Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 07-05-2006, 15.40.53   #121
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Re: comunione

Citazione:
Messaggio originale inviato da fallible
Buon giorno!

Ma se siamo in grado di visualizzare le centinaia di migliaia di persone che stanno morendo insieme a noi, il nostro morire può diventare sereno e perfino gioioso."

siccome non tutti hanno la capacità di Morire prima di morire, diceva Parmenide......morire Coscienti.....questa e' la straordinaria possibilita' che ci e' data ,forse Tich Nhat con la visualizzazzione di tanti trapassi tende ad esorcizzare ed rendere "normale" la morte claudio

ps auguri a tutte le mamme

E secondo te questo si puo' fare un momento prima di morire?
Utilizzando il pensiero discorsivo?
Qui il problema di "comprensione" non e' solo di Ati e Fallibile, ma e' proprio di quel Maestro che sembra assolutamente incosciente.
In quel momento raccogli cio' che hai seminato tutta la vita...non ci va una scienza a comprendere questo.
Yam is offline  
Vecchio 07-05-2006, 15.44.29   #122
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da acquario69

per come la vedo io la chiave di questo discorso sta nel fatto che la morte rappresenta per noi una discontinuita..l'estrema discontinuita con cui tendiamo a separare e a dividere le cose quando in realta e' solo un prodotto della nostra mente e della nostra dimensione..io personalmente credo(pur non essendo religioso nei termini convenzionali) che quando moriamo usciamo da questo"limite" e da questo paradosso entrando in una dimensione appunto"aperta" e svincolata dalla materia e dal dualismo. [/b]

Certo e' cosi, ma quella dimensione nelle antiche civilta' (Egizia, Greca e Orientale) doveva essere conosciuta in Vita, perlomeno da una minoranza di uomini....altrimenti non c'e' nulla di male a morire cosi come capita.....
Yam is offline  
Vecchio 07-05-2006, 16.06.39   #123
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Certo e' cosi, ma quella dimensione nelle antiche civilta' (Egizia, Greca e Orientale) doveva essere conosciuta in Vita, perlomeno da una minoranza di uomini....altrimenti non c'e' nulla di male a morire cosi come capita.....

in che senso?..vorresti forse dire che queste antiche civilta avevano per cosi dire un segreto cui noi ora abbiamo dimenticato?
se appunto ho interpretato cosi le tue parole anchio credo che civilta ancestrali dovevano avere un legame particolare con la morte...e se fosse che loro in qualche modo erano venuti a contatto con entita "superiori" a cui davano un interpretazione magica dei loro segreti?
comunque non so se questo era il filo del tuo discorso..
acquario69 is offline  
Vecchio 07-05-2006, 16.16.53   #124
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
un mio pensiero sulla morte...

Citazione:
Messaggio originale inviato da Uno
Per morte intendo di questo corpo fisico che abitiamo, molte persone in punto di morte si pentono, cercano o danno un perdono che non hanno mai considerato per tutta la vita, rimpiangono qualcosa.
Non ho scritto tutte, alcune sembrano tranquille, altre non hanno la possibilità di "pensarci" se la morte li coglie impreparati.
Da sempre la preparazione alla morte è il miglior modo per vivere, molte culture ne hanno fatto un'espressione di saggezza che trasuda bellezza, lasciandoci testimonianze archittettoniche sublimi.
Lascio la parola a chi volesse espandere il discorso, anche portando la propria esperienza se vuole (non di morte , a meno che......) e come si pone di fronte a questo tema.

Una grande meditazione è appunto quella sulla morte..
molto spesso si preferisce meditare sulla vita.. sulla natura e sui fiori.. sulla luce.. sulle energie... o applicare il pensiero positivo..
difficilmente si sente dire "ho meditato sulla morte". .. chissà perchè..
paragonare il proprio corpo ad un cadavere e sentire innescati tutti i processi necessari per giungere alla dissolvenza del corpo..
eppure è una meditazione famosa del Buddha..
una via che aiuta gli esseri a realizzare e superare conseguentemente il dolore e la tristezza... ed aiuta a percorrere un "retto sentiero".. che fa parte del cammino del Buddha, nei sutra sui quattro fondamenti verso la consapevolezza..

roba sorpassata qualcuno dirà.. filone theravada..
eppure io penso, equivale a raccogliere fiori da portare sull'altare, riconoscendone la bellezza.. l'utilità profonda..

