Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 12-10-2004, 16.02.16   #21
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
Quel tempo che sembra così "apparentemente" inutile, perchè solo di sofferenze, è invece la cosa più importante che quell'essere deve vivere, miei cari signori. Ecco, adesso magari sembra strano sentire questo, ma, con chi si vuole discutere, e di che cosa. Della vita, del senso della vita, di che cosa è e a cosa serve. Voi lo sapete, avete pensato a questo, conoscete delle risposte.

Io ne vorrei parlare gentile Kannon, ma prima vorrei soffermarmi un momento ancora su questo argomento.

E pongo un altro quesito in risposta alla tua frase :

Che senso ha soffrire, quindi ammetto anche la possibilità di imparare qualche cosa, se dopo si muore ? L'esperienza di una persona serve nel momento in cui poi pu mettere in pratica cio' che ha imparato, ma in questo caso a cosa servirebbe imparare se poi non si puo' applicare nulla, visto che la vita finisce?

Se si vogliono fare delle supposizioni su cio' che possiamo incontrare dopo la morte daccordo, ma siccome io non so cosa c'è dopo la morte ma so cosa c'è prima, preferirei focalizzare il tutto su quello che mi potrebbe servire nel mondo in cui sono.

Spero di non essere frainteso e mi auguro di essere stato più o meno chiaro in quello che volevo dire.

In amicizia.
Aristippo is offline  
Vecchio 12-10-2004, 16.14.02   #22
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Cosa significa che non è apparentemente inutile?
odos is offline  
Vecchio 12-10-2004, 16.18.31   #23
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Citazione:
Messaggio originale inviato da Aristippo


Che senso ha soffrire, quindi ammetto anche la possibilità di imparare qualche cosa, se dopo si muore ? L'esperienza di una persona serve nel momento in cui poi pu mettere in pratica cio' che ha imparato, ma in questo caso a cosa servirebbe imparare se poi non si puo' applicare nulla, visto che la vita finisce?

Se si vogliono fare delle supposizioni su cio' che possiamo incontrare dopo la morte daccordo, ma siccome io non so cosa c'è dopo la morte ma so cosa c'è prima, preferirei focalizzare il tutto su quello che mi potrebbe servire nel mondo in cui sono.


Nel mondo in cui vivi, è importante tutto, anche sentire questo:

la morte, non so neanche cosa sia. Un corpo fisico che muore? Un semplicissimo cambiamento di stato, energetico. Tutto rimane, le esperienze, le sofferenze, ciò che si è vissuto, e ciò che si dovrà vivere. Tutto è sempre presente, in Dio, e nulla si perde!

Che ne pensi? Sono positivo?

Ti piace?

Ciao, Kannon
Kannon is offline  
Vecchio 12-10-2004, 16.20.09   #24
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Citazione:
Messaggio originale inviato da odos
Cosa significa che non è apparentemente inutile?

Significa che rimarrà nel patrimonio delle esperienze di quell'essere, e formerà la sua coscienza.

Kannon
Kannon is offline  
Vecchio 12-10-2004, 16.22.30   #25
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
Certo che mi piace Kannon la tua positività, ma questa tua frase mi induce a credere che hai lanciato una provocazione.
Anche perchè sai benissimo che chi non crede in Dio ( io per es. ) la vedo in maniera totalmente differente da te.
Per es. io non credo che ci sia ne una giustizia divina dopo la morte ne durante la vita. Ma credo fondamentalmente che una volta morti è come se si spegnesse un televisore.
Tutto qui.

Vedi anche a me piacerebbe avere fede in qualche cosa ( es. Dio ) , ma hai me non ce l'ho e quindi tutto questo positivismo non riesco a vederlo in una persona che sta per morire. L'avrà sicuramente colui che ha fede, ma colui che non ce l'ha sai cosa gli puo' interessare il fatto che magari, forse, probabilmente, dopo la morte ci sia un'altra vita o una cosa del genere...tu non credi ??

P.s. non sei positivo, sei credente.
Aristippo is offline  
Vecchio 12-10-2004, 16.33.47   #26
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Citazione:
Messaggio originale inviato da Aristippo


Vedi anche a me piacerebbe avere fede in qualche cosa ( es. Dio ) , ma hai me non ce l'ho e quindi tutto questo positivismo non riesco a vederlo in una persona che sta per morire. L'avrà sicuramente colui che ha fede, ma colui che non ce l'ha sai cosa gli puo' interessare il fatto che magari, forse, probabilmente, dopo la morte ci sia un'altra vita o una cosa del genere...tu non credi ??

P.s. non sei positivo, sei credente.

Io non ho fede a "casaccio", amico mio. E' un pò diversa, la questione.

Per questo, sono "positivo". Poi, dimmi anche credente, non mi offendo, ma solo in Dio, però, nell'Assoluto.

Kannon
Kannon is offline  
Vecchio 12-10-2004, 16.34.46   #27
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Citazione:
Messaggio originale inviato da Kannon
Significa che rimarrà nel patrimonio delle esperienze di quell'essere, e formerà la sua coscienza.

