Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > La Riflessione
 La Riflessione - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica


Vecchio 23-02-2011, 14.36.52   #121
Emy76
Ospite
 
L'avatar di Emy76
 
Data registrazione: 30-08-2010
Messaggi: 16
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

[quote=ulysse]"Ovvio che nelle religioni monoteiste ove il Dio rappresenta tutto…tendiamo ad immaginarlo e rappresentarlo morfo-psicologicamente in emulazione a noi medesimi per quanto infinitamente superiore e perfetto rispetto ad ogni nostra pulsione, pensiero o abilità...e forse abbiamo trasposto e proiettato nel Dio immaginato la figura dei nostri stessi genitori come simboli di forza, di sapere e di autorità...o così, almeno, sembra fosse un tempo.

Sì, ok, ma come la mettiamo con il goistificazionismo religioso cattolico- cristiano secondo il quale gli eventi catastrofici ( terremoti , ad esempio) sono voluti da Dio, che ha un suo disegno divino da accettare?

Questo Dio che permette ciò non è a nostra immagine....noi uomini non vorremmo catastrofi.....

Allora, il monoteismo diventa riduttivo, ha dei limiti ...Verrebbe in soccorso dunque il politeismo di certi popoli.... ( tipo il popolo indiano)
O potrebbe anche esserci il politeismo culturale, come lo definirei io, cioè l'ancoraggio a valori materiali elevati a quasi sacri, a difesa dell'individualismo e del cinismo e della rabbia di uomini sempre più scontenti di questo mondo che va a pezzi e rispetto al quale la fede in un solo Dio non dà soluzioni pratiche e immediate.
Emy76 is offline  
Vecchio 09-03-2011, 21.04.07   #122
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da Emy76
Citazione:
Originalmente inviato da ulysse
Ovvio che nelle religioni monoteiste ove il Dio rappresenta tutto…tendiamo ad immaginarlo e rappresentarlo morfo-psichicamente in emulazione a noi medesimi per quanto infinitamente superiore e perfetto rispetto ad ogni nostra pulsione, pensiero o abilità...e forse abbiamo trasposto e proiettato nel Dio immaginato la figura dei nostri stessi genitori come simboli di forza, di sapere e di autorità...o così, almeno, sembra fosse un tempo.

In effetti sembra che un tempo si avesse dei genitori un'idea superiore: i genitori potevano tutto e ad essi si chiedeva protezione e consiglio: abbiamo trasposto nel Dio immaginato questa idea di sapienza e autorevolezza: i genitori sono così diventati eterni…per quanto,oramai la parabola sia discendente.
Citazione:
Sì, ok, ma come la mettiamo con il giustificazionismo religioso cattolico-cristiano secondo il quale gli eventi catastrofici ( terremoti , ad esempio) sono voluti da Dio, che ha un suo disegno divino…..?

Credo che, tendenzialmente, l'esigenza psicologica sia sempre la stessa: abbiamo bisogno di spiegazioni e quando non sappiamo come spiegare le cose, ricorriamo al trascendente…al sopranaturale.... magari alla superstizione.

Accade perchè Dio così vuole!

Un tempo, infatti, l'umanità era piuttosto ignorante e tutto era dovuto al Dio supremo o ad un qualche dio ad hoc.
Oggi la scienza molte cose disvela ed il ricorso al divino potrebbe essere più contenuto…quasi nullo direi!
Invece siamo ancora un pò ignorantelli ed oltre a ciò che non abbiamo imparato a scuola, rimettiamo alla onniscienza e volontà del divino gli eventi che la scienza e la filosofia non spiegano e non chiariscono o dai quali prescindono: Chi siamo? di dove veniamo? Dove andiamo?... Cui si aggiunge l’esigenza di giustifica di eventi catastrofici per lo più casuali e difficili da digerire...terremoti, tsunami, guerre, epidemie, bambini che muoiono per fame, ecc..

La domanda ricorrente è: perche Dio lo permette?
Non c’è risposta! …


In realtà, dei tanti fenomeni in essere, la scienza spiega le cause e il come, ma non può, ovviamente, giustificare il perché. Magari anche il perchè non esiste… e mai ci sarà. La gente però s’intestardisce a volerla questa risposta…anche oltre le problematiche contingenti.
Interviene così la filosofia che da piu’ che tremila anni ci elucubra e ci campa su queste cose…metafisiche…magari i filosofi stessi le hanno suscitate e create…senza mai nulla concludere..

