Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 27-12-2010, 14.58.35   #141
reflexinno
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 25-12-2010
Messaggi: 2
Riferimento: Verità?

A) Non ho titoli di studio tali da poter capire molti di questi interessanti argomenti.
1) Questo comunque non pregiudica la possibilità di partecipare a questo forum!
Se A1=vero allora riceverò risposte. In questo caso R(risposte) sarà=1
Se A1=falso allora NON anche risposte.. In questo caso R(risposte) sarà=0*
Con questo improbabile esempio vorrei introdurmi in argomenti forse più grandi della mia portata, e cioè: E’ possibile riportare molti concetti ad una risposta molto più ristretta partendo dal concetto VERO/FALSO?
La vita ha un senso?
Se prendiamo la parola senso come “significato” e non la confondiamo con la parola “fine = obbiettivo che una persona si pone di raggiungere nel corso della sua vita)”, allora potrei sostenere che la vita non ha alcun significato.
In questo caso dovrebbero essere vere anche altre cose: 1) Non è vero che Dio esiste, 2) Non è vero che l’infinito esiste.
Cerco di spiegarmi: Il senso della vita potrebbe essere VERO se oltre la morte esiste un altro concetto di vita = Dio esiste.
Ma se Dio esiste allora il concetto di infinito non esiste in quanto possiamo attribuire all’infinito un punto di partenza e cioè la creazione della vita. Per cui l’infinito non esiste in quanto si può iniziare a cantarlo da un ipotetico punto di partenza. Ma se Dio esiste in questo caso la vita eterna può esistere? La risposta sarebbe contraddittoria in quanto la parola eterna è simile alla parola infinita. (eterno = per sempre nel tempo e nello spazio... o no?
Il concetto potrebbe suddividersi ancora in altre domande come per esempio Dio è Amore? = VERO/FALSO ...ma tralasciamo.
Allora mi chiedo, e vi chiedo, se tutto può essere ristretto al quesito binario VERO/FALSO partendo da queste supposizioni:
La vita non ha senso = Vero = Dio non esiste = l’infinito esiste ed è vero che due rette non si incontrano mai
La vita ha senso = Dio esiste ma in questo caso non riesco a spiegare il senso dell’infinito. (qualcuno può aiutarmi? (e in questo caso approfondirei con lo stesso criterio (VERO/FALSO) altri concetti come AMORE GIUSTIZIA DIVINA ecc.)
Ma se Dio = FALSO allora infinito = VERO e anche il concetto di linee parallele potrebbe essere vero, mi chiedo se è possibile ipotizzare un concetto di “vita parallela” su cui sto meditando con episodi della mia vita, che posso essere letti in due modi diversi (VERO/FALSO), in cui in entrambi i casi posso avere una risposta logica o irrazionale... ma dovrei fare esempi personali che mi portano ad altri concetti come DESTINO/CASO ecc in cui non è il caso di entrare.
Sperando di non essere stato ridicolo, spero di conferma che *A1=VERO e R=VERO.
Grazie.
reflexinno is offline  
Vecchio 31-12-2010, 09.23.54   #142
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Verità?

