Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 14-01-2007, 02.00.01   #181
individuo
Ospite abituale
 
L'avatar di individuo
 
Data registrazione: 09-09-2006
Messaggi: 184
Riferimento: temere la morte

Citazione:
Originalmente inviato da dasca
Matteo 11:11-15
In verità io vi dico, che fra i nati di donna non è sorto nessuno maggiore di Giovanni il battista; eppure il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui.
Dai giorni di Giovanni il battista fino a ora, il regno dei cieli è preso a forza e i violenti se ne impadroniscono.
Poiché tutti i profeti e la legge hanno profetizzato fino a Giovanni.
Se lo volete accettare, egli è l'Elia che doveva venire.
Chi ha orecchi per udire oda
.

Matteo 17:12
Ma io vi dico: Elia è già venuto e non l'hanno riconosciuto; anzi, l'hanno trattato come hanno voluto. Così anche il Figlio dell'uomo dovrà soffrire per opera loro».

Matteo 17:13
Allora i discepoli capirono che egli aveva parlato loro di Giovanni il battista

Marco 9:11-13
Poi gli chiesero: «Perché gli scribi dicono che prima deve venire Elia?»
Egli disse loro: «Elia deve venire prima e ristabilire ogni cosa; e come mai sta scritto del Figlio dell'uomo che egli deve patire molte cose ed esser disprezzato?
Ma io vi dico che Elia è già venuto e, come è scritto di lui, gli hanno anche fatto quello che hanno voluto».

Da molti altri passi dei vangeli si può evincere la conoscenza della idea di reincarnazione ma devi cercarteli da solo.... quando avrai letto senza "pregiudizi", capirai meglio!


--------------------------------

Quando amate non dovreste dire <ho Dio in cuore>, ma piuttosto <Io sono in cuore a Dio>.
E non crediate di condurre l'amore, giacchè se vi scopre degni, esso vi conduce. GIBRAN

Il fatto che tu mi abbia riportato questi fatti, significa che fai poggiare la tua idea di reincarnazione sulla credenza nel vangelo!!!! per carità, ognuno crede a ciò che vuole, ed anche per questo non esiste un idea unica di Dio.

Certo che fare poggiare un'idea ( la reincarnazione ) su una credenza (visto che credi nel vangelo ) mi sembra un impalcatura decisamente fragile...tutto qui.
individuo is offline  
Vecchio 14-01-2007, 09.41.27   #182
dasca
Ospite
 
Data registrazione: 11-12-2006
Messaggi: 31
Riferimento: la buia notte dell'anima

Citazione:
Originalmente inviato da individuo
Dasca, scusa se lo sottolineo, dici:" Io ho già detto che PENSO l'idea della reincarnazione come l'unica spiegazione per l'evoluzione..."

Lo sai vero che quello che tu credi o pensi della realtà deriva dalla cultura in cui vivi?

Non credo che la cultura italiana, Cattolica, sia una buona fonte per ciò che è fondamento del mio pensiero

cioè non hai un barlume, uno straccio di prova che quello che tu pensi sia vero eppure sei davvero disposto a modellare la tua vita la tua condotta proprio su questa tua credenza che non poggia su nulla.

Molti studi, in particolare Americani, raccolgono da anni testimonianze definite "paranormali" di persone che hanno memoria di vite passate o che honno sperimentato il "passaggio della soglia della morte" e sono ritornate.... leggine parte e rifletti

Se quello che credi o pensi fosse sbagliato?

Rivolgi la domanda anche a te stesso!!!

Se la reincarnazione non esistesse, vivresti comunque allo stesso modo? SI!!

Se parole come evoluzione miglioramento fossero solo concetti inventati dall'uomo per sostenere una condizione priva di senso ( non so ) come quella umana, non potresti mai andare in fondo a questa insesatezza per scoprire realmente, per vedere se al di la di questa insesatezza c'è qulacosa d'altro oppure niente.

Non credi che il tuo atteggiamento di credere in qualcosa derivi dalla paura di sentire davvero che la tua vita non poggia su nulla?... e se fosse davvero cosi come faresti a scoprire la " verità "?

Mi spiace che tu ti trovi nella condizione che descrivi

No!!! mi sembra ( mi potrei sbagliare ) che tu preferisca credere in qualcosa, rinunciare a scoprire a sperimentare direttamente su te stesso... e cosi decidi di modellare la tua vita su questa tua credenza che magari deriva proprio dalla tua paura di accettare che magari non c'è senso a questa vita.

