Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 23-05-2007, 11.24.02   #1
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Exclamation Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

Avrei una domanda da discutere con spiegazione filosofica, iniziamo dal principio.
Guardando i fondamenti dell'umanità osserviamo che l'uomo ad un certo punto arriva a porsi delle domande, domande alle quali non sa rispondere e cerca una risposta per esse plausibili.
Parlando in maniera freudiana l'uomo come risolve tutto questo? Semplice, "inventa" Dio; un punto di riferimento che soddisfa nell'uomo i suoi pensieri e misteri più arcani.
Si parla però sempre di Dei/Dio buoni/o nessuna civiltà infatti, attraverso le attuali testimonianze storiche ha mai adorato una dività di suo principio malvagia ( si escludono quindi i casi come quelli degli Aztechi per cui le loro divinità, si richiedevano sacrifici umani, ma erano comunque divinità di "matrice" buona dato che non volevano portare i loro credenti verso l'autodistruzione).
Eppure lavorano a mente fredda è possibile costruire un corpus divino consistente di natura prettamente malvagia, per cui i credenti hanno vantaggi a scapito degli infedeli alla nostra ipotetica divinità (tralasciando sette esoteriche e possibili anticristi, i quali non costituiscono un verso e proprio corpus divino nel senso cleassico dei termini, richiedo infatti u na spiegazione teoretica non anticrstiana).
Dopotutto se si considera che l'Essere è tutto ciò che è bene, saggezza ordine e perfezione si può anche considerare nel caso in cui bene si trasmuta in male; poiche anche il male per sua natura di opposto al bene esigerà una sua forma di ordine, saggezza e perfezione.
Tralasciando che non è necessario che l'opposto di un sistema sia necessariamente l'opposto di ogni suo componente, difatti un ordine di tipo male non necessariamente deve esere caotico e stupido solo perchè il bene è rigore e saggezza (si può avere anche un bene caotico dopotutto).
Ricordo infine il caso Auschwitz che ha creato una frattura non indifferente in questo settore poichè per alcuni non si può più parlare di un Dio buno oppure onnipresente.
Mi rivolgo perciò a voi possibili interessati poichè dopotutto
la perversione umana ha varie forme, questa non è che una delle possibili di questa moltitudine.

Ultima modifica di trismegistus : 23-05-2007 alle ore 12.36.06.
trismegistus is offline  
Vecchio 24-05-2007, 01.38.10   #2
Crono80
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-05-2007
Messaggi: 189
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

ciao.

scnd me nn tanto l'ipotesi d un Dio malevolo ma i dati d fatto delle cruda realtà c portano ad intuire ke cmq nella terra esiste sia bene ke male e da qui ai problemi ke s hanno cn le spiegazioni religiose dei fatti.
Se il male esite, ed esiste ed esso nn è tutto imputabile al libero arbitrio (ammesso ke, al d là delle idee, esso sia possibile), come spiegarlo? se Dio ha creato tutto allora ha creato anke il male! Xkè? (nn parlo ripeto del male causato dall'uomo ma del "male" intrinseco nella natura...la legge della catena alimentare, il fenomeno della sofferenza, le nascite d bambini cn problemi mentali e fisici notevoli....).
Allora o Dio è cmq limitato nei suoi poteri dal male e il male è scaturito x qlke simmetria (inviolabile da Dio stesso) da Dio o il male ha cmq preso potere e s contende cn Dio le sorti dell'umanità....
illuminante però m sembra la spiegazione della bibbia ebraica (popolo attento alla storia e all'uomo ke (ispirazione divina o saggezza bella e buona) ha stilato un autorevole e scaltro manuale d sopravvivenza e d nobilitazione dell'uomo:la bibbia appunto) del fatto ke i primi uomini vivessero in un Eden in cui tutto era bene...è stata la pretesa dell'uomo alla conoscenza del bene e del male (l'albero della mela insomma) a portarlo in una condizione d essere cacciato dal paradiso e soggetto alle crudeltà d se stesso e della natura...
forse conditio sine qua non x apprezzare l'amore, la carità e il c.d. bene è quindi x l'uomo (a cui nn bastava la parola d Dio ma che cn diabolica e affascinante curiosità) è vivere in qsta realtà fatta anke d male...d redenzione, d dubbio sopratutto...
Ma cmq anke in qsto caso...io c vedo un Dio nn molto buono xkè se da un lato crea un uomo a sua ummagine e somiglianza dandogli la curiosità e la superbia e quindi l'intelligenza, dall'altro lato s dimostra ancor più superbo dell'uomo pretendendo da questi la fede cieca....

