Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 24-03-2008, 22.18.22   #181
Koli
Moderatore
 
Data registrazione: 17-11-2007
Messaggi: 405
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da ulysse
riprendo il post de La_Viandante perchè è quello piu' vicino ad una pratica concezione delle cose...e che intendo rinforzare...se pur ne avesse bisogno e non contrastare...almeno non riporta parole greche: possibile che esistano tanti concetti impossibili da esprimere in italiano?
....ma lo capisco anche...altrettanto è con la scienza!

Un brevissimo compendio.
Avevo spiegato precedentemente il senso di quel termine. Comunemente si usa per indicare la Scienza.
Indica lo "stare" - stéme che si impone "su" - epi tutto ciò che intende negare ciò che "sta". Lo stare che si impone. (La filosofia dai greci al nostro tempo. La filosofia antica e medioevale. pag. 29. BUR euro8.60).
Significa, nell'accezione che ne dà Severino, ogni discorso totalizzante (Dio, La Ragione illuminista, i numeri pitagorici, l'Aqua di Talete ecc.) che intende dare un senso globale al Tutto e porre al riparo l'Uomo dalla minaccia del Nulla che egli stesso ha evocato.
Koli is offline  
Vecchio 25-03-2008, 09.02.52   #182
Koli
Moderatore
 
Data registrazione: 17-11-2007
Messaggi: 405
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da ulysse
Allora...la metafisica è a mio parere la ricerca del senso dell’esistenza...dice la viandante...ed è vero!!!...vero nel senso che alcuni lo fanno...cioè cercano questo senso...ma che lì ci sia un senso dubito.ciao

Ricordo solamente che il termine Metafisica, è usato, nella filosofia analitica, con un significato diverso da quello a cui siamo soliti a intenderlo. Non si parla, per quello che fino ad ora ho avuto modo di leggere, di Dio, senso della vita, teleologia ecc.
La Metafisica, è propriamente, per molti autori analitici, lo studio di ciò che è e di come è fatto ciò che è.


Citazione:
Originalmente inviato da Koli
... la mia prof di Gnoselogia...
.

Volevo dire Gnoseologia.
Koli is offline  
Vecchio 25-03-2008, 10.02.46   #183
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Koli
La Metafisica, è propriamente, per molti autori analitici, lo studio di ciò che è e di come è fatto ciò che è.
Ah..questa è bella ..perdonami ma che sciocchezza o meglio che ingeniutà..
..quindi ci sarebbe una mente,un'osservatore oggettivo che studierebbe ciò che accade,riuscendo pure a valutare ciò che è mutevole,transitorio,è ciò che è impermanente..
Noor is offline  
Vecchio 25-03-2008, 10.19.39   #184
Dasein
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2007
Messaggi: 192
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Koli
Da quel poco che so di Vattimo, ho tratto la tua stessa conclusione. Lo reputo troppo intelligente ed esperto per poter affermare una frase del genere. Forse però, la sua posizione è prorpio questa. Resta il fatto che continuo a reputarlo (per quel che può valere), intelligente.
In merito a questo presunta validità di ciascuna posizione, mi ricordo quando lo scorso semestre, la mia prof di Gnoselogia e allieva di Vattimo, ci ha chiesto con tono lievemente polemico e senza mai citarlo esplicitamente, se secondo noi tutte le posizioni avevano lo stesso status. Naturalmente io ho risposto di no. Lei va detto, ha un orientamento diverso da Vattimo.



Dovrò cercare di leggere, su internet per il momento, visto che il tempo è inclemente, qualcosa di più sul filosofo di Torino.


