... esiste una stretta relazione tra l'anima dell'uomo e quella dell'universo... e l'uomo se riesce a comprendere la vera essenza del suo io, comprenderà anche le leggi che regolano l'esistenza dell'universo.....

dove sta l'astratto? e poi...astratto è solo ciò che non è possibile toccare con mano?
non credo proprio...

per ancient:
bella domanda... e la risposta è più semplice di quanto si possa immaginare.... entrando in contatto con noi stessi senza mentire... noi siamo soliti raccontarci palle epr far felice il nostro ego.... ma nel momento in cui si smette d'agire in codesto modo, si riesce a "vedere", la nostra vera essenza... e se quella legge è vera, in questo modo è possibile "vedere" anche ciò che si cela dietro il velo dell'astratto (come lo definisce rain)
deirdre is offline  
Vecchio 16-06-2003, 16.16.52   #7
ksana
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-06-2003
Messaggi: 77
Re: mmhm...

Citazione:
Messaggio originale inviato da ancient
voglio essere un po' provocatorio...
Al di là del fascino intellettuale che esercitano testi del genere, come applichi concretamente queste parole nel tuo quotidiano, al tuo cammino di crescita non puramente mentale?

Domanda impegnativa, mi rendo conto... ma a volte ho l'impressione che studiando l'antica saggezza costruiamo dei bellissimi castelli in aria, per poi ritrovarci a vivere in misere capanne di paglia...

ciao
Non intendo essere provocatorio, poiché non c’è nulla da provocare agli altri, se non a se stessi, ma una modesta riflessione si può avanzare: Perché ostinarsi caparbiamente ad usare lo sterile e mistificante mezzo della mente nel leggere le righe, e non ci abbandoniamo mai all’intuizione di ciò ch’è scritto tra le righe? Forse è troppa responsabilità ? Si è certi che i “castelli in aria ” non sono proprio le nostre certe certezze, fatte di condizionamenti ed altrui e proprie proiezioni ? Credo che “le misere capanne di paglia” sia solo il nostro sopravvivere, chi Vive è sempre re, almeno di se stesso.
ksana is offline  
Vecchio 16-06-2004, 02.20.44   #8
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
PREVALENTEMENTE PER KRI

"...cio che è in alto è come cio che è in basso..."

Secondo la dottrina dei cosmi studiata ed esposta da Gurdjieff, esistono sette cosmi (Protocosmo, agiocosmo, macrocosmo, deuterocosmo mesocosmo, tritocosmo, microcosmo). Essi hanno analogia tra di loro solamente presi a gruppi di tre. Le condizioni
dell'azione delle leggi in ogni cosmo, sono determinate dai due adiacenti, quello che è al di sopra e quello che è al di sotto. Tre cosmi immediatamente contigui danno un immagine completa dell'universo. Cosi, per conoscere un cosmo è indispensabile conoscere i due cosmi adiacenti.

Può essere la spiegazione dell'assioma?
Paolo77 is offline  
Vecchio 16-06-2004, 09.30.44   #9
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
... esattamente quello che espone la cabala, giusto DD ?!

E' anche vero che la Tavola di Rubino ti dice "ciò che è in alto NON è come ciò che è in basso, e ciò che è in basso NON è come ciò che è in alto" contraddizione ?? No, non credo ..

A volte penso che il confronto di tutte queste tradizioni sia la chiave per la comprensione, anche se non intuitiva ma solo intellettuale !

Cmq quella citazione esprime il principio di discesa e ascesa . Il terzo "mondo" è ciò che scopri dopo aver "compreso" il principio, quindi in parte credo di si, che possa essere una spiegazione ... ovviamente non sono in grado di dire con certezza si e no !


Ho idea che Gurdjieff abbia studiato molto ...


Ultima modifica di kri : 16-06-2004 alle ore 09.33.07.
kri is offline  
Vecchio 16-06-2004, 12.23.56   #10
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Verità palesemente nascoste

Ho letto questo passo molte volte, in libri, citazioni ecc. ecc.

Cosa c'è da dire... è un punto d'arrivo, ma anche di partenza.

E ciò che ci sta in mezzo che non è possibile chiarire, e fa la differenza.
Come il ripieno fra due fette di pane (scusate il paragone, ma è quasi ora di pranzo).

Come fare..come essere in rapporto a questa verità assoluta o meglio essere questa verità.
Se è solamente letta non trasforma, non riempie, non "sazia".
Resta un meraviglioso banchetto, ma solo per la mente curiosona che non può saziarsi poichè non ha stomaco.
visir is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it