Ma la tua mente, non può accettare di sperimentare questa cosa, perchè teme che la sua sicurezza verrebbe meno e cosi costruisce l'idea di reincarnazione, cosi la tua mente ha di nuovo un obbiettivo, qualcosa da seguire, un cammino che ti risparmi la fatica di scoprire davvero, di andare davvero fino in fondo alla " natura umana ".

Hanno ragione gli stessi maestri nel dire che siamo noi a creare i maestri perchè abbiamo bisogno di sicurezze di qualcuno che ci guidi...ma se loro si possono considerare " maestri " è proprio perchè hanno preferito abbandonare la strada della certezza mettendo in discussione tutto...e non seguendo alcuna idea che li potesse intrappollare in un cammino artificiale, mentale...proprio come il credere alla reincarnazione o all'amore o a qualsiasi altro Dio.

Ed è qui che loro dicono iniziare la vera religiosità...ovvero quando l'individuo comincia a capire sentire che si è davvero soli, che non c'è alcuna certezza o cammino da seguire...e forse proprio in questo sta la vera fede, nell'abbandonare qualsiasi certezza pur di sapere di comprendere di vivere di scoprire la " verità " costi quel che costi ", di arrivare laddove il seguire un idea non ti porterà mai, perchè incastrerai modellerai la tua vita entro un percorso che per quanto apparentemente spirituale possa sembrare ( quello di credere nell'incarnazione per esempio ) in realtà non è che un cammino artificiale creato dalla nostra mente all'interno del quale la tua la nostra mente può trovare quella tanto agoniata tranquillità certezza che cerca.

E' per quello che i " maestri " insistono sull'osservazione di se stessi, sull'osservare i nostri pensieri, di come essi determinano il nostro agire...e di come possono ingannarci...dicono: la mente è molto astuta!!!

Non voglio distruggere le certezze di nessuno, in realtà questo è un discorso che molto probabilmente, anzi senza il probabilmente rivolgo a me stesso prendendo solo spunto dalle tue parole, ma intanto facendolo anche a te.

Per cui quello che mi sento di dire è:occhio!...e: vai e con Dios amigo!!! ( dal Film " Point Break " )

Ti auguro di troveare il cammino che ti porti ad incontrare e trovare il Cristo (anche in te stesso)

SII

--------------------------------

Quando amate non dovreste dire <ho Dio in cuore>, ma piuttosto <Io sono in cuore a Dio>.
E non crediate di condurre l'amore, giacchè se vi scopre degni, esso vi conduce. GIBRAN
dasca is offline  
Vecchio 14-01-2007, 14.32.29   #183
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: temere la morte

Individuo dice: Se la reincarnazione non esistesse, vivresti comunque allo stesso modo?

Chiedo scusa per la mia intromissione, io credo alla reincarnazione e rispondo alla tua domanda. La vita non cambia per causa della credenza alla reincarnazione, ma cambia se trasgredisci le leggi Universali perché ne subiresti le conseguenze.

A chi crede alla resurrezione faccio queste domande?
Cos’è la resurrezione?
Come i morti faranno a resuscitare? Con quale corpo ritorneranno? Da giovani e da vecchi?
Il nuovo mondo resuscitato sarà la semplice continuazione del mondo terreno?
La resurrezione implica, di fatto, la necessità di un supporto materiale: anche se è di natura totalmente diversa da quella che conosciamo oggi, il corpo resuscitato sarà obbligatoriamente materiale, e ciò suppone l’esistenza di un continuum spazio-tempo. Sarà cosi?
Tutto questo non ha nessuna logica e solo dogmatismo.
salvatoreR is offline  
Vecchio 14-01-2007, 21.31.05   #184
individuo
Ospite abituale
 
L'avatar di individuo
 
Data registrazione: 09-09-2006
Messaggi: 184
Riferimento: la buia notte dell'anima

Originalmente inviato da individuo
Dasca, scusa se lo sottolineo, dici:" Io ho già detto che PENSO l'idea della reincarnazione come l'unica spiegazione per l'evoluzione..."

Lo sai vero che quello che tu credi o pensi della realtà deriva dalla cultura in cui vivi?

Non credo che la cultura italiana, Cattolica, sia una buona fonte per ciò che è fondamento del mio pensiero

cioè non hai un barlume, uno straccio di prova che quello che tu pensi sia vero eppure sei davvero disposto a modellare la tua vita la tua condotta proprio su questa tua credenza che non poggia su nulla.