Finisce che la gente, affascinata dalle risposte fantastiche e intuitive ai metafisici “perché”… piuttosto che affascinata dai problematici “come”,… trascura la metodologia del sapere per rivolgersi direttamente al divino…al deus ex machina,(molto più semplice e consolatorio), ai miracoli, ai maghi,…ai vari opinion maker, santoni e guru disponibili al momento.
Dalle risposte di questi, inevitabilmente fantasiose e discordanti, sono poi sorte e s’incrementano le più disparate credenze e pratiche religiose.

Si aggiunga che Gesù stesso, nella sua predicazione, introdusse una complicazione teologica enorme.

Infatti...prima... gli dei, o il Dio, erano dotati di specifici caratteri ad hoc, oppure avevano specifici compiti, per sopperire ai quali potevano anche essere cattivi o subdoli od anche odiare gli uomini per le loro malefatte o perchè peccatori o semplicemente perchè scoccianti, antipatici e privi di rispetto.
Ad esempio, il dio Giove fulminò Capaneo sulle mura di Tebe perchè osava sfidarlo e farsene beffe.

Il Dio della Bibbia poi, ce l'aveva col "peccato" e se uno faceva troppo bordello o corruttela lo puniva da subito, anche senza aspettare il Giudizio Universale, senza tanti scrupoli di privacy (vedi Sodoma e Gomorra)...al limite mandava il Diluvio!

Fortuna che non visse allora un illustre personaggio dei nostri tempi....in proposito non so come l'avrebbe sfangata…tanto più che le intercettazioni erano, allora, ineliminabili...per chiunque.

L'inconveniente teologico cui ho accennato fu provocato dallo stesso Gesù che, anche per amore filiale, propalò l'idea che il Padre fosse infinitamente buono.
Sul momento sembrò che le cose andassero abbastanza bene e la gente ci credeva...era contenta…finalmente un Dio essenzialmente buono!
Ma poi, oltre ai guai soliti, ci si misero anche gli imperatori romani che, come nel film "QUO VADIS", forse per ragioni di botteghino o per non pagare le comparse, cominciarono a bruciare e crocifiggere i cristiani e a darli in pasto ai leoni del circo... per cui qualche dubbio cominciò a serpeggiare.

I teologi si diedero, invero, un gran da fare a spiegare che Dio ci aveva la sue buone ragioni ....imperscrutabili, ma il dubbio rimase e rimane ancora oggi per la gente di poca fede. Per chi ha fede invece, è chiaro...ha fede...e si sa, la fede smuove le montagne...che vuoi che conti una piccola contraddizione teologica...un'antinomia… quasi!

In sostanza non credo possiamo sperare tanto nella bontà divina, su questa terra, se non per intercessione di santi particolari e madonne o per eccezionali miracoli, concessi col lanternino… peraltro quando il sole è tremulo!
Ma pensiamoci un pò ...mica è facile smuovere e far tremolare il sole!
Citazione:
Questo Dio che permette ciò non è a nostra immagine....noi uomini non vorremmo catastrofi.....
Ma non ci giurerei: abbiamo inventato e ci sono state e ci sono, le guerre "giuste"..per la religione, per la democrazia, per una razza superiore!....i terroristi che saltano…per se stessi e straziando gente che non ci avrebbe a che fare!...ecc…Altro che non volerle...le provochiamo noi le catastrofi!
Poi magari Dio le permette! Ma se non le permettesse che libertà sarebbe?
Dove ancdrebbe il libero arbitrio?

Le catastrofi naturali...non le vorremmo "personalmente noi", ma poi dobbiamo produrre beni, combattere la disoccupazione...superare la crisi, aumentare il PIL, ecc…. e avanti con la CO2, le polveri sottili, la distruzione delle foreste, l’energia sporca, il termonucleare, ecc...

