Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > La Riflessione
 La Riflessione - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica


Vecchio 22-09-2011, 18.18.12   #191
Doctor Strange
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2008
Messaggi: 25
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da Ciroemilio
Io invece le ho avvertite molto razionali, anche perchè mi ricordano la magnifica scommessa di Pascal:
*Dio esiste ed io ci ho creduto: + (mi è convenuto);
*Dio non esiste ed io ci ho creduto: x (non ci ho perso né guadagnato);
*Dio esiste ed io non ci ho creduto: - (ci ho perso);
* Dio non esiste ed io non ci ho creduto: x (non ci ho perso né guadagnato).
In definitiva, se non altro, mi conviene credere (un + ed un x contro un - ed un x).

Il ragionamento di Pascal è che conviene credere a Dio perché:
1.se Dio esiste, si ottiene la salvezza;
2.se ci sbagliamo, si è vissuto un'esistenza lieta rispetto alla consapevolezza di finire in polvere.

Poi con la religione s'apprende che "tergiversare", diventa una condanna a vivere da spettatore , cioè, si sopravvive.
Evitare di prendere una decisione ricorrendo a pretesti o a sotterfugi (insegna la religione) è agnostico.
.............................. ....

La religione vive e si nutre ogni attimo del dualismo, e gli dà anche il nome: il bene ed il male, le tenebre e la luce, il diavolo e l'Angelo.
Però molte volte noi osserviamo, scrupolosamente, questa rivalità presente negli altri, dimenticandoci, completamente, che la nostra è in piena azione, e la religione (perciò scomoda) ce lo ricorda!!
Quindi (ed in questo sono daccordo con voi) c'è da trovare l'armonia tra le due parti, ma prima che con l'altro è dentro noi stessi che dobbiamo sbirciare, e forse, propongo io, di farci violenza e qualcosa cambiare se non eliminare!!

Guarda che tre tesi che trovi molto razionali non lasciano quasi nessuna possibilità a qualsiasi credente monoteista di essere nel vero.
Se le religioni sono tutte vere, lo possono essere solo in parte, per cui viene a cadere l'esclusività tipica dei monoteismi e la pretesa di sapere che c'è il creduto dio unico e come egli è e cosa vuole.
Se sono tutte false, anche quella del monoteista è una fede come un'altra.
Se solo una è vera, quale sia non è dato saperlo e ognuno crede sia la sua.
La scommessa di Pascal, e anche qui siamo nella retorica per convincere, fa analogia col gioco d'azzardo, su cosa conviene. Ma a ragionare per convenienza non si crede forse con malafede? Ma qui si gioca con la potente retorica tipica monoteista del premio e del castigo, la quale, certo fa molta presa, ma allontana anche molto, vista la poco credibile compatibilità di un dio puro amore con un dio che prepara inferni eterni.
Il discorso di Pascal ha comunque una sua logica... si, allora ci credo anch'io, mi conviene!
Ma qui si parla di credere in Dio e basta, non di religioni. Perchè, se fosse necessario scegliere la "setta" monoteista giusta e salvifica, sarebbe si un azzardo notevolissimo. C'è da chiedersi se la fede in Dio debba comportare le diverse rivelazioni o no.
Chissà come pensava Dio Pascal, un dio che vuole che tu creda il lui pure se non ha dimostrato la sua esistenza, e solo per questo fa la differenza fra vita eterna beata e morte eterna.
Io, onestamente, anche se avrei da guadagnarci non posso credere a un'impostazione del genere.
Quando ci si pone la domanda esistenziale la si pone con fiducia, dunque la speranza dell'umanità è il migliore dei destini oltremondani per tutti.
Però ognuno vorrebbe essere lui nel giusto e attribuisce all'altro l'errore: questo è il gioco delle credenze e delle religioni, così come anche delle filosofie, delle politiche e degli interessi economici.
Vogliamo accorgerci che così stiamo sempre giocando l'uno contro l'altro, e che i credenti in Dio non sono migliori degli altri?
Fra i sette maggiori paesi industrializzati sei sono monoteisti, dunque sono i più competitivi, dediti alla ricchezza e materialisti. Altro che trascendenza.

La religione si nutre di dualismo? Il bene e il male? Anche qui bisogna sottolineare che il monoteismo non è "la religione", ma "una religione"; le altre non sono dualiste, almeno non in modo così fondamentale, e sicuramente anche per questo non sono così proselitiste e conflittuali.
Bene e male sono due concetti troppo elementari e assoluti, come dire bianco e nero, mentre la realtà è molto complessa e indefinibile, come dire che c'è un arcobaleno di possibilità reali e valide, mentre la mente che giudica o bene o male non ha spazio, crea in sè e nel mondo la contrapposizione.

