Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-04-2007, 21.20.32   #31
Strega
Ospite
 
Data registrazione: 04-09-2006
Messaggi: 14
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Caro spirito libero,
l'idea che vi fosse una parità d'essenza tra Dio e l'uomo è già presente nella Genesi con l'affermazione:
"E Dio disse: " Facciamo l'uomo a nostra immagine e somiglianza."
Queste due parole chiave: "immagine" e "somiglianza" esprimono un concetto antitetico, essendo l'una: "selem" la statua ovvero qualcosa di molto simile all'originale, mentre "demut" indicherebbe una somiglianza meno verosimile e precisa. Dunque l'uomo per l'autore della Genesi, è qualcosa di contemporaneamente molto simile a Dio ma anche dissimile.
Esistono tante maniere di somiglianza: alcune cose hanno in comune la forma, altre la natura.
Come osserva Dionigi, le stesse cose sono, rispetto a Dio, simili e dissimili. Sono simili perchè lo imitano nella misura in cui può essere imitabile. Sono dissiminili, perchè la loro distanza dalla causa prima esclude ogni assimilazione sia di tipo specifico che generico. Quando si ammette che la creatura è simile a Dio, non si ammette che Dio sia simile alla creatura perchè, come dice Dionigi: "la mutua somiglianza si dà tra esseri appartenenti ad uno stesso ordine, non tra causa e causato."
La storicità che reclami dunque non ha conferme, visto che è già presente nell'Antico Testamento il paradosso dell'uomo uguale a Dio eppure anche dissimile.
Le accuse di politeismo rivolte al cristianesimo hanno senso solo quando riferite alla venerazione che nel cattolicesimo si presta ai santi. Questa frase di Ireneo di Lione: "Il Padre è Dio, e il figlio è Dio, poiché tutto ciò che è nato da Dio è Dio" forse ti può illuminare sul compimento che il cristianesimo dà al monoteismo: Dio è uno, ma l'uomo per mezzo dello Spirito Santo (che non è una parola vuota ma la forza con cui l'intento di Dio plasma in ogni luogo ogni istante) può compartecipare all'Eterno, senza per questo cadere nel politeismo.
Il concetto di trinità si affaccia più volte nell'Antico Testamento, basti pensare alla triplice suddivisione dell'Arca, alla triplice suddivisione del tabernacolo costruito da Mosè e all'assenza di una tripartizione nella costruzione della Torre di Babele, eletta solo dal volere degli uomini e contrario a quello di Dio.
Strega is offline  
Vecchio 17-04-2007, 00.51.24   #32
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Citazione:
“l'idea che vi fosse una parità d'essenza tra Dio e l'uomo è già presente nella Genesi con l'affermazione:
"E Dio disse: " Facciamo l'uomo a nostra immagine e somiglianza."”

Mia cara strega (simpatico il tuo nick), quello che citi è una delle tante speculazioni date dai cristiani al plurale di Genesi. Dal punto di vista storico e letterario, quel plurale si spiega perfettamente senza inventarsi alcuna teologia cristiana ne ebraica (che ovviamente differisce da quella cristiana, giacchè gli ebrei giustificavano il plurale già da centinaia d’anni in ben altra maniera).

Quel plurale è il residuo delle tradizioni politeiste precedenti il monoteismo. Devi infatti sapere due cose, in primis che il popolo ebraico delle origini non era monoteista ma monolatrico, che significa che adoravano un solo Dio ma credevano alla presenza di più dei, mutuando le tradizioni precedenti, la seconda che Genesi è una redazione di almeno 4 tradizioni differenti in una delle quali si usa appunto il plurale perché di provenienza politeistica.

Citazione:
“La storicità che reclami dunque non ha conferme, visto che è già presente nell'Antico Testamento il paradosso dell'uomo uguale a Dio eppure anche dissimile”

Ma non c’entra nulla con il dogma trinitario.


Citazione:
“Le accuse di politeismo rivolte al cristianesimo hanno senso solo quando riferite alla venerazione che nel cattolicesimo si presta ai santi”

Ma io non ho accusato nessuno, ho solo scritto come nacque il dogma.

Citazione:
“forse ti può illuminare sul compimento che il cristianesimo dà al monoteismo”

Conosco molto bene il dogma trinitario ortodosso con le sue sfaccettature nate dalla difesa nei vari concili contro le altre forme trinitarie.

Citazione:
“Il concetto di trinità si affaccia più volte nell'Antico Testamento, basti pensare alla triplice suddivisione dell'Arca”

Sono delle forzature che non stanno in piedi, ogni volta che si incontra il numero tre, i cristiani trinitari ne ravvedono un segno della trinità ! Difatti, ad esempio, nel caso dell'arca, il racconto è ripreso da un mito più antico ossia dall'epopea di Gilgamesh, quindi o si ipotizza che Dio ha ispirato l'autore o gil autori del mito babilonese inserendo anche li riferimenti tirnitari, oppure si abbandona questo approccio del tutto fuoriviante.

Citazione:
“alla triplice suddivisione del tabernacolo costruito da Mosè”

Appunto ! E’ il numero 3 in se che nella bibbia come nella tradizione ebraica ha un significato, ma solo dopo ila formulazione del dogma si è rivestito ogni “3” della Bibbia di significati teologici.

Con questa metodologia si può davvero far dire alla Bibbia tutto e il contrario di Tutto.

Ciao
Andrea

Ultima modifica di spirito!libero : 17-04-2007 alle ore 09.14.35.
spirito!libero is offline  
Vecchio 18-04-2007, 13.44.02   #33
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Torino, 18/04/07

http://camcris.altervista.org/monoteismo.html

Vogliamo vedere il parere di qualche altro esperto? Senza nulla togliere alle riflessioni personali dell'amico Andrea, propongo la lettura seguente:


Il concetto di monoteismo nell'antichità

monoteismo e politeismo alla luce dell'antropologia e dell'archeologia


libera traduzione e adattamento degli scritti del

Dr. Clifford Wilson, M.A., B.D., M.R.Ed., Ph.D.

(già direttore dell'Australian Institute of Archaeology e
Presidente fondatore del Pacific College Of Graduate Studies)



Testi sacri e antiche religioni

1. Nel libro della Genesi Dio è chiamato con due nomi: "Elohim" e "Yahweh". "Elohim" è il plurale di "El" (l'equivalente italiano di "Dio"). Questo plurale ebraico indica, di fatto, "più di due". Letteralmente si traduce "Dii", eppure nella Bibbia è sempre accompagnato dal verbo al singolare. Già in Genesi 1:1 si legge che nel principio "Elohim (i Dii) creò i cieli e la terra" (Gen. 1:1) e non "crearono" i cieli e la terra. Questo nome viene usato per sottintendere fin dal principio la Trinità (Padre, Figlio, Spirito Santo, tre Persone ma al tempo stesso un unico Dio).
Il nome "Yahweh" proviene da un verbo ebraico che vuol dire "essere", dunque denota esistenza: Dio è "l'Io sono", "l'Eterno". Questo è il nome con cui si fece conoscere agli uomini (Es. 3:14). Quando i due nomi compaiono insieme (Yahweh Elohim), si traduce "l'Eterno Dio".