Tutti problemi che nessun Dio aveva previsto “ab origine” e forse nemmeno sapeva o non sa come provvedere oggi: imperscrutabili disegni!.
Dalla grande zuppa del big-bang uscirono gli atomi, la materia, le stelle, i campi d’energia …e poi....10 miliardi di anni... e qualche ominide sparso qua e là in Africa.
I peccati sessuali sembra fossero il male maggiore in quei primi tempi, e poi neanche…. tanto che l’incitamento era: crescete e moltiplicatevi!

Ancor oggi, infatti, il Papa sembra essere sulla stessa linea...non personalmente lui ovviamente... ma poi vengono fuori un sacco di guai: Gheddafi che si autobombarda, gli sbarchi a Lampedusa, i bambini che muoino di HIV….o di fame, miliardi di cinesi che si infilano in ogni dove… persino in coda per le firme…ecc… e, se non bastasse, anche le mamme nonne!
Citazione:
Allora, il monoteismo diventa riduttivo, ha dei limiti ...Verrebbe in soccorso dunque il politeismo di certi popoli.... ( tipo il popolo indiano)
Ma non vedo quale soccorso possa portare il politeismo: non credo che gli indiani ridano tanto più di noi…hanno pure i guai loro! Persino coi contrasti religiosi…origine di stragi.
Citazione:
O potrebbe anche esserci il politeismo culturale, come lo definirei io, cioè l'ancoraggio a valori materiali elevati a quasi sacri, a difesa dell'individualismo e del cinismo e della rabbia di uomini sempre più scontenti di questo mondo che va a pezzi

Ma… senza il ricorso ai soliti extraterrestri trascendentali, un possibile ancoraggio morale a valori materiali elevati a quasi sacri..esiste: il pensiero illuminista e liberale ha dato loro origine già da alcuni secoli ed oggi si può contare su di una solida e ben strutturata morale laica…per lo meno in occidente.
Le varie costituzioni liberali e democratiche ne costituiscono i testi sacri di riferimento.

Purtroppo gli umani sono spesso un pò distratti e scontenti: tendono a svicolare ciascuno per conto proprio, egoisti, cinici e rabbiosi per un mondo che va in pezzi…senza pensare che il mondo siamo noi!
Ma se invece di attribuire la colpa al mondo, facessero…facessimo un po’ tutti una qualche autocritica, smettendola con l’ignavia ed i personalismi e dandoci un po’ da fare? Un qualche altruismo per chi può?...un calo delle tasse per chi non puo’?
Citazione:
e rispetto al quale, la fede in un solo Dio non dà soluzioni pratiche e immediate.
….ed anche la smettessimo di aspettarci soluzioni dalla fede, dai miracoli, dalle stelle, dal lotto, dagli altri, ecc… e preparassimo noi stessi formandoci intellettivamente e moralmente per un mondo migliore di persone vere e non di piagnoni sempre pronti ad arrabbiarsi e protestare, ecc…ma a capire e scegliere e impegnarsi in prima persona?…un minimo? o niente?
Ma forse i migliori di noi già si impegnano....nel Grande Fratello!

Ultima modifica di ulysse : 10-03-2011 alle ore 18.16.24.
ulysse is offline  
Vecchio 12-04-2011, 14.24.51   #123
bulimba
Ospite
 
Data registrazione: 11-04-2011
Messaggi: 20
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Gia' bella domanda...perche' tante religioni..che poi ognuno alla fine fa le sue...vedi i mussulmani..non possono fumare e bere...e sai cosa mie' stto detto?? Beh se non t vede nessuno puoi..!!

Ognuno dice quello che vuole...ecco perch' credo che tutte queste religioni sono la fonte di ogni incomprensione...e' brutto da direma e' vero..
bulimba is offline  
Vecchio 13-04-2011, 17.50.00   #124
samangy
Ospite
 
Data registrazione: 13-04-2011
Messaggi: 7
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Ciao a tutti...Sono nuova, è il mio primo post che scrivo

Bè è ovvio che oggi con tutte le religioni che esistono alla fine uno si chiede qual'è la vera religione..secondo me la vera religione si distingue in certi casi per esempio:

1. Su cosa si basano i suoi insegnamenti? Sono di origine divina o per lo più umana? (Dov'è che la Bibbia insegna che Dio è una Trinità?)

2. Fa conoscere il nome di Dio?

3. Viene mostrata vera fede in Gesù Cristo? (Include l'apprezzamento per il valore del sacrificio della vita umana di Gesù e per la posizione che egli occupa quale Re celeste.)