Saluto!
Doctor Strange is offline  
Vecchio 22-09-2011, 20.06.05   #192
dab
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 20-09-2011
Messaggi: 1
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Dio ha creato l'uomo e l'uomo ha creato le religioni. L'intelletto umano essendo troppo immaturo per comprendere il mistero di Dio e della creazione, ha inventato delle strade che portano alla sua comprensione. Le religioni portano tutte alla stessa meta, ma in maniera differente in quanto sono lo specchio delle differenti civiltà che le hanno create. E tutte le religioni sono lo specchio di Dio.
dab is offline  
Vecchio 23-09-2011, 11.41.51   #193
Doctor Strange
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2008
Messaggi: 25
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da dab
Dio ha creato l'uomo e l'uomo ha creato le religioni. L'intelletto umano essendo troppo immaturo per comprendere il mistero di Dio e della creazione, ha inventato delle strade che portano alla sua comprensione. Le religioni portano tutte alla stessa meta, ma in maniera differente in quanto sono lo specchio delle differenti civiltà che le hanno create. E tutte le religioni sono lo specchio di Dio.

Benvenuto, dab.

Una risposta pacificante.
Sicuramente molti la pensano così, che come umani abbiamo dei limiti e ogni religione è una via, ma molti di più questo non lo accettano e continuano a pensare che la propria è l'autentica, la verità, e da qui nascono i problemi di relazione fra individuai e popoli.
Mi chiedo se quello che hai esposto nasce dalla necessità di dare una risposta pragmatica a una questione, i conflitti fra religioni, e quindi è fiducia in una risposta umanistica, oppure è una posizione religiosa ben precisa, tipo quella del bahaismo.
Riguardo le mie tre risposte sintetiche sulle quali si ragionava con ciroemilio, la tua risposta significa evidentemente che tutte le religioni sono vere.
Se da questo partiamo, bisogna però notare che pare contraddittorio pensare vero tutto e il contrario di tutto. Dunque si può aggiungere che contemporaneamente sono anche tutte false? Sia vere che false, in quanto c'è del vero e del non vero, dell'utile e del dannoso in ognuna.
Io posso anche essere d'accordo, ma anche la parola "Dio" la devo estendere a tutte le religioni, per cui non è solo il dio dei monoteisti, ma qualsiasi ente trascendente.
Dunque, cosa intendi esattamente con "Dio"?

Saluto.
Doctor Strange is offline  
Vecchio 23-09-2011, 14.22.53   #194
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da dab
Dio ha creato l'uomo e l'uomo ha creato le religioni. L'intelletto umano essendo troppo immaturo per comprendere il mistero di Dio e della creazione, ha inventato delle strade che portano alla sua comprensione. Le religioni portano tutte alla stessa meta, ma in maniera differente in quanto sono lo specchio delle differenti civiltà che le hanno create. E tutte le religioni sono lo specchio di Dio.
Amco dab benvenuto!
...sono contento di esere il primo a chiosarti...spero.

Il tuo è un buon pensierino: parla di trascendente ed immanente.
Per l'immanente concordo almeno di massima: le religioni sono opera e specchio dell'intelletto e dello spirito umano...delle sue esigenze di conforto e protezione in particolare...o di propiziarsi la caccia facendosi amici chi fosse dotato du superpoteri...ma anche per avere un aiuto ed un conforto o speranza nel superare i rigori della natura.

Poichè non tutti ci riuscivano o ci riusciva in prevalenza chi, credendo, nutriva maggiore speranza, ecco che il credere e lo sperare sono entrati nel genoma, ma certo non l'oggetto del credere o dello sperare: basta avere qualcosa in cui crede e sperare...comunque sia!
Sostanzialmente ne deriva che l'uomo è un credulone speranzoso...per istinto o pulsione!

Per il trascendente conservo molte perplessità: che Dio abbia creato l'uomo direttamente, ho seri dubbi. Forse si potrebbe paralre subito di universo, ma anche qui la scienza non ci dà alcun conforto.
E intanto la scinza continua a studiare e cercare come..il perchè verrà dopo.