s potrebbe andare avanti ore...ma l'idea d Dio buono è un po' paradossale e fa nascere molti problemi ke io nn riesco a risolvere....mah.....

Altra idea è ke sia "Dio" che il "diavolo" siano emersi la notte dei tempi e che qndi nessuno sia stato creato dall'altro...e ora le due forze...qui sulla terra...statisticamente s compensino....e noi siamo in balia d bene e male...

nn saprei...ke domandoni difficili ke ponete!!!
Crono80 is offline  
Vecchio 24-05-2007, 09.33.08   #3
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

qualcuno interessato ... (a Crono80 )

Cito da Crono80 :

Allora o Dio è cmq limitato nei suoi poteri dal male e il male è scaturito x qlke simmetria (inviolabile da Dio stesso) da Dio o il male ha cmq preso potere e s contende cn Dio le sorti dell'umanità....


Questo è vero anche perchè data un'entità esiste la sua controparte di eguale forza tale che in un loro possibile scontro si annullino generando così una neutralità pura.


Volevo però sapere, come mai essendo Dio (visto sempre in maniera freudiana) un punto di riferimento che l'uomo si è creato, come mai essendo bene e male in linea teorica egualmente potenti (in modo che per equilibrio cosmico in uno scontro delle loro forze totali essi annullano) l'uomo scelse come riferimento il bene e e non il male?
Dopotutto la bramosia estrema, l'invidia, la sete di potere, il livore, o la stessa sete di potere non generano comunque la felicità del male?
Dopotutto la guerra e volontà di potenza sugli altri esseri umani sono sempre stati i due motori principali della "Ruota della Storia", affinché essa partisse dai popoli antichi per giungere fino a noi e probabilmente per andare oltre di noi.
trismegistus is offline  
Vecchio 24-05-2007, 22.07.49   #4
Crono80
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-05-2007
Messaggi: 189
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

eheehe infatti....

ma qui s parla d bene e male relativi...l'uomo oltre a fare lo gnorri...lo fa cn furbizia!

qnd c s invadeva l'uno cn l'altro lo Stato chiamava a sua discolpa o cmq a sua gisutificazione Dio, o un fine cmq "benefico" ( xl'invasore nn certo x ki è stato invaso..)

qnd l'uomo corteggia Dio e il bene nella misura in cui è UTILE a lui stesso (e qnd nn il bene assoluto e totalizzante)...e qnd in fondo xexere pessimisti estremi vince sempre il male!

ma in realtà ora sto esagerando,,,,l'uomo ha cmq in sè uno spirito d carità disinteressato...è qsto che c nobilita...

ciao!
Crono80 is offline  
Vecchio 27-05-2007, 15.12.29   #5
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

Lo studio della Storia della Filosofia ci ha mostrato che nella "Tarda Antica"
la ricerca filosofica verteva su argomentazioni religiose, da qui i primi rappresentanti della patristica hanno cercato di agganciare il cristianesimo con la filosofia e questa con esso.
Il problema è che esso risultava fortemente influenzante per la nostra Filosofia la quale aveva una visione più neutrale e quindi nel suo equilibrio non disapprovava l'essenza malvagia o buona di un possibile essere, anzi oltre a queste c'era anche l'alternativa dell'essere neutrale indifferente al bene e male del mondo.
Eppure rivangando i fondamenti ( e qui è da provare che siano effettivante solidi o che magari stiano cedendo) della patristica e quindi della filosofia cristiana è possibile ritrovare uno specchio speculare di essa in essenza malvagia tale che si possa costituire un corpus divino speculare al nostro ma di essenza maligna.
Sarà possibile dunque ritrovare altri sottocorpus della nostra religiosità tali che essi "impolpino" questo primo nucleo oscuro?
(Non propriamente malvagio nei termini classici, ma tale che esso corpus riconosca superiore la ricerca alla rivelazione stessa).