Ti consiglio il saggio di Severino "La legna e la cenere" di Rizzoli, lì c'è una conversazione con Vattimo in cui discutono le loro divergenti posizioni (qualche parte è reperibile anche nel sito di ferruccio san giacomo se non ricordo male, se vuoi mandami un mp che ti mando il testo, credo di conservarlo ancora tra i miei file).
Dasein is offline  
Vecchio 25-03-2008, 12.59.18   #185
Koli
Moderatore
 
Data registrazione: 17-11-2007
Messaggi: 405
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Ah..questa è bella ..perdonami ma che sciocchezza o meglio che ingeniutà..
..quindi ci sarebbe una mente,un'osservatore oggettivo che studierebbe ciò che accade,riuscendo pure a valutare ciò che è mutevole,transitorio,è ciò che è impermanente..

Non è quello che hanno tentato di fare tutti (o quasi) i filosofi fin dalla nascita della filosofia?
La tua critica dovresti forse rivolgerla più alla scolastica (fermo restando che io amo la scolastica) che agli analitici visto che questi trattano soprattutto il linguaggio e la logica.
Non credi che sia possibile studiare anche ciò che pare mutevole? Pensiamo alla sociologia. La società, (soprattutto) quella industrializzata, è in continua evoluzione ma la fisica sociale non rinuncia a osservarla.
Lo stesso valga per la Biologia, l'Astronomia, la Fisica, la Linguistica ecc. Il loro oggetto di studio non è sempre mutevole?
Ciao.
Koli is offline  
Vecchio 25-03-2008, 14.03.54   #186
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Koli
Non credi che sia possibile studiare anche ciò che pare mutevole? Pensiamo alla sociologia. La società, (soprattutto) quella industrializzata, è in continua evoluzione ma la fisica sociale non rinuncia a osservarla.
Lo stesso valga per la Biologia, l'Astronomia, la Fisica, la Linguistica ecc. Il loro oggetto di studio non è sempre mutevole?
Questa è già ciò che chiamiamo scienza,cioè osservazione della causa-effetto,e che non studia il ciò che è..non potrebbe..
Anche la filosofia analitica parlerà di questo mutevole,ma guarda caso ne parla come fosse un prodotto immutabile...da qui la presunta metafisica..
Noor is offline  
Vecchio 28-03-2008, 11.47.17   #187
sileno
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-07-2007
Messaggi: 128
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

ciò che permane immutabilmente identico può essere anche un procedimento ovvero la legge che determina il mutamento...si può fare metafisica anche affermando che la realtà è movimento, se si pretende di aver trovato la legge che determina la forma universale del mutamento...penso alla dialettica di Hegel o al materialismo dialettico di Marx o alla volontà di potenza di Nietzsche...
sileno is offline  
Vecchio 28-03-2008, 12.12.26   #188
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da sileno
si può fare metafisica anche affermando che la realtà è movimento, se si pretende di aver trovato la legge che determina la forma universale del mutamento...penso alla dialettica di Hegel o al materialismo dialettico di Marx o alla volontà di potenza di Nietzsche...
Non può che essere una Legge non duale,quindi non dialettica..
Penso che meglio del Tao..che comunque dice nel primo Sutra:

" Il Tao di cui si può parlare non è il vero Tao"
Noor is offline  
Vecchio 28-03-2008, 12.48.39   #189
sileno
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-07-2007
Messaggi: 128
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Non può che essere una Legge non duale,quindi non dialettica..
Penso che meglio del Tao..che comunque dice nel primo Sutra:

" Il Tao di cui si può parlare non è il vero Tao"

cosa intendi per "duale"? in che senso affermi che la dialettica è una legge duale?
sileno is offline  
Vecchio 28-03-2008, 13.54.37   #190
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Il sutra del Tao che tu citi, Noor, mi far venire in mente l’ultima proposizione del Tractatus di Wittgenstein (su ciò di cui non si può parlare si deve tacere), con la quale egli annullava il neopositivismo nel momento stesso che l’aveva fondato….Ma, d’altra parte, non è quello che hanno pensato tutti i mistici radicali a proposito di Dio (Il Dio di cui si può parlare non è il vero Dio); non è anzi proprio il cuore della vera fede? (Qual è quell’uomo che nel momento della disperazione si rivolge a Dio ricordando la serie di attributi che una chiesa gli applica come una corona di spine?)
emmeci is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it