Citazione:
Originalmente inviato da reflexinno
A) Non ho titoli di studio tali da poter capire molti di questi interessanti argomenti.
1) Questo comunque non pregiudica la possibilità di partecipare a questo forum!
Se A1=vero allora riceverò risposte. In questo caso R(risposte) sarà=1
Se A1=falso allora NON anche risposte.. In questo caso R(risposte) sarà=0*
Con questo improbabile esempio vorrei introdurmi in argomenti forse più grandi della mia portata, e cioè: E’ possibile riportare molti concetti ad una risposta molto più ristretta partendo dal concetto VERO/FALSO?
La vita ha un senso?
Se prendiamo la parola senso come “significato” e non la confondiamo con la parola “fine = obbiettivo che una persona si pone di raggiungere nel corso della sua vita)”, allora potrei sostenere che la vita non ha alcun significato.
In questo caso dovrebbero essere vere anche altre cose: 1) Non è vero che Dio esiste, 2) Non è vero che l’infinito esiste.
Cerco di spiegarmi: Il senso della vita potrebbe essere VERO se oltre la morte esiste un altro concetto di vita = Dio esiste.
Ma se Dio esiste allora il concetto di infinito non esiste in quanto possiamo attribuire all’infinito un punto di partenza e cioè la creazione della vita. Per cui l’infinito non esiste in quanto si può iniziare a cantarlo da un ipotetico punto di partenza. Ma se Dio esiste in questo caso la vita eterna può esistere? La risposta sarebbe contraddittoria in quanto la parola eterna è simile alla parola infinita. (eterno = per sempre nel tempo e nello spazio... o no?
Il concetto potrebbe suddividersi ancora in altre domande come per esempio Dio è Amore? = VERO/FALSO ...ma tralasciamo.
Allora mi chiedo, e vi chiedo, se tutto può essere ristretto al quesito binario VERO/FALSO partendo da queste supposizioni:
La vita non ha senso = Vero = Dio non esiste = l’infinito esiste ed è vero che due rette non si incontrano mai
La vita ha senso = Dio esiste ma in questo caso non riesco a spiegare il senso dell’infinito. (qualcuno può aiutarmi? (e in questo caso approfondirei con lo stesso criterio (VERO/FALSO) altri concetti come AMORE GIUSTIZIA DIVINA ecc.)
Ma se Dio = FALSO allora infinito = VERO e anche il concetto di linee parallele potrebbe essere vero, mi chiedo se è possibile ipotizzare un concetto di “vita parallela” su cui sto meditando con episodi della mia vita, che posso essere letti in due modi diversi (VERO/FALSO), in cui in entrambi i casi posso avere una risposta logica o irrazionale... ma dovrei fare esempi personali che mi portano ad altri concetti come DESTINO/CASO ecc in cui non è il caso di entrare.
Sperando di non essere stato ridicolo, spero di conferma che *A1=VERO e R=VERO.
Grazie.
Non ho capito quello che hai scritto all'inizio perché prima parli di A e di 1, poi il "dilemma" è articolato secondo A1 ed A1. Evidentemente è una svista.

Se vorrai riformulare il tuo pensiero tenendo conto di questa notazione proverò a risponderti.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 01-01-2011, 14.14.17   #143
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Verità?

Citazione:
Originalmente inviato da reflexinno
A) Non ho titoli di studio tali da poter capire molti di questi interessanti argomenti.
1) Questo comunque non pregiudica la possibilità di partecipare a questo forum!
Se A1=vero allora riceverò risposte. In questo caso R(risposte) sarà=1
Se A1=falso allora NON anche risposte.. In questo caso R(risposte) sarà=0*
Forse vuoi significare che associando due enunciati veri allora il risultato sarà vero.
Se associ invece un enunciato vero ad uno falso allora il risultato sarà falso?
Sarebbe qualcosa come la matematica binaria di Boole?

A confortarti vorrei subito dire anche che già i latini parlavano di vero o falso et “tertium non datur”.
Quindi è probabilmente vero che molti concetti che enunciamo o singoli significanti, giochino sul vero esclusivo in contrasto col falso.
Credo però che senza arrivare agli “indecidibili” di Godel il dualismo vero/falso non sia così assoluto…anzi relativamente raro…senz’altro in minoranza…credo.

Mi chiedo: esistono concetti o significanti di cui non esiste il contrario?
Semplificando: nero può essere contrario di bianco. Ma esiste il contrario di rosso… o di verde…o di pisello, carota, mare, ecc…?
Posso dire che tutte le foglie sono verdi? Ma è falso! In autunno sono rosse!
Oppure è vero che due rette parallele s’incontrano solo al’infinito…? E’ infatti un principio (assioma) della geometria euclidea!
Ma in un’altra geometria potrebbero incontrarsi…anzi si sono elaborate geometrie in cui le rette parallele si possono incontrare.
Persino c’è stata una stagione politica in cui sembrava logico e normale parlare di convergenze parallele!!!

Noi stessi potremmo vivere un'pltra vita in universi paralleli, ma è fantascienza! La fantascienza potrebbe darci una qualche emozione immaginando mondi multipli, ma se vogliamo sapere e capire è preferibile e proficuo attenersi alla scienza…di cui, oltre tutto, sappiamo sempre troppo poco.

