Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 11-02-2007, 01.40.03   #131
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

Corna


Pensavo di ringraziare tutti, non immaginavo tanto interesse ai miei interventi!, e rispondere singolarmente ad ognuno che ha voluto citarmi, anche se la cosa si mostrava lunga; ma l’ottimo intervento di DomenicoMaria penso abbia reso superflua ogni mia ulteriore precisazione.

Mi soffermerò solo su un dettaglio, che sembra abbia toccato più di una suscettibilità, non per spiegare qualcosa (non ne sarei all’altezza!) ma per proporre una riflessione personale.

Mi riferisco alla fedeltà, al tradimento, alle “corna”.

Davvero ognuno di noi si è messo di fronte allo specchio della propria anima e si è chiesto:
«ma che cos’è questa cosa?...». Perché se ne parla fin troppo, ma forse con troppa rabbia preconcetta e poco ragionarci su.

Primo punto: Ma è una cosa oggettiva, o soggettiva?... e come la si stabilisce?... etica sociale, etica personale di ognuno, o la mia etica applicata a tutti gli altri?
Nota: parlo di etica in generale e non di “buon senso” e “comune senso del pudore” che pure c’entrano, ma sono restrittivi. E schivo anche il termine “egoismo” difficilissimo da definire.

Secondo punto: Ma qual è la materia del contendere?...
Che cosa è vero “tradimento”… e cosa “colpa veniale”?

Infinite preoccupazioni e rimorsi ci hanno provocato da fanciulli le pesanti parole che ci ripetevano al catechismo:
“ogni volta che guarderai una donna con concupiscenza avrai già commesso adulterio con lei”.

Per noi pargoli frustrati di una società bigotta era cioè peccato mortale ogni volta che vedevamo una donna!... chiunque essa fosse e dovunque la vedessimo!... e forse per le femminucce doveva essere ancora peggio!

Ma a ben vedere non mi pare che in fondo le cose siano cambiate molto, nella sostanza, in questa epoca evoluta, irriverente e scanzonata di oggi! le idee confuse confuse rimangono ed i tabù identici: gossip per tutti e pornografie sui telefonini nonostante.

Certo andare a letto con la sorella della moglie tradimento lo è senz’altro!...
[e naturalmente in modo perfettamente speculare col fratello del marito! – per chi ha bisogno di precisazioni per sentirsi rassicurato (ndA)] anche se magari l’ “atto” non è completo, ed anche se non è proprio il letto ma il divano del soggiorno!...
Ma se non ci siamo andati solo perché non siamo riusciti a trovare il momento propizio?...
E se non ci siamo andati perché lei/lui si è rifiutata/o?...
O se non abbiamo avuto il coraggio di dichiarare la nostra passione?...
E se invece della sorella della moglie era la domestica?...
o l’inarrivabile vicina?...
o l’ancor più inarrivabile procace attricetta del giornaletto patinato?...

Nel “confiteor” ci accusiamo e chiediamo perdono per aver peccato “In pensieri, parole, opere ed omissioni…” ed il peccato, lo sappiamo bene, altro non è che tradimento.

E se l’oggetto del desiderio che allontana dalla moglie, o dal marito fosse il tavolo da poker o quello di ramino in alternativa al sesso?
E se si cerca l’esigenza di evasione con l’andare allo stadio o a fare shopping con le amiche?...

O una telefonata?... o la visita alla chiromante?... o la bottiglia di liquore?

Suvvia!... non esageriamo!... mica si può vivere nell’incubo dell’infedeltà!...

Vero. Ma il confine fra lecito e l’illecito, dov’è?... chi lo stabilisce?... e perché?

In altro intervento di questa discussione sintetizzai già il mio pensiero in proposito.
Dicevo qui il 29 gennaio in “Sesso Matrimoniale”:

«Se l’autoerotismo solitario del vostro partner è un suo peccato veniale, le corna che vi mette sono un “vostro” peccato grave».

Lo ripropongo tal quale qui, perché alla luce di quanto esposto da DomenicoMaria può essere assai più comprensibile!.

L’amore matrimoniale non si misura in numero di eiaculazioni e coiti da urlo, e nemmeno da pellicce donate e traguardi raggiunti, ma dai valori essenziali condivisi, da reciproche solidarietà, da comprensioni dell’altro, da perdoni più che da applausi, da accettazioni più che da rivalse…
da lotte e difficoltà affrontate insieme nell’abbandono più totale alla fiducia dell’amore.

