Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 16-02-2005, 10.09.16   #1
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Amicizia e non solo

…..Un amico è una persona vicino alla quale posso pensare ad alta voce….

L’amicizia…..

Esiste?
Vale la pena crederci?

Se si…….

Cos’è per noi?
Che posto ha nelle nostre vite?
Quando una relazione da semplice conoscenza diventa amicizia?
Quale la profondità di questo sentimento?
Che rapporto ha con l’amore?
…… altro…….

VanLag is offline  
Vecchio 16-02-2005, 10.30.17   #2
alpha
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-01-2005
Messaggi: 218
Bellissimo post Van.
Ti ringrazio.
Appena torno in pace con il mio cervello ti risponderò volentieri.
Ho un sacco di cose da dire.

Ciao.

alpha is offline  
Vecchio 16-02-2005, 11.59.33   #3
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
gemelle del destino

Esiste ed è come l'amore: un colpo di fulmine.
Ho incontrato la mia migliore amica il primo giorno di università, molti anni fa... mi sentivo sperduta e l'ho guardata nella speranza che 1+1 facesse 2... Lei mi ha poi detto che aveva avuto l'impressione che fossi una di quelle tipe tutte prese di sé, con una vita già troppo piena d'impegni. Io avevo avuto l'impressione che fosse una persona affidabile ed una buona compagna di studi... sul fatto che io avessi ragione e lei torto discutiamo da allora
Abbiamo scoperto di essere nate a 6 ore di distanza l'una dall'altra e così io mi sono inventata che siamo "gemelle del destino" (mi sembra ci fosse un cartone TV).
Una volta le ho detto "sei come una sorella" e lei ha pensato "qui cominciano i guai". In realtà è ben diverso perché non c'è niente di più stupendamente elettivo dell'amicizia: una sorella è come è, un'amica è la parte di te che sta in un'altra persona... poi con gli anni si diventa complici, si sanno i più grandi dolori e le più indicibili paranoie. Sono i dolori, credo, a fare le amicizie: la maggior parte della gente quando gli dici che hai un problema si scoccia perché ti deve consolare.. gli amici veri no! E dico sinceramente che tante volte - magari dopo crisi sentimentali - ho pensato "ma se ho lei non sono sola".
Ovvio ci vuole tanto dialogo, tanta pazienza e, perché no... responsabilità. Sapere che è importante non sbagliare, che qualche volta si fa anche quello che fa piacere all'altro anche se ne faremmo volentieri a meno... Poi ci sono ovviamente tante risate condivise, sempre soprattutto sul nostro modo di essere... aiuta ad essere autoironici.
Poi non lo so, è raro, mi ritengo fortunata e spero ci sarà sempre, perché davvero non ha prezzo.
Ho detto anche troppo (se mi becca che divulgo povera me!!!)
Un abbraccio
Neve
nevealsole is offline  
Vecchio 16-02-2005, 12.51.31   #4
alpha
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-01-2005
Messaggi: 218
Re: gemelle del destino

Citazione:
Messaggio originale inviato da nevealsole
Esiste ed è come l'amore: un colpo di fulmine.
Ho incontrato la mia migliore amica il primo giorno di università, molti anni fa... mi sentivo sperduta e l'ho guardata nella speranza che 1+1 facesse 2... Lei mi ha poi detto che aveva avuto l'impressione che fossi una di quelle tipe tutte prese di sé, con una vita già troppo piena d'impegni. Io avevo avuto l'impressione che fosse una persona affidabile ed una buona compagna di studi... sul fatto che io avessi ragione e lei torto discutiamo da allora
Abbiamo scoperto di essere nate a 6 ore di distanza l'una dall'altra e così io mi sono inventata che siamo "gemelle del destino" (mi sembra ci fosse un cartone TV).
Una volta le ho detto "sei come una sorella" e lei ha pensato "qui cominciano i guai". In realtà è ben diverso perché non c'è niente di più stupendamente elettivo dell'amicizia: una sorella è come è, un'amica è la parte di te che sta in un'altra persona... poi con gli anni si diventa complici, si sanno i più grandi dolori e le più indicibili paranoie. Sono i dolori, credo, a fare le amicizie: la maggior parte della gente quando gli dici che hai un problema si scoccia perché ti deve consolare.. gli amici veri no! E dico sinceramente che tante volte - magari dopo crisi sentimentali - ho pensato "ma se ho lei non sono sola".
Ovvio ci vuole tanto dialogo, tanta pazienza e, perché no... responsabilità. Sapere che è importante non sbagliare, che qualche volta si fa anche quello che fa piacere all'altro anche se ne faremmo volentieri a meno... Poi ci sono ovviamente tante risate condivise, sempre soprattutto sul nostro modo di essere... aiuta ad essere autoironici.
Poi non lo so, è raro, mi ritengo fortunata e spero ci sarà sempre, perché davvero non ha prezzo.
Ho detto anche troppo (se mi becca che divulgo povera me!!!)
Un abbraccio
Neve