2. Gli "dèi" dei popoli antichi erano conosciuti con molti nomi, dunque la base dell'Ipotesi Documentaria (JEDP), analizzata in questa serie, è priva di fondamento.
Allo stesso modo, l'ipotesi che vi fossero diverse versioni della narrativa dell'Antico Testamento, unificate solo al tempo di Salomone, è stato dimostrata fallace dai continui ritrovamenti archeologici.

3. Il monoteismo era conosciuto già in tempi antichissimi. Il Libro egiziano dei Morti dimostra che il popolo d'Egitto originariamente credeva in un unico grande Dio e non in molti. Col passare del tempo gli attributi del vero Dio cominciarono ad essere attribuiti a nuove divinità, e in tal modo si sviluppò il politeismo.

4. Questo punto è stato ben documentato, specialmente dal famoso egittologo Sir Wallis Budge nel suo libro "Il Libro dei Morti". Ecco alcune affermazioni tratte dal libro, selezionate dal Papiro di Ani; si tratta di una lode al:

"Signore dei cieli... Signore della verità... Creatore degli uomini e degli animali... Sovrano del mondo, il potente valoroso... Colui che ha steso i cieli e ha fondato la terra... Signore dell'eternità... Creatore della luce... Egli ascolta la preghiera dell'oppresso, è misericordioso verso chi Lo invoca, libera il misero dall'oppressore... Egli è il Signore della conoscenza, e la Saggezza procede dalla sua bocca. Egli crea l'erba verde di cui vivono gli armenti. Egli crea i pesci affinché abitino i fiumi, e i volatili piumati nel cielo... Gloria a Te, o Creatore di tutte queste cose, Tu che sei L'UNICO." (pp. 108-110)

5. Wallis Budge spiega:

"In seguito alla lettura di questi estratti è impossibile non concludere che le idee degli antichi egizi su Dio erano di carattere molto elevato, ed è chiaro che essi avevano presente una distinzione ben netta tra Dio e gli "dèi"... Qui abbiamo un Unico Dio che non era stato creato, sussisteva da solo ed era onnipotente, e che aveva creato l'universo." (pp. 113,114)

6. Budge vede il monoteismo come il credo originale del popolo egizio, che poi corrompendosi si trasformò in politeismo. Egli spiega in modo convincente che i vari attributi dell'unico Dio furono trasferiti nel tempo a delle divinità minori che il popolo si creò: "La religione egiziana non perse mai interamente l'elemento monoteistico da cui era partita" (p. 115).

7. Budge suggerisce una somiglianza al monoteismo degli Ebrei (p. 115). Un crudo politeismo si sviluppò nella storia egiziana, portando un incremento del numero delle divinità. Questa è una conferma indiretta del fatto che si partì dal monoteismo, e non da "molti dèi".

8. Altri studiosi hanno sostenuto le tesi di Budge. Qualche esempio si trova anche nel suo libro:

"In seguito ai loro studi sui testi egiziani, molti egittologi del passato - come Champollion-Figeac, de Rouge, Pierret e Brugsch - giunsero alla conclusione che gli abitanti della Valle del Nilo, fin dai tempi antichi, credevano nell'esistenza di un unico Dio, senza nome, incomprensibile ed eterno." (p. 105)

9. Il famoso egittologo Sir Flinders Petrie sosteneva queste conclusioni. In "La Religione dell'Antico Egitto" (ed. Constable) scriveva:

"Nelle religioni e teologie antiche vi sono diverse classi di dèi. Alcuni, come i moderni Indù, si compiacciono di una profusione di dèi e dèe che aumentano continuamente. Altri... non cercano di servire grandi dèi, ma si rivolgono a un esercito di spiriti animistici, demoni, o comunque li si voglia chiamare... Ma tutta la nostra conoscenza sulle posizioni originarie e sulla natura dei grandi dèi dimostra che essi si trovavano in una posizione completamente diversa da quella di questa moltitudine di spiriti.

Se il concetto di un solo dio fosse solo un'evoluzione dall'adorazione di questa moltitudine di spiriti, dovremmo poter costatare che l'adorazione di molti dèi precede l'adorazione di un unico dio... Ciò che in realtà troviamo è che il monoteismo è la prima posizione teologica di cui si abbia notizia...

Ovunque riusciamo a far risalire il politeismo alle sue fasi iniziali, scopriamo che esso è risultato da combinazioni di monoteismo. In Egitto anche Osiride, Iside e Oro, così noti come triade, si trovano inizialmente come unità separate in luoghi separati: Iside è una dèa vergine, e Oro è un dio solo.

Ogni città sembra aver avuto un solo dio, al quale col tempo furono aggiunti altri. Allo stesso modo, le città babilonesi avevano ciascuna il loro dio supremo; la combinazione di questi e la loro alterazione in modo da coesistere in gruppi quando le case furono unite politicamente, dimostra che in principio ciascuno aveva una singola divinità" (monoteismo).


Anche gli altri popoli erano monoteisti

10. Anche altri popoli erano originariamente monoteisti; conoscevano un solo vero Dio. Il Dr. Arthur C. Custance scrisse una serie di documenti (The Doorway Papers); in uno di essi (n. 34) egli dimostra che questa era la situazione di molti popoli, contrariamente all'opinione di diversi studiosi.
Questi studiosi partivano automaticamente dall'idea di un politeismo iniziale in quanto credevano che l'uomo si fosse evoluto in aree come lo sviluppo fisico, le relazioni sociali, le capacità intellettive, e la comprensione spirituale. Quest'idea proveniva dalle teorie evoluzionistiche (che immaginano il primo uomo come un essere ignorante e scimmiesco che attribuiva carattere divino a tutto ciò che lo colpiva, e che pian piano si evolse, e con lui il suo politeismo si trasformò in monoteismo).
La verità è che l'uomo è il coronamento della creazione di Dio, originariamente perfetta (prima della caduta dell'uomo); l'uomo aveva inizialmente la chiara consapevolezza di un Dio che era in realtà suo Amico. Non vi è stata alcuna evoluzione della religione - al contrario, v'è stata una degenerazione della stessa, in cui l'uomo si è allontanato dalla relazione che aveva con Dio.

11. Il Dr. Custance fa il punto dell'esame della storia delle civiltà antiche da parte dei primi studiosi:

"...si trovarono davanti a un numero incredibile di dèi e dèe e di altre potenze spirituali minori che sembravano essere continuamente in guerra l'una con l'altra ed erano per la maggior parte estremamente distruttive."