Il "perchè dell'universo, infatti, e della vita o dello scopo extraumano" è piu difficile da definire, ma dire che l'uomo è immaturo per i segreti di Dio è pura e fantasiosa illazione...anche se di fronte ad un dio pensato e immaginato infinito, l'uomo sarà sempre immaturo: ma questo è il punto: la nostra realtà a fronte della immaginazione!

Peraltro...definisco fantasioso tutto ciò che non ha riferimenti o supporti concreti di "verità" siano essi esperienziali o logico-matemtici.
L'emozione, ad es., non puo' essere di per se stessa riferimento di verità.
ulysse is offline  
Vecchio 24-09-2011, 11.03.37   #195
Ciroemilio
Utente bannato
 
L'avatar di Ciroemilio
 
Data registrazione: 26-08-2011
Messaggi: 48
Smile Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originale scritto da: jador.
Un modo potrebbe essere "sentire" e non piu' "credere".
Sentire di essere parte e di far parte di questo flusso di energia, in continuo movimento, in continua trasformazione.
Appartenenza al Tutto che annulla quel senso di abbandono che genera paura e che crea religioni, conflitti, dominio.

Cosi potrebbe nascere il silenzio e la pace.


Riflettendo su quest'interessante concetto,mi domando, come si fà nei rapporti sociali: lavoro ,famiglia ecc. ecc., se solo si sente e non si crede nel Tutto??!?
Perchè lì non si vive (ancora) in silenzio e pace.




Ciroemilio is offline  
Vecchio 24-09-2011, 11.15.01   #196
Ciroemilio
Utente bannato
 
L'avatar di Ciroemilio
 
Data registrazione: 26-08-2011
Messaggi: 48
Cool Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente scritto da: dab

Dio ha creato l'uomo e l'uomo ha creato le religioni. L'intelletto umano essendo troppo immaturo per comprendere il mistero di Dio e della creazione, ha inventato delle strade che portano alla sua comprensione. Le religioni portano tutte alla stessa meta, ma in maniera differente in quanto sono lo specchio delle differenti civiltà che le hanno create. E tutte le religioni sono lo specchio di Dio.



A leggerlo d'un fiato, questa riflessione della non/religione, provoca di rispondere, senza indugi: Amen e Così sia!!
Poi sempre riflettendo, una curiosità (forse due o tre): ma le civiltà sono state create da un solo Dio o da differenti civiltà galattiche??!?
Se questo specchio ha differenti facce, quindi Dio ha varie apparenze??!?
Allora chiunque, perchè preferisce vivere da operaio e non da camorrista (o viceversa)??!?; tanto tutte le religioni portano alla stessa méta??!?



Ciroemilio is offline  
Vecchio 24-09-2011, 16.19.00   #197
jador
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-08-2009
Messaggi: 154
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da Ciroemilio
Riflettendo su quest'interessante concetto,mi domando, come si fà nei rapporti sociali: lavoro ,famiglia ecc. ecc., se solo si sente e non si crede nel Tutto??!?
Perchè lì non si vive (ancora) in silenzio e pace.


Sentire di far parte del Tutto e' qualcosa di diverso, per me, dal credere in Dio. E' per questo che ho differenziato.
Ho parlato di energia alla quale far ritorno, e non di anima da assicurare al paradiso.

Non vedo il nesso, nella tua domanda, sul come si fa nei rapporti sociali se solo si sente il Tutto e non si crede in Dio.
Esistono valori anche in chi non crede, come esistono cattiverie in chi crede.

Il silenzio e la pace che intendo io sono in relazione all'angoscia esistenziale, al senso della vita che la paura della morte fa perdere.
jador is offline  
Vecchio 24-09-2011, 16.26.54   #198
Ciroemilio
Utente bannato
 
L'avatar di Ciroemilio
 
Data registrazione: 26-08-2011
Messaggi: 48
Wink Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originale scritto da: Ulysse.
Peraltro...definisco fantasioso tutto ciò che non ha riferimenti o supporti concreti di "verità" siano essi esperienziali o logico-matemtici.
L'emozione, ad es., non puo' essere di per se stessa riferimento di verità.

Allora, riflettendo, quando un parente è in difficoltà, o si vince all'enalotto, od un'amica ci tradisce, per giungere ad ottenere una risposta di perchè accade questo e comprendere da dove giunge quell'emozione, rispolveriamo le tabelline o sfogliamo il dizionario filosofico di Voltaire??!?