4. È per lo più ritualistica, formale, oppure è un modo di vivere? (Dio disapprova energicamente la religione che è solo formalismo -> Isaia.1:15-17)

5. I suoi componenti si amano veramente gli uni gli altri? (Gesù disse: "Da questo tutti conosceranno che siete miei discepoli, se avrete amore fra voi". Giovanni 13:35)

6. È veramente separata dal mondo? (Gesù disse che i suoi veri seguaci 'non avrebbero fatto parte del mondo'. Giovanni 15:19)

..e per ultimo:

7. I suoi membri rendono attualmente testimonianza circa il Regno di Dio? (Gesù predisse: "Questa buona notizia sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine". Matteo 24:14)


Aspetto vostre risposte
samangy is offline  
Vecchio 14-04-2011, 12.28.49   #125
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da bulimba
Gia' bella domanda...perche' tante religioni..che poi ognuno alla fine fa le sue...vedi i mussulmani..non possono fumare e bere...e sai cosa mi e' stato detto?? Beh se non ti vede nessuno puoi..!!
I cristiani direbbero che comunque Dio ti vede...anche se siamo laici.
Nei paesi teocratici invece la religione è anche un fatto sociale e politico oltre che spirituale per cui occorre controllare fattivamente che tutti si attengano alla ideologia religiosa come fosse una ideologia politica per cui non adeguersi è un delitto contro lo stato oltre che contro Dio.

Nei paesi islamici chi non si attiene alle leggi e dogmi religiosi è condannato fisicamente/corporalmente come accadeva da noi ai tempi della inquisizione e del San'Uffizio. In sostanza, metaforicamente, Dio potrebbe anche chiudere un occhio, come accade da noi o per quel musulmani che all'estero o in privato, fanno ciò che vogliono. La stato invece non puo' chiudere un occhio ...ne anderebbe della sua sopravvivenza... del suo potere.

Citazione:
Ognuno dice quello che vuole...ecco perchè redo che tutte queste religioni sono la fonte di ogni incomprensione...e' brutto da dire ma e' vero..
Se è vero non è brutto dirlo: sarebbe piu' brutto tacitare la coscienza e fingere di credere al falso.
In ogni caso le religioni non sono che l'espressione del bisogno umano di trovare nell'immaginario trascendente quel conforto che nel vivere quotidiano non si riesce a trovare.
I laici, ma anche i credenti, possono trovare questo conforto, ad es. nell'adorazione di certi leader: è sempre accaduto (vedi il XX secolo) ed accade anche oggi.

Le religioni sono tante perchè sono il frutto di tradizioni e culture diverse di popoli lontani fra loro separti da mari, monti, fiumi, ecc...in tempi passati difficili da superare: scarse comunicazioni conseguenti..

Oggi certamente, non in un attimo, ma in un certo adeguato lasso di tempo, coi viaggi, le letture e soprattutto con le comunicazioni via internet e l'incontenibile desiderio femminile di apparire...a livello planetario,(le donne ci salveranno... oltre i fondamentalismi) le varie identità religiose diventeranno sempre più flebili e meno barricate su posizioni di nicchia: anche qui il concetto di entropia...di pareggiamento culturale sarà inarrestabile.

Che sia un bene o un male, tuttavia, non lo so!...forse ci sentiremo sempre più perduti e abbandonati...in compenso cinici.

Comunque non è tutta colpa delle religioni se litighiamo e facciamo guerre: troveremmo comunque il modo: le guerre derivano dagli squilibri sociali ..le religioni sono spesso un alibi...per quanto...

Ultima modifica di ulysse : 14-04-2011 alle ore 21.00.11.
ulysse is offline  
Vecchio 14-04-2011, 14.23.00   #126
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da samangy
Ciao a tutti...Sono nuova, è il mio primo post che scrivo

Bè è ovvio che oggi con tutte le religioni che esistono alla fine uno si chiede qual'è la vera religione..secondo me la vera religione si distingue in certi casi per esempio:

1. Su cosa si basano i suoi insegnamenti? Sono di origine divina o per lo più umana? (Dov'è che la Bibbia insegna che Dio è una Trinità?)