Molti studi, in particolare Americani, raccolgono da anni testimonianze definite "paranormali" di persone che hanno memoria di vite passate o che honno sperimentato il "passaggio della soglia della morte" e sono ritornate.... leggine parte e rifletti

>> non voglio dire che non ammetto la possibilità di fenomeni paranormali ma da li a prenderli per veri ce ne passa...almeno per me.<<

Se quello che credi o pensi fosse sbagliato?

Rivolgi la domanda anche a te stesso!!!

>> Bhe diciamo che io non ho espresso alcuna credenza o idea in cui credere, ho solo, mi sembra, usato la logica come strumento per evidenziare come è facile intraprendere strade credendo di sapere da dove esse partono e dove arrivano <<

Se la reincarnazione non esistesse, vivresti comunque allo stesso modo? SI!!

Se parole come evoluzione miglioramento fossero solo concetti inventati dall'uomo per sostenere una condizione priva di senso ( non so ) come quella umana, non potresti mai andare in fondo a questa insesatezza per scoprire realmente, per vedere se al di la di questa insesatezza c'è qulacosa d'altro oppure niente.

Non credi che il tuo atteggiamento di credere in qualcosa derivi dalla paura di sentire davvero che la tua vita non poggia su nulla?... e se fosse davvero cosi come faresti a scoprire la " verità "?

Mi spiace che tu ti trovi nella condizione che descrivi
>> ... <<

No!!! mi sembra ( mi potrei sbagliare ) che tu preferisca credere in qualcosa, rinunciare a scoprire a sperimentare direttamente su te stesso... e cosi decidi di modellare la tua vita su questa tua credenza che magari deriva proprio dalla tua paura di accettare che magari non c'è senso a questa vita.

Ma la tua mente, non può accettare di sperimentare questa cosa, perchè teme che la sua sicurezza verrebbe meno e cosi costruisce l'idea di reincarnazione, cosi la tua mente ha di nuovo un obbiettivo, qualcosa da seguire, un cammino che ti risparmi la fatica di scoprire davvero, di andare davvero fino in fondo alla " natura umana ".

Hanno ragione gli stessi maestri nel dire che siamo noi a creare i maestri perchè abbiamo bisogno di sicurezze di qualcuno che ci guidi...ma se loro si possono considerare " maestri " è proprio perchè hanno preferito abbandonare la strada della certezza mettendo in discussione tutto...e non seguendo alcuna idea che li potesse intrappollare in un cammino artificiale, mentale...proprio come il credere alla reincarnazione o all'amore o a qualsiasi altro Dio.

Ed è qui che loro dicono iniziare la vera religiosità...ovvero quando l'individuo comincia a capire sentire che si è davvero soli, che non c'è alcuna certezza o cammino da seguire...e forse proprio in questo sta la vera fede, nell'abbandonare qualsiasi certezza pur di sapere di comprendere di vivere di scoprire la " verità " costi quel che costi ", di arrivare laddove il seguire un idea non ti porterà mai, perchè incastrerai modellerai la tua vita entro un percorso che per quanto apparentemente spirituale possa sembrare ( quello di credere nell'incarnazione per esempio ) in realtà non è che un cammino artificiale creato dalla nostra mente all'interno del quale la tua la nostra mente può trovare quella tanto agoniata tranquillità certezza che cerca.

E' per quello che i " maestri " insistono sull'osservazione di se stessi, sull'osservare i nostri pensieri, di come essi determinano il nostro agire...e di come possono ingannarci...dicono: la mente è molto astuta!!!

Non voglio distruggere le certezze di nessuno, in realtà questo è un discorso che molto probabilmente, anzi senza il probabilmente rivolgo a me stesso prendendo solo spunto dalle tue parole, ma intanto facendolo anche a te.

Per cui quello che mi sento di dire è:occhio!...e: vai e con Dios amigo!!! ( dal Film " Point Break " )


Ti auguro di troveare il cammino.-

Lo riduco alle mie esigenze
>> grazie per l'augurio! <<
individuo is offline  
Vecchio 15-01-2007, 09.45.57   #185
dasca
Ospite
 
Data registrazione: 11-12-2006
Messaggi: 31
Riferimento: la buia notte dell'anima

Citazione:
Originalmente inviato da individuo
Originalmente inviato da individuo
>> Bhe diciamo che io non ho espresso alcuna credenza o idea in cui credere, ho solo, mi sembra, usato la logica come strumento per evidenziare come è facile intraprendere strade credendo di sapere da dove esse partono e dove arrivano <<

Ma tu, da dove parti o sei partito, e dove vuoi o vorresti arrivare?
Te lo sei mai chiesto? Ti sei mai dato delle risposte?? o ti basta la logica per "confutare" gli altri e per te stesso il nulla??
Io ho studiato, studio e studierò ancora molto per migliorarmi e chiarira le risposte che mi sono dato, e di solito esprimo un mio parere cercando (forse non sempre riesco) di non dire al prossimo che e dove sta sbagliando, se sta sbagliando (non sono maestro di nessuno se non di me stesso).