Quindi sembra che il dualismo vero/falso sia un concetto relativo: alla fine decidiamo noi…i concetti ovviamente, li elaboriamo noi!
Magari anche li stiracchiamo a senconda di quello che vogliamo significare.
Citazione:
…….. e cioè: E’ possibile riportare molti concetti ad una risposta molto più ristretta partendo dal concetto VERO/FALSO?
Forse non intendo ciò che dici…oppure non saprei!
Citazione:
La vita ha un senso?
Se prendiamo la parola senso come “significato” e non la confondiamo con la parola “fine = obbiettivo che una persona si pone di raggiungere nel corso della sua vita)”, allora potrei sostenere che la vita non ha alcun significato.
In questo caso dovrebbero essere vere anche altre cose: 1) Non è vero che Dio esiste, 2) Non è vero che l’infinito esiste.
Ora io non saprei se sia vero o non vero…anzi tenderei a prescindere, ma potrebbe benissimo essere vero che la vita ha un senso, oltre che laico, anche sul piano teologico, ma proprio questo ci metterebbe in correlazione col creatore che ci avrebbe creati per uno scopo.
Nell’ambito di questa linea, a sua volta, il creatore non può essere che infinito…nell’infinito! se no che creatore sarebbe?
Che gusto ci sarebbe, infatti, nell’immaginare e incensare un creatore ristretto a un tempo/spazio limitato?
Citazione:
Cerco di spiegarmi: Il senso della vita potrebbe essere VERO se oltre la morte esiste un altro concetto di vita = Dio esiste.
Per conto mio il senso della vita è intrinseco alla vita stessa: viviamo laicamente per noi!
Ma se si vuole dire che il senso può solo essere orientato all’aldilà, allora il senso potrebbe implicare l’esistenza divina, ma non necessariamente: l’infinito trascendente potrebbe essere deserto e ininfluente…per quanto, in tal caso, non si vedrebbe il perché di una vita santa.
Citazione:
Ma se Dio esiste allora il concetto di infinito non esiste in quanto possiamo attribuire all’infinito un punto di partenza e cioè la creazione della vita. Per cui l’infinito non esiste in quanto si può iniziare a contarlo da un ipotetico punto di partenza.
Ma non c’è un punto di partenza per l’infinito e neppure per Dio…e forse i due concetti potrebbero coincidere in parte.
Il concetto comune di infinito non ha relazione con la nostra vita e neppure, necessariamente, con la vita dell’universo. In realtà nessuno conta l’infinito da un punto origine: il diritto binario dello spazio/tempo su cui scorreva l’universo di Newton andrebbe da meno infinito a più infinito: l’infinito esisteva prima del big-bang, ammesso che un big-bang ci sia stato, comunque prima dell’inizio della creazione…dell’universo, comunque…almeno sul piano teologico. Cosa dice la genesi? andrò a vedere!
In ambito teologico ci si potrebbe chiedere in effetti cosa abbia fatto il Dio eterno prima dell’inizio: alcune malelingue insinuano che preparasse l’inferno per i più curiosi!
Citazione:
Ma se Dio esiste in questo caso la vita eterna può esistere? La risposta sarebbe contraddittoria in quanto la parola eterna è simile alla parola infinita. (eterno = per sempre nel tempo e nello spazio... o no?
Non vedo un contrasto fra la possibilità della vita eterna e il Dio eterno,(sempre che, in ipotesi, esistano)… anzi sono reciprocamente correlati: l’infinito non occupa spazio/tempo, oppure lo spazio tempo è sede di vari infiniti…forse di infiniti infiniti: infiniti di ordine superiore!.

Infatti si aggiunge che gli infiniti sono di vari livelli: infinito al quadrato è un infinito di ordine superiore…così infinito al cubo, ecc…ma infinito metà o infinito un terzo, ecc…è sempre infinito. Solo infinito diviso infinito è 1.

