Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 27-11-2006, 15.10.02   #121
joannes
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-05-2005
Messaggi: 329
Riferimento: L'inferno Esiste

ciao sweet, non ho molto tempo nemmeno per leggere il tanto che è stato scritto, comunque è vero ciò che dici, ma comunque sia non era tanto messo in discussione il discorso "amore" parlando dell'inferno, ma per chi non crede è comunque misericordia di Dio far conoscere il posto lontano da questo amore! chi cerca Dio con cuore sincero e non cerca facili conclusioni della realtà che vediamo e non vediamo allora Dio si rivela! mi riferisco a ciò che dici alessiob, in quanto forse crederai di conoscere quel che vedi e rifiutare come storielle quel che in apparenza non ti si presenta, magari credendo che la scienza è tutto ciò di cui l'uomo ha abbisogno; se non fosse caro alessiob che perfino la scienza ebbene sì, è nata proprio dal cristianesimo, dall'unigenito Figlio di Dio!
senza la religione cristiana l'occidente non avrebbe la scienza così come il resto del pianeta, è un discorso che riprenderò, tanto per far comprendere come tutto abbia compimento nel Figlio di Dio per cui tutto è stato creato!
pace e bene come diceva qualcuno!
joannes is offline  
Vecchio 27-11-2006, 16.44.51   #122
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: L'inferno Esiste

....e intanto il signor Dio se ne sta seduto in chissà quale recondito angolo dell'universo, seduto su una sedia a dondolo ad aspettare che gli umani riescano a trovarlo. ma.... forse non vuole che lo troviamo, allora ha cosparso i cieli di trabocchetti dove se per caso ci si cade dentro, si finisce all'inferno.
angelo2 is offline  
Vecchio 27-11-2006, 19.53.39   #123
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: L'inferno Esiste

Citazione:
Originalmente inviato da alessiob
massylety ti ringrazio per aver risposto a tutte le mie incalzanti domande.

Come già sai non condivido il pensiero religioso, ne tantomeno quello dell'inferno.

Comuqnue abbiamo avuto una discussione interessante, su un argomento ancora attuale e pieno di polemiche.

Avendo, per ora, detto tutto ciò che vi era da dire, abbandono la discussione.

Ciao

Grazie a te Alessio, e' stato piacevole discutere anche con Te.
Tra un po' apriro' un Topic ti invito fin da ora ad entrarci e a lasciare la tua testimonianza.
Ciao .
massylety is offline  
Vecchio 29-11-2006, 10.26.13   #124
Florio
Ospite abituale
 
L'avatar di Florio
 
Data registrazione: 16-03-2006
Messaggi: 45
Riferimento: L'inferno Esiste

L'ALTISSIMO DE SORA
ME MANDA LA TEMPESTA,
L'ALTISSIMO DE SOTO
ME MAGNA QUEL CHE RESTA
E IN MEXO A 'STI DUE ALTISSIMI
RESTEMO POVERISSIMI.

Detto veneto.
Florio is offline  
Vecchio 29-11-2006, 17.44.08   #125
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: L'inferno Esiste

Mi sembra una visione dualista, sullo stile manicheo.
Due forze coeterne e due forze coesistenti...no invece Dio non se ne sta dall'alto del suo trono a guardare impassibile che muore senza premio e chi soffre senza merito, ma dara' a tutti cio' che e' giusto con perfetta equita' secondo quello che gli uomini almeno si saranno sforzati di amarlo e di cercarlo.
massylety is offline  
Vecchio 03-12-2006, 00.04.38   #126
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Riferimento: L'inferno Esiste