2. Fa conoscere il nome di Dio?

3. Viene mostrata vera fede in Gesù Cristo? (Include l'apprezzamento per il valore del sacrificio della vita umana di Gesù e per la posizione che egli occupa quale Re celeste.)

4. È per lo più ritualistica, formale, oppure è un modo di vivere? (Dio disapprova energicamente la religione che è solo formalismo -> Isaia.1:15-17)

5. I suoi componenti si amano veramente gli uni gli altri? (Gesù disse: "Da questo tutti conosceranno che siete miei discepoli, se avrete amore fra voi". Giovanni 13:35)

6. È veramente separata dal mondo? (Gesù disse che i suoi veri seguaci 'non avrebbero fatto parte del mondo'. Giovanni 15:19)

..e per ultimo:

7. I suoi membri rendono attualmente testimonianza circa il Regno di Dio? (Gesù predisse: "Questa buona notizia sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine". Matteo 24:14)


Amica samangy, poichè sono il primo a risponderti ti do' il benvenuto e che la tua permanza sul sito sia lunga e soddisfacente per te.

Per quanto mi riguarda le tue domande sono oltre il mio orizzonte.
Infatti, per limitarci all'essenziale: ma siamo proprio sicuri che il Regno di Dio ci sia? e anche che ci sia chi può darne testimonianza?
Spero nessuno o, in ogni caso, che lo faccia il piu' tardi possibile: non amo una fine che direi prematura...almeno per me!

Comunque la tua indagine mi sembra un pò di parte: autoincensante, autoconfortante..anche se la poni solo come esempio.
Ma le altre religioni? non le vogliamo indagare? non saranno anch'esse divine...o solo di origine umana?
Infatti non credo sia sufficiente rispondere un sì o un no alle tue domande ...occorre un confronto con le altre religioni...se la confrontabilità esiste o se sono con esse compatibili le tue domande.

Io non saprei come, e lo riterei anche inutile dato che ciascun credente trova nella propria religione, secondo cui vive, ciò che lo soddisfa e lo conforta per abitudini consolidate: è il lascito dei suoi avi! un modo per onorarli! Una conversione sarebbe irrispettosa ...oltre al resto.
Intanto potremmo soffermarci su di un poco impegnativo laicismo...magari agnosticismo.
Comunque altri che volessero, il confronto, potrebbbero e saprebbero farlo.

Ultima modifica di ulysse : 14-04-2011 alle ore 20.53.54.
ulysse is offline  
Vecchio 15-04-2011, 10.51.00   #127
linus
Ospite
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 8
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da samangy
Ciao a tutti...Sono nuova, è il mio primo post che scrivo

Bè è ovvio che oggi con tutte le religioni che esistono alla fine uno si chiede qual'è la vera religione..secondo me la vera religione si distingue in certi casi per esempio:

1. Su cosa si basano i suoi insegnamenti? Sono di origine divina o per lo più umana? (Dov'è che la Bibbia insegna che Dio è una Trinità?)

2. Fa conoscere il nome di Dio?

3. Viene mostrata vera fede in Gesù Cristo? (Include l'apprezzamento per il valore del sacrificio della vita umana di Gesù e per la posizione che egli occupa quale Re celeste.)

4. È per lo più ritualistica, formale, oppure è un modo di vivere? (Dio disapprova energicamente la religione che è solo formalismo -> Isaia.1:15-17)

5. I suoi componenti si amano veramente gli uni gli altri? (Gesù disse: "Da questo tutti conosceranno che siete miei discepoli, se avrete amore fra voi". Giovanni 13:35)

6. È veramente separata dal mondo? (Gesù disse che i suoi veri seguaci 'non avrebbero fatto parte del mondo'. Giovanni 15:19)

..e per ultimo:

7. I suoi membri rendono attualmente testimonianza circa il Regno di Dio? (Gesù predisse: "Questa buona notizia sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine". Matteo 24:14)


Aspetto vostre risposte

Non si puo' pensare che rispondendo a questie domande si scoprira quale e' la vera religione.
Semplicemente si potra' dire che queste domande rispondono di piu' alla bibbia, e meno alla tradizione cattolica.
Quindi e' una visione protestante della bibba.