Interessante!!!...e trovo molte cose giuste in queste tue parole.

Pensate comunque che riflettevo sul fatto che le mie migliori amicizie, sia maschili che femminili e che tutt'ora durano a distanza di parecchio tempo, sono per lo più iniziate dopo litigi furibondi!
Strano...non vi pare???!!!...



p.s.: non penso che la tua amica possa risentirsi per le tue parole...anzi!!!...

alpha is offline  
Vecchio 16-02-2005, 15.14.12   #5
iStantaNea
...?
 
 
Data registrazione: 07-12-2004
Messaggi: 117
Re: Amicizia e non solo



L'amicizia esiste..
Secondo me vale la pena crederci..
Cos'è per noi? Mh.. Un amico è tante cose, una persona che quando ti senti solo ti sta vicino, una persona con cui puoi confidarti, ma anche solo il pensiero che c'è qualcuno che ti vuole bene ti fa stare bene.. penso
Una relazione da semplice conoscenza diventa amicizia quando ogniuno scopre sempre di più l'altro secondo me.. Quando 2 amici sanno tutto uno dell'altro è si un amicizia veramente profonda!
iStantaNea is offline  
Vecchio 16-02-2005, 18.55.52   #6
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Io credo fermamente che esista l'amicizia, quella vera. Non ho tanti amici, ma come si dice..... "pochi ma buoni". Gli amici si vedono nel momento del bisogno. Anche questo mi pare verità assoluta. Ciò non significa tuttavia creare delle situazioni di dipendenza. Non è mio amico chi mi fa un favore pensando già di chiedermene uno da parte mia. Vale anche il discorso al contrario, ovviamente... che ne dite?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 16-02-2005, 19.30.28   #7
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
Io credo fermamente che esista l'amicizia, quella vera. Non ho tanti amici, ma come si dice..... "pochi ma buoni". Gli amici si vedono nel momento del bisogno. Anche questo mi pare verità assoluta. Ciò non significa tuttavia creare delle situazioni di dipendenza. Non è mio amico chi mi fa un favore pensando già di chiedermene uno da parte mia. Vale anche il discorso al contrario, ovviamente... che ne dite?

Ciao Mr,
concordo con te. Dico poi per quello che è il mio carattere che di solito se qualcuno riceve richieste allora può dirsi fortunato perché lo considero un amico, sennò aiuto volentieri ma per chiedere proprio non ci sono. Ti dico che però anche questa è forse una forma un po' sbagliata di orgoglio perché qualche volta bisognerebbe anche saper chiedere senza farsi troppi problemi.

Saluti
Neve

P.S. Qualcuno di voi sa che fine ha fatto bomber? Prima postava sempre e adesso non si sente più... spero tutto bene.
nevealsole is offline  
Vecchio 16-02-2005, 21.24.46   #8
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Chissà quanto è diverso il “peso” che ognuno di noi da a queste parole?

Comunque personalmente credo che non potrei innamorarmi senza una base di amicizia, è una cosa inerente al mio carattere che forse, nonostante l’età, tende ad idealizzare ancora molto l’amore.