-<"Nella nostra società le emozioni in generale vengono scoraggiate. Benché senza dubbio il pensiero creativo, come ogni altra attività creativa, sia inseparabilmente legato alle emozioni, è diventato un ideale pensare e vivere senza emozioni. Essere emotivo è diventato sinonimo di instabile e squilibrato".>--(Erich Fromm)


Solo grazie alle emozioni ed alla fantasia che esse generano, si può cercare d'avvicinarci a comprendere Dio nella nostra vita, e decifrare la menzogna o la Verità contenute nelle religioni.
E' lì dove Einstein ha compreso che la matematica, la filosofia, la Scienza è zoppa: nelle emozioni, nei sentimenti.

Solo gli sciocchi non cambiano mai opinione e forse anche i sentimenti .(James Russell Lowell)



Ciroemilio is offline  
Vecchio 24-09-2011, 19.35.22   #199
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originalmente inviato da Ciroemilio
A leggerlo d'un fiato, questa riflessione della non/religione, provoca di rispondere, senza indugi: Amen e Così sia!!
Poi sempre riflettendo, una curiosità (forse due o tre): ma le civiltà sono state create da un solo Dio o da differenti civiltà galattiche??!?
Se questo specchio ha differenti facce, quindi Dio ha varie apparenze??!?
Allora chiunque, perchè preferisce vivere da operaio e non da camorrista (o viceversa)??!?; tanto tutte le religioni portano alla stessa méta??!?
E' difficile non intromettrsi: ma si potrebbe anche pensare, rifletendoci bene, che Dio e gli extraterestri...e nemmeno i piu' disparati flussi di energia...e neutrini..piu' veloci della luce... c'entrino ben poco con l'insorgere delle varie civiltà e culture con elaborazione di specifiche coscienze ed etiche sociali... ed anche con le lotte, guerre e rivoluzioni o scientifiche scoperte che via via si sono sucedute nei millenni...Magari gli uomini ne hanno trovato la scusa: Gott mit uns!

E qualcuno, profeti e preti...vari sacerdoti di varie religioni in nuce o anche strutturate li hanno anche incoraggiati su questa strada...per un qualche vantaggio mangereccio o di potere...ma anche certamente spirituale... a loro dire.

Ma ancora, se ci riflettiamo un altro pochino, potremmo anche scoprire che un'altra via c'è che porta a Roma...o a Pechino o al CERN di Ginevra e in Vaticano, persino, anche perchè qualcuno ce lo dice e dimostra, con la filogenesi del vivente ed esplicazione dell'universo, che invece, per i vari più che millenari accadimenti, è tutta farina del nostro sacco: le guerre gli eccidi, le opere di bonifica, le grandi costruzioni, le opere d'arte, i satelliti in orbita, le rappacificazioni fra popoli, le conquiste, le migrazioni, gli esodi, e le reciproche botte e lotte, le culture o le colture nel senso del fisico e dello spirito di prevalenza economica o anche d'amore e di reciproco rispetto e sinergia fra individui, etnie e popoli ...tutto che gli uomini hanno inventato e scoperto e fatto per propria sopravvivenza, gloria o distruzione...da laici, agnostici o religiosi, nei milioni di anni di evoluzione fisica e intellettuale... dall'Australopithecus... fino a noi che saremmo HSS...sapiens sapiens...ma anche parecchio immaginifici e fantasiosi!

...ma, attenzione, manco sappiamo ciò che realmente è e siamo...e nemmeno lo vogliamo sapere!
Vogliamo mettere col fantastico, immaginifico, confortante mondo, emulante la coperta di Linus, che pure e con cui, da millenni di millenni ci andiamo creando e coprendo e...rifugiando???
ulysse is offline  
Vecchio 24-09-2011, 19.43.51   #200
Ciroemilio
Utente bannato
 
L'avatar di Ciroemilio
 
Data registrazione: 26-08-2011
Messaggi: 48
Thumbs up Riferimento: Se Dio è uno, perchè tante religioni?

Citazione:
Originale scritto da: Doctor Strange.
Guarda che tre tesi che trovi molto razionali non lasciano quasi nessuna possibilità a qualsiasi credente monoteista di essere nel vero.

Con la testa si possono dire tante cose, diventando anche razionali (per e con la filosofia), ma poi filtrandole col cuore, possono diventare incoerenti o perfette (e viceversa dette dal col cuore). Cosa che, nella terza supposizione logica (da voi presentata) succede:-" Dio è uno, e solo una religione è giusta"!!--razionale, la filtro nel cuore è per tantissime persone, diventa: la religione perfetta!!, altro che........nessuna possibilità!!
Ciroemilio is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it