Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 24-09-2004, 02.09.25   #61
Brucus
Ospite abituale
 
L'avatar di Brucus
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 347
Ma Epicurus, è facilissimo trasformare una cosa che "non-so-cosa-sia", in una che "io-so-cos'è" e costruirci attorno ciò che si vuole, un credo, una dottrina, una chiesa, perfino una guerra. E' la storia dell'umanità. Quanta morte, sofferenza, distruzione per qualcosa che si è creduto che fosse, ma che non era. La mente dell'uomo è allenatissima in queste trasformazioni, travestimenti, taroccature. Si crede in tutto, che poi se esiste o no, se sia realtà o illusione, se sia verità o menzogna, se rientra dentro la nostra comprensione o no, non ha alcuna importanza. E' il fondamento della nostra società, della nostra economia, far credere che non puoi più vivere se ti manca tale prodotto, o che puoi essere felice se comperi tal altro. E Dio è diventato un prodotto come un'altro, ognuno pubblicizza il suo dio come l'unico vero e l'unico che salva, come un detersivo che lava più bianco.

Non è più il tempo di credere, ma di "conoscere", e per conoscere Dio, devi prima conoscere te stesso, e buttare nella pattumiera tutto ciò che "credevi" d'essere. Non è facile, è un cammino solitario, tutto in salita, dolorosissimo, è il nostro cammino verso il Golgota, l'unico possibile se vuoi nascere alla Nuova Vita, la Vera Vita.

Un abbraccio
brucus
Brucus is offline  
Vecchio 24-09-2004, 08.30.37   #62
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
bravo brucus!!

... .... .....
ermes is offline  
Vecchio 24-09-2004, 12.29.22   #63
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
brucus, io non sono certo un teista, bensi` un agnostico.

quindi io cerco di conoscere, e ho messo in un angolino il 'credere per fede': se tu mi dici questo io non posso che condividere.
E` probabilmente il metodo per raggiungere tale conoscenza che e` diverso: io mi affido piu` alla testa, tu alle sensazioni.


epicurus is offline  
Vecchio 24-09-2004, 12.41.44   #64
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
brucus, io non sono certo un teista, bensi` un agnostico.

quindi io cerco di conoscere, e ho messo in un angolino il 'credere per fede': se tu mi dici questo io non posso che condividere.
E` probabilmente il metodo per raggiungere tale conoscenza che e` diverso: io mi affido piu` alla testa, tu alle sensazioni.




La fede è una parola che può acquistare un senso reale quando c'è un vissuto interiore reale (fede in qualcosa che si è sentito). Come qualsiasi altra parola. Anche la parola amore, se non ha un vissuto reale dietro di sè, è solo una parola per chi la pronuncia. Tutti la possono pronunciare anche senza viverla. Lo stesso per la parola Dio, o altre parole con cui si vuole chiamare, la può pronunciare chiunque, discutere chiunque, inventare come vuole chiunque. Ciò che conta è solo il vissuto reale che quell'essere ha di quella cosa, che poi è obbligato a chiamare in un modo per dirla. Ciao.

Ultima modifica di Kannon : 24-09-2004 alle ore 12.46.54.
Kannon is offline  
Vecchio 25-09-2004, 01.40.46   #65
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
Anch'io mi sono sempre ritenuto agnostico,ricercatore,pensator e,un pò filosofo,purtoppo o per fortuna(dipende dai punti di vista)brucus ha perfettamente ragione,non si può discutere di una cosa se prima non la si è vissuta,e chi l'ha vissuta non ne parla,ecco perchè ho sempre ritenuto le persone sagge"egoiste".
ciao

ermes
ermes is offline  
Vecchio 25-09-2004, 11.01.51   #66
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
a ermes e a kannon:

Citazione:
Messaggio originale inviato da Kannon
La fede è una parola che può acquistare un senso reale quando c'è un vissuto interiore reale (fede in qualcosa che si è sentito). Come qualsiasi altra parola. Anche la parola amore, se non ha un vissuto reale dietro di sè, è solo una parola per chi la pronuncia. Tutti la possono pronunciare anche senza viverla.

Se tu riduci tutto all'esperienza (interiore e esteriore), Dio deve appartenere necessariamente all'esperienza interiore (come tu stesso affermi) e quindi 'Dio' è un mero concetto che denota solamente una cosa puramente soggettiva (che non riguarda cose oggettive, proprio come l'amore).

epicurus is offline  
Vecchio 25-09-2004, 22.24.07   #67
Brucus
Ospite abituale
 
L'avatar di Brucus
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 347
Hai ragione, Epicurus, Dio resta sempre e comunque un concetto, anche se vissuto interiormente, ma un concetto per chi?, per la mente. Tu hai detto che per "conoscere" ti affidi alla mente, e quindi è perfettamente logico che dalla tua prospettiva, sia così.