Nello stesso contesto aggiunge:

"Mentre tavolette sempre più antiche venivano rinvenute e riportate alla luce, e le capacità di decifrarle aumentava, l'idea iniziale di un diffuso politeismo cominciò a sgretolarsi e ad essere rimpiazzata da qualcosa di più simile a una gerarchia di esseri spirituali organizzati in una sorta di corte con un unico Essere Supremo che le governava." (p. 3)


Il monoteismo ha preceduto il politeismo

12. Il Dr. Custance cita anche altri studiosi; ad esempio, cita Stephen Langdon di Oxford il quale scrisse (in Semitic Mythology, Vol. V, serie Amer., p.xviii):

"Può risultarmi difficile far accettare la conclusione che tanto nella religione dei Sumeri quanto in quella dei Semiti, il monoteismo ha preceduto il politeismo..."

13. Langdon sapeva bene che le sue conclusioni sarebbero state rigettate dall'estabilishment ateo. Egli continuò:

"La dimostrazione e i motivi per questa conclusione, così contraria alle idee attualmente accettate, sono state rese meticolosamente e con la percezione di un criticismo avverso. Si tratta, io credo, della conclusione della conoscenza e non di un audace preconcetto."

14. Langdon era convinto che il monoteismo aveva preceduto il politeismo. Egli precisò questo punto molto chiaramente:

"E' mia opinione che la storia delle più antiche civilizzazioni umane sia un rapido declino dal monoteismo a un politeismo estremo e al culto diffuso di spiriti demoniaci. E' in un senso molto reale la storia della caduta dell'uomo."

15. Langdon continuò a sostenere quest'idea, e lo presentò nuovamente, cinque anni dopo (in The Scotsman) scrivendo:

"La storia della religione Sumera, che costituiva la più potente influenza culturale nel mondo antico, poteva essere tracciata mediante iscrizioni fotografiche fin quasi ai primissimi concetti religiosi dell'uomo. Le prove puntano inequivocabilmente a un monoteismo originario; le iscrizioni e i resti letterari delle più antiche popolazioni Semite indicano anche un monoteismo primitivo, e dunque l'origine totemica delle varie religioni Semitiche e di quella Ebraica è ora interamente screditata."

segue (seconda parte)
Lucio P. is offline  
Vecchio 18-04-2007, 13.51.29   #34
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Torino, 18/04/07 (seconda parte)


Il culto di un solo Dio

16. Non tutti gli studiosi hanno accettato queste conclusioni, poiché si oppongono alle idee dell'estabilishment sull'evoluzione della religione. Comunque, rispondendo alle argomentazioni contrarie, il Dr. Custance ha dimostrato che nuovi scavi a Tell Asmar (Eshnunna), qualche miglio a sud della moderna Bagdad, hanno confermato le conclusioni di Langdon.

17. Il Dr. Custance cita anche altri studiosi. Uno è il Dr. Henry Frankfort, sul suo terzo referto preliminare sugli scavi:

"Oltre ai risultati più tangibili, i nostri scavi hanno dimostrato un fatto nuovo, di cui gli studenti delle religioni babilonesi dovranno da ora in poi tenere conto. Abbiamo ottenuto, per la prima volta per quanto ne sappiamo, materiale religioso completo nella sua installazione sociale.

Possediamo una quantità coerente di prove, drivate in quantità quasi uguali da un tempio e dalle case abitate da quelli che adoravano in quel tempio. Siamo così in grado di trarre conclusioni, che non sarebbe stato possibile trarre studiando i ritrovamenti da soli.

Ad esempio, abbiamo scoperto che le rappresentazioni sui sigilli dei cilindri, che sono solitamente collegati a vari dèi, possono invece essere tutti fatti rientrare in un quadro coerente in cui un singolo dio è adorato in questo tempio e forma la figura centrale. Sembra, pertanto, che a questo punto i suoi vari attributi non venivano considerati come divinità separate nel panteon Sumero-Accadiano."

18. Queste conclusioni circa un antico monoteismo sono vere anche per altre culture. Il Dr. Custance cita da Max Muller, uno studioso tedesco che era "tra le autorità più conosciute di quest'area". In Lectures on the Science of Language, Muller scriveva:

"La mitologia, che era la rovina del mondo antico, è in realtà una malattia del linguaggio. Un mito è una parola, ma una parola che, dall'essere un nome o un attributo, è passata a ricevere un'esistenza sostanziale. La maggior parte degli dèi pagani dei greci, dei romani, degli indù e di altri popoli, non sono altro che nomi poetici, cui gradualmente fu permesso di assumere una personalità divina mai contemplata dai loro ideatori originari."

19. "Eos era il nome dell'alba prima che 'diventasse' una dea, la moglie di Tithonos, il declinare del giorno. Fatum, o Fato, indicava originariamente quello che era stato detto dalla divinità; significava che ciò che era stato detto da Giove non poteva essere cambiato - neanche da Giove stesso. In seguito, il Fato divenne una potenza autonoma, persino più grande di Giove stesso."

20. "Zeus originariamente era il cielo luminoso, in sanscrito "Dyaus". Molte storie parlavano di lui come del dio supremo, e avevano un significato solo nell'indicare il cielo luminoso, il Danae antico, conservato da suo padre nella prigione buia dell'inverno."

21. "Nessuno dubita che Luna era semplicemente il nome della luna; allo stesso modo del nome Lucina, anch'esso derivato da lucere, cioè brillare. Anche Ecate era un antico nome per la luna, il femminile di Ekatos e di Ekatebolos, il sole lontano; e Pirra, l'Eva dei Greci, non era altro che un nome per la terra rossa, e in particolare Tessalia.
La malattia mitologica, sebbene meno virulenta nelle lingue moderne, non è affatto estinta."

22. Il Dr. Custance afferma (p. 10): "Per quanto poco Muller abbia condiviso la visione Cristiana della storia spirituale dell'umanità, egli ha però ammesso liberamente:

"Vi è un monoteismo che precede il politeismo dei Veda; e anche nell'invocazione degli innumerevoli dèi, il ricordo di un Dio, uno e infinito, appare dietro alla nebbia della fraseologia idolatra come il cielo blu che è nascosto dalle nuvole che passano." (Citato da: Storia della Letteratura Sanscrita)"


Moderne tribù "primitive" così come i popoli antichi conoscono un solo Dio

23. Il Dr. Custance ha discusso del concetto di monoteismo in altre antiche culture. Lo spazio e il tempo ci impediscono di elaborarle tutte qui in dettaglio, ma egli lo ha fatto riguardo alla Cina, la Grecia, Roma, e il Medio Oriente (pp. 10-14).

24. Egli dichiara:

"Le prove dimostrano che l'uomo ha cominciato dalla vera Luce e oggi la sua comprensione è sempre più ottenebrata. La prova di ciò tra le popolazioni primitive si trova in ogni angolo del mondo dove popolazioni simili esistono ancora o sono esistite in tempi recenti. E paradossalmente scopriamo che spesso, più primitivi sono, più semplice e più pura è la loro fede."

Il Dr. Custance elabora queste argomentazioni con abbondanti prove, che toccano un ampio gruppo di popolazioni.