Citazione:
Originalmente inviato da massylety
Dovresti prima dire in cosa credi tu.
1-Tu ci credi nell'inferno? credi nel Vangelo? o credi ad altro?
Perche' e' ovvio che uno che sia credente, ti risponda in base alle parole di Cristo e certo non a quelle di maometto.
2-Perche' vedi se escludi Cristo forse escludi anche Dio dalla creazione, allora mi chiedo, in base a cosa e a chi uno dovrebbe essere giudicato?
Se invece credi in Dio allora la risposta e' sempre la stessa.
Giusto per analizzare la tua Domanda ti vorrei proporre l'esatto opposto?
3-E a te cosa fa pensare che Cristo non l'abbia detto? o Che Cristo non sia il Figlio di Dio?
Gesu' tanto per sottolineare ..e' un personaggio religioso e non storico!
4-Di maometto i musulmani non si pongono lo stesso problema e nemmeno i buddhisti di buddha, e allora mi chiedo, come mai atei e cristiani invece si interrogano sulla storicita' di Cristo? forse che sotto sotto, la coscienza gli rinnovi l'enigmatico dubbio?
Vedi Buddha, Lao tse, Confucio o Zarathustra sono tutti personaggi usciti dalla penombra, non come Cristo invece, perche' di Lui sappiamo molto di piu'.
Esistono documenti storici riguardo alla Sua Nascita, alla sua Morte e cosi via, sappiamo che in quel periodo vi erano personaggi come Erode, Pilato e che i romani Crocifiggevano e potremmo proseguire per molto ma rischieremmo l'OT.
E poi ti rivolgo una domanda.
5-Un uomo che si comporta bene, quindi nella sua vita si sforza di fare il bene e uno invece che all'opposto fa il male perche' lo vuole fare visto che a lui sta bene cosi', sono entrambi meritevoli dello stesso premio?
attendo risposte non solo logiche ma anche esaustive ..grazie e ciao
1-No, non credo ne all' inferno ne ai vangeli... ne a qualsiasi altra cosa di metafisico.
2-Perchè uno dovrebbe per forza essere giudicato da qualcuno o qualcosa?
3-Io non ho mai detto ne che Cristo non l' abbia detto, ne che Cristo non sia il figlio di Dio. Dico solo che basare la propria vita su di una tale dubbiezza è piuttosto azzardato.
4-Si, puoi provare in base a documenti storici che Cristo sia esistito. Il problema è che questi documenti parlano di altre decine e decine di altri uonini che si spacciavano per messia... cosa ti fa credere che Cristo sia quello vero? E quando critichi i cristiani perchè sono gli unici a domandarsi l' esistenza o l' autenticità del loro salvatore, ti sfugge un particolare: tutti i personaggi che hai citato sopra sono semplici uomini, e non creano perciò alcuna perplessità. Infatti se si può dubitare delle loro teorie o "illuminazioni", non riesce difficile credere che essi come uomini siano esistiti. Ma Cristo, a differenza di questi si dichiara come Dio (più precisamente come una parte della trinità di Dio). Capirai che questo è già molto più difficile da credere, ed è per questo che i Cristiani si sforzano più degli altri per dimostrare l' esistenza del loro salvatore. Ciò non toglie comunque il problema sollevato in precedenza circa la sua autenticità.
5-Il concetto di bene e male è piuttosto soggettivo. Per quanto mi riguarda non esistono verità e concetti universali che valgano per tutti. Ti faccio una domanda: se uccidendo una persona puoi salvarne 10, tu lo fai? Se no devo dire che hai un concetto di bene e male piuttosto strano; Se si vuol dire che per te il fine giustifica i mezzi, e lascio intendere le conseguenze di questa frase... Tralasciando comunque il concetto di bene e male, rispondo alla tua domanda: anche se io dicessi che non sono meritevoli dello stesso premio, ciò non significherebbe affatto che le cose vadano effettivamente così. Mi spiego meglio: anche se il mio senso di giustizia mi spinge a dire che queste due persone non vanno, anzi non devono, essere trattate ugualmente, ciò non significa che esista un essere superiore che faccia giustizia... Riporto una frase di Freud che con questo concetto calza a pennello:

<La religione é un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente (...), se l'uomo distoglierà dall'aldilà le sue speranze e concentrerà sulla vita terrena tutte le forze rese così disponibili, riuscirà probabilmente a rendere la vita sopportabile per tutti e la civiltà non più oppressiva per alcuni>

