Home Page Riflessioni.it
Enciclopedia

Enciclopedia   Indice

 

Isabella di Soragna


Biografia di Isabella di Soragna

Isabella di Soragna nasce in Italia durante l’ultima guerra mondiale. La sua vita è stata solo un unico richiamo verso il centro di se stessa: alcune intuizioni infantili l’avevano avvertita che il mondo in cui era apparsa non era qualcosa di coerente e stabile come volevano farle credere. Dopo aver lungamente viaggiato negli anni ’80 dal Bhutan e Sikkim, all’India, dalla Cina alla Patagonia, in cerca di chi potesse chiarirle dal punto di vista, religioso, scientifico, artistico, il senso della vita, di ritorno in Europa dopo un sogno rivelatore, si è fermata ed ha cominciato a domandarsi “Chi, che cosa sono io veramente?” “Che cos’è questo ‘Io’, di che cosa è fatto”?

Isabella di Soragna iIn seguito ha cercato le similitudini tra le varie scienze moderne, dalla fisica quantica, alle neuro-scienze, dall’astrologia transpersonale, che ha praticato per decenni, alle mistiche di oriente ed occidente, dallo sciamanesimo di varie culture (non quello della moda new-age), alla medicina cinese, sempre per trovare il nucleo che immancabilmente le riuniva tutte, in un unico centro. L’esterno e l’interno erano solo riflessi l’uno dell’altro ed il tempo era solo una convenzione mentale che faceva parte del vecchio sistema, legato al pensiero lineare. Invece queste forme di conoscenza moderna avanzata, ma anche, paradossalmente, quelle di antiche tradizioni e di mistiche - che arrivavano alle stesse conclusioni con vocabolari diversi - non erano basate né sulla causalità né sulla linearità dello spazio-tempo, ma su un modello olografico, in cui un elemento infimo contiene tutta l’immagine. Ecco svanire la notoria separazione fra religione e scienza! La coscienza era un pensiero risultante dall’interferenza di neuroni, un ologramma che osservava se stesso pur nelle forme più varie. La manifestazione nell’apparente spazio-tempo era l’inizio del nostro sogno ad occhi aperti.

Ha scoperto quindi che è l”Io sono”, o l’autocoscienza, il primo concetto, il pennello che dipinge con i colori dell’arcobaleno ciò che in realtà è luce pura ed indistinta. Un pittore estroso e distratto che crea e cancella le sue opere, per sparire lui stesso nell’implosione della Realtà ultima.
Questa essenza inconcepibile, dove ogni oggettivazione o controllo è impossibile, lascia tuttavia un’impronta di leggerezza e di spontaneità nell’azione quotidiana, qualunque sia la situazione.
Ogni biografia è quindi la storia di uno pseudonimo che appare e scompare nelle poche ore di veglia. Le parole sono solo frecce lanciate che si perdono nel cielo di Quello che è.
Ha sentito tuttavia ancora lo slancio di condividere le sue scoperte, il suo viaggio a ritroso - questa calamita che ci attira in sé stessi, non una méta da conquistare - sotto varie forme di espressione, con chi fosse veramente interessato. Non si tratta tuttavia di leggerlo per “saperlo”, per conservarlo su un polveroso scaffale, ma di sentirlo risuonare in sé e di esprimerlo nel quotidiano.
Ha scritto racconti, poesie, articoli, saggi in francese ed in italiano, ha tradotto alcuni libri, tutti orientati verso questo comune traguardo che è solo l’origine.


Bibliografia di Isabella di Soragna


Il libro del risveglio - Artegrafica Silva - 2004
I non guru del non culto del non metodo - Jubal - 2005
La tragicommedia del figlio di una donna sterile - Jubal 2006
La ruota magica - Artegrafica Silva - 2008 - nuova edizione

In francese:
Journal d’une naissance et Eclairs de présence (ed. Arcam)
Y-a-t-il une médecine?


Articoli, testi e traduzioni di Isabella di Soragna su Riflessioni.it


Prima della vita: la memoria di Ida Rabinovitch
Il bene e il male esistono forse?

La mosca cocchiera o l'Io immaginato - che crede di regnare
Se l'universo intero, noi compresi, fosse solo un ologramma?
Il desiderio di libertà
Un ologramma può “conoscere” la luce del laser?
Crediamo nella concretezza di un mondo onirico
Il tuffo nel non-so-che-non-so
Ipnosi collettiva e personale
Wu Wei
(Forse) non siamo mai nati
L'Io inventato
La Misura
Dal vuoto iniziale, inconcepibile e insondabile
Prima della coscienza
Note sulla Realizzazione
Riflessioni a mezza voce che si spengono nel silenzio senza confini
Pensiero, memoria, spazio-tempo …miraggi?
Elettricità e coscienza
Il tempo, una dimensione della coscienza o della realtà attuale? di Kurt Dressler
Tempo/Eternità - Spazio/Infinito
Non sapere di essere è la mia vera carta d'identità
Il paradiso terrestre ed il peccato originale
Advaita e illuminazione: realtà o moda new age?
Advaita e terapie alternative
Similitudini di vedute tra fisici e mistici
Il libro del risveglio
I non guru del non culto del non metodo
Liberazione
Non-dualità di Jerry Katz
Ipnosi e meditazione di Bernard Klein
Sbloccare una disfunzione nella coscienza
La persona è il passato - dialogo con Alexander Smit
L'Illuminazione ed errori simili - Il libro di Karl Renz
Chi pensa? Stephen Leighton
Similitudini di vedute tra fisici e mistici
Medicina olistica
Astrologia transpersonale
L’Incontro. Tratto dal primo capitolo del libro di Maesh Bhatt dal titolo U.G. Krishnamurti - A Life.
Una psichiatria spirituale articoli di Jean Marc Mantel
Ho'oponopono autentico. Il processo di guarigione hawaiano

 

Sito personale: www.isabelladisoragna.com

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - copyright©2000-2021

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT - Dove il Web Riflette! - Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo