Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 09-02-2007, 09.16.32   #131
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: Illuminazione religiosa

Originalmente inviato da maxim
Ti offro l’ultima possibilità per farmi illuminare da te…altrimenti mi rivolgo alle paccottiglie di Yam che per quanto possano sembrare bizzarrie spirituali, paiono più ordinate ed assettate rispetto ai miti degli dei


Complimenti YAM, persino Maxim ha percepito un po’ di luce dal fondo della sua prigione, sarai l’artefice del suo risveglio.


Gli altri sono una parte di me che, momentaneamente non riconosco.
Rappresentano ciò che sono stato o ciò che diverrò.
Sono più che fratelli, perché le loro esperienze fanno parte delle mie e, un giorno, guardandomi indietro, potrò dire:
“Io sono stato tutti loro e ho giocato con me stesso"
salvatoreR is offline  
Vecchio 09-02-2007, 16.12.31   #132
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: Illuminazione religiosa

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Francamente…a me non pare di fondamentale importanza quanto vai dicendo…tenuto conto che tutto lo studio è nato da un nome (antares) che potrebbe non essere quello (altare) e quindi, perlomeno, non sufficiente a far comprendere l’eterno incomprensibile.
Non mi pare di fondamentale importanza anche perché continui a dialogare con te stesso e dubito veramente che qui, qualcuno abbia compreso od abbia saputo dare un filo logico a quel che vai dicendo.
Io mi lascerei illuminare ben volentieri da te (anche se per dire il vero mi attira molto la paccottiglia orientale di Yam) ma dovresti stimolare un po’ di più la mia curiosità. Inoltre dovresti anche saper dare prova di avvenuta illuminazione senza arrivare a giudizi affrettati e non proprio corretti sul mio conto perché se a te diverte molto giocare con l’etimo a me diverte moltissimo giocare con la parola pratica…
…il mio “coito ergo sum” lo devi vedere alla fonte e non quando è già “sum” perché ti ricordo che tu SEI esclusivamente in virtù di un coito…che potrebbe essere nato tranquillamente da solo...anche senza quella “G” di luce.

Erro?...o in questa parola ne intravedi il demonio sumero?

Quindi ben venga il tuo invito all’ascolto e al dialogo ma è necessario parlare nelle stessa lingua…e qui il sumero non credo lo conoscano in molti. Potresti ad esempio cominciare a spiegare quale nesso intravedi tra L’”archeologia del linguaggio” e la “spiritualità”.

Ti offro l’ultima possibilità per farmi illuminare da te…altrimenti mi rivolgo alle paccottiglie di Yam che per quanto possano sembrare bizzarrie spirituali, paiono più ordinate ed assettate rispetto ai miti degli dei.


Credo che non possano illuminarti perché nessuno dei presenti ha mai tentato di ragionare sopra i loro percorsi mentali, adducendoli all’intuizione, ma senza un percorso razionale.

Tentando di darne una linearità ci provo io.
Secondo la cabala le parole hanno in sé una loro storia che man mano che la si svela si svela per analogia anche la storia del pensiero umano in linguaggio, risalendo dalle parole ai loro etimi si risale la storia del pensiero e si raggiungono gli archetipi, le immagini primordiali che hanno dato luogo ad un suono scritto, con l’archeologia che Forin propone si arriva all’archetipo del suono, portando la mente all’indietro, come in una seduta di ipnosi regressiva fino all’immersione in un liquido amniotico di contorno dell’infanzia dell’umanità, si dovrebbe dunque conoscere l’inconscio collettivo di cui parla Jung e in questo stadio avere un re-birthing, una rinascita, si sarebbero tolte, strato dopo strato, tutte le strutture cognitive che costituiscono la nostra attuale Weltanschauug costruzioni su costruzioni di costruzioni mentali, una dopo l’altra fino ad arrivare all’istante in cui si è in completa armonia con la Grande Madre.
Io non so però se ci si arriva davvero al rebirthing, ma questa dovrebbe essere la prassi in questo caso, naturalmente ogni disciplina ha il suo metodo, lo zen ha i koan per evidenziare l’inconsistenza dei concetti mentali. Una specie di terapia d’urto.
La_viandante is offline  
Vecchio 09-02-2007, 18.13.00   #133
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Illuminazione religiosa

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Secondo la cabala le parole hanno in sé una loro storia che man mano che la si svela si svela per analogia anche la storia del pensiero umano in linguaggio, risalendo dalle parole ai loro etimi si risale la storia del pensiero e si raggiungono gli archetipi, le immagini primordiali che hanno dato luogo ad un suono scritto, con l’archeologia che Forin propone si arriva all’archetipo del suono, portando la mente all’indietro, come in una seduta di ipnosi regressiva fino all’immersione in un liquido amniotico di contorno dell’infanzia dell’umanità, si dovrebbe dunque conoscere l’inconscio collettivo di cui parla Jung e in questo stadio avere un re-birthing, una rinascita, si sarebbero tolte, strato dopo strato, tutte le strutture cognitive che costituiscono la nostra attuale Weltanschauug costruzioni su costruzioni di costruzioni mentali, una dopo l’altra fino ad arrivare all’istante in cui si è in completa armonia con la Grande Madre.
Io non so però se ci si arriva davvero al rebirthing, ma questa dovrebbe essere la prassi in questo caso, naturalmente ogni disciplina ha il suo metodo, lo zen ha i koan per evidenziare l’inconsistenza dei concetti mentali. Una specie di terapia d’urto.

Vedo che hai studiato bene. Ci sarebbe poi la pratica, che non e' affatto differente, tra una tradizione e l'altra, anche lo Zen. Cambiano solo i termini, gli esercizi, l'approccio piu' o meno diretto, a seconda delle capacita' della persona, a seconda del suo livello evolutivo.

E' l'Anima che si purifica, ti sarei grato se parlassi dell'anima secondo la Kabbalaq.

L'Anima parla il linguaggio dei Simboli, non quello dei concetti, si puo' parlare alla propria Anima, le si possono offrire cose migliori di quelle che le si sono offerte sino ad oggi. Lei risponde e lo fa attraverso i Sogni. Ci sono molte tecniche, ma la funzione e' sempre la stessa.
L'Anima si svuota e ritorna al suo candore originario, e' una esperienza d'Amore che cresce.
Yam is offline  
Vecchio 11-02-2007, 00.41.41   #134
krjisoul
frequentatore abituale
 
L'avatar di krjisoul
 
Data registrazione: 03-02-2006
Messaggi: 145
Riferimento: Illuminazione religiosa

Questa storiella sull'illuminazione me l'hanno raccontata oggi, trovo sia molto carina e......istruttiva.

Sappiamo che spesso un riceracatore spirituale cerca un Maestro che gli indichi il cammino, poichè molti ritengono che senza un Maestro non si possa progredire, mentre altri pensano che il nostro Vero Maestro sia interiore....
Mia premessa...

Vi era un uomo che voleva scoprire quale fosse il mistero della legge del Tao, poichè da solo sapeva di non riuscire, decise di cercarsi un Maestro, così si imbattè in una coppia di imbroglioni(marito e moglie) che dichiararono di essere due grandi Maestri del Tao....questi lo presero con loro e ne fecero il loro schiavo, dicendogli che per arrivare a tale Verità ci sarebbero voluti anni di duro lavoro e fatica; così lui accettò, e poichè determinato a voler trovare la Verità, lavorò indeffessamente per costoro, non risparmiandosi alcuna fatica, ed ogni volta che lui chiedeva di fargli conoscere quale fosse il mistero del Tao, replicavano sempre che ancora non era giunto il momento, poichè gli dissero ci sarebbero voluti non meno di 20 anni perchè lui fosse pronto a tale rivelazione....
Ma l'Allievo era determinato, e non ci fu nulla che fermò la sua determinazione....così passarono i 20 anni, e arrivato quel momento visto che il malcapitato mai si sottrasse ad ogni loro richiesta, la coppia di maestri imbroglioni capì che non poteva più raccontargli altre frottole, che si sarebbero dovuti inventare qualcosa, così si consultarono sul da farsi e trovarono una soluzione.....appena il poveretto chiese loro che era giunto il momento questi gli dissero:
"Devi andare nella foresta, trovare l'albero più alto, arrampicarti fin sù, e quando sarai in cima ti dovrai lanciare e ti verrà rivelato il mistero del Tao...."