Bige is offline  
Vecchio 03-12-2006, 04.11.06   #127
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: L'inferno Esiste

Citazione:
Originalmente inviato da Bige
1-No, non credo ne all' inferno ne ai vangeli... ne a qualsiasi altra cosa di metafisico.
2-Perchè uno dovrebbe per forza essere giudicato da qualcuno o qualcosa
3-Io non ho mai detto ne che Cristo non l' abbia detto, ne che Cristo non sia il figlio di Dio. Dico solo che basare la propria vita su di una tale dubbiezza è piuttosto azzardato.


potrebbe essere piu' azzardato non crederci.

4-Si, puoi provare in base a documenti storici che Cristo sia esistito. Il problema è che questi documenti parlano di altre decine e decine di altri uonini che si spacciavano per messia... cosa ti fa credere che Cristo sia quello vero? E quando critichi i cristiani perchè sono gli unici a domandarsi l' esistenza o l' autenticità del loro salvatore, ti sfugge un particolare: tutti i personaggi che hai citato sopra sono semplici uomini, e non creano perciò alcuna perplessità. Infatti se si può dubitare delle loro teorie o "illuminazioni", non riesce difficile credere che essi come uomini siano esistiti. Ma Cristo, a differenza di questi si dichiara come Dio (più precisamente come una parte della trinità di Dio). Capirai che questo è già molto più difficile da credere, ed è per questo che i Cristiani si sforzano più degli altri per dimostrare l' esistenza del loro salvatore. Ciò non toglie comunque il problema sollevato in precedenza circa la sua autenticità.


A te pero' sfugge un altro problema, "se non credete in Me,credete almeno alle opere che io compio, le mie opere parlano di Me"
Vedi e' vero che era pieno di falsi maestri e di falsi messia,ma nessuno di loro e' andato volontariamente in Croce, nessuno si e' proclamato Figlio di Dio e nessuno ha compiuto cio' che Gesu' ha compiuto o che altri nel suo Nome hanno compiuto! Gesu' e' stato sconvolgente e originale anche in questo.


5-Il concetto di bene e male è piuttosto soggettivo. Per quanto mi riguarda non esistono verità e concetti universali che valgano per tutti. Ti faccio una domanda: se uccidendo una persona puoi salvarne 10, tu lo fai? Se no devo dire che hai un concetto di bene e male piuttosto strano;

Ti potrei solo rispondere sta scritto: NON UCCIDERE e poi la tua domanda sa' di poco, in quale situazione mai nella vita tu ti troveresti di fronte a scelte cosi tremende? ti e' mai capitato? Ti potrei anche rispondere e se Dio stesso ha preparato il cielo per dieci nuovi martiri, tu che faresti? li salveresti? e poi salvarli da che cosa? dalla morte? ma e' dalla dannazione che gli uomini vanno salvati! La vita e la morte le da' Dio! Leggi la Bibbia e lo troverai.
Chi ha permesso che il faraone inseguisse gli ebrei? Tu?.. io?.. oppure Dio?
E chi ha permesso le guerre, le persecuzioni, o i genocidi? E chi permette che milioni di creature muoiano di fame? E' sempre lo stesso Dio ( ma nota bene che dico permette non vuole) e sai per quale ragione? Perche' all'uomo carnale e' dato di ragionare con la carne, ma all'uomo spirituale e' dato di ragionare con lo Spirito..lo dice San Paolo!
A Dio non interessa cio' che noi chiamiamo lunga vita (sulla terra) ma la Vita Eterna!