--------------------------------

Quando amate non dovreste dire <ho Dio in cuore>, ma piuttosto <Io sono in cuore a Dio>.
E non crediate di condurre l'amore, giacchè se vi scopre degni, esso vi conduce. GIBRAN
dasca is offline  
Vecchio 15-01-2007, 10.52.03   #186
sistermoon
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 20-08-2006
Messaggi: 1
Riferimento: temere la morte

buongiorno,sto cercando di metabolizzare con tristezza e tanta fatica la morte di mia madre avvenuta tre giorni fa.se ne è andata con paura,sgomento e tanta solitudine gridando il nome dei suoi figli.è morta alle 3 e 50 di venerdi in quel preciso istante io a 15 km di distanza ho provato un dolore lancinante al femore!ho bisogno,vi prego,di sapere se c'è un modo,e ci sarà ne sono sicura,per poter aiutare la mia mamma nel suo viaggio,per poter aiutare il suo spirito ha trovare serenità.un preghiera, un sistema,delle letture.seguo le dottrine orientali,sono devota di BABAJI da 25 anni,non sono più una ragazzina,ma non so come fare,prego a modo mia recito il mio mantra ma non mi basta.se qualcuno mi può aiutare.........grazie OM NAMAHA SHIVAYA
sistermoon is offline  
Vecchio 15-01-2007, 11.59.33   #187
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: temere la morte

Citazione:
Originalmente inviato da dasca
Perchè non riesci ad accettare le TUE DEBOLEZZE?? e viverle cercando di migliorare e rafforzarle?? ...


Se cerchi una risposta la troverai.
Se non cerchi risposte esse non verranno da te e ciò significa che sarà sufficiente quel tuo pensare…l’unica cosa che conta è il saper individuare se hai o meno bisogno di quelle risposte.
L’uomo ha sempre ricercato una felicità “generale” (sia essa fisica, sia essa spirituale) e la consapevolezza l’ha guidato a fargli comprendere se aveva o meno bisogno di quelle risposte.
Non riesco ad individuare nessuna differenza in termini di “felicità” tra la persona spirituale e la persona atea (per dire il vero quest’ultima mi pare un po’ più allegra ). Entrambe comunque hanno trovato le risposte che cercavano ed entrambe le risposte sono bugie. Non può aver ragione lo spirituale come non può aver ragione l’ateo ma entrambe le risposte sono la loro verità che li accompagnerà per tutta la vita.

…ed allora troveremo colui che non ha bisogno di risposte, colui che ha bisogno di ricercarle, colui che, come te, modella a suo piacimento un testo “sacro” occidentale e lo incrocia con una visione di morte orientale e ne esce…ne esce cosa?
Ne esce esattamente, nulla più nulla meno, che la stessa identica verità delle altre due persone...quella che lui stava cercando.
Ognuno di essi vive nella stessa identica maniera dell’altro, con dubbi che diventano certezze e certezze che diventano dubbi.

Il grosso del percorso “spirituale” è quello di comprendere con quale intensità ognuno di noi, in funzione del suo essere, ha bisogno di risposte…poi la strada è in discesa…si spazia dall’estremo materialismo alle sette religiose più affascinanti e divertenti.





Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Per curiosità del solito ficcanaso e cioè mia….. la persona con cui hai colloquiato non è italiana vero?

Per quanto ne so, (ma potrei non sapere tutto), l’unico italiano (realmente) vicino a J.K. (il cui nome è anche riportato in questo stesso sito), è morto agli inizi degli anni 90.



P.S. scusate l'O.T.