I gruppi più antichi avevano una maggiore conoscenza di un'unico Dio

25. Le cosiddette popolazioni primitive avevano quest'idea di un solo grande Dio. Sempre il Dr. Custance afferma:

"Senza dubbio la ricerca più interessante sul monoteismo dei popoli primitivi è quella di Wilhelm Schmidt. Sebbene l'opera consistesse originariamente di molti volumi in tedesco, nel 1930 fu pubblicata una traduzione in inglese condensata in un singolo volume." (Citato da: "The Origin and Growth of Religion: Facts and Theories", xvi, p. 302)

26. "Schmidt prima analizza la storia del pensiero sull'origine della religione e il suo sviluppo durante l'ultimo secolo. Egli indica brevemente che Herbert Spencer fu il primo a dare una interpretazione evoluzionistica della "religione", notando che in questo anticipò di sette anni Darwin, come dimostrato dal suo articolo, The Development Hypothesis, apparso in The Leader del 20 Marzo 1852."

27. "Sulla base delle prove attuali è ora chiaro che Spencer era completamente in errore. Spencer sosteneva che i popoli primitivi avevano cominciato ad adorare i loro antenati e che, mentre le civilizzazioni si sviluppavano, questi antenati si raggrupparono 'naturalmente' in gerarchie, le gerarchie divennero ranghi, e i ranghi più elevati furono considerati divinità."

28. E' dunque evidente che molti studiosi moderni sono in errore circa le loro idee sul monoteismo. E' venuto prima il monoteismo, non il politeismo. Il Dr. Custance sottolinea:

"Ciò che Schmidt prova conclusivamente è che se le culture primitive vengono raggruppate sulla base del loro livello culturale e questi gruppi vengono sistemati in ordine ascendente, si trova che i gruppi più in basso hanno il concetto più puro di Dio... dai meri cacciatori ai pastori nomadi, ai coltivatori... si scopre fin dall'inizio una fede in un Essere Supremo che non ha né moglie né famiglia."

29. "Sotto di Lui e creati da Lui c'è la prima coppia da cui discende la tribù. Secondo Schmidt troviamo questa forma di credenza tra i Pigmei dell'Africa Centrale, gli Australiani del sud-est, gli abitanti del centro-nord della California, i primitivi Algonkins, ed entro certi limiti anche i Koryaka e gli Aimu."

30. "La falsità delle teorie di Spencer è qui dimostrata dal fatto che il culto degli antenati è sviluppato molto debolmente nelle più antiche culture, mentre una religione monoteistica vi si trova già in modo chiaro e inequivocabile...
Purtroppo per la teoria di Spencer, va inoltre considerato che il più alto sviluppo del culto degli antenati non si è avuto fino ai tempi più recenti..." (Schmidt, op.cit., p. 71)

31. In quanto all'animismo, si suppone che esso si sia sviluppato dall'idea che l'uomo ha un'anima, e che perciò tutte le cose viventi (incluse le piante) avrebbero un'anima o almeno una "realtà interiore". Così, teoricamente, l'uomo si sarebbe mosso lungo un percorso evoluzionistico dal credere che l'intero mondo degli spiriti era personale - arrivando all'animismo e al poli-demonismo (e al timore di demoni che andavano placati).
Le prove oggi disponibili dai reperti storici che sono stati rinvenuti, non supporta quest'ipotesi così palesemente contraria al resoconto Biblico di un unico grande Dio che creò l'uomo a Sua immagine.

32. Nonostante i molti punti di vista contrari, le prove storiche e di altro tipo rigettano l'animismo come la religione "originaria", e indicano che il popolo Giudeo e altri oltre ai Cristiani hanno conosciuto l'unico e vero Dio.

33. Questa posizione è confermata anche dagli studi di uno scrittore moderno, Don Richardson. Nel suo libro "Eternity In Their Hearts" (ed. Regal Books, 1981), egli sfida la conclusione di studiosi come Huxley, Spencer, Tylor e altri:
Lucio P. is offline  
Vecchio 18-04-2007, 13.53.05   #35
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Torino, 18/04/07 (terza e ultima)

"Costoro avevano appassionatamente ridimensionato ogni pretesa sulle origini soprannaturali della religione. La religione, affermavano essi, si è evoluta mentalmente proprio come le forme biologiche si sono evolute fisicamente.

Ma intanto, nel deserto Kalahari, nella foresta Ituri, e in mille altri luoghi, alcuni giovani antropologi stavano arrivando a interrogativi più profondi. Cominciarono a chiedere agli animisti: 'Cosa ne pensate, chi ha fatto il mondo?', ed erano sconvolti dal sentirsi rispondere, spesso con un sorriso felice, il nome di un unico Essere supremo che viveva in cielo.

'E' buono o cattivo?', era la consueta seconda domanda. "Buono, ovviamente", era immancabilmente la risposta.
"Mostratemi l'idolo che usate per rappresentarlo", chiedevano i ricercatori. Al che essi rispondevano: "Quale idolo? Non sapete che Lui non deve mai essere rappresentato con un idolo?"."

34. Questo naturalmente contrasta con le idee che molti studiosi moderni si sono fatti. Ma, come Richardson dice:

"Cominciarono a scoprire quello che migliaia di missionari avevano già scoperto per un centinaio di anni - che circa il 90% delle religioni popolari sono permeate da presupposizioni monoteistiche.

Essi sapevano, naturalmente, che Huxley, Tylor e gli altri ne sarebbero stati delusi, per non dire imbarazzati. Alcuni ricercatori possono aver archiviato questo aspetto della loro ricerca per evitare di mettere in imbarazzo i loro "gran sacerdoti" della scienza. E in ogni caso, queste rivelazioni successive non trovarono posto nei primi libri di testo. Risultato: l'antropologia e il pubblico svilupparono un "punto cieco" collettivo! Andrew Lang rimase da solo a protestare contro la soppressione di questi dati contraddittori."

35. "Finalmente, nel 1920 il Dr. Wilhelm Schmidt, un austriaco, decise di compilare un elenco di "nomi dell'Onnipotente" che i ricercatori avevano scoperto in giro per il mondo.
Schmidt si accorse con stupore che furono necessari 6 volumi per un totale di 4500 pagine per riportarli tutti! E da allora ne sono venuti alla luce ancora un altro migliaio.
Probabilmente più del 90% delle religioni popolari del nostro pianeta contengono un chiaro riconoscimento dell'esistenza di un Dio Supremo! Il classico "Der Ursprung der Gottesidee" (Le origini del concetto di Dio) di Schmidt fu infine pubblicato nel 1934."