Che poi sia la vera religione, o semplicenete una visione piu' letterale del Ebraismo-cristianesimo, e' tutto da vedere.

Per inciso, queste sono le argomentazioni usate dai testimoni di Geova, non da un filosofo.
linus is offline  
Vecchio 15-04-2011, 12.07.19   #128
jador
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-08-2009
Messaggi: 154
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

1. Su cosa si basano i suoi insegnamenti?
-Sulla promessa di vita eterna.
Sono di origine divina o per lo più umana? (Dov'è che la Bibbia insegna che Dio è una Trinità?)
-Umana, perche' la paura della morte e il bisogno di sperare in un'altra vita sono tipicamente umane.

2. Fa conoscere il nome di Dio?
-Non credo ci sia nome piu' conosciuto, proprio in virtu'dell'efficacia della sua promessa.

3. Viene mostrata vera fede in Gesù Cristo? (Include l'apprezzamento per il valore del sacrificio della vita umana di Gesù e per la posizione che egli occupa quale Re celeste.)
-Dai cristiani dovrebbe (il condizionale e' d'obbligo) venir mostrata.


4. È per lo più ritualistica, formale, oppure è un modo di vivere? (Dio disapprova energicamente la religione che è solo formalismo -> Isaia.1:15-17)
-Ritualistica. Confessione e comunione sono atti a garantire la propria salvezza.

5. I suoi componenti si amano veramente gli uni gli altri? (Gesù disse: "Da questo tutti conosceranno che siete miei discepoli, se avrete amore fra voi". Giovanni 13:35)
-Solo in virtu' del premio finale. Senza quello si amerebbero ugualmente?

6. È veramente separata dal mondo? (Gesù disse che i suoi veri seguaci 'non avrebbero fatto parte del mondo'. Giovanni 15:19)
-Ce ne sono cosi' tanti ben integrati in questo mondo. Ma se quelli veri non fanno parte del mondo, dove stanno? Chi li ha visti?

..e per ultimo:

7. I suoi membri rendono attualmente testimonianza circa il Regno di Dio? (Gesù predisse: "Questa buona notizia sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine". Matteo 24:14)
-Come si fa a renderne testimonianza? Bisognerebbe vedere una cosa per testimoniare che esiste.
jador is offline  
Vecchio 16-04-2011, 10.18.51   #129
bulimba
Ospite
 
Data registrazione: 11-04-2011
Messaggi: 20
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da ulysse
I cristiani direbbero che comunque Dio ti vede...anche se siamo laici.
Nei paesi teocratici invece la religione è anche un fatto sociale e politico oltre che spirituale per cui occorre controllare fattivamente che tutti si attengano alla ideologia religiosa come fosse una ideologia politica per cui non adeguersi è un delitto contro lo stato oltre che contro Dio.

Nei paesi islamici chi non si attiene alle leggi e dogmi religiosi è condannato fisicamente/corporalmente come accadeva da noi ai tempi della inquisizione e del San'Uffizio. In sostanza, metaforicamente, Dio potrebbe anche chiudere un occhio, come accade da noi o per quel musulmani che all'estero o in privato, fanno ciò che vogliono. La stato invece non puo' chiudere un occhio ...ne anderebbe della sua sopravvivenza... del suo potere.


Se è vero non è brutto dirlo: sarebbe piu' brutto tacitare la coscienza e fingere di credere al falso.
In ogni caso le religioni non sono che l'espressione del bisogno umano di trovare nell'immaginario trascendente quel conforto che nel vivere quotidiano non si riesce a trovare.
I laici, ma anche i credenti, possono trovare questo conforto, ad es. nell'adorazione di certi leader: è sempre accaduto (vedi il XX secolo) ed accade anche oggi.

Le religioni sono tante perchè sono il frutto di tradizioni e culture diverse di popoli lontani fra loro separti da mari, monti, fiumi, ecc...in tempi passati difficili da superare: scarse comunicazioni conseguenti..

Oggi certamente, non in un attimo, ma in un certo adeguato lasso di tempo, coi viaggi, le letture e soprattutto con le comunicazioni via internet e l'incontenibile desiderio femminile di apparire...a livello planetario,(le donne ci salveranno... oltre i fondamentalismi) le varie identità religiose diventeranno sempre più flebili e meno barricate su posizioni di nicchia: anche qui il concetto di entropia...di pareggiamento culturale sarà inarrestabile.

