Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 18-05-2003, 13.11.03   #11
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: Re: Re: a sofista

Citazione:
Messaggio originale inviato da osho
Ho fatto degli esperimenti sui loro corpi.
Quelli che sembrano essere infelici sono gli animali domestici, perchè hanno impararato a vivere con l'uomo.
Non è che non conoscano l'infelicità, che è causata dal vagare
della mente nel passato e nel futuro, non sono consapevoli di un
destino da compiere, vivono attimo per attimo, se provano dolore
non ne fanno un dramma. Poi se tu ti identifichi con gli animali è
un 'altro discorso...

Cosaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Hai fatto degli esperimenti sui loro corpi????????????
Vivisezione forse? o COSA?????

Ma hai fatto degli esperimenti NEI loro corpi?

1) Ti ho già detto una volta che non devi assolutamente permetterti di dire delle cose su di me dato che non mi conosci affatto e non sai nel modo più assoluto quale sia la mia esperienza. E con questo chiudiamo il discorso, che mi pare che tu faccia con tutti "se poi tu ti identifichi in questo o in quello...."
Ti consiglio caldamente di concentrarti attentamente su quello con cui TU ti identifichi.

2) Per quanto riguarda gli animali, mi pare che tu li stia antropomorfizzando. Il fatto che gli animali che vivono in una condizione ideale non conoscano la nevrosi NON SIGNIFICA CHE ESSI NON CONOSCANO LA SOFFERENZA!! Semplicemente noi non siamo capaci ci immaginare il loro modo di sentire. Certo, fino a che ci vediamo come centro del mondo, fino a che ci pensiamo come esseri su un gradino più alto, allora riterremo che tutti coloro che non sentano come noi non sentono affatto. Con questo genere di idee l'uomo occidentale ha distrutto mezzo mondo!
Poi mi dici che gli animali che vivono a contatto con l'uomo, quelli soffrono? Ma certo, soffrono di più e potrei anche spiegarti perchè. Ma se non fossero in grado di entrare in questa sofferenza, non ci entrerebbero nemmeno gli animali in cattività.

Ultima modifica di Fragola : 18-05-2003 alle ore 13.14.04.
Fragola is offline  
Vecchio 18-05-2003, 14.47.44   #12
Gloria
Ospite
 
Data registrazione: 17-05-2003
Messaggi: 4
Dio

Dire che Dio non esiste o se esiste,non può esistere fuori dallo spazio e dal tempo.perché si potrebbe pensare che esistano tutte le idee possibili fuori dallo spazio e dal tempo,mi sembra come affernare qualcosa che invece si vuole negare...una contraddizione di termini e anche di concetti.Perché non posso pensare che fuori dallo spazio e dal tempo esistano tutte le iddee possibili?Appunto per questo Dio esiste fuori dallo spazio e dal tempo.Sofista,più che una prova dell'impossibilità dell'esistenza di Dio hai dato una prova della possibilità dell'esistenza di Dio!
Gloria is offline  
Vecchio 18-05-2003, 17.52.33   #13
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
A Fragola

Perdonatemi Altezza, non intendevo offenderVi, non mi permette-
rei mai. Ma leggete quello che scrivo?
Io non antropomorfizzo gli animali, perchè sono più importanti di
me, e mi vergogno come essere umano di chiudere in gabbia,
mettere il guinzaglio, farne pellicce, andare allo zoo.
Mi fa schifo il circo che prende degli animali con una dignità assoluta (tigri, leoni, ecc...) togliendogli la libertà, per far divertire
noi, e poi di che cosa? E che dire delle corride? Lasciamo perdere.
Sono a favore degli spettacoli dell'antica Roma, in cui si combatte-
vano belve contro gladiatori.
Ma ho divagato alla grande...
osho is offline  
Vecchio 18-05-2003, 21.21.23   #14
rebecca
Ospite
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 3
Wink caro sofista, non sono idee mie...