La parola “eterno” in realtà è un poco ambigua: nella tradizione, “eterno” è il tempo considerato infinto, ma poi Einstein ha introdotto lo spazio/tempo…anzi, sembra proprio che oggi il tempo sia scomparso! Forse ora c’è solo lo spazio infinito…che le galassie conquistano palmo a palmo…alla velocità della luce, tempo zero per loro, ma anni luce per noi!
Citazione:
Il concetto potrebbe suddividersi ancora in altre domande come per esempio Dio è Amore? = VERO/FALSO ...ma tralasciamo.
Allora mi chiedo, e vi chiedo, se tutto può essere ristretto al quesito binario VERO/FALSO partendo da queste supposizioni:
La vita non ha senso = Vero = Dio non esiste = l’infinito esiste ed è vero che due rette non si incontrano mai
La vita ha senso = Dio esiste ma in questo caso non riesco a spiegare il senso dell’infinito. (qualcuno può aiutarmi? (e in questo caso approfondirei con lo stesso criterio (VERO/FALSO) altri concetti come AMORE GIUSTIZIA DIVINA ecc.)
A me pare che da premesse errate o false, minimo imprecise e ambigue, non possono che derivare false risultanze.

Oppure volevi significare altra cosa?

Ma credo che il problema sia che ti attieni all’esclusivo campo teologico: la vita può essere eterna o finita nel nostro ambito… la vita può avere senso o un certo senso a seconda della ideologia cui ti attieni, così è per Dio che se c’è è tutte le cose e tutti i concetti, altrimenti niente.
Inoltre non metterei in correlazione od opposizione l’esistenza di Dio con l’infinito:
1)- l’infinito è un concetto matematico…una sorta di astrazione per significare l’illimitato.
2)- Dio è una entità trascendentale che per i credenti giustifica l’esistenza dell’universo e dei viventi: poi ci sono tutti gli attributi che la religione gli conferisce.

I due significanti possono logicamente esistere, coesistere o non esistere affatto….indipendentemente.
Per quanto, in relazione alla entità trascendentale divina, avrei qualche problema.
Citazione:
Ma se Dio = FALSO allora infinito = VERO e anche il concetto di linee parallele potrebbe essere vero, mi chiedo se è possibile ipotizzare un concetto di “vita parallela” su cui sto meditando con episodi della mia vita, che posso essere letti in due modi diversi (VERO/FALSO), in cui in entrambi i casi posso avere una risposta logica o irrazionale... ma dovrei fare esempi personali che mi portano ad altri concetti come DESTINO/CASO ecc in cui non è il caso di entrare.
Sperando di non essere stato ridicolo, spero di conferma che *A1=VERO e R=VERO.
Grazie.
Mi spiace, ma non riesco a interpretare la tua ultima frase…come molto del resto: forse puoi esplicare per esteso.
Comunque, in definitiva questo volere riferire tutto al dualismo vero/falso mi pare un ragionare abbastanza primitivo…binario quasi…che oltre tutto non risolve e non distingue…non sostituisce la relatività e l’aleatorietà degli eventi.
Mi atterrei, come minimo, ai principi della logica…digitale…magari quantistica…in cui trovare le giustificazione e la contemporaneità del vero/falso, del logico/illogico.
Per il destino/caso/determinazione/libero arbitrio, ecc…in alcuni topic paralleli se ne è discusso ad libitum!
ulysse is offline  
Vecchio 10-07-2011, 19.38.33   #144
Gaffiere
Ospite abituale
 
L'avatar di Gaffiere
 
Data registrazione: 06-01-2009
Messaggi: 111
Riferimento: Verità?

La Verità è adeguazione del pensiero all'essere. Ma l'essenza del pensiero è di riferirsi all'essere, un pensiero di nulla sarebbe nulla di pensiero - annullerebbe il pensiero. Perciò basti dire che Verità è il pensiero, senza aggiunte.
Ogni formulazione di un diverso concetto di Verità sarebbe sempre un pretendere che le cose stian in un modo e non in un altro, e perciò ancora una volta un corrispondere (adeguarsi) del pensiero allo status quo. Perciò chiedersi se tale concezione della Verità sia vera o falsa (problematizzarla) è ancora una volta confermarla, così non accade che si debba rincorrere all'infinito la nozione autentica di Verità, come pur sembrava credere l'iniziatore della discussione. Il problema non è adunque che in 2000 anni molte cose si son dette o molte se ne diranno sul tema, ma piuttosto che la filosofia, che è qualcosa di complesso, o si è capaci di capirla in modo unificante, discriminando ciò che si salva da ciò che perisce, altrimenti si è come quelli che san vedere solo le differenze tra le cose, ma non l'identità che le sottende.
Gaffiere is offline  
Vecchio 11-07-2011, 00.59.19   #145
Gaffiere
Ospite abituale
 
L'avatar di Gaffiere
 
Data registrazione: 06-01-2009
Messaggi: 111
Riferimento: Verità?

