Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 05-09-2003, 12.56.57   #101
giampiero belluomo
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 04-09-2003
Messaggi: 2
Thumbs up

Solo da poco sono venuto a conoscenza del sito e del forum relativo.
Ciò che mi rende molto felice ,e, dico la verità,anche fiducioso per il futuro(al di là delle diverse posizioni ed interpretazioni scientifiche o speculative dei partecipanti)è che vi sia un grande fermento intellettuale riguardo l'esigenza di andare oltre i dettami rigidi della scienza ufficiale.Naturalmente nessuno vuole disconoscere la stessa ma applicarla ed interpretarla con mente aperta e non ottusa e soprattutto capire,come qualcuno ha detto già,che le conquiste scientifiche hanno un carattere temporaneo e vengono superate con il tempo da se stesse ;una evoluzione nella evoluzione.
Se qualcuno non lo conoscesse,esiste negli USA,California,oramai da alcuni anni il BHAKTIVEDANTA Institute (che è a livello universitario e alla cui costituzione mi consta abbiano concorso alcuni Nobel)che studia il rapporto tra la scienza moderna e la visione del mondo espressa dalla letteratura vedica indiana.
Vorrei ricordare che diversi insigni scienziati(se non sbaglio tra questi anche Einstein)hanno sostenuto che l'unica filosofia/religione che si concilia e si accorda con le conquiste della scienza moderna è quella orientale.
grazie a tutti voi di esistere e di pensarla così.
Giampiero
giampiero belluomo is offline  
Vecchio 05-09-2003, 22.21.55   #102
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Cool

Bene, bene, bene, come non potevo partecipare anch'io?!
Oby..., grazie dei tuoi interventi con un pò di infarinatura, ma, cosa ti fa dire che ogni cellula non ha inteligenza per percepire che ce n'è un'altra accanto a lei cooperante per la VITA? E se invece anch'io come altri azzardassi che è proprio questa la base per la VITA e il nostro modo, non di comprenderla, ma di VIVERLA!? E grazie mille a Frodo e a Falco, almeno lì siamo a quanto si può dire 'più comprovato', logico, o evidente. Documentazioni su tutti i livelli, vanno verso questo che avete esposto alla pag. 7. specialmente questo: " Immaginare l’atomo costituito da particelle che riprodurrebbero nelle dovute proporzioni la materia così come la conosciamo a livello macroscopico è sbagliato, nel senso che è stato dimostrato che, livello sub atomico, le particelle hanno una struttura che non è assolutamente immaginabile col nostro senso comune. " E quindi è anche vero il fatto che dipendiamo per forza dalla misurazione. Difatti tutti gli strumenti di indagine sono carati dai nostri sensi. Siamo noi che li abbiamo fabbricati, abbiamo fabbricato quegli stessi strumenti interrogandoci su queste insolubilità della mente, quindi strumenti adatti a dare risposte a quelle domande. Ma non si vede che è sempre e comunque un circolo vizioso? Infatti questa mi pare obbiettività: " L’umanità ha dei limiti strutturali fisici e mentali che potrebbero non permettere mai la conoscenza della “Realtà Oggettiva”.

2) Il significato fisico del “principio di indeterminazione” mi appare abbastanza comprensibile e intuitivo ".
E la Vita a mio parere comincia quando sappiamo mollare tutto l'affare lì, semplicemente. P.s.: franchino...come ha fatto il tuo pensiero a elaborare un modello simile? Il principio per cui non c'è separazione non vuol dire però attenersi alla visione simile alle scatole cinesi. Insomma, bimbi e bimbe, si torna lì. (alla fine mi mandano a quel paese olografico dove c'è già anche Alice )Finché non viene estromesso dal nostro organismo tutto l'immagazzinamento di conoscenza dell'umanità, non c'è modo di comprendere nulla, se per comprensione si intende avere l'intelligenza di vivere in modo ottimale in natura, corrispondendo correttamente agli stimoli. E questo non è assolutamente una vittoria della religione, come da tempo sto bombardando sul sito, è semmai una cosa naturale.
Sté-detonator is offline  
Vecchio 06-09-2003, 01.58.11   #103
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
Citazione:
Messaggio originale inviato da Sté-detonator
Oby..., grazie dei tuoi interventi con un pò di infarinatura, ma, cosa ti fa dire che ogni cellula non ha inteligenza per percepire che ce n'è un'altra accanto a lei cooperante per la VITA? E se invece anch'io come altri azzardassi che è proprio questa la base per la VITA e il nostro modo, non di comprenderla, ma di VIVERLA!?