Se si vuol dire che per te il fine giustifica i mezzi, e lascio intendere le conseguenze di questa frase... Tralasciando comunque il concetto di bene e male, rispondo alla tua domanda: anche se io dicessi che non sono meritevoli dello stesso premio, ciò non significherebbe affatto che le cose vadano effettivamente così. Mi spiego meglio: anche se il mio senso di giustizia mi spinge a dire che queste due persone non vanno, anzi non devono, essere trattate ugualmente, ciò non significa che esista un essere superiore che faccia giustizia... Riporto una frase di Freud che con questo concetto calza a pennello:

<La religione é un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente (...), se l'uomo distoglierà dall'aldilà le sue speranze e concentrerà sulla vita terrena tutte le forze rese così disponibili, riuscirà probabilmente a rendere la vita sopportabile per tutti e la civiltà non più oppressiva per alcuni>



Io mi chiederei piuttosto dov'e' adesso freud! ciao
massylety is offline  
Vecchio 03-12-2006, 19.22.25   #128
joannes
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-05-2005
Messaggi: 329
Riferimento: L'inferno Esiste

Bige): <La religione é un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente (...), se l'uomo distoglierà dall'aldilà le sue speranze e concentrerà sulla vita terrena tutte le forze rese così disponibili, riuscirà probabilmente a rendere la vita sopportabile per tutti e la civiltà non più oppressiva per alcuni>


joannes): vedi Bige, anche Marx e chissà quant'altri parlavano di questo famigerato oppio dei popoli riguardo la religione, qualcosa da "bersi", per essere storditi affinchè non si pensasse, non ci si rendesse conto dell' INUTILITA' senza speranza della vita; si vive, si muore e basta, il forte vince, il debole muore e via asserendo senonchè nacquero proprio queste ideologie tenebrose che gettarono e ancor oggi gettano e assoggettano nel terrore i poveri, i deboli, la massa in cerca di quella speranza che è morta a questo pensiero! che tristezza e mi riferisco a Froid e chiunque cerchi di trarre in inganno il cuore umano, ma di fatto essi stessi si sono ingannati! infatti, il cieco che non vede, come può definire il cielo? la religione tuttaltro che oppio , il cristianesimo in particolare, grazie alla RESURREXIT del Figlio è gioia e speranza, VITA in abbondanza, felicità e fratellanza, amore e dono di se!
altro che mente ottunduta (così si dice?), altro che narcotico! dov'è il povero, il bisognoso, lo sfruttato, il disperato LI' è Cristo!
dove è il povero, il bisognoso, lo sfruttato, il disperato, li non è Freud o Marx, o l'ipocrisia di chi dice di vedere e rimane lì, fisso nel suo sgomento, scandalizzato da chi, facendo il bene senza rendiconto per il nome a cui tutto è stato sottomesso, lo reputa un folle, un insensato! ma proprio per questo per costui insensata è la stessa vita, proprio per la quale ,non sa dare una risposta!
joannes is offline  
Vecchio 04-12-2006, 07.18.14   #129
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: L'inferno Esiste

Citazione:
Originalmente inviato da joannes
Bige): <La religione é un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente (...), se l'uomo distoglierà dall'aldilà le sue speranze e concentrerà sulla vita terrena tutte le forze rese così disponibili, riuscirà probabilmente a rendere la vita sopportabile per tutti e la civiltà non più oppressiva per alcuni>


joannes): vedi Bige, anche Marx e chissà quant'altri parlavano di questo famigerato oppio dei popoli riguardo la religione, qualcosa da "bersi", per essere storditi affinchè non si pensasse, non ci si rendesse conto dell' INUTILITA' senza speranza della vita; si vive, si muore e basta, il forte vince, il debole muore e via asserendo senonchè nacquero proprio queste ideologie tenebrose che gettarono e ancor oggi gettano e assoggettano nel terrore i poveri, i deboli, la massa in cerca di quella speranza che è morta a questo pensiero! che tristezza e mi riferisco a Froid e chiunque cerchi di trarre in inganno il cuore umano, ma di fatto essi stessi si sono ingannati! infatti, il cieco che non vede, come può definire il cielo? la religione tuttaltro che oppio , il cristianesimo in particolare, grazie alla RESURREXIT del Figlio è gioia e speranza, VITA in abbondanza, felicità e fratellanza, amore e dono di se!
altro che mente ottunduta (così si dice?), altro che narcotico! dov'è il povero, il bisognoso, lo sfruttato, il disperato LI' è Cristo!
dove è il povero, il bisognoso, lo sfruttato, il disperato, li non è Freud o Marx, o l'ipocrisia di chi dice di vedere e rimane lì, fisso nel suo sgomento, scandalizzato da chi, facendo il bene senza rendiconto per il nome a cui tutto è stato sottomesso, lo reputa un folle, un insensato! ma proprio per questo per costui insensata è la stessa vita, proprio per la quale ,non sa dare una risposta!