Ormai dovrebbe essere chiaro: Il mio matrimonio si regge su “quanto” io riesco ad aiutare l’altro, non su “quanto” mi aspetto di ricevere!

Cordialità a tutti!

Rudello 9 febbraio 2007 parole 674 FR “Sesso e matrimonio”
Lucio Musto is offline  
Vecchio 11-02-2007, 10.46.52   #132
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Ci vuole coraggio...

Citazione:
Originalmente inviato da DomenicoMaria
Solo provando la "solitudine" dell'essere davanti all'infinito e reclamando la compagnia di quel qualcosa di supremo saremo spinti a non restare soli e a cercare la compagnia e ad amare chi ci è vicino (nota bene: questo è proprio quello che non accade oggi!) e condividendo con lui/lei questa esperienza ci accorgeremo inevitabilmente del posto di preminenza che occuperà questo "amore" reciproco e quanto sia più grande ed attraente in luogo della mera materialità di quel sesso dal valore occasionale.
Solo così la passione sessuale contribuirà a giustificare ulteriormente l'unione reciproca e solo così si godrà del corpo e dell'anima della persona vicina, fino in fondo, con grande gratifica personale.



certamente.. questo è il punto fondamentale della Ricerca.
trovarsi Soli.. nudi.. con lo sguardo rivolto al Nulla..
dopo aver tolto tutti gli inutili fardelli ed orpelli che Ci separano dalla percezione stessa di quel Qualcosa di Supremo..
già.. e la cosa non è delle più semplici e veloci da ottenere..
è importante seguire, attraversare con tutti i mezzi quell'anelito sconosciuto.. saperlo riconoscere attraverso le nostre più sottili insoddisfazioni..
tastare tutti i terreni, praticare sentieri, meditare, autosservarsi.. insomma un lavoro che dovrebbe impegnare ogni nostra risorsa e Fiducia...
partendo dal proprio corpo.. dal valore che diamo all'amore, questo sconosciuto...

atisha is offline  
Vecchio 12-02-2007, 11.47.15   #133
petalo
Ospite
 
Data registrazione: 23-01-2007
Messaggi: 26
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

Premesso che non ho letto nessuna risposta al riferimento (mi propongo di farlo in seguito), ritengo che il sesso non risolve proprio nessun problema anzi in alcuni casi potrebbe essere anche causa di problematiche all'interno di una coppia. Magari una buona intesa sessuale servisse a risolvere tutto e dare la felicità! Favole, solo favole la realtà è ben altra. Il sesso è solo una piccola componente in una coppia che insieme a tante altre contribuisce a rendere fattibile la continuità di un rapporto. Sono stata molto sintentica perchè su questo argomento c'è troppo da scrivere come vedo che state facendo anche voi....

Ciao a tutti
petalo is offline  
Vecchio 12-02-2007, 14.14.15   #134
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

Citazione:
Originalmente inviato da petalo
Premesso che non ho letto nessuna risposta al riferimento (mi propongo di farlo in seguito), ritengo che il sesso non risolve proprio nessun problema anzi in alcuni casi potrebbe essere anche causa di problematiche all'interno di una coppia. Magari una buona intesa sessuale servisse a risolvere tutto e dare la felicità! Favole, solo favole la realtà è ben altra. Il sesso è solo una piccola componente in una coppia che insieme a tante altre contribuisce a rendere fattibile la continuità di un rapporto. Sono stata molto sintentica perchè su questo argomento c'è troppo da scrivere come vedo che state facendo anche voi....

Ciao a tutti

Si, molto da scrivere, molto da leggere, molto da imparare, molto da perfezionare...

"Ma come?... - mi si potrebbe obiettare - anche per te tutti questi dubbi?... dopo quaranta e passa anni e non più la freschezza di una volta?..."

Già!... anch'io! forse sopratutto io, che cominciando a capirci qualcosa... riesco a rendermi conto che c'è tutto da scoprire, ancora!...

Forza ragazzi!!! dateci dentro!

Il matrimonio, fatto bene. è "la" vostra vita!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 12-02-2007, 15.37.44   #135
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

Dalle vostre letture emerge in tutta la sua “naturale” drammaticità come il matrimonio sia il perfetto suggello al nostro egoismo e alla nostra brama di possesso dei sentimenti altrui.
E’ l’unione che nasce dal bisogno di convalidare ed ingabbiare l’altrui persona quand’anche le esigenze corporee, affettive, sentimentali tra i due fossero altamente diverse…
...eppoi si dice “ti amo”…
...ti amo forse perché sacrifichi il tuo corpo e la tua mente in funzione del mio corpo e della mia mente? Quale profonda perversa autostima ne trae quest’animale nel possedere ed annullare parte del suo simile?
Se nelle società passate la “fulminante” gelosia femminile (molto più devastante di quella maschile) poteva avere un senso conservativo familiare, ora, quale scellerato e diabolico sistema psicologico mantiene più viva che mai la brama di un’esclusività sentimentale?