P.S. belli gli interventi che ho letto fin'ora in contributo al 3d

VanLag is offline  
Vecchio 16-02-2005, 22.09.10   #9
Polosud
Ospite
 
L'avatar di Polosud
 
Data registrazione: 25-11-2004
Messaggi: 17
La cosa davvero particolare dell'amicizia è che il suo significato ed il suo valore cambiano molto profondamente nelle varie fasi della vita. In questo, secondo me, l'amicizia è un sentimento unico, diverso da tutti gli altri. Ci si può innamorare a 60 anni esattamente come a 15, provando praticamente gli stessi impulsi e le stesse sensazioni, ma esser amici a 20 anni è molto diverso che essere amici a 40.

Nell'adolescenza, l'amicizia ha caratteri ossessivi e possessivi molto simili all'innamoramento... è la fase in cui nel nostro amico troviamo, più o meno consapevolmente, un nostro alter ego, o, per dirla con Nevealsole, "la parte di te che sta in un'altra persona". Poi si cresce, e l'amicizia tende a diventare (almeno per noi maschietti, qui gradirei smentite e conferme dall'Altra Metà del Cielo) un rapporto più pragmatico, legato non tanto all'adorazione del sè nell'altro quanto al "fare le cose assieme". E' la classica amicizia virile, che a seconda delle condizioni più o meno drammatiche in cui si vive può condensarsi nell'immagine di Humprey Bogart e del capitano francese che si allontanano assime nella nebbia nel finale di Casablanca, o nel gruppo degli Amici del Calcetto con Pizza Dopo Partita del giovedì sera. Dopo i 40, infine, le cose tendono a cambiare ancora. L'Uomo Maturo, tendenzialmente, non coltiva molto le amicizie: se lo fa, spesso lo fa in un'ottica di regressione adolescenziale (appunto continuando a frequentare gli Amici del Calcetto di cui sopra, generalmente rievocando i bei tempi passati). Al di fuori di questo, sembra esserci meno disponibilità verso tutte le cose che caratterizzano la vera amicizia (il mettersi in gioco, lo scoprirsi, il paragonarsi all'altro in maniera costruttiva e non solo competitiva). Spesso in questa fase molte amicizie finiscono, e sono soppiantate da altri rapporti molto meno impegnativi (colleghi, membri del Circolo della Stampa, ecc.).

Forse tutto questo ha a a che fare con il fatto che l'amicizia non è un sentimento "primario" come l'amore, ma piuttosto la proiezione culturale (e quindi variabile a secondo del contesto) di un più ancestrale, ma anche più generico, spirito gregario che porta gli uomini ad associarsi come risposta all'ambiente.

Non so se questo risponde al bel post di VanLag. Rileggendo, mi accorgo di aver parlato più che altro della storia delle amicizie nella mia vita...
Polosud is offline  
Vecchio 17-02-2005, 00.25.18   #10
dani62
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 26-11-2004
Messaggi: 245
Ho qualche amico a cui non ho bisogno di dire nulla, basta uno sguardo per capire che magari non è neanche il caso di parlare.
Ne ho altri invece in cui lo scontro dialettico è fondamentale, il parlare di sè è come andare dallo psicanalista.
Ne ho altri che hanno una latente forma di innamoramento nei miei confronti e che non hanno mai osato palesare..per paura di perdermi.
Altri ancora che non vedo da anni...ma che ho lì nell' anima sempre...che a qualunque punto sia rimasta la nostra relazione è pronta a riprendere con la stessa complicità.

Per me un amico è quello con cui posso ESSERE senza problemi, senza paura quello che sono. Mi danno forza quando la vita o gli amori finiti provano a schiantarti...allora mi ricordano chi sono! Cosa ho fatto finora, quanta strada e quanta energia ho messo nel vivere, mi fanno riconoscere come in uno specchio la mia essenza.
Allora li guardi e ti dici si ricomincia!

Grazie per questo post!
dani62 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it