Riporto le mie esatte parole:

"Grazioso il pensiero che l'universo intero sia un immane essere vivente ... Da questo punto di vista, allora non potremo mai avere coscienza di un altro universo, come una singola cellula del nostro corpo non potrà mai avere coscenza di un'altra cellula di un altro essere umano."

E riporto, per estrema chiarezza, l'ultimo passaggio:

"come una singola cellula del nostro corpo non potrà mai avere coscenza di un'altra cellula di un altro essere umano."

Ho quindi parlato di altra cellula di altro essere umano.

Un po' come dire che è abbastanza difficile che si possa percepire qualcosa di cui si ignora l'esistenza (altro universo per noi, altro essere vivente per una cellula)

Bada bene che ho parlato di coscenza, di percezione, non di intelligenza; potresti gentilmente inoltrarti un po' di più nei meandri della tua idea e descrivermela più dettagliatamente?

Ciao!


ObyWan is offline  
Vecchio 06-09-2003, 06.49.56   #104
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Thumbs up

Certo. ma non sono meandri, tantomeno di una mia 'idea'. Il fatto è proprio uguale, proprio in virtù del principio di non separazione. Forse non ti sei mai accorto che i corpi parlano e comunicano meglio che le nostre speculazioni farneticanti? Forse c'è il 'vuoto' tra il tuo corpo e un altro che in quel momento ti sta accanto? Forse c'è il vuoto se non ti sta a contatto? NO. Questa idea dei gusci impermeabili non torna. C'è sempre qualcosa di atomico (l'aria o che so) che è come se continuasse i 'nostri' confini che ci siamo inventati decidendo di vedere il corpo come finire con la pelle. E TUTTI questi elementi atomici che costituiscono poi aggregati più grandi magari per noi differenziati dalla vista (oltre che naturalmente per la loro funzione) sono in cooperazione costante, questo è un fatto. al di là delle speculazioni sul vuoto tra particelle. Ecco perché la chiamo intelligenza. Questi elementi di costituzione di tutte le 'cose' hanno modi funzionali di agire in interdipendenza, che solo noi esseri umani creando il pensiero incentrato su se stesso abbiamo fatto sfunzionare. Vedi le malattie nostre prima di tutto, i nostri conflitti e quindi il riversare questi alla terra (intendo anche l'atmosfera etc.etc.). E anche questo è un fatto! Non puoi negarlo, ripeto, al di là di ogni tesi scientifica.
Sté-detonator is offline  
Vecchio 06-09-2003, 11.46.41   #105
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
Andiamo con ordine:

Se ho letto bene, hai dichiarato che non è scritto da nessuna parte che il nostro corpo termina con lo strato più esterno della pelle...

Da cui se ne deriva, arbitrariamente, che i confini potrebbero non esserci e che quindi, per analogia, se ogni essere vivente non ha confini allora tutto l'universo è un essere vivente poichè ogni millimetro cubo del suo spazio è compenetrato dalla "parte invisibile" e sconfinata di ogni essere che ci abita.

Dico bene?

ObyWan is offline  
Vecchio 06-09-2003, 22.25.16   #106
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Unhappy

