Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > LettereOnLine
 LettereOnLine - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica


Vecchio 07-02-2007, 23.46.45   #61
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: La Morte Non è Niente

Torino, 07/02/07

Ciao Bruno, vorrei chiarire solo un piccolo, grande particolare. Quello che io sento dentro di me e scrivo non deve assolutamente farmi passare per un santerello che non sono. Io, come te e tanti altri, sono nulla di più che un peccatore ravvedutosi per questo stato di essere, e che fa il possibile nel camminare secondo quello in cui dice di credere. Noi tutti, per chi vuole crederci, non avremmo facoltà alcuna onde ottenere salvezza; non né saremmo capaci. Detto questo, sinceramente mi spiace per tutti coloro che ostinatamente continuano nel loro cammino, lontani dal voler accettare per fede la salvezza che Iddio offre gratuitamente per mezzo di Gesu’. Quello che tu affermi è vero, “Religioni”... un vero guazzabuglio! Ma cosa centrano però, le religioni con la creazione venuta dal nulla? Che le religioni allontanino l’uomo da Dio è scontato, a riguardo ti invito a leggere il mio post in data odierna (GESU’, CHE COSA è PER NOI)?
In questo post esprimo chiaramente il mio pensiero a tal riguardo. Aggiungo solo che le religioni come tu giustamente affermi, non vengono da Dio ma dall’uomo; e cosa centrano esse con la nostra salvezza? Non le religioni, ma il sangue di Gesù versato sulla croce ci purifica da ogni peccato. Non le religioni, ma l’abbandono totale del nostro “IO” nelle mani di Dio ci darà vita eterna. Non i nostri sforzi o le nostre opere, ma il ravvedimento e la fede in Dio. Ciao amico Bruno, che il Signore sia con te.

PS. Come è vero che esiste Dio, è altresì vera l’esistenza di satana, il diavolo. Quest’ultimo ci sguazza e gode da matto nel veder crescere i novecento milioni e più allontanarsi dall’Iddio Creatore, ma verrà il momento, solo Dio sa quando, che tutto avrà fine; saremo pronti?

Apocalisse 21:1 Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il primo cielo e la prima terra erano passati, e il mare non c'era più.
Apocalisse 21:2 E io, Giovanni, vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, che scendeva dal cielo da presso Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo.
Apocalisse 21:3 E udii una gran voce dal cielo, che diceva: «Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini! Ed egli abiterà con loro; e essi saranno suo popolo e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio.
Apocalisse 21:4 E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate».
Apocalisse 21:5 Allora colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio tutte le cose nuove». Poi mi disse: «Scrivi, perché queste parole sono veraci e fedeli».
Apocalisse 21:6 E mi disse ancora: «È fatto! Io sono l'Alfa e l'Omega, il principio e la fine; a chi ha sete io darò in dono della fonte dell'acqua della vita.
Apocalisse 21:7 Chi vince erediterà tutte le cose, e io sarò per lui Dio ed egli sarà per me figlio.
Apocalisse 21:8 Ma per i codardi, gl'increduli, gl'immondi, gli omicidi, i fornicatori, i maghi, gli idolatri e tutti i bugiardi, la loro parte sarà nello stagno che arde con fuoco e zolfo, che è la morte seconda».


Questa è la fine di satana con tutti i suoi angeli, e purtroppo anche di quelli che oggi, rifiutano per loro scelta, una così grande salvezza. “era d’obbligo”……….
Lucio P. is offline  
Vecchio 08-02-2007, 23.54.07   #62
bsavino
Iscritto seminuovo
 
L'avatar di bsavino
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 13
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da Lucio P.
Torino, 07/02/07

Ciao Bruno, vorrei chiarire solo un piccolo, grande particolare. ......
.........
.........

PS. Come è vero che esiste Dio, è altresì vera l’esistenza di satana, il diavolo. Quest’ultimo ci sguazza e gode da matto nel veder crescere i novecento milioni e più allontanarsi dall’Iddio Creatore, ma verrà il momento, solo Dio sa quando, che tutto avrà fine; saremo pronti?
.........
.........
Apocalisse 21:8 Ma per i codardi, gl'increduli, gl'immondi, gli omicidi, i fornicatori, i maghi, gli idolatri e tutti i bugiardi, la loro parte sarà nello stagno che arde con fuoco e zolfo, che è la morte seconda».

Questa è la fine di satana con tutti i suoi angeli, e purtroppo anche di quelli che oggi, rifiutano per loro scelta, una così grande salvezza. “era d’obbligo”……….

Caro Lucio, potrei continuare a sostenere che leggo con grande attenzione e rispetto quello che scrivi, ma sarebbe una grande finzione dovuta solo all'ossequio verso questo forum che ci ospita ed alle sue regole.

In effetti la distanza tra i nostri modi di pensare è così grande che mi lascia attonito.

Mi viene difficile credere che ci siano persone che sinceramente impostino la loro Fede in base alla lettura letterale dei Vangeli e delle Sacre Scritture: tutto ciò mi fa venire in mente più un'immagine di personalità, in qualche modo, "disturbata", piuttosto che "illuminata" da vera Fede e spirito Cristiano.

Ma è soltanto una mia sensazione e posso clamorosamente sbagliarmi (anche se non credo).

Ciao Lucio, senza rancore (mi auguro) ....

Saluti a tutti.

Bruno
bsavino is offline  
Vecchio 09-02-2007, 16.10.11   #63
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da bsavino
Caro Lucio, potrei continuare a sostenere che leggo con grande attenzione e rispetto quello che scrivi, ma sarebbe una grande finzione dovuta solo all'ossequio verso questo forum che ci ospita ed alle sue regole.

In effetti la distanza tra i nostri modi di pensare è così grande che mi lascia attonito.

Mi viene difficile credere che ci siano persone che sinceramente impostino la loro Fede in base alla lettura letterale dei Vangeli e delle Sacre Scritture: tutto ciò mi fa venire in mente più un'immagine di personalità, in qualche modo, "disturbata", piuttosto che "illuminata" da vera Fede e spirito Cristiano.

Ma è soltanto una mia sensazione e posso clamorosamente sbagliarmi (anche se non credo).

Ciao Lucio, senza rancore (mi auguro) ....

Saluti a tutti.

Bruno


Torino, 09/02/07
Ciao amico Bruno, “evviva la sincerità”! Rancore, perché dovrei? Ci conosciamo appena, stimo dialoganto su tematiche importanti, quello che mi sorprende in realtà è: nel tuo intervento precedente lasciavi quasi trasparire un assenso di ammirazione verso coloro che hanno fede, adesso addirittura mi dici che ho una personalità “disturbata”. Cosa dirti, fai tu che sai; ti rispondo con la Parola di Dio:

1Corinzi 1:18 Poiché la predicazione della croce è pazzia per quelli che periscono, ma per noi, che veniamo salvati, è la potenza di Dio;

1Corinzi 1:21 Poiché il mondo non ha conosciuto Dio mediante la propria sapienza, è piaciuto a Dio, nella sua sapienza, di salvare i credenti con la pazzia della predicazione.

1Corinzi 1:23 ma noi predichiamo Cristo crocifisso, che per i Giudei è scandalo, e per gli stranieri pazzia;

1Corinzi 1:25 poiché la pazzia di Dio è più saggia degli uomini e la debolezza di Dio è più forte degli uomini.


1Corinzi 2:14 Ma l'uomo naturale non riceve le cose dello Spirito di Dio, perché esse sono pazzia per lui; e non le può conoscere, perché devono essere giudicate spiritualmente.

1Corinzi 3:19