Lui che era fedele e puro di cuore seguì tutte le istruzioni alla lettera,
quando giunse in cima all'albero si lanciò e.......volò.


krjisoul is offline  
Vecchio 11-02-2007, 13.21.14   #135
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Illuminazione religiosa

Salve e Buona domenica!
Volevo aprire un nuovo 3d "la ricerca e l'aspettativa" ma visto che è tempo di storie mi accodo a quella raccontata dal krjisoul
"C'era circa 2500 anni fà un signore Siddharta vive nella sua reggia ed essendo re è appagato nel kamatrsna o «desiderio di oggetti sensuali»; bhavatrsna o «desiderio di essere»;ma è scontento, forse un pò depresso (all'epoca non c'era il citalopram) sente che le manca qualcosa la .tanha lo attanaglia....abbandona la reggia e inizia un "viaggio" per appagare o estinguere ciò che lo fa soffrire: tenta tutte le vie quelle delle privazioni, della preghiera ......forse giunge a possedere anche capacità paranormali ma continua ad essere attanagliato dalla tanha ; una mattina dopo tanto soffrire, peregrinare, giunge vicino ad un albero stanco esausto ,ma non accidioso si getta all'ombra della pianta e,essendo uomo pio, professa la sua incapacità "egoica" di superare questa prova, si abbandona ed ....ecco che viene pervaso da Nirodha: e.....vola

ps l' "ordine implicito " quantico (ho iniziato a leggere "tutto è uno" di Talbot) può essere inteso come la "vacuita"

ciao a tutti buon pomeriggio, vado al lavoro e sto facendo tardi claudio
fallible is offline  
Vecchio 12-02-2007, 02.58.00   #136
krjisoul
frequentatore abituale
 
L'avatar di krjisoul
 
Data registrazione: 03-02-2006
Messaggi: 145
Riferimento: Illuminazione religiosa

Riprendendo il discorso da illuminazione e disciplina, ci viene insegnato che senza una severa disciplina, oltre che senza un Maestro non si può fare nulla, però mi pare di capire che molti 'vorrebbero' illuminarsi a tutti i costi, pronti addirittura a pagare pur di avere questa benedetta illuminzione (ricordo che ci fu un thread in cui si parlò di ciò, della diksha...e sul quando e per cosa possa essere giusto pagare è altro discorso) è vero che si dice che volere è potere, ma questo volere a me sembra nascondere solo una ulteriore trappola dell'ego.
Non ha senso volere illuminarsi e non prendere magari in considerazione che prima di tutto si dovrebbe volere Amare......
Perciò quando si intraprende un cammino spirituale forse ci si dovrebbe interrogare per capire cosa spinge realmente in questa direzione,
sete di conoscenza, fine a se stessa, o fuoco sacro: reale desiderio di unione, o identificazione col divino per giungere a manifestare il divino.
Nel primo caso penso che il praticante 'disciplinato' e determinato potrà col tempo giungere sicuramente a qualche risultato, il rischio sarà a mio avviso di muoversi però su un piano orizzontale.
Ma come si fa a capire su che piano ci si muove? Penso che l'unico modo per capire se si fa bene, sempre che non vi sia un Maestro a guidarci, sia guardarsi dentro e ascoltare il proprio cuore, quando lo si comincerà a 'sentire' in maniera inequivocabile, probabilmente ci si sta muovendo nella direzione giusta....
E da qui mi chiedo fino a che punto serva seguire una disciplina rigorosamente, e pur ammettendo che vi sia un intento puro, è giusto forzarsi in una pratica o sarebbe meglio praticare solo quando vi è una sincera predisposizione? Un Maestro come JK diceva che a nulla servivano pratiche e via dicendo, salvo la meditazione, ma solo una costante osservazione di se stessi e il vuoto della mente......
Con questo non sto dicendo che non serva praticare, ma non serva forzare....
krjisoul is offline  
Vecchio 12-02-2007, 14.43.36   #137
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Illuminazione religiosa

Citazione:
Originalmente inviato da krjisoul

..............
però mi pare di capire che molti 'vorrebbero' illuminarsi a tutti i costi, pronti addirittura a pagare pur di avere questa benedetta illuminzione ...