non è una cosa che è dettata dalle mie indagini filosofiche, me è un principio su cui si sono basati tutti i filosofi, comunque se lo ritieni necessario, voglio porti una domanda che mi è appena venuta in mente, se ritenessi che D. abbia presenza nella nostra dimensione, non trovi che allora sarebbe un D. panteista?

ciao
rebecca
rebecca is offline  
Vecchio 18-05-2003, 23.20.32   #15
Sofista
Ospite abituale
 
L'avatar di Sofista
 
Data registrazione: 14-05-2003
Messaggi: 64
X Gloria
Gloria non mi sono contraddetto. ho semplicemente ricondotto il tutto al mio ragionamento iniziale.
Vedi l'affermare che fuori dallo spazio e dal tempo esistano tutte le idee possibili non è possibile a causa dell'annullamento degli opposti infiniti! Come d'altronde ho spiegato nel mio ragionamento.
Hai capito cosa intendevo dire? In effetti non sono stato chiaro nel rispondere

X Rebecca
Si ho capito cosa intendi dire ma non avrebbe senso per me.
Dire "io credo in un Dio panteista" sarebbe equivalente ad affermare "io credo nella realtà che mi circonda"
Se la mettiamo su questo piano si...
Solo che non chiamo la realtà che mi circonda Dio perchè la parola Dio include in sè l'idea di volontà. Non credo che la realtà abbia in sè una volontà intrinseca. No?

X Fragola
La matematica non è affato una convenzione. La matematica è l'astrazione delle regole vigenti nella realtà. I criteri fissati dalla matematica nella nostra realtà sono sempre validi...
Ah comunque oggi mi sento gentile e quindi permettimi di difenderti da Osho...

X Osho
Io sono un relativista convinto ma su certe cose non bisogna andare oltre. Segui questo ragionamento.
La giustizia è il rispetto di un insieme di leggi stabilite affinchè in una società sia garantita la pacifica convivenza. Ciò è possibile solo se nessuno arreca danno all'altro.
C'è un perchè ovviamente. Nessuno di noi vuole subire il male e dunque per convenzione bisogna stabilire che nessuno faccia del male all'altro.
Nessuno mi può contraddire su questo perchè contraddirmi significherebbe desiderare per sè il male e dunque essere il più sciocco tra gli uomini.
Cosa ci differnzia dagli animali? Le capacità ovviamente.
Osho tu vorresti che altri ti facessero del male? No, spero.
Dimmi tu uccideresti una persona che ha gravi problemi mentali?
Secondo ciò che hai affermato non c'è differenza tra un cane e un disabile in quanto potrebbero avere la stesse capacità.
Da persona coerente risponderai Si.
Si tu uccideresti un disabile. Vuoi contraddirmi? Se si ammetti di non essere una persona coerente.
Bene le capacità umane sono strettamente collegate al nostro cervello. Cosa accadrebbe dunque se tu subissi un incidente al cervello?
Perderesti le capacità che ti differenziano da un cane e secondo il tuo ragionamento è giusto che gli altri ti uccidano.
Tu quindi desideri la tua morte. O no?

PS Fragola hai visto come ci si difende?

Osho non te la prendere. Non sono d'accordo con te e sto cercando di farti capire che secondo me hai torto.
Sofista is offline  
Vecchio 19-05-2003, 02.24.44   #16
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
A sofista