Ma parlare di "interiore" può trarre in inganno, siamo alla solita ambiguità delle parole, soprattutto se si vuol dare un nome a qualcosa che nome non ha, come nel caso della parola Dio, Assoluto, Amore, e anche "interiore". Questa parola conserva il suo significato solo per un breve tratto, diciamo tra la mente e il cuore. Lì c'è effettivamente una interiorizzazione. Ma dal cuore in poi, interiore ed esteriore perdono completamente il loro significato, diventano parole vuote, prive di senso. Il cuore, ma sarebbe meglio dire la "zona del cuore" per non identificarlo con l'organo fisico, è una porta, un passaggio verso una forma di consapevolezza inesprimibile e incomprensibile per la mente. Lì i limiti del nostro essere si espandono instantaneamente in uno "spazio infinito" dove non esiste più ne fuori ne dentro, ne esteriore ne interiore, la mente non ha più alcun ruolo, quindi non ci sono domande ne concetti, non c'è nemmeno il senso della propria individualità. E' una consapevolezza profonda e antica, che la può comprendere solo chi l'ha sperimentata, dove tutto è Uno, in una "dimensione" del nostro essere che vibra di Vita e Amore.

All'inizio di questa esperienza, si cerca disperatamente di concettualizzarla, di descriverla, cioè di decodificarla per mezzo della mente. Allora nascono spiegazioni fantastiche e fantasiose, perchè la mente cerca nel suo bagaglio di ricordi, credenze, concetti, conoscenze, etc., qualcosa che lo possa descrivere. Chi vede Dio, chi vede il nulla, chi rivelazione divine, angeli, Madonne, e cos' via. Ma inevitabilmente arriva il momento che la mente stessa riconosce i suoi limiti......e tace.

E' un momento critico, perchè quando la mente rinuncia a capire, accetta che è un campo dove non può intervenire, allora subentra, da parte della stessa mente, un senso di spaccatura dell'essere, due mondi interiori incapaci di comunicare tra loro, eppure due mondi che appartengono allo stesso essere. Alcuni azzardano le più svariate ipotesi, per esempio che questo nostro mondo tridimensionale e duale è illusione, e quindi come tale non può penetrare nella "realtà", come se nel sogno pretendessimo intervenire in qualche modo in ciò che per noi è il mondo reale.

Immagino che è uno stato transitorio, che questa "dualità" interiore si risolverà in qualche modo. Se badassi alla mia mente, le spiegazioni le avrei o le troverei in qualche libro o nelle parole di qualche gurù, o nella stessa fede, ma sono cosciente che ciò implicherebbe crearmi delle certezze che sarebbero proprio quelle che mi impedirebbero di andare avanti in questa "esplorazione" del mio essere.

Per finire, mi permetto di dare un consiglio a Ermes, se devi e senti di fare un certo tipo di esperienza, non lasciarti frenare dai pregiudizi di nessuno, che poi il più delle volte non sono freni che vengono da fuori, ma da dentro di noi stessi. Se in questa vita devi fare una esperienza, reprimendola, non farai che sprecare una opportunità valiosissima per conoscere ulteriormente te stesso.

Un abbraccio
brucus
Brucus is offline  
Vecchio 25-09-2004, 23.18.43   #68
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
ti rigrazio!!brucus

Sto attraversando un periodo piuttosto tosto della mia vita,ti dico già che non me ne frega niente dell'opionione degli altri,se ciò puor far si che io riesca a squaciare il velo di maya,i veri freni e i veri tabù me li sono imposti da me,ora che ho portato il mio ego fino a dio,presumo che sia molto difficile farlo cadere "quando mi cercherai non mi troverai"(spero che tu capisca il vero senso di queste parole),la stessa cosa sta succedendo a me.

ciao

ermes
ermes is offline  
Vecchio 27-09-2004, 09.07.30   #69
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Re: a ermes e a kannon:

Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
Se tu riduci tutto all'esperienza (interiore e esteriore), Dio deve appartenere necessariamente all'esperienza interiore (come tu stesso affermi) e quindi 'Dio' è un mero concetto che denota solamente una cosa puramente soggettiva (che non riguarda cose oggettive, proprio come l'amore).


Un mero concetto è il risultato di una elaborazione mentale che si può fare su qualsiasi cosa, anche su Dio. Una esperienza interiore reale e profonda non è un mero concetto, è un vissuto reale e rende non reale tutto il resto.

Io ho visto molte cose, e conosco molte cose, ma ciò non è illusorio. Se tu parli con chi si è visto qualche "spezzone" di vita precedente, ad esempio, non ti dirà che è invenzione, ma che ciò che ha visto era reale. Ho visto gente che si è vista cose tremende, mentre altri non vedono nulla, o altro. Ma tutto questo ha dei motivi, esistono motivi precisi perchè ciò accade, bisogna conoscerli però, e visto che io li conosco per me diventa tutto logico ciò che accade. Bisogna conoscere le legi che regolano il nostro universo, che non sono solo fiiche, ma anche su altri piani.

Ciao.
Kannon is offline  
Vecchio 27-09-2004, 13.20.34   #70
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
Parli dei piani analogici,kannon???

Ciao

ermes
ermes is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it