E’ italianissimo (emiliano) ex professore di filosofia. Non ha detto nulla di particolare se non rendere un’immagine un po’ più umanizzante rispetto al mito costruitogli attorno.

maxim is offline  
Vecchio 15-01-2007, 12.10.41   #188
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: temere la morte

Citazione:
Originalmente inviato da sistermoon
buongiorno,sto cercando di metabolizzare con tristezza e tanta fatica la morte di mia madre avvenuta tre giorni fa.se ne è andata con paura,sgomento e tanta solitudine gridando il nome dei suoi figli.è morta alle 3 e 50 di venerdi in quel preciso istante io a 15 km di distanza ho provato un dolore lancinante al femore!ho bisogno,vi prego,di sapere se c'è un modo,e ci sarà ne sono sicura,per poter aiutare la mia mamma nel suo viaggio,per poter aiutare il suo spirito ha trovare serenità.un preghiera, un sistema,delle letture.seguo le dottrine orientali,sono devota di BABAJI da 25 anni,non sono più una ragazzina,ma non so come fare,prego a modo mia recito il mio mantra ma non mi basta.se qualcuno mi può aiutare.........grazie OM NAMAHA SHIVAYA

La tua testimonianza è preziosissima in questa discussione nonchè valido momento di riflessione per ognuno di noi...

...non aggiungo altro...

maxim is offline  
Vecchio 15-01-2007, 13.19.57   #189
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: temere la morte

Citazione:
Originalmente inviato da sistermoon
buongiorno,sto cercando di metabolizzare con tristezza e tanta fatica la morte di mia madre avvenuta tre giorni fa.se ne è andata con paura,sgomento e tanta solitudine gridando il nome dei suoi figli.è morta alle 3 e 50 di venerdi in quel preciso istante io a 15 km di distanza ho provato un dolore lancinante al femore!ho bisogno,vi prego,di sapere se c'è un modo,e ci sarà ne sono sicura,per poter aiutare la mia mamma nel suo viaggio,per poter aiutare il suo spirito ha trovare serenità.un preghiera, un sistema,delle letture.seguo le dottrine orientali,sono devota di BABAJI da 25 anni,non sono più una ragazzina,ma non so come fare,prego a modo mia recito il mio mantra ma non mi basta.se qualcuno mi può aiutare.........grazie OM NAMAHA SHIVAYA

lasciala andare sorella luna, ora ha solo bisogno che tu viva con serenità, è probabile che in futuro sia lei ad indicarti la strada migliore. Se ha creato in te questo sentimento vuol dire che la sua vita terrena l'ha vissuta con amore. Tu prega come senti sia giusto fare, ma sii consapevole che non si muore mai, si cambia solo di dimensione, si viene promossi a delle sfere di consapevolezza più elevate.
angelo2 is offline  
Vecchio 15-01-2007, 13.21.29   #190
individuo
Ospite abituale
 
L'avatar di individuo
 
Data registrazione: 09-09-2006
Messaggi: 184
Riferimento: la buia notte dell'anima

Dasca dici: Ma tu, da dove parti o sei partito, e dove vuoi o vorresti arrivare?
Te lo sei mai chiesto? Ti sei mai dato delle risposte??

Beh, deciamo che cerco di partire da quello che " sono " per arrivare...dove questo non lo sò, ammesso che ci sia un punto di arrivo poi

Dici: o ti basta la logica per "confutare" gli altri e per te stesso il nulla??

no certo che non mi basta, oltre al fatto che il confutare per me non è certo un fine ma un mezzo.
E se lo faccio, lo faccio solo negli argomenti che mi interessano, per mettermi ulteriormente alla prova...per me quello che tu chiami confutare è confronto, non certo come lo intendi tu sulle idee, ma piuttosto sul modo di ragionare; poi che i contenuti li proponga io o altri questo per me ha poca importanza


Dici: Io ho studiato, studio e studierò ancora molto per migliorarmi e chiarira le risposte che mi sono dato, e di solito esprimo un mio parere cercando (forse non sempre riesco) di non dire al prossimo che e dove sta sbagliando, se sta sbagliando (non sono maestro di nessuno se non di me stesso).

Forse l'avrò fatto con un pò troppo impeto proprio perchè tengo a questi argomenti.
Se poi hai interpretato il mio rispondere come un semplice " guarda che stai sbagliando ", beh questo non mi sembra proprio visto che le mie risposte le ho argomentate...e poi è normale che se io vedo qualcosa che ritengo sbagliato o scorretto in quello che uno dice su qualcosa che mi interessa ribatto postando come la penso o a volte facendogli semplicemente vedere quelli che SECONDO ME sono gli errori nel suo ragionamento; non gli stò dicendo stai sbagliando e basta, che potrebbe effettivamente irritare.

Ultima modifica di individuo : 15-01-2007 alle ore 16.03.39.
individuo is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it