Io sono incoerenza allo stato puro. Desidero il mio male. La
giustizia è necessaria quando è già dilagata la corruzione, altri-
menti non ci sarebbe bisogno. C'è giustizia al mondo? Se uno non
vuole il male, non lo faccia, non c'è bisogno che degli enti lo faccia-
no per me. E poi si sa che anche gli innocenti ci vanno di mezzo.
C'è giustizia?
Le capacità non ci differenziano dagli animali, perchè altrimenti
perderemmo, ogni animale ha la sua, molte volte meglio dell'uomo. La differenza sta nella consapevolezza.
Per quanto riguarda i disabili, ti rispondo con una domanda: cosa
succede se restassero in vita gli animali con problemi? Non si
estinguerebbero? E' giusto lasciare nascere persone che non pos-
sono vivere nel pieno delle proprie potenzialità? Ha noi dispiace,
certo, poverini...
Fare del male a qualcuno, è peggio per noi più che per i colpiti.
Se subissi danni al cervello spero che mi uccidano, piuttosto
che restare un vegetale.
Non diciamo cose banali...se sei un relativista vorresti convincermi
che la tua opinione RELATIVA sia giusta?
Magari...
osho is offline  
Vecchio 19-05-2003, 11.05.36   #17
Sofista
Ospite abituale
 
L'avatar di Sofista
 
Data registrazione: 14-05-2003
Messaggi: 64
La verità è relativa ma gli uomini sono costretti a fissare delle convenzioni. E poi la verità non è completamente relativa. La logica è un criterio che ci permette di stabilire se una cosa è vero o no. Il punto che la logica non ci serve più quando può dimostrare due cose opposte.
In questi casi (praticamente sempre) la verità è relativa.
Non più relativa se costruiamo ragionamenti su affermazioni ovvie. Ti sei opposto alla mia dimostrazione dicendo che vuoi il male cioè negando un'affermazione ovvia. Non che non sia consentito farlo ma a questo punto però ti rendi conto delle conseguenze che ha la tua affermazione?
Ti ho spiegato che la giustizia è una convenzione ma ha un perchè. Se tu neghi questo perchè per te la giustizia non esiste.
Bene...
La giustizia per te è l'utile del più forte come sostiene Trasimaco di Calcedone... uno dei tanti sofisti greci. Sai che fine ha fatto Trasimaco? Si è suicidato impiccandosi.

Perchè non sei più moderato?
Perchè volere il male per sè poi?
Spiegami il perchè...

Ultima modifica di Sofista : 19-05-2003 alle ore 11.10.10.
Sofista is offline  
Vecchio 19-05-2003, 12.39.24   #18
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Ma se dio non esiste..ollaora perchè ne parlate?...dai avanti, datemi una motivazione... io ho detto milioni di volte che epr me dio è la vita nella sua essenza...ma a quanto pare, non ci crediamo, ma ci facciamo, comunque, un sacco di seghe mentali...

strano no? ragionare su qualcosa che, tanto... non esiste.....
deirdre is offline  
Vecchio 19-05-2003, 13.53.27   #19
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
si parla di Dio...

Io sono d'accordo con Sofista...Dio secondo me non esiste...o meglio non ho nessun tipo di prova, sentore, fede, che mi dia la speranza di credere nella sua esistenza.

Se ne parla tanto perchè per secoli è sempre esistita la religione, sotto forma di dei diversi, ma è sempre esistita. A mio parere proprio il fatto che si creda in così tante divinità, nel mondo, è segno che l'uomo ha bisogno di una speranza a cui aggrapparsi per non cadere nell'incertezza, per non avere la paura costante che la vita si riduca all'esistenza fine a se stessa.
Io non dico di essere atea, semplicemente che la religione, soprattutto quella cattolica, non mi convince.
Preferisco allora una filosofia tipo quella buddista che è alla base di un'esistenza in pace con se stessi e col mondo, piuttosto che una religione in cui esiste un Dio che giudica e che, alla resa dei conti, ti fa pagare gli errori!!!

O no??
rain is offline  
Vecchio 19-05-2003, 22.18.12   #20
Sofista
Ospite abituale
 
L'avatar di Sofista
 
Data registrazione: 14-05-2003
Messaggi: 64
Beh rain tutto sommato se Dio esiste o non esiste non ha alcuna importanza.
La cosa veramente importante è vivere giustamente in modo di non avere nulla da temere in caso di "giudizio universale"
Deirdre... anch'io credo alla vita... ma non credo nell'essere perfetto creatore di tutto....
Sofista is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it