36. "In esso egli rende omaggio a Andrew Lang prima di lui per aver - secondo le parole dell'antropologo Gordon Fraser - 'fatto conoscere al pubblico i fatti, in un tempo in cui era quasi un suicidio intellettuale osare opporsi alla dottrina dell'evoluzione e ai suoi gran sacerdoti'. Fraser stesso, oggi 82enne, ha passato gran parte della sua vita espandendo la ricerca di Lang e Schmidt. La trattazione completa di G. Foucart sul soggetto nell'Encyclopedia of Religion and Ethics conferma la conclusione di questi tre uomini:

"La natura, il ruolo, e le caratteristiche di questo 'dio del cielo' universale può essere nascosta sotto le forme più diverse, ma egli è sempre riconoscibile in modo più o meno chiaro dagli storici delle religioni e sempre identico nella sua definizione essenziale... Il 'dio del cielo' ha regnato ovunque. Il suo regno copre ancora l'intero mondo civilizzato. Nessun motivo storico o proto-storico può essere assegnato come causa, né possono la migrazione delle razze o la diffusione dei miti e del folclore offrire la pur minima giustificazione dei fatti. L'universalità del 'dio del cielo' e l'uniformità delle sue caratteristiche essenziali sono la conseguenza logica dell'uniformità del sistema primitivo della cosmogonia."

37. Il Re Salomone lo disse in modo molto più conciso: "Dio ha perfino messo nei cuori degli uomini il pensiero dell'eternità"! (Ecclesiaste 3:11)

38. Richardson elabora i dati di tribù dopo tribù, dimostrando che c'erano inni la cui teologia era chiaramente coerente con la fede in un unico vero Dio. Eccone una selezione, dal popolo Karen di Burma:

"Y'wa è eterno, la sua vita è lunga.
Un eone - egli non muore!
Due eoni - egli non muore!
Egli è perfetto nei suoi attributi meritori.
Gli eoni passano - ma egli non muore!"

39. Queste persone si riferivano a Lui chiaramente come al Creatore. Un altro inno lo esaltava come tale:

"Chi ha creato il mondo al principio?
Y'wa ha creato il mondo al principio?
Y'wa ha stabilito ogni cosa.
Y'wa è imperscrutabile!"

40. Un altro inno ringrazia il Dio unico per la sua onnipotenza e onniscienza, pur riconoscendo una mancanza di relazione con Lui:

"L'onnipotente è Y'wa; in Lui non abbiamo creduto.
Y'wa creò l'uomo nei tempi antichi;
Egli ha una conoscenza perfetta di tutte le cose!
Y'wa creò l'uomo nei tempi antichi;
Egli sa tutte le cose del tempo presente!
O figli miei e nipoti!
La terra è il luogo dove Y'wa cammina.
E il cielo è il luogo dove Lui siede.
Egli vede tutte le cose, e noi siamo manifesti a Lui."

41. Sembra quasi che queste persone conoscessero la narrazione della Bibbia sulla creazione. Richardson afferma:

"La storia della caduta dell'uomo e del suo allontanamento da Dio secondo i Karen contiene paralleli incredibili con il capitolo 1 del libro della Genesi:

Y'wa formò il mondo in principio.
Egli stabilì da mangiare e da bere.
Egli stabilì il "frutto della prova".
Egli diede ordine dettagliato.
Mu-kaw-lee ingannò due persone.
Lui gli fece mangiare il frutto dell'albero della prova.
Loro non ubbidirono; loro non credettero a Y'wa ...
Quando mangiarono il frutto della prova,
Essi divennero soggetti alla malattia, all'invecchiamento, e alla morte ..."

Le persone appartenenti al popolo Karen avevano "testardamente seguito la loro religione popolare nonostante gli incessanti tentativi dei birmani di farli diventare Buddisti"... ed essi aspettavano l'arrivo di un fratello bianco da tempi immemorabili, uno che gli avrebbe portato un Libro il cui autore era Y'wa il Dio supremo.

42. Richardson ha riportato molte altre notizie. I suoi scritti dovrebbero essere considerati in ogni seminario teologico e in ogni college biblico! Egli ha anche dimostrato come il termine greco Deos (Dio) ha attraversato alterazioni di pronuncia e alterazioni geografiche, diventando Deos in un'area, Deus in un'altra, e Theos in una terza area. Bastò un ulteriore passo per arrivare a Zeus, un "grande dio" della mitologia greca. I significati gradualmente cambiarono, ma il concetto originario può essere prontamente tracciato alla stessa fonte.

43. Richardson cita diverse famose autorità secolari per evidenziare come queste scoperte hanno "turbato gli evoluzionisti più di qualunque altro fenomeno culturale". Essi non capiscono perché "dei bigotti ignoranti eppur dotati di spirito pratico, possano insistere così fermamente che esiste un Dio vero che è il Creatore dell'umanità".

44. La teoria evoluzionistica si aggrappa all'idea che al concetto di un solo Essere Supremo si sia arrivati solo dopo essere passati, nel tempo, dalle credenze in dèi inferiori, feticci, e politeismo. Ora essi scoprono che le cosiddette tribù "primitive" hanno idee avanzate circa l'unico vero Dio - e dunque sul monoteismo!

Ciò è stato imbarazzante per gli atei, che rigettano il concetto di un unico vero Dio:

"Gli evoluzionisti, spiega Andrew Lang, sentivano che l'uomo non avrebbe mai postulato una gerarchia di dei, ad esempio, fino a quando ciò non gli fosse stato suggerito da un'analogia terrena - il sorgere di un'aristocrazia nella società umana! Neppure, essi dicevano, l'uomo avrebbe potuto "sognarsi" un Dio supremo, prima dell'evoluzione di un concetto chiamato monarchia nel governo umano! Dato che aristocrazie e monarchie non si trovano nelle cosiddette società "primitive", la teoria degli evoluzionisti ne usciva ridicolizzata, se le culture più semplici ovunque nel mondo si dimostravano piene di concetti altamente sviluppati di un Dio Supremo. E questo è esattamente ciò che queste culture "più semplici" hanno fatto, a migliaia!"

45. Un'ultima citazione da Richardson:

"Ancora oggi, se chiedete agli antropologi secolari di commentare le origini e il significato delle presupposizioni monoteistiche nelle migliaia di religioni popolari, la loro risposta solitamente sarà: "Non sappiamo come il concetto abbia avuto origine né quale significato possa avere".

Interessante! Ogni qualvolta le cosiddette menti "scientifiche" pensano di avere le prove per negare l'esistenza di Dio, non aspettano di trovare prove solide ma corrono subito a strombazzare - come fece Huxley - le implicazioni anti-religiose di quelle prove davanti al pubblico. Ma non appena una di quelle menti "scientifiche" si trovano davanti a qualcosa che dimostra l'esistenza di Dio, si applicano immediatamente a cercare una minima incoerenza nel discorso e la usano per giustificare il loro rigetto in blocco di tutte le prove."

Grazie a Dio per il racconto ispirato della creazione - nel Libro di Dio, la Bibbia!
Lucio P. is offline  
Vecchio 18-04-2007, 15.53.22   #36
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Caro Lucio,

inizio davvero ad essere esasperato. Buttarsi in rete e scovare qualche articolo che ci dia ragione senza capire che la ricerca seria dice tutt’altro inizia ad essere un’abitudine troppo diffusa e soprattutto assai dannosa.

Il consenso su Genesi è quanto mai uniforme nel mondo della ricerca antichistica. Di singoli fideisti che sparano sentenze per avvalorare la propria convinzione religiosa ce ne saranno sempre, ma proprio per questo la ricerca e il consenso non lo fanno i singoli ma l’intero mondo scientifico.