Ultima modifica di trismegistus : 27-05-2007 alle ore 18.49.52.
trismegistus is offline  
Vecchio 28-05-2007, 11.56.12   #6
karlem
Ospite abituale
 
L'avatar di karlem
 
Data registrazione: 28-05-2007
Messaggi: 61
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

Salve ragazzi,un saluto a tutti

Vi espongo quello che penso in proposito.
Se Dio è l'Assoluto,allora ovviamente anche il male viene da Lui.
Ma poichè (come bene o male affermano tutte le grandi religioni) noi in verità siamo Lui,siamo anche pienamente corresponsabili del male - non solo sul piano empirico ma anche su quello metafisico.
Ma perché mai Noi avremmo creato il male:un'inspiegabile attacco di masochismo? No.
La Divinità è Libertà,e avendo scelto di realizzare Se stessa nella creazione doveva trovare il modo di trasmettere in essa questa sua libertà:il male è il mezzo di tale tramissione.
Senza di esso la creazione,perfetta in ogni sua parte,sarebbe stata semplicemente un riflesso speculare del suo Creatore privo di qualsiasi autonomia,e proprio per questo,mancando di ogni libertà interna,avrebbe paradossalmente tradito l'immagine della sua Fonte e mancato il compito assegnatole:sarebbe stata uno yoyo nella mano di Dio,l'apparenza di un'apparenza.
Attraverso l'illusoria (ma reale) negazione di Sé nel male,Dio ha posto nella creazione quella polarità interna,quella possibilità di scelta senza la quale essa non avrebbe avuto alcuna libertà in se stessa e da Lui.
Il male,(non del tutto) a torto considerato puro non-essere da tanta parte del pensiero occidentale - da Platone a Plotino,da Agostino a Tommaso,da Leibniz a Hegel - è invece paradossalmente proprio ciò grazie a cui la creazione acquisisce una reale (anche se illusoria) autonomia ontologica e formale dal suo Creatore,e in tal modo riproduce al proprio interno la Sua libertà.
Il male esiste affinché noi possiamo esercitare la nostra libertà,ed esiste nella macroscopica dimensione che conosciamo affinché combattendo contro di esso noi possiamo realizzare consapevolmente la nostra essenza divina,che lo annienta.

Ultima modifica di karlem : 28-05-2007 alle ore 13.53.56.
karlem is offline  
Vecchio 28-05-2007, 15.16.57   #7
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

I manicheisti teorizzarono che le due "forze primordiali" bene e male fosero sempre coesistete e di stesso principio generate, il modo era luogo di teatro dei loro scontri.
St. Agostino in virtù delle proprietà di Dio (ovvero Esso è eterno, incorruttibile e rappresenta la fonte del bene e dell'ordine) definì il male come un frutto della scelta della coscienza dell'uomo, quest'ultimo infatti in virtù della sua corruttibilità può avvalersi della facoltà di allontanarsi da Dio e quindi secondo quanto detto da Agostino uscire dalla realtà entrando in un cosidetto vuoto (poichè da Dio tutto si è originato era logico per Agostino associare male e vuoto-non esistente nel mondo reale, intendendo per reale sia il "materiale" che lo spirituale).

Ma "tu devi" ci disse che Dio era morto e lo abbiamo ucciso noi; ponendo la morte di tutte le sue fonti di certezze l'uomo deve affrontare il caos, assimilarlo, renderlo parte di esso stesso e quindi rifiutare l'ordine divino per abbracciare il caos, non è detto però che questi sia disordine ma sia un nuovo ordine che la morale religiosa ci ha nasto per paura di un suo possibile abbandono nei confronti di questo.