Devo assolutamente darti ragione. Senza comprensione spirituale la vita
è inutile e lo ha dichiarato anche Veronesi tre sere fa alle Invasioni Barbariche e tuttavia lui un senso alla sua vita e alla sua missione di anima incarnata lo ha dato anche se non lo sa. Il suo prodigarsi per "curare" ,per trovare la cura di mali fisici e la sua "umanità" nel rapporto con i pazienti
è già una risposta alle domande del perchè è su questa terra.
Il problema però è far scoprire all'individuo come può arrivare attraverso
la conoscenza di sè a scoprire le cause della malattia, a considerarla una "benattia" perchè solo attraverso un disagio fisico possiamo
comprendere a volte ciò che la vita vuole indicarci e prenderci la
responsabilità delle nostre scelte senza accusare o giudicare gli altri.
Per cui un plauso alla scienza che scopre i rimedi per curare i sintomi
ma una ola alla psicologia che ti aiuta a scoprire le cause reali del disagio.
Da lì una volta scoperte le esigenze dell'anima si va avanti
nel processo di guarigione e quando sai cosa ti procura la malattia è più facile curarla.
Questo avviene anche nella scienza.Anche se essa procede per ipotesi e tentativi, mentre la psicologia procede con un lavoro di analisi e di sintesi
successive.
paperapersa is offline  
Vecchio 05-12-2006, 17.31.16   #130
joannes
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-05-2005
Messaggi: 329
Riferimento: L'inferno Esiste

Tornando per un momento a questo oppio dei popoli, mi fa specie constatare che Freud , Marx e quanti come loro non solo considerassero miliardi di persone nei secoli privi di qualsiasi intelletto, come se l'essere religiosi creasse vuoti incolmabili all'intelligenza (ovviamente c'è la possibilità di una convenienza concreta a queste affermazioni come poi si è visto), ma finanche riguardo alle piu alte menti di tutti i tempi, tanto per citare qualche "gigante inarrivabile" del pensiero e della conoscenza occidentale: San Tommaso d'Aquino, Sant'Agostino, San Paolo, senza considerare le centinaia di migliaia di uomini di scienza, medicina, filosofia "convertiti" a ciò che va oltre la sapienza e conoscenza umana! onde per cui, chi si rifà a questi maestri (Freud) è come la rana nel pantano, che non può comprendere l'immensità del cielo!
dopotutto qual'è il piu inarrivabile discorso a cui nessuna mente umana è potuta arrivare, ne poetica, ne filosofica o teologica di nessuna epoca, se non quello di Gesù sulla montagna, il cosidetto discorso delle beatitudini?
perchè è vero che sono beati i buoni, i puri di cuore, i miti e fin qui chi non può essere d'accordo! ma poi c'è la rivalsa e la gloria per il povero, l'emarginato dal mondo, dal pensiero e la "sapienza" umana, quello sfruttato e angariato per causa della giustizia "ingiusta" dell'uomo; "Beati voi che ora piangete, perchè grande sarà la vostra gioia nei cieli", chi ha fame e sete della giustizia che manca nella sapienza umana!
ecco allora la piu grande delle guarigioni, quella della speranza per il piu derelitto degli esseri! Sì, con Dio proprio lui avrà maggior gloria, per cui eccola la Giustizia, tutto è capovolto; l'uomo stolto , il ricco che denigrava il povero, che lo ripudiava, che ne aveva indifferenza adesso è l'ultimo, fuori dal Regno nel mentre il povero e sudicio ora è pieno di gloria e risplende con i santi!
l'oppio dunque non è forse di chi confida nell'uomo?
joannes is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it