Il tizio che hai citato non lo conosco, allora ho cercato chi fosse ed ho trovato delle frasi di costui che la dicono lunga sul suo approccio, ne riporto una su tutti:

“Poco tempo fa stavo leggendo un libro che è forse il migliore oggi disponibile per un determinato periodo di tempo della storia antica. Ero deliziato fino a che non trovai un riferimento ai miti della creazione e dell'inondazione. Il mio piacere si trasformò in tristezza. I capitoli iniziali della genesi sono storia effettiva

Ora siccome questa posizione è quella dei fondamentalisti biblici specie americani (ma ultimamente anche in Italia sono in aumento), che è in netto contrasto con tutta la ricerca mondiale dell’ultimo secolo, credo che siamo di fronte ancora una volta a qualcosa di molto poco serio. Come si fa ancora oggi a ritenere letteralmente storica la Genesi biblica quando anche un liceale si può rendere conto delle castronerie e illogicità di quel testo ? Come si fa a non scorgere almeno due (in realtà sono 4 racconto Sacerdotale, Jahvista, Elohista, Deuteronomico [JEDP]) racconti diversi che dopo un lavoro redazionale sono stati in qualche modo amalgamati e unificati ?

Ancora una volta non chiedo di credere a me che sono nessuno, ma di mettere un piedino in qualunque dipartimento di antichistica o acquistare un qualunque manuale universitario sul tema e si avranno le conferme alle mie parole.

Ora posterò un breve articoletto riassuntivo quindi molto generico, tratto dal dipartimento di Scienze dell’antichità dell’università di Trieste (http://www.univ.trieste.it/strutture...strutture/3400)

IPOTESI DI WELLHAUSEN:
4 documenti scritti
1) documento Jahvista (J)
2) documento Elohista (E)
3) codice Deuteronomico (D) (epoca del Re Giosia), in cui prevale l’idea dell’unicità di Dio e del luogo di culto
4) codice Sacerdotale (P)
Dopo il 722 a.C. (distruzione del Regno del Nord, caduta di Samaria, invasione ad opera degli Assiri), secondo Wellhausen i codici J ed E si unirebbero: Codice "JEhovista".
[….]

Le ricerche degli ultimi decenni:
Nel corso degli ultimi 20 anni sono stati "scoperti" vari documenti delle civiltà che circondavano Israele:
si tratta di:
poemi
liste di cibi
liste di materiali
varie
incisi con uno stilo su panetti di argilla: per essere conservate, queste tavolette venivano avvolte in tela di sacco e spruzzate regolarmente da uno schiavo con acqua. In seguito, l’argilla veniva cotta, e si preparava un calco in cera o gesso o, a sbalzo, su lamina d’argento, per "stampare".
Le tavolette che ci sono pervenute si sono salvate indurendosi grazie agli stessi incendi che hanno distrutto gli edifici in cui erano conservate.
Questo è avvenuto nelle città di Ebla (la più antica di cui si sia a conoscenza, ca. 2300 a.C.), di Ninive, di Babilonia, Ur…
Queste scritture cuneiformi hanno richiesto circa 70 anni per essere decifrate.
Dalla lettura di questi testi sono risultate molte coincidenze tra i miti di Israele e quelli delle civiltà che avevano vissuto o ancora vivevano nella stessa zona:
Sumeri, Babilonesi, abitanti di Ninive… E’ come se le stesse leggende fossero passate di popolo in popolo, cambiando ad ogni passaggio i nomi dei protagonisti ed alcuni dettagli.
Elementi che ritornano nei vari racconti:
-il diluvio universale mandato dagli dei e l’arca come mezzo di salvataggio per uomini, animali e piante
-l’albero della vita
-la discesa agli inferi
-il ramoscello che indica l’immortalità…
Naturalmente non ci sono mai passi identici a quelli biblici, ma le similarità sono troppe perché si possa dire che non ci sono collegamenti.

Storie e poemi:
Enumaelish
Gilgamesh
Dagli studi sui documenti dell’antico Egitto ci sono pervenuti inoltre inni e riflessioni sulle origini del mondo.
Contestualizzazione del testo
Incrociamo i due tipi di studio: con le recenti scoperte archeologiche è stato possibile studiare le forme letterarie dell’Egitto e della Siria; se in precedenza l’unico testo a disposizione era la Bibbia, ora abbiamo a disposizione il contesto in cui i fatti riguardanti la storia del popolo Ebraico sono avvenuti, e anche il contesto letterario e mitologico in mezzo al quale è nato il racconto della Genesi.

Come viene studiata la produzione del testo oggi?
Oggi, nello studio del Pentateuco, non si considerano tanto le fonti quanto
il lavoro di redazione: identifichiamo 2 o, più probabilmente,
3 strati redazionali:
1) Deuteronomista (RD)
2. Sacerdotale (RP)
3. "Codice di Santità" (RH), che tenta una sintesi tra redazione D e
redazione P
L’attenzione è in ogni caso riservata alla forma definitiva del testo: non è un’accozzaglia disordinata di frammenti da fonti diverse: è un’insieme elaborato a lungo e, una volta considerato compiuto, tramandato nei secoli. Questo vuol dire che ha un significato particolare proprio nella sua sistemazione definitiva. La domanda, a questo punto, è: qual è questo significato?
Cosa cercare nel testo, come leggerlo:
Per alcuni i racconti delle mitologie sono soltanto delle favole; altri hanno tentato la via del concordismo: hanno cercato, cioè, delle coincidenze possibili con le spiegazioni scientifiche dell’origine dell’universo, del tempo, etc.
Ma in realtà
NON E’ POSSIBILE CERCARE PARALLELISMI O COMPROMESSI CON LA SCIENZA: CHI HA SCRITTO QUESTI TESTI NON VUOLE INSEGNARE COME E’ FATTO L’UNIVERSO, E BASA LA SUA DESCRIZIONE SEMPLICEMENTE SULLA CREDENZA DIFFUSA NEL PERIODO IN CUI VIVE!"




Infine se si vuole un esempio eclatante di adozione da parte del popolo ebraico di miti più antichi appartenuti ad altre culture, si legga a questo link l’epopea di gilgamesh:

http://www.homolaicus.com/storia/ant.../tavola_11.htm

Si può notare che il racconto del diluvio con tanto di Arca e di animali è pressoché identico a quello biblico !!


Saluti
Andrea
spirito!libero is offline  
Vecchio 18-04-2007, 17.47.32   #37
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Citazione:
Originalmente inviato da spirito!libero
Caro Lucio,

inizio davvero ad essere esasperato. Buttarsi in rete e scovare qualche articolo che ci dia ragione senza capire che la ricerca seria dice tutt’altro inizia ad essere un’abitudine troppo diffusa e soprattutto assai dannosa.

Il consenso su Genesi è quanto mai uniforme nel mondo della ricerca antichistica. Di singoli fideisti che sparano sentenze per avvalorare la propria convinzione religiosa ce ne saranno sempre, ma proprio per questo la ricerca e il consenso non lo fanno i singoli ma l’intero mondo scientifico.