è libertà..
e non occorre combatterne la paura/ desiderio.. si tratta solo d'imparare a morire.. osservare la morte.. prima, durante e dopo...
prima la nostra.. e successivamente quella altrui..

Senza andare però troppo lontano, alle menti non pronte, basterebbe saper meditare e saper "accompagnare" un morente.. anzichè eludere questa nostra responsabilità, esorcizzando la stessa morte.. e la stessa nostra mente scaramantica con una serie di pratiche rivolte solo alla gioia..

Accompagnare un morente, meditare assieme a lui sul sentiero che ci conduce a lasciare il corpo.. è oltre una nostra responsabilità, un'aggiunta meditazione sulla vita..
una pratica che fa sorgere una nuova consapevolezza, libera da indottrinamenti..
e gravida di profondità, di sensazioni neutre che permettono di osservare che la felicità e la sofferenza sono realtà interdipendenti..
e che solo entrambe abbinate possono rivelarci completamente la natura ultima, nella luce di una nuova consapevolezza..



Ultima modifica di atisha : 07-05-2006 alle ore 16.24.48.
atisha is offline  
Vecchio 07-05-2006, 16.46.03   #125
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Re: un mio pensiero sulla morte...

Citazione:
Messaggio originale inviato da atisha
è libertà..

meditare[..] sul sentiero che ci conduce a lasciare il corpo..
è [..]un'aggiunta meditazione sulla vita..
una pratica che fa sorgere una nuova consapevolezza, libera da indottrinamenti..
e gravida di profondità, di sensazioni neutre che permettono di osservare
che la felicità e la sofferenza sono realtà interdipendenti..
e che solo entrambe abbinate possono rivelarci completamente la natura ultima, nella luce di una nuova consapevolezza..

Sono profondamente d'accordo!

Gyta
gyta is offline  
Vecchio 07-05-2006, 22.52.10   #126
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
Unhappy discorsi

Già! Teoricamente è così. Praticamente è la sensibilità di ciascuno di noi che ci guida.
edali is offline  
Vecchio 08-05-2006, 08.34.23   #127
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Il Libro Tibetano dei Morti descrive i tre tipi di approccio alla Morte che sono anche quelli di approccio (Spirituale) alla Vita.
Il primo e' la meditazione suprema, di pura Consapevolezza.
Essendo un Terma (tesoro nascosto della mente di ) Padmasambhava* le indicazioni di quest'ultimo sulla Consapevolezza sono l'istruzione Suprema, le ho riportate qui Padmasambhava
Queste istruzioni contengono l'indicazione di cio' che accade subito dopo la cessazione del respiro esterno ed interno. Quando la mente si ferma e non ci sono piu; sensazioni, emozioni e pensiero, appare la Chiara Luce. Quando andiamo a dormire o la nostra meditazione si fa sempre piu' profonda accade la stessa cosa. Uno spazio buio e vuoto ci e' davanti e ci avvolge,ma la Consapevolezza di se e' sempre presente....nella mia esperienza appare la Chiara Luce, a volte e' Bianca altre Rossastra (e' l'energia del mio Corpo di Luce), un senso di espansione nello spazio pervade la mia Coscienza. La durata di questo stato e' variabile a seconda dello stato dei canali nel corpo sottile. Se c'e' una grande capacita e i canali sono in buone condizioni puo' essere molto lunga, per questo chi muore coscientemente (Maestri) di solito si isola e rimane in meditazione per giorni e giorni....il corpo di alcuni si rimpicciolisce, di altri, pochissimi si dissolve in Luce (Vajrakaya o Corpo di Diamante).....ma nella maggior parte dei casi il periodo di questa fase e' molto, molto breve....pochi istanti o minuti.


Se non la si riconosce si passa alla fase sucessiva.