Più revisioni della Patristica possono aprire mondi dalle infinite sfaccettature... ... non ci resta altro da fare che riscoprire questo "anello evolutivo" della catena evoluzionistica della Filosofia.
trismegistus is offline  
Vecchio 28-05-2007, 16.24.40   #8
Socrate78
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-05-2007
Messaggi: 107
Question Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

Comunque io credo che le religioni rappresentino sempre un Dio buono proprio perchè l'uomo ha un forte desiderio di amore e di protezione e, di conseguenza, sente il bisogno di essere accompagnato nella vita da Qualcuno che sia nello stesso tempo buono e onnipotente, in grado di sconfiggere ogni difficoltà e ogni male.
Se però spostiamo il discorso su un piano puramente teorico, ecco che un Dio malvagio non è affatto così impensabile, anzi; se osserviamo il funzionamento della natura e del mondo, notiamo che il male e la sofferenza sono sempre presenti nella vita e la vita stessa per andare avanti ha bisogno della morte di altre creature viventi, che vengono di continuo "sacrificate" e soffrono.
La stessa catena alimentare altro non è se non l'espressione di una legge crudele in cui l'animale più forte distrugge il più debole, ma alla fine tutti periscono per lasciar posto ad altri.
Se Dio avesse veramente dato origine ad un mondo com'è quello in cui viviamo, io dico che sarebbe un Dio piuttosto sadico, che quasi si diverte a distruggere di continuo ciò che ha creato; anche gli antichi Greci avevano intuito questo quando rappresentavano il padre di Zeus (Cronos ) come un mostro che divora i propri figli.
Ora le ipotesi sono tre:
A) Dio è malvagio e ha creato un mondo governato dal male.
B) Il male esiste per una forma misteriosa di corruzione di un mondo in origine di gran lunga migliore ( teoria dell'Eden ).
C) Dio è buono, ma non così onnipotente e, quindi, non può completamente impedire il male.
Socrate78 is offline  
Vecchio 28-05-2007, 17.27.33   #9
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

Citando da Socrate78 :

Se Dio avesse veramente dato origine ad un mondo com'è quello in cui viviamo, io dico che sarebbe un Dio piuttosto sadico, che quasi si diverte a distruggere di continuo ciò che ha creato

Appunto, Dio sarebbe sadico ma questo implicherebbe che il Dio conosciuto dagli antichi ha avuto un mutamento di carattere oppure in esso coesistevano due esseri, questo però è assurdo se si considera Dio sulle basi della Pastristica.
Allora sorge spontaneo chiedersi se Dio non fosse sempre stato sadico e solo ora rivela i suoi veri piani, dopo averci "illuso amorevolmente".
Alternativamente non è poi detto che Dio stesso soffra di una certa "schizzofrenia" che gli causa appunto lo scherzo di una duplice oppure multipla identità mostrando però che esso è composto da una sostanza corruttibile (quindi non è detto che noi allora siamo di sostanza divina) andando contro le tesi poste dai filosofi patristici (alcuni erano però più teologi che filosofi).

Esisterà allora uno psicoterapeuta divino? Oppure Lui e il diavolo giocano allo scambio di ruolo dopo un certo numero di eoni?
(Questo discorso va sempre visto da una prospettiva teorica generale e non legata ad una particolare religione, dopotutto al posto di diavolo onde evitare possibili preferenze si potevano anche usare i termini asura o demone, per termini più familiari di concetto ho usato il termine diavolo.
Mi scuso con i più sensibili per i possibili disagi, nel caso se ve ne fossere).

Ultima modifica di trismegistus : 28-05-2007 alle ore 18.26.45.
trismegistus is offline  
Vecchio 28-05-2007, 20.19.26   #10
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Riferimento: Bene & Male. Perchè è impensabile Dio malvagio?

Un DIo malvagio è impensabile per un semplicissimo e del resto ovvio, fatto:
Andrebbe contro i principi della sua stessa esistenza.

Dio esiste per dare speranza, amore, compagnia, rifugio dalla morte.

Un DIo malvagio non farebbe altro che peggiorare la già precaria condizione psicologica umana.


Daltro canto tutto nell'universo fa suppore ad un DIo, che se non malvagio, non è sicuramente buono ma piuttosto neutrale (anche se è caratteristica della neutralità sfociare nel malvagio)


Morale della favola? Credo che ognuno sappia quale sia.
alessiob is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it