Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 29-03-2008, 00.55.08   #201
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Koli
Grazie per essere sintetico.
Non direi che l'indirizzo analitico tratti il mutevole come se fosse immutabile.
Dire inoltre, che la Scienza studia il rapporto causa-effetto ma che non studia ciò che è non mi sembra esatto perchè credo che siano la stessa cosa. Ogni ogetto che causa un azione "è". A meno che con "ciò che è" non si intende non il come ma il perchè.
Ciò che è non può che essere l'immutabile,non è ciò che diviene,ma può farlo
scaturire.E' la Causa (non il rapporto causa-effetto che è l'osservabile)quindi
il Perchè (almeno io l'intendo così...)
PS Per la filosofia analitica: come si fa mai a postulare ciò che è mutabile ,osservare delle leggi che non sono tali,visto che sono mutabili?
Noor is offline  
Vecchio 29-03-2008, 08.34.26   #202
sileno
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-07-2007
Messaggi: 128
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Certo che non era nelle sue intenzioni,far morire la metafisica..ma lo ha fatto comunque Wittgenstein:quando si comincia a negare il linguaggio stesso,ogni filosofia è al capolinea..

wittgenstein non ha fatto morire nulla: un certo e limitato indirizzo interpretativo che fa capo al Circolo di Vienna ha tratto delle conclusioni molto più vicine al senso delle tue affermazioni...wittgenstein non ha nemmeno negato il linguaggio ma ha posto una distinzione tra linguaggio sensato e linguaggio privo di senso: se vedi con attenzione wittgenstein si è ben guardato dall'opporre un linguaggio vero ( della scienza ) a un linguaggio falso ( della filosofia ) ... la differenza tra il linguaggio della scienza e quello della filosofia dunque non sta sul piano della verità, ma sul piano della referenzialità: mentre il linguaggio della scienza ha un senso, ossia un riferimento puntuale e determinato ai fatti ( fenomeni fisici ), il linguaggio della metafisica molte volte non raffigura fatti e in quanto tale spesso si rivela polisemantico: un termine cioè per due persone diverse può avere due significati diversi, e per una terza un altro, e così via...

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Non so cosa intendi per cultura..se è una accatastarsi di parole meglio che muoiano.

la cultura non è un accatastarsi di parole: se avessimo un gioco in cui ci sono milioni di foglietti ed ognuno di questi reca scritta una parola diversa, poniamo i biglietti in un mega pallottoliere tipo quelli per le estrazioni del lotto ed estraiamoli uno ad uno e mettiamoli in ordine su una tavola gigante: pensi che riusciresti con facilità a generare in tal modo pensieri di senso compiuto? tantomeno riusciresti mai a mettere insieme un solo splendido verso di Catullo in tal modo, o una frase che possa riecheggiare il forte senso pratico di un Machiavelli, o l'eloquente ordine sintattico di una orazione ciceroniana, o un motto di Seneca...ti invito a ricordare che ciò che tu chiami "accatastarsi di parole" è la sostanza viva dei principi guida della nostra civiltà ancora oggi: parole come democrazia, diritto, repubblica, politica, legge morale, sentimento, virtù e tantissime altre ( mi fermo perchè lo spazio del forum non basterebbe a contenerle tutte ) che regolano il nostro pensare ed agire individuale e sociale sono il frutto di quella millenaria cultura che tu disprezzi qualificandola come un castello di carta...
sileno is offline  
Vecchio 29-03-2008, 08.57.24   #203
sileno
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-07-2007
Messaggi: 128
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
PS Per la filosofia analitica: come si fa mai a postulare ciò che è mutabile ,osservare delle leggi che non sono tali,visto che sono mutabili?

le leggi non sono mutabili: ti ho fatto prima l'esempio della dialettica: la legge per essere tale deve essere universalmente valida...ad essere mutabili sono i fatti cui la legge si applica...
sileno is offline  
Vecchio 29-03-2008, 10.09.19   #204
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da sileno
ciò che tu chiami "accatastarsi di parole" è la sostanza viva dei principi guida della nostra civiltà ancora oggi: parole come democrazia, diritto, repubblica, politica, legge morale, sentimento, virtù e tantissime altre ( mi fermo perchè lo spazio del forum non basterebbe a contenerle tutte ) che regolano il nostro pensare ed agire individuale e sociale sono il frutto di quella millenaria cultura che tu disprezzi qualificandola come un castello di carta...
No, non disprezzo nulla..constato..non nego nulla :tutto ha diritto di essere..
se c'è..
L'uomo non crea nulla :ogni Valore Perenne gia E'.
E' solo ciò che penso.
Ciao
Noor is offline  
Vecchio 29-03-2008, 10.14.49   #205
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da sileno
le leggi non sono mutabili: ti ho fatto prima l'esempio della dialettica: la legge per essere tale deve essere universalmente valida...ad essere mutabili sono i fatti cui la legge si applica...
Certo è così!
Difatti sottintendevo che non credo che sia osservabile da nessuna scienza una Legge immutabile:questo perchè muta l'osservatore..
Sempre.
(Se non sbaglio ,con la termodinamica questo si è già dimostrato)
Noor is offline  
Vecchio 29-03-2008, 10.41.31   #206
sileno
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-07-2007
Messaggi: 128
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Certo è così!
Difatti sottintendevo che non credo che sia osservabile da nessuna scienza una Legge immutabile:questo perchè muta l'osservatore..
Sempre.
(Se non sbaglio ,con la termodinamica questo si è già dimostrato)

credo sia stato dimostrato che la legge vale solo all'interno di un sistema di riferimento determinato...
sileno is offline  
Vecchio 29-03-2008, 14.42.30   #207
Koli
Moderatore
 
Data registrazione: 17-11-2007
Messaggi: 405
Riferimento: Quale futuro per la Metafisica?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Ciò che è non può che essere l'immutabile,non è ciò che diviene,ma può farlo
scaturire.E' la Causa (non il rapporto causa-effetto che è l'osservabile)quindi
il Perchè (almeno io l'intendo così...)

Se ciò che "è" non può essere che immutabile allora non può divenire.

PS Per la filosofia analitica: come si fa mai a postulare ciò che è mutabile ,osservare delle leggi che non sono tali,visto che sono mutabili?[/quote]

La filosofia analitica, studiando il linguaggio, credo ne ammetta l'evoluzione.
Per quanto riguarda le scienze, io posso benissimo stilare una statistica circa il numero di cellulari che un adolescente possiede nel corso di un anno nonostante il perpetuo divenire degli stessi.
Ciao.
Koli is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it