Il secondo approccio e' quello di chi tutta la vita e' stato devoto o ha meditato su una figura divina. Ad un Cristiano e' facile che appaia il Cristo in questa fase.....
Ne parliamo inseguito.
Yam is offline  
Vecchio 08-05-2006, 11.30.29   #128
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
diciamo che più in questa fase "tende" ad apparire una "figura" definita (cristo per esempio) più è presente "devozione" in vita (ma che cmq è un'egregora in un certo senso)?
turaz is offline  
Vecchio 08-05-2006, 18.59.17   #129
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam
..Quando la mente si ferma e non ci sono piu; sensazioni, emozioni e pensiero, appare la Chiara Luce. [..]
[..]nella mia esperienza appare la Chiara Luce, a volte e' Bianca altre Rossastra (e' l'energia del mio Corpo di Luce), un senso di espansione nello spazio pervade la mia Coscienza[..]
L'esperienza della "Luce" intesa come luce comunemente intesa è -a mio singolare avviso(!)- ancora
una modalità di coscienza propria di questi sensi, di questo corpo; è momento di passaggio e l'individuazione di quella luce non è che attività ancora legata ai sensi, quando le sensazioni, l'attività cerebrale non è del tutto conclusa. Questo lo dico non per togliere entusiasmo a chi in questo vede un qualche tangibile "segno" di Coscienza Superiore, ma per far volgere l'attenzione alla realtà di uno "Stato di Coscienza" che esula totalmente dal potenziale creativo dell'immaginazione di questa mente e di questi sensi aderenti solo e propriamente a questa dimensione umana, animale.

Ripeto, quindi: non intendo qui demoralizzare nessuno ma, se proprio vogliamo, al massimo impedire che la fantasia possa prendere il posto al vero momento di Mutazione dove tale individuazione (della "luce") risulta essere solo ed ancora rappresentazione mentale.

Questa la mia opinione. Che può essere o meno condivisa s'intende!

Bello è però essere preparati ad un "mutamento" per così dire di "coscienza" che nulla ha a che vedere con le rappresentazioni possibili e (francamente) limitate di questi sensi corporei, quali la rappresentazione stessa. Oltre la luce ed il buio significa oltre i concetti per risalto/risultanza (!)
Non sarebbe male tenerlo in considerazione..

Molto di più della "luce".. Non vi sembra?!



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 08-05-2006, 20.41.18   #130
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Gyta ti riporto le parole di istruzioni ricevute sul Libro Tibetano dei Morti...che in realta' e' un libro sulla Vita e sulla meditazione perche' la morte e' l'esperienza della meditazione. Qui non si tratta di chiaccherare ma di sperimentare....e che sia l'ultima volta, se non ti siedi a meditare e fai silenzio almeno per cinque minuti, cosa che non hai mai fatto in vita tua, non ti rivolgo piu' la parola e ti metto nel calderone dei new agers che vendono solo aria fritta.

"Ti sarai accorto che la tua attenzione e' come un pendolo oscillante tra passato e futuro, ma quando ti abitui a non seguire i pensieri, le emozioni e le sensazioni, lasciando che tutto cio' sorga e svanisca in modo naturale, la tua attenzione si focalizza sul momento presente, sino a diventare una Chiara Consapevolezza non toccata da alcun contenuto.
A volte puo' accadere di percepire una luminosita' visibile. Sappi che e' l'energia del tuo corpo di luce; comunque per ora non si manifesta ancora davanti a te in tutto il suo splendore.
In questo momento e' importante che ti abitui a dimorare nella vuota oscurita'.
Se ti distrai, non preoccuparti, ma riporta la tua attenzione al momento presente, senza giudicare nulla, ne cercare di fare alcunche'.
Quando ti accorgi che il sonno ti sta avvolgendo non cercare di rimanere sveglio a tutti i costi.
Se puoi permettertelo addormentati pure, ma lascia che la tua attenzione rimanga ferma nel momento presente.
Se ti alleni in questo modo, puoi comprendere da te stesso il significato reale degli insegnamenti sulla preparazione alla morte e , senza dubbio, giungerai pronto all'incontro del primo stato intermedio.

Lama Rangdrol Nelgyor 1989

E' solo meditazione Gyta e anche per principianti!
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it