Buongiorno a tutti gli amici spirituali…

In attesa che qualcuno mi dica qualcosa (a gratis), mi hai fatto riflettere sui costi di un’illuminazione.

Supponendo che io volessi intraprendere la strada verso la “Luce”, avrei a disposizione moltissime opportunità.
Fosse quella di Carlo Forin, con un paio di suoi libri forse me la cavo ma supponendo che l’attrazione verso la paccottiglia ben confezionata, completa e con tanto di pratica annessa dell’amico Yam fosse quella che io penso potesse fare al caso mio, quali costi dovrei affrontare in termini di vile denaro e di tempo?
Di solito si inizia con le letture dei grandi maestri orientali…per questo potrei anche essere avvantaggiato perché i maestri più gettonati del momento sono già presenti da un bel pezzo nella mia libreria. Il costo di questi testi “sacri” si aggira attorno ai 15 - 20 euri ciascuno e siccome la ricerca non finisce mai, sarei costretto ad acquistarne mediamente uno al mese ed ovviamente vita natural durante (praticamente come l’enciclopedia treccani).
Tenendo conto della vita media di un uomo, il costo in sole letture si aggirerebbe, per una persona che intraprende questa carriera alla mia età, attorno ai 10.000 euri; il tempo speso a leggere da qui alla morte (1 oretta alla sera penso ci possa stare), sarebbe di circa 600 giorni.
Queste però sono pur sempre bazzecole in confronto al denaro e al tempo impiegato per la pratica. Un corso di meditazione o yoga spirituale (solitamente due giorni la settimana) costa assai e di solito impegna tutta la serata…senza contare le giornate per i ritiri spirituali. La fregatura di questi corsi però è che non finiscono mai (pena…la decadenza dell’illuminazione fino a quel punto raggiunta). Mentre per un corso di sub alla fine ti viene rilasciato il brevetto e sei effettivamente un sub, in questi allegri corsi di meditazione non viene rilasciato alcun brevetto di illuminazione raggiunta…

…quanto sopra al fine di meditare (gratuitamente) su quanto possa essere REALMENTE illuminato colui che raggiunge questo stato per merito delle suesposte condizioni…


maxim is offline  
Vecchio 12-02-2007, 18.01.28   #138
manipur
Ospite
 
Data registrazione: 12-02-2007
Messaggi: 13
Smile Riferimento: Illuminazione religiosa

[quote=Carlo Forin]Vogliamo riflettere in quest'area di ILLUMINAZIONE RELIGIOSA. io ho accettato di lasciarmi illuminare[quote]
Da chi? Chi è un illuminato? Se sapeste che l'illuminato è un analfabeta che cosa pensereste? Parliamone...
manipur is offline  
Vecchio 13-02-2007, 01.26.13   #139
krjisoul
frequentatore abituale
 
L'avatar di krjisoul
 
Data registrazione: 03-02-2006
Messaggi: 145
Riferimento: Illuminazione religiosa

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Buongiorno a tutti gli amici spirituali…
In attesa che qualcuno mi dica qualcosa (a gratis), mi hai fatto riflettere sui costi di un’illuminazione.

Ciao Maxim,

posso risponderti gratis, per ora , ok scherzi a parte, è vero che anche illuminarsi costa.....ma il vero costo non sarà quello in danaro.....
vedi puoi anche pagare per frequentare corsi su corsi, o comprarti migliaia di libri, sicuramente avrai una visione più ampia in materia spirituale, saprai cosa pensava il tal maestro e il talaltro, o meglio si potrà approfondire la conoscenza delle tradizioni....per tutto questo puoi pagare in danaro, ma per andare oltre, il danaro nulla può fare, anzi i veri Maestri nella tradizione passavano la loro conoscenza in modo diretto, da Maestro a Discepolo, e non chiedevano soldi....