Che sia un bene o un male, tuttavia, non lo so!...forse ci sentiremo sempre più perduti e abbandonati...in compenso cinici.

Comunque non è tutta colpa delle religioni se litighiamo e facciamo guerre: troveremmo comunque il modo: le guerre derivano dagli squilibri sociali ..le religioni sono spesso un alibi...per quanto...

Allora la mia riflessione cade qui, perche' la maggior parte delle guerre avviene nei paesi di religione islamica? QUello che mi fa piu' rabbia e' che alcuni dei miei amici sono di religione "islamica" ma nulla a che vedere con certi. Si comportano come esseri normali, si divertono, bevono poiche' considerano la religione come una cosa assestante nella loro vita. Mi spiace per tutto perche' si sa come va il mondo, generalizziamo su tutto.
bulimba is offline  
Vecchio 17-04-2011, 13.54.07   #130
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da bulimba
Allora la mia riflessione cade qui, perche' la maggior parte delle guerre avviene nei paesi di religione islamica?
Diciamo che diversamente che nel secolo scorso gli occidentali si trovano oggi quasi tutti nella stassa barca: hanno tutti bisogno del petrolio che sta in oriente...per cui tendono a intrufolarsi nelle beghe dei pesi orientali e africani fornendo armi o portando guerre...piu' o meno umanitarie.

Gli orientali a loro volta, in specie i paesi dell'Islam non hanno saputo approfittare della democrazia...o non glielo hanno permesso. Comunque ad ora, al netto degli attuali sommovimenti, i paesi islamici sono retti da governi autoritari in concorrenza fra loro per il potere sventolando ad alibi per il popolo, oltre alla particolare corrente religiosa, anche il comune nemico: Istraele!..che, come Cartagine...delenda est!

Purtroppo sembra che gli arabi e islamici in genere abbiano una particolare propensione alla esaltazione non apena salta fuori qualcuno che predica una guerra santa contro l'occidente per la distruzione di Israele.

E' anche vero che hanno anche motivi di rivalsa contro l'occidente che li ha sfruttati in passato col colonialismo e al presente col petrolio. Ma è anche vero che il fiume di dollari derivato dal petrolio che è arrivato a quei paesi non è andato al popolo, ma alle armi che gli sceicchi hanno comprato o alle loro costruzioni pazzesche...o nelle banche dei paradisi fiscali.
D'altra parte ci sono ancora i campi profughi palestinesi!

Ora fortunatamente sembra che se la prendano finalmente coi loro governanti teocratici e oppressori: forse hanno studiato di più e internet, coi socialnetwork e i cellulari, ha aperto loro gli occhi.
Ora che è arrivato il mometo però, l'occidente sembra piuttosto restio ad aiutarli.
Citazione:
Quello che mi fa piu' rabbia è che alcuni dei miei amici sono di religione "islamica" ma nulla a che vedere con certi. Si comportano come esseri normali, si divertono, bevono poiche' considerano la religione come una cosa assestante nella loro vita. Mi spiace per tutto perche' si sa come va il mondo, generalizziamo su tutto.
In effetti le religioni hanno sempre avuto funzione calmierante sulle pulsioni popolari: le religioni, prima del raziocinio, si propongono di guidare gli uomi al bene dominandone gli istinti.
Ma in certe periodi storici diventano esse stesse sobillatrici.

Lo è stato, ad es.,per il cristianesimo al tempo delle riforma prima dell'illuminismo...: i transfughi, padri pellegrini, popolarono gli attuali USA.
Lo è ora per certe frange fondamentaliste islamiche, anche abbastanza diffuse, che un loro illuminismo non hanno avuto: l'invocazione di Kant ad uscire dalla minorità verso il cielo non è arrivata all'islam...forse arriva ora!

Per qunto riguarda le persone singole invece, una volta rotto il muro della difidenza, ho spesso notato che sono assai e persino più empatiche di noi occidentali...italiani, ecc....
Non gli toccare il Corano però ...o le tradizioni di famiglia, del clan famigliare e della tribù...o del come gestire le loro donne.
ulysse is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it