Kannon


Ti riferisci ad un malato terminale o a una persona in coma irreversibile?

Non ho proprio interpretazioni per comprendere quella frase nel caso di un malato terminale, se non l'esistenza di una vita dopo la morte, e li molte strade si dividono.

Nel caso del coma irreversibile, stai sostenendo che in realtà la persona sente, capisce, pensa e questo costituisce e costituirà (nel caso di risveglio) la sua coscienza?
Le persone che si risvegliano però dicono di non avere nessun tipo di ricordo, o sbaglio ?(possibile)

Se questo è vero tu vuoi affermare lo stesso che in realtà sentono e quello è il loro mondo in quel momento? Dovresti spiegare perchè però.

O forse o capito male io. Mi è un modo di pensare del tutto estraneo quello che hai scritto. Fammi capire.
odos is offline  
Vecchio 12-10-2004, 16.41.14   #28
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
No Kannon, magari mi son espresso male.
io non dico che tu hai una fede a casacio e non era certo mia intenzione cercare di offenderti dicendoti che sei credente, anzi lo vorrei essere anche io.

Ma una cosa non comprendo, anzi è proprio questo il punto. Ora cerca di non fraintendermi perchè ti spiego il mio concetto.

E' proprio per le persone come te, che credono in Dio, e che quindi decidono o cmq pensano che dopo la vita ci sia qualche cosa e che tutto cio' che ci accade in questo mondo ci servirà in un'altra , chiamiamola, vita che purtroppo l'eutanasia non passerà mai in forma di legge. E questo mi sembra ingiusto in un mondo dove se tu sei libero di credere quello che vuoi anche io devo esserlo allo stesso modo.
Io non ci credo in Dio e non credo in nessuna vita dopo la morte e soffrire prima di morire per me non ha alcun senso, per me come per altre centinaia di persone. Ora non capisco perchè devo fare cio' che dite " Voi " perchè avete questo credo e non possiamo fare come diciamo " Noi " che non abbiamo gli setssi vostri pensieri. Non ti sembra un ingiustizia questa??

Sempre e cmq in Amicizia
Aristippo is offline  
Vecchio 12-10-2004, 17.03.56   #29
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Citazione:
Messaggio originale inviato da Aristippo


Io non ci credo in Dio e non credo in nessuna vita dopo la morte e soffrire prima di morire per me non ha alcun senso, per me come per altre centinaia di persone. Ora non capisco perchè devo fare cio' che dite " Voi " perchè avete questo credo e non possiamo fare come diciamo " Noi " che non abbiamo gli setssi vostri pensieri. Non ti sembra un ingiustizia questa??

Sempre e cmq in Amicizia

Perchè in una società conta il totale della coscienza di quella società. Tutto ha un senso, ma ci vuole tempo per capirlo. E' giusto che tu senta questo come una ingiustizia, è il tuo tempo. E' giusto che uno senta ingiusto ciò che gli accade perchè non riesce a vederlo in una prospettiva più ampia. Del resto, non si può vedere più di tanto, ma anche questo ha i suoi motivi. Però, se ti è possibile, fallo uno sforzo: analizza prospettive diverse dalla tua, in modo più profondo, non ti limitare alle parole, non escludere a priori la possibilità di un discorso ben più ampio e diverso da quello in cui credi, perchè poi sai che succede, che il limite lo porrai solo a te stesso, e prima o poi, lo dovrai superare. Mettilo più distante possibile, quel limite, che è mentale, e sarà il tuo vero dolore.

Ciao, Kannon
Kannon is offline  
Vecchio 12-10-2004, 17.05.51   #30
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Citazione:
Messaggio originale inviato da odos
Ti riferisci ad un malato terminale o a una persona in coma irreversibile?

Non ho proprio interpretazioni per comprendere quella frase nel caso di un malato terminale, se non l'esistenza di una vita dopo la morte, e li molte strade si dividono.

Nel caso del coma irreversibile, stai sostenendo che in realtà la persona sente, capisce, pensa e questo costituisce e costituirà (nel caso di risveglio) la sua coscienza?
Le persone che si risvegliano però dicono di non avere nessun tipo di ricordo, o sbaglio ?(possibile)

Se questo è vero tu vuoi affermare lo stesso che in realtà sentono e quello è il loro mondo in quel momento? Dovresti spiegare perchè però.

O forse o capito male io. Mi è un modo di pensare del tutto estraneo quello che hai scritto. Fammi capire.


Un essere, fino all’ultimo istante della sua vita, acquista esperienze e consapevolezze necessarie per il suo percorso evolutivo. Punto.

Il caso del coma irreversibile, è un caso particolare, che non mi va di trattare. Potrei dire, nella mia personale opinione, che i familiari che decidono di porre fine ad una vita alimentata solo dalle macchine, la dove l’individuo non ha più possibilità di “tornare indietro”, e dunque di sperimentare sul piano fisico, ha un senso. Se a questo aggiungiamo che i suoi organi possono anche salvare le vite di altri, allora il senso diventa anche “utilità”.
Kannon is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it