Mmm. Non era proprio questo che intendevo. Certo Tutto è Vivente, nel senso che ha un battito, una pulsazione, registrabile in certi modi. Non esiste la morte come fine, tutto trasforma tutto, c'è un processo di trasformazione costante in ogni cosa e luogo, e questa anch'io la intendo 'vita'. Riguardo ai corpi intendevo che per esempio il nostro campo elettromagnetico siamo sempre 'noi', quindi tutti gli elementi costitutivi che compongono questo campo, percepiscono che altri unici ma simili a loro di un altro corpo (e del suo campo) stanno interagendo con loro e col tutto. L'intelligenza, ecco cosa intendevo, insita nella natura di questo processo tende alla cooperazione per la sopravvivenza ottimale, sennonquando, ecco la stupidità se vogliamo, l'interferenza del pensiero egocentrico vuole prendere il sopravvento sulla gestione funzionale di tutto questo, essendo il pensiero una vibrazione anche materiale, quindi capace di produrre. Da qui al fatto che ci sia una vera e propria compresenza, forse in virtù dei 'vuoti' che darebbero agio a incastri, o che ci sia chissaché di simile, tipo occupare lo stesso posto allo stesso momento, non saprei. Certo questo non è un fatto. Non ci sono due elementi costitutivi (come ho chiamato la parte più micro che chissàqual'è ) uguali in natura= non ci sono due corpi uguali. c'è questa unicità dentro varie 'specie'. Certo se si fa riferimento alla consistenza chimica elementale, l'aria ci permea e ci attraversa, ma di qui a esser certi che una sua molecola per esempio occupi lo stesso posto nello stesso momento di una molecola chessò del mio sangue, o del mio gas interno...non saprei. Quindi mi è difficile vedere questa estendibilità infinita a livello di perfetta compresenza come hai fatto notare. Probabilmente la natura ha un modo di percepire la interdipendenza totale di ogni cosa nel Tutto senza bisogno di questa compresenza di ogni cosa con l'altra, come invece ipotizzerebbe qualche filone della teoria anche spirituale della coscienza cosmica; visto che lì la intendono come una cosa che va oltre la intendibilità stessa del modello di atomo, ma che comunque non riescono a dargli una consistenza che va più in là di una certa 'aereità'. Come ho messo in altri topic, questa cosa del rientro in natura dei nostri atomi, dopo che l'organismo si disfa, è cosa che logicamente non possiamo descrivere tantomento immaginare ora. Poiché lì la vibrazione del pensiero egocentrico termina, e questa è proprio quella su cui basiamo tutte le nostre speculazioni, 'un si pò dì nulla! Che poi questi atomi 'nostri' ma che mai furono 'nostri' eppure appartenenti all'unicità dell'organismo mantengano una certa percezione che potrebbe riunificarsi anche disparandosi lontani, è tutto l'assunto su cui gira la spiritualità antica ed esoterica, onde per cui tutti gli impostori speculanti su ciò e promettenti ricette pronte e libretti di istruzione.
Sté-detonator is offline  
Vecchio 08-09-2003, 17.44.58   #107
madhavii
Ospite
 
Data registrazione: 26-08-2003
Messaggi: 30
Può darsi, Kri. Il punto è che le teorie di M.B. si avvicinano alle mie ed io le condivido, è semplice il discorso. E tu, invece, che cosa hai sperimentato? Illuminami...
madhavii is offline  
Vecchio 08-09-2003, 19.04.08   #108
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
Re: A franco1

Citazione:
Messaggio originale inviato da madhavii
ciao franco1. La tua idea è corretta ed è la base della disciplina spirituale, se leggi qualche libro di Teosofia, magari di Madame Blavatsky, vedrai che il tuo pensiero risulta corretto.

A 784: che simpatico!

Nessun dubbio? Troppe certezze mi fanno dubitare. Scusa ma così la penso io. Pochi interventi molte provocazioni…
edali is offline  
Vecchio 09-09-2003, 02.45.18   #109
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Cool

no, no, edali, di interventi mi sembra ce ne siano stati. Che volevi, che rispondesse C.Rubbia? Ma anche se avesse risposto la sintesi della scienza impersonificata...credi che i dubbi ti si sarebbero dissipati? Già..., come mai non se ne vanno comunque questi cavolo di dubbi?
Sté-detonator is offline  
Vecchio 10-09-2003, 17.42.24   #110
giampiero belluomo
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 04-09-2003
Messaggi: 2
Risposta a Ste-Detonator

I dubbi non se ne andranno mai, nemmeno tra mille anni.
La scienza cerca di spiegare le cose come appaiono a noi e non va oltre.Non può andare oltre.
E' notizia di pochi giorni orsono che due matematici americani avrebbero elaborato un modello matematico che farebbe quadrare i conti irrisolti della teoria del Big-Bang.(per precisione i matematici si chiamano Joel Smoller e Blake Temple).
Dice il prof.Massimo Capaccioli,noto asrofisico italiano," La cosmologia presenta sempre dei grandi problemi ai quali i matematici tentano di dare una soluzione esatta in termini di equazioni;ma la natura non funziona secondo equazioni.
Queste sono solo il nostro modo di descrivere la natura"

Giampiero
giampiero belluomo is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it