Il tizio che hai citato non lo conosco, allora ho cercato chi fosse ed ho trovato delle frasi di costui che la dicono lunga sul suo approccio, ne riporto una su tutti:

“Poco tempo fa stavo leggendo un libro che è forse il migliore oggi disponibile per un determinato periodo di tempo della storia antica. Ero deliziato fino a che non trovai un riferimento ai miti della creazione e dell'inondazione. Il mio piacere si trasformò in tristezza. I capitoli iniziali della genesi sono storia effettiva

Ora siccome questa posizione è quella dei fondamentalisti biblici specie americani (ma ultimamente anche in Italia sono in aumento), che è in netto contrasto con tutta la ricerca mondiale dell’ultimo secolo, credo che siamo di fronte ancora una volta a qualcosa di molto poco serio. Come si fa ancora oggi a ritenere letteralmente storica la Genesi biblica quando anche un liceale si può rendere conto delle castronerie e illogicità di quel testo ? Come si fa a non scorgere almeno due (in realtà sono 4 racconto Sacerdotale, Jahvista, Elohista, Deuteronomico [JEDP]) racconti diversi che dopo un lavoro redazionale sono stati in qualche modo amalgamati e unificati ?

Ancora una volta non chiedo di credere a me che sono nessuno, ma di mettere un piedino in qualunque dipartimento di antichistica o acquistare un qualunque manuale universitario sul tema e si avranno le conferme alle mie parole.

Ora posterò un breve articoletto riassuntivo quindi molto generico, tratto dal dipartimento di Scienze dell’antichità dell’università di Trieste (http://www.univ.trieste.it/strutture...strutture/3400)

IPOTESI DI WELLHAUSEN:
4 documenti scritti
1) documento Jahvista (J)
2) documento Elohista (E)
3) codice Deuteronomico (D) (epoca del Re Giosia), in cui prevale l’idea dell’unicità di Dio e del luogo di culto
4) codice Sacerdotale (P)
Dopo il 722 a.C. (distruzione del Regno del Nord, caduta di Samaria, invasione ad opera degli Assiri), secondo Wellhausen i codici J ed E si unirebbero: Codice "JEhovista".
[….]

Le ricerche degli ultimi decenni:
Nel corso degli ultimi 20 anni sono stati "scoperti" vari documenti delle civiltà che circondavano Israele:
si tratta di:
poemi
liste di cibi
liste di materiali
varie
incisi con uno stilo su panetti di argilla: per essere conservate, queste tavolette venivano avvolte in tela di sacco e spruzzate regolarmente da uno schiavo con acqua. In seguito, l’argilla veniva cotta, e si preparava un calco in cera o gesso o, a sbalzo, su lamina d’argento, per "stampare".
Le tavolette che ci sono pervenute si sono salvate indurendosi grazie agli stessi incendi che hanno distrutto gli edifici in cui erano conservate.
Questo è avvenuto nelle città di Ebla (la più antica di cui si sia a conoscenza, ca. 2300 a.C.), di Ninive, di Babilonia, Ur…
Queste scritture cuneiformi hanno richiesto circa 70 anni per essere decifrate.
Dalla lettura di questi testi sono risultate molte coincidenze tra i miti di Israele e quelli delle civiltà che avevano vissuto o ancora vivevano nella stessa zona:
Sumeri, Babilonesi, abitanti di Ninive… E’ come se le stesse leggende fossero passate di popolo in popolo, cambiando ad ogni passaggio i nomi dei protagonisti ed alcuni dettagli.
Elementi che ritornano nei vari racconti:
-il diluvio universale mandato dagli dei e l’arca come mezzo di salvataggio per uomini, animali e piante
-l’albero della vita
-la discesa agli inferi
-il ramoscello che indica l’immortalità…
Naturalmente non ci sono mai passi identici a quelli biblici, ma le similarità sono troppe perché si possa dire che non ci sono collegamenti.

Storie e poemi:
Enumaelish
Gilgamesh
Dagli studi sui documenti dell’antico Egitto ci sono pervenuti inoltre inni e riflessioni sulle origini del mondo.
Contestualizzazione del testo
Incrociamo i due tipi di studio: con le recenti scoperte archeologiche è stato possibile studiare le forme letterarie dell’Egitto e della Siria; se in precedenza l’unico testo a disposizione era la Bibbia, ora abbiamo a disposizione il contesto in cui i fatti riguardanti la storia del popolo Ebraico sono avvenuti, e anche il contesto letterario e mitologico in mezzo al quale è nato il racconto della Genesi.

Come viene studiata la produzione del testo oggi?
Oggi, nello studio del Pentateuco, non si considerano tanto le fonti quanto
il lavoro di redazione: identifichiamo 2 o, più probabilmente,
3 strati redazionali:
1) Deuteronomista (RD)
2. Sacerdotale (RP)
3. "Codice di Santità" (RH), che tenta una sintesi tra redazione D e
redazione P
L’attenzione è in ogni caso riservata alla forma definitiva del testo: non è un’accozzaglia disordinata di frammenti da fonti diverse: è un’insieme elaborato a lungo e, una volta considerato compiuto, tramandato nei secoli. Questo vuol dire che ha un significato particolare proprio nella sua sistemazione definitiva. La domanda, a questo punto, è: qual è questo significato?
Cosa cercare nel testo, come leggerlo:
Per alcuni i racconti delle mitologie sono soltanto delle favole; altri hanno tentato la via del concordismo: hanno cercato, cioè, delle coincidenze possibili con le spiegazioni scientifiche dell’origine dell’universo, del tempo, etc.
Ma in realtà
NON E’ POSSIBILE CERCARE PARALLELISMI O COMPROMESSI CON LA SCIENZA: CHI HA SCRITTO QUESTI TESTI NON VUOLE INSEGNARE COME E’ FATTO L’UNIVERSO, E BASA LA SUA DESCRIZIONE SEMPLICEMENTE SULLA CREDENZA DIFFUSA NEL PERIODO IN CUI VIVE!"




Infine se si vuole un esempio eclatante di adozione da parte del popolo ebraico di miti più antichi appartenuti ad altre culture, si legga a questo link l’epopea di gilgamesh:

http://www.homolaicus.com/storia/ant.../tavola_11.htm

Si può notare che il racconto del diluvio con tanto di Arca e di animali è pressoché identico a quello biblico !!


Saluti
Andrea


(http://www.univ.trieste.it/strutture...strutture/3400)

IPOTESI DI WELLHAUSEN: Sono andato a link da te proposto ma non ho trovato quanto hai postato. Vorresti essere così gentile di mostrarmi dove e a che voce reperire quanto hai scritto? Grazie

Solo una puntualizzazione: Perchè non prendiamo internet e lo buttiamo via? Io ho posto al vaglio del forum l'articolo da me reperito, se poi tu ritieni che questa persona "Dr. Clifford Wilson, M.A., B.D., M.R.Ed., Ph.D.

