Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 24-08-2002, 19.44.21   #51
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
Vuoto e nulla

1a Puntata ...



Scrivo qui una cosa emersa in "anticristo" ...

Dunque, stabiliamo cosa è il vuoto: uno spazio che non contiene niente.

Diamo un altra definizione: una regione dello spazio-tempo ove non avviene alcun tipo di scambio o di trasformazione di energia e dove la massa totale del contenuto è 0.

Il vuoto può inoltre essere di più tipi a seconda della densità della materia che rimane nel volume in esame.

Prendiamo in considerazione il vuoto più spinto che si possa immaginare: un metro cubo con dentro assolutamente niente.

Questa è una cosa che si trova comunemente al di fuori della biosfera terrestre, e risponde alla prima definizione di vuoto. (in media lo spazio esterno, se contenesse 3 protoni per metro cubo, conterrebbe abbastanza materia da fare ricontrarre l'universo su se stesso; dato che l'universo non si sta contraendo ma sembra si stia espandendo, tale densità non la si trova in natura).

Quindi un volume che non contiene materia può tranquillamente esistere (soprattutto in natura!!)

Un altro esempio può essere il volume che si trova tra il nucleo atomico e gli orbitali degli elettroni. Questo naturalmente vuol dire che noi e tutto ciò che conosciamo siamo formati dal 99,99% da spazio vuoto!!
ObyWan is offline  
Vecchio 24-08-2002, 19.57.04   #52
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
Vuoto e nulla

2a Puntata

Ma veniamo alla seconda definizione: in uno spazio vuoto, che non contiene nulla, mi aspetto che non ci siano reazioni e scambi di energia o trasformazioni di qualsiasi tipo.

Ora, secondo Einstein, E=mc^2

quindi da una poccola massa si può ottenere una enorme energia mentre da un'enorme energia si può ottenere massa. Diciamo che dentro un solo atomo c'è lequivalente enrgetico di migliaia di litri di benzina mentre occorrerebbe estrarre energia da migliaia di litri di benzina per poter formare un singolo protone.

Possiamo quindi escludere, in condizioni finalizzate all'analisi del vuoto, la generazione di materia a partire da energia.

L'ultimo problema è quello di stabilire, in un volume prescelto, la presenza del "vuoto", cosa non possibile perchè, per verificare un vuoto, devo mettere un sensore nel volume prescelto, e quindi quest'ultimo vuoto non lo è più (c'è il sensore)

Per concludere, il vuoto assoluto esiste ma non siamo in grado di misurare direttamente questo perchè per farlo dobbiamo perturbare il volume con una massa che, come tale, è soggetta a scambi energetici e quindi a reazioni materia-energia che inevitabilmente verrebbero misurate.

Ciao!!

ObyWan is offline  
Vecchio 24-08-2002, 23.46.38   #53
784
Numero
 
L'avatar di 784
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 291
Rapido ed efficace, Oby.

784 is offline  
Vecchio 06-09-2002, 11.00.36   #54
claudiocicco
Ospite
 
Data registrazione: 05-09-2002
Messaggi: 4
Unhappy bhoooo


ma cosa è l'universo??????


Claudio
claudiocicco is offline  
Vecchio 06-09-2002, 15.45.21   #55
Lilia
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 04-09-2002
Messaggi: 2
Il termine"esaudiente"ha un volto

Per questa rapida,esaustiva,avvincente delucidazione sul concetto di vuoto,condita di accenni che hanno cancellato dubbi che non volevo chiarire temendo di non capire,ringrazio Oby,offrendogli la devozione dei semplici,l'amore dei discepoli e la buona volontà di chi non acceta per principio.
Per quanto rigurada il fascino che la follia esercita su Ejzen-tein...
Beh...
Ti assicuro che l'estraniazione dalla realtà di un pazzo è causata da uno stato di continuo,profondo tormento...
Contrariamente al cosiddetto "individuo socialmente normale" che riesce a compiere una cernita degli imput che riceve da società e ambiente,decidendo quali sono meritevoli di stati di estrema felicità o prostrazione piuttosto che di una totale indifferenza,
il cosiddetto "pazzo" valuta con la stessa importanza ogni imput che riceve,concedendo ad ognuno la stessa,altissima percentuale di attenzioni e coinvolgimento emotivo:in parole povere ciò che per te ha l'importanza di 5 minuti mentre prendi il cappuccino al bar,per un "pazzo" vale un'intera notte insonne.
Ciò porta ad uno stato di alterazione percettiva,più o meno
continuo,più o meno costante,dell'universo sensoriale dell'individuo in questione,con picchi di totale estraniazione che hanno come conseguenza lo sviluppo di un mondo di immagini visive,uditive e olfattive di per sè non esistenti,se non nel subconscio di chi le percepisce:vale a dire le ucinazioni.
Ma parliamone di queste allucinazioni...
Non è che percepisce cose che hanno un senso,per lo meno non per l'eco di razionalità che ancora risiede nel suo cervello:a volte non capisce ciò che vede,sente o annusa,e per cercare di interpretare il senso di tutto questo coglie l'occasione per rodere ulteriormente il suo tempo,impiegando ogni risorsa a questo scopo.
Per un individuo sano il bello dell'essere pazzi è che tutto sembra non avere un senso,cioè il senso che il sano da alle cose,ma il pazzo tutto questo lo trova meno divertente,perchè per il pazzo tutto deve avere un senso,il suo senso,un solo senso,sopratutto le cose insensate.Per il pazzo tutto è apparenza,anche le cose che sono solide come un calcio in culo.
In poche parole(che potevo sfoderare prima se non fosse che sono schizofrenica,e gli schizofrenici blaterano...):il mondo dei folli è interessante,affascinante e "vero" solo per chi la vede da sano...
Per i poveri dementi che ci vagano dentro è più simile al tormento di Tantalo...
Lilia is offline  
Vecchio 04-01-2003, 00.18.50   #56
Flash
Ospite
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 4
Thumbs up