Tutto ciò mi risulta di difficile comprensione!

maxim is offline  
Vecchio 12-02-2007, 17.43.56   #136
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
creare un centro coscienziale

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Tutto ciò mi risulta di difficile comprensione!


e se iniziassimo ad essere anzichè continuare a tentar di "comprendere" il tal fenomeno con la mente?
felici pure di accettare la disfatta data dall'incomprensione?
felici anche di comprendere che l'universo stesso se ne fa a meno della nostra comprensibile incomprensione?
felici di aver concluso la maldestra parabola del farsi capire tramite l'inutile parlare.. chiedere.. concepire?




atisha is offline  
Vecchio 12-02-2007, 19.23.36   #137
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
...

Tutto ciò mi risulta di difficile comprensione!


Vedo...

Ma forse perché le lapidarie conclusioni cui sei giunto sono "esattamente quelle" cui saresti giunto qualunque fosse stato l'andamento della discussione?

Infatti a me, e stupido non me lo ha detto ancora nessuno, sembra che cercando di comprendere, le conclusioni sarebbero alquanto diverse!

Ma forse, con l'età, anche il raziocinio mi viene meno!

Molte grazie comunque di aver aperto questo interessante argomento di riflessione!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 12-02-2007, 20.55.52   #138
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

Citazione:
Originalmente inviato da Rudello
Vedo...

Ma forse perché le lapidarie conclusioni cui sei giunto sono "esattamente quelle" cui saresti giunto qualunque fosse stato l'andamento della discussione?


Ovvio...

Quando devo dire qualcosa parto sempre da lontano...

...e scontato era l'orientamento "cornifico" della discussione...come scontata sarebbe stata l'insofferenza che sarebbe trapelata nel descrivere il matrimonio come "rassegnazione"...come scontata era la desolante condizione sessuale che vi è in esso...

maxim is offline  
Vecchio 12-02-2007, 23.51.23   #139
DomenicoMaria
Ospite
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 10
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

da Atisha:

...e se iniziassimo ad essere anzichè continuare a tentar di "comprendere"...

Bene! Atisha, hai toccato il punto... di partenza!
Troppe cose non vanno, oggi, per il semplice fatto che... non vanno! Cioé, non "partono". Tutti ragionano, tutti vogliono comprendere, tutti aspettano chissà cosa, magari che qualcuno apra la pista...
Oltre che il cervello per pensare, abbiamo anche le mani per fare.
Fare cosa? Esattamente quello che ci aspettiamo facciano gli altri, perché quegli altri stanno aspettando la medesima cosa da noi!
E facciamolo, perbacco! Innanzitutto, come tu dici, noi "siamo": la meraviglia della nostra esistenza è proprio nell'essere e nella condivisione delle potenzialità del mondo. "Cogito, ergo sunt?" Non basta.
...e non basta nemmeno "Coito, ergo sunt", caro Maxim; se lo si pensa solo, poi, non basta davvero!

Mia moglie, ad es., ha distrutto la mia Prolegomeni con poche parole nelle quali non trovo alcun torto: "Anziché scrivere le Prolegomeni, la notte, perché non vai a dormire con tua moglie?"
A chi ha orecchi per intedere, intenda...

Saluti a tutti.
DomenicoMaria is offline  
Vecchio 12-02-2007, 23.55.14   #140
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: L’atto sessuale come costituente del matrimonio

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Ovvio...

Quando devo dire qualcosa parto sempre da lontano...

...e scontato era l'orientamento "cornifico" della discussione...come scontata sarebbe stata l'insofferenza che sarebbe trapelata nel descrivere il matrimonio come "rassegnazione"...come scontata era la desolante condizione sessuale che vi è in esso...



Scusami allora. Pensavo si trattasse di una discussione, non di una tua un'omelia!

Mi sarei limitato ad annuire compiaciuto alla fine, o applaudire di tanto in tanto come si usa nei comizi.

Comunque grazie di nuovo. E' stata interessante lo stesso.

Lucio Musto is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it