(già direttore dell'Australian Institute of Archaeology e
Presidente fondatore del Pacific College Of Graduate Studies)" Sia un emerito sconosciuto e dici anche di aver trovato degli scritti di questa persona (fondamentalista) mi dici anche dove hai reperito questi scritti?

Che l'ipotesi creazionista stia prendendo quota, non vuole forse dire che molti studi del passato stanno perdendo di credibilità?
Lucio P. is offline  
Vecchio 18-04-2007, 17.50.25   #38
hetman
Credente Bahá'í
 
L'avatar di hetman
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 447
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Ciao Lucio

Innanzi tutto Ti ringrazio per aver postato quest'interessante studio, che cercherò di elaborare personalmente e solamente con le mie limitate facoltà intellettive di povero mortal ignorante credente del 2007
Punti toccati nello studio:
1 - Anche gli altri popoli erano monoteisti
2 - Il monoteismo ha preceduto il politeismo
3 - Il culto di un solo Dio
4 - Moderne tribù "primitive" così come i popoli antichi conoscono un solo Dio
5 - I gruppi più antichi avevano una maggiore conoscenza di un'unico Dio

Vediamo ora di Capire in quale passo si parla di TRINITA', mi sarà sfuggito, me misero.

Da che epoca parte il tanto approfondito STUDIO? Prima o dopo NOE'?

Se si parte dalla Creazione di ADAMO, dopo la cacciata dal "Paradiso Terrestre", non può esistere "Poligamia" inquanto essendo Adamo ed Eva unici esseri viventi della specie UMANA, essendo essi stati a contatto diretto con Dio, non potevano non essere Monoteisti avendolo conosciuto (asserisco ciò da Credente).

Se si parte dopo Noè, logica vorrebbe che esisterebbe sulla terra solo Noè e la Sua famiglia, tutti monoteisti (asserisco ciò da Credente).

A questo punto, da credente, l'intero studio è stato analizzato e digerito.
Per il VERO, non c'era bisogno di riempire 3 post di copia e incolla, bastava inserire il link, un link che del resto ho già memorizzato nei segnalibri e che tutti i visitatori da buoni ricercatori avrebbero sicuramente consultato.

Ma, i successivi "POLITEISMI", prima e dopo Noè, da dove nascono? Perchè, rispondendo a questa domanda, avremo la risposta alla TRINITA'.
Ricordo a Te e a tutti di leggere il primo post del 3d "Trinità (visione umana della divinità)" che mi sembra chiara ed indicativa dei motivi per cui si passa dal Monoteismo iniziale al successivo Politeismo in una catena ininterrotta, direi VICHIANA, di corsi e ricorsi storici (non copio ed incollo per rispetto).

Ultima cosa, Lucio per favore posta, almeno una volta, qualcosa che esce esclusivamente dal Tuo illuminato cuore, almeno una Tua piccola frase di accettazione o meno di quel che a piene mani estrapoli dal sito a Te così familiare e caro, dal titolo fino ai saluti finali non vi è una virgola fuori posto.

Trinità, invenzione umana.
hetman is offline  
Vecchio 18-04-2007, 19.10.56   #39
Frasesia
Ospite abituale
 
L'avatar di Frasesia
 
Data registrazione: 07-02-2006
Messaggi: 140
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

vedo che siete molto preparati in materia....il mio intervento può attendere....bye bye...un saluto!
Frasesia is offline  
Vecchio 18-04-2007, 22.42.22   #40
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Trinità..invenzione...o....pre sa di coscienza..

Citazione:
Originalmente inviato da hetman
Ciao Lucio

Innanzi tutto Ti ringrazio per aver postato quest'interessante studio, che cercherò di elaborare personalmente e solamente con le mie limitate facoltà intellettive di povero mortal ignorante credente del 2007
Punti toccati nello studio:
1 - Anche gli altri popoli erano monoteisti
2 - Il monoteismo ha preceduto il politeismo
3 - Il culto di un solo Dio
4 - Moderne tribù "primitive" così come i popoli antichi conoscono un solo Dio
5 - I gruppi più antichi avevano una maggiore conoscenza di un'unico Dio

Vediamo ora di Capire in quale passo si parla di TRINITA', mi sarà sfuggito, me misero.

Da che epoca parte il tanto approfondito STUDIO? Prima o dopo NOE'?

Se si parte dalla Creazione di ADAMO, dopo la cacciata dal "Paradiso Terrestre", non può esistere "Poligamia" inquanto essendo Adamo ed Eva unici esseri viventi della specie UMANA, essendo essi stati a contatto diretto con Dio, non potevano non essere Monoteisti avendolo conosciuto (asserisco ciò da Credente).

Se si parte dopo Noè, logica vorrebbe che esisterebbe sulla terra solo Noè e la Sua famiglia, tutti monoteisti (asserisco ciò da Credente).

A questo punto, da credente, l'intero studio è stato analizzato e digerito.
Per il VERO, non c'era bisogno di riempire 3 post di copia e incolla, bastava inserire il link, un link che del resto ho già memorizzato nei segnalibri e che tutti i visitatori da buoni ricercatori avrebbero sicuramente consultato.

Ma, i successivi "POLITEISMI", prima e dopo Noè, da dove nascono? Perchè, rispondendo a questa domanda, avremo la risposta alla TRINITA'.
Ricordo a Te e a tutti di leggere il primo post del 3d "Trinità (visione umana della divinità)" che mi sembra chiara ed indicativa dei motivi per cui si passa dal Monoteismo iniziale al successivo Politeismo in una catena ininterrotta, direi VICHIANA, di corsi e ricorsi storici (non copio ed incollo per rispetto).

Ultima cosa, Lucio per favore posta, almeno una volta, qualcosa che esce esclusivamente dal Tuo illuminato cuore, almeno una Tua piccola frase di accettazione o meno di quel che a piene mani estrapoli dal sito a Te così familiare e caro, dal titolo fino ai saluti finali non vi è una virgola fuori posto.

Trinità, invenzione umana.



Pietro
Ultima cosa, Lucio per favore posta, almeno una volta, qualcosa che esce esclusivamente dal Tuo illuminato cuore, almeno una Tua piccola frase di accettazione o meno di quel che a piene mani estrapoli dal sito a Te così familiare e caro, dal titolo fino ai saluti finali non vi è una virgola fuori posto.


Lucio
Ciao Pietro, è proprio vero che le religioni dividono. Cosa devo risponderti? Tu e la tua fede baha'ì che tanto cerchi di portare avanti con il tuo "sapere" non fa altro che continuare a punzecchiare l'altrui prossimo. E' questo l'amore di cui ti fai tanto accoratamente portavoce?

Riguardo al mio scrivere ti ho già risposto anche di mio; oltre ad averti già spiegato il senso degli scritti che traggo dai vari siti. Ma a quanto pare non riesci nemmeno a distinguere il mio parlare da quello altrui. Che dirti: Credo proprio che con te ho finito di dialogare in questo forum e anche altrove.
Ciao e pace sia con te
Lucio P. is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it