Dal inizio
Flash is offline  
Vecchio 10-01-2003, 01.57.25   #57
Ejzen_tein
Ospite abituale
 
L'avatar di Ejzen_tein
 
Data registrazione: 14-06-2002
Messaggi: 54
erieccomi!!!!

sono tornato di nuovo, mi scuso per la lunga attesa, mi dispiace ma il vuoto che ho creato in questa discussione e dovuto a cause di forza maggiore, mai e poi mai, avrei lascito un dibattito a metà.
chiedo venia.
spero che mi vogliate ancora tutti bene!!!!

questo primo messaggio e per avvisarvi del mio ritorno a breve, dopo aver letto con cura i vostri scritti, rispondero con la mia solita caparbietà (o stupidità, fate voi), per adesso ho dato solo un mezzo sguardo a quello che avete pubblicato, e a quanto pare sono solo soletto contyro tutti.
va beh!

ancora un attimo di pazienza.

784, spero che ritornerai, eri il mio "avversario" preferito.
Ejzen_tein is offline  
Vecchio 12-01-2003, 01.06.37   #58
Ejzen_tein
Ospite abituale
 
L'avatar di Ejzen_tein
 
Data registrazione: 14-06-2002
Messaggi: 54
Re: Vuoto e nulla

Diamo un altra definizione: una regione dello spazio-tempo ove non avviene alcun tipo di scambio o di trasformazione di energia e dove la massa totale del contenuto è 0.

con questa affermazione presupponi l'esistenza dell'antimateria? se è così, e se ci dobbiamo rifare alle teorie ufficiali (almeno a quelle che conosco io) e che come sapete non è che apprezzi moltissimo, affermi che il vuoto non esiste:
1. appunto per l'esistenza di antimateria, che semplificando alla lunga non è altro che materia al contrario, ma pur sempre materia.
2. per il fatto che se anche vuoi presupporre che essendo la materia rada nello spazio, l'antimateria lo sarà lo stesso contrariamente; ma non è così (pare) in quanto la scienza dice che c'è una quantita enorme di antimateria, innumerevolmente superiore alla materia, e che occuperebbe lo spazio lasciato vuoto da questa, appunto. vale a dire: lo spazio non è vuoto.

L'ultimo problema è quello di stabilire, in un volume prescelto, la presenza del "vuoto", cosa non possibile perchè, per verificare un vuoto, devo mettere un sensore nel volume
prescelto, e quindi quest'ultimo vuoto non lo è più (c'è il sensore)


appunto: ciò dimostra che il vuoto non può esistere!!
o mi sbaglio?
o per lo meno, può esistere in teoria, ma siccome non siamo in grado di misurarlo fisicamente non sapremo mai della sua reale e concreta presenza ( o non-presenza dato che di vuoto si tratta).

ciao.
Ejzen_tein is offline  
Vecchio 12-01-2003, 01.10.27   #59
Ejzen_tein
Ospite abituale
 
L'avatar di Ejzen_tein
 
Data registrazione: 14-06-2002
Messaggi: 54
Re: Il termine"esaudiente"ha un volto

Contrariamente al cosiddetto "individuo socialmente normale" che riesce a compiere una cernita degli imput che riceve da società e ambiente,decidendo quali sono meritevoli di stati di estrema felicità o prostrazione piuttosto che di una totale indifferenza,

non penso che questa definizione sia giusta!


In poche parole(che potevo sfoderare prima se non fosse che sono schizofrenica,e gli schizofrenici blaterano...):il mondo dei folli è interessante,affascinante e "vero" solo per chi la vede da sano...

non ho mai detto che mi affascina il mondo dei pazzi


ma forse questa discusswione è meglio continuarla in un altro forum, no?

Ejzen_tein is offline  
Vecchio 13-01-2003, 02.31.02   #60
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
Vuoto e nulla

Ejzen_tein: I casi sono tre:

1) Io mi sono spiegato malissimo

2) Non hai afferrato il concetto

3) Il tuo insegnante di fisica tira di coca

Vorresti gentilmente spiegarmi meglio la funzione e la distribuzione dell'antimateria nello spazio?

Ciao!


ObyWan is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it