Citazione:
Di solito si inizia con le letture dei grandi maestri orientali…per questo potrei anche essere avvantaggiato perché i maestri più gettonati del momento sono già presenti da un bel pezzo nella mia libreria. Mentre per un corso di sub alla fine ti viene rilasciato il brevetto e sei effettivamente un sub, in questi allegri corsi di meditazione non viene rilasciato alcun brevetto di illuminazione raggiunta…

uhmmm, hai già in libreria i maestri più gettonati.....uhmmm

beh ci mancherebbe che in un corso di meditazione venisse rilasciato un attestato di raggiunta illuminazione, dai....


Per Manipur, se è Illuminato non è più analfabeta......lo era....


krjisoul is offline  
Vecchio 13-02-2007, 10.14.50   #140
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Riferimento: Illuminazione religiosa

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Buongiorno a tutti gli amici spirituali…

In attesa che qualcuno mi dica qualcosa (a gratis), mi hai fatto riflettere sui costi di un’illuminazione.

Supponendo che io volessi intraprendere la strada verso la “Luce”, avrei a disposizione moltissime opportunità.
Fosse quella di Carlo Forin, con un paio di suoi libri forse me la cavo ma supponendo che l’attrazione verso la paccottiglia ben confezionata, completa e con tanto di pratica annessa dell’amico Yam fosse quella che io penso potesse fare al caso mio, quali costi dovrei affrontare in termini di vile denaro e di tempo?
Di solito si inizia con le letture dei grandi maestri orientali…per questo potrei anche essere avvantaggiato perché i maestri più gettonati del momento sono già presenti da un bel pezzo nella mia libreria. Il costo di questi testi “sacri” si aggira attorno ai 15 - 20 euri ciascuno e siccome la ricerca non finisce mai, sarei costretto ad acquistarne mediamente uno al mese ed ovviamente vita natural durante (praticamente come l’enciclopedia treccani).
Tenendo conto della vita media di un uomo, il costo in sole letture si aggirerebbe, per una persona che intraprende questa carriera alla mia età, attorno ai 10.000 euri; il tempo speso a leggere da qui alla morte (1 oretta alla sera penso ci possa stare), sarebbe di circa 600 giorni.
Queste però sono pur sempre bazzecole in confronto al denaro e al tempo impiegato per la pratica. Un corso di meditazione o yoga spirituale (solitamente due giorni la settimana) costa assai e di solito impegna tutta la serata…senza contare le giornate per i ritiri spirituali. La fregatura di questi corsi però è che non finiscono mai (pena…la decadenza dell’illuminazione fino a quel punto raggiunta). Mentre per un corso di sub alla fine ti viene rilasciato il brevetto e sei effettivamente un sub, in questi allegri corsi di meditazione non viene rilasciato alcun brevetto di illuminazione raggiunta…

…quanto sopra al fine di meditare (gratuitamente) su quanto possa essere REALMENTE illuminato colui che raggiunge questo stato per merito delle suesposte condizioni…



Conosco uno che fa corse gratis, garanzia di rimborso entro i 7 anni, di solito però ti rimborsa prima (il bello è che è che è di un pignolo sui rimborsi... ti restituisce fino all'ultimo centesimo quello che hai speso ) se vede che non ottieni risultati.
Ma tu hai abbastanza fiato per correre? Perchè non corri solo un'ora la sera... o un fine settimana ogni tanto... devi correre tutto il giorno all'inizio, poi pure la notte...
Mi sa che a questo punto già non ti piace poi se ci aggiungessi che neanche ti illumini... mi sa che mi diresti "no grazie, di al tuo amico che rifiuto e vado avanti"
è una questione di pacchi, chi li tira, chi li cambia, chi non sa mai quale scegliere e poi rimane con quello da vuoto... ammazza si possono trovare delle belle morali pure in trasmissioni così e così....
ciao a tutti...
Uno is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it