Citazione:
Originalmente inviato da emmeci
Noi siamo (lo garantisce Severino) nel paradiso? Oltre a congratularci con lui, che forse non ha dovuto subire traumi terribili come la perdita di persone tanto amate da credere che su di esse si regga la nostra esistenza, se ci guardiamo attorno ci sembra davvero di essere in paradiso? Forse il paradiso di quei santi che godono nel vedere soffrire i dannati? A meno di accogliere quella estrosa “etimologia dell’opposto” che Varrone esemplificava nella frase “lucus a non lucendo” la quale, pur sconvolgendo la verità, sembra dare un sostegno alla logica di Severino accogliendo nella possibilità delle cose quella che sembrerebbe di primo acchito una contraddizione - e in fondo una versione troppo idillica del cristianesimo se non una contrapposizione allo spirito stesso della religiosità – perché, allora, che ci stanno a fare la natura e la storia se tutto è già stato risolto nel primo giorno?
Insomma, tutto può essere compreso in questa alternativa: Dio o ricerca di Dio? La verità è già qui o la dobbiamo faticosamente e dolorosamente cercare?
D’altra parte l’idea severiniana mi pare faccia a pugni non solo con ogni religione, ma anche con ogni scienza e filosofia, e certamente anche con quello a cui sembra guardare Giorgiosan evocando l’essere heideggeriano: e per chi evocasse invece l’esempio dei mistici che sembrano essere gettati diritti nel paradiso, sempre di un gettare si tratta, cioè del fatto che non vi sono dentro fin dall’inizio. E non parliamo di quegli amici filosofi che pur dimostrando di essere religiosi sentono il bisogno di passare attraverso il crivello del forum. Del resto è un bisogno che non si fa sentire solo nel nostro ansioso Occidente, ma nell’umanità, quando perfino il taoista non sembra rimanere immoto a guardare ciò che scorre davanti a lui, ma scrive – e per di più scrive un libro che s’intitola come via verso la verità….
Che forse è quella che persegue, senza più possibilità di equivoci, la religione cristiana, tanto da non squalificare ma benedire la storia. Cristo, se guardiamo bene ai Vangeli, non si qualifica come un Dio ma come un cercatore di Dio, tanto che nelle sue più semplici e popolane parabole può essere ravvisata ogni religione, scienza e filosofia - dunque la storia.

Normalmente le tesi di un pensatore andrebbero comprese e discusse non sulla base di ciò che asseriscono, ma sul fondamento dell'asserire. Aiuterebbe a far chiarezza attorno al senso di "quell'esser già in Paradiso", che solo in malafede o assenza di adeguata documentazione si può interpretare come una esaltazione ingenua (da parte del Severino) del quotidiano, con il suo carico di banalità, stupidità, affanni, delusioni. Tu chiedi: che ci stanno a fare la natura e la storia se tutto è già scritto? La domanda, piuttosto, sarebbe: che senso bisogna attribuirvi? perchè che vi sia storia (variazione degli eventi) lo riconosce Severino non meno che gli scettici. Questo equivale a fare a pugni con l'intera tradizione di sapere, saggezza ed esperienza della nostra cultura? Ma poco importano i contrasti e le conciliazioni, ciò che conta sono i motivi che le sorreggono! L'importante è vedere se tale tradizione ha le carte in regola per fare resistenza (sempre il problema incalzante del fondamento!), se ha cioè valore di diritto e non solo di fatto - se ha le carte vincenti e può starsene silenziosa, o deve urlare per far valer le proprie prerogative, dimostrando di non poterle difendere altrimenti che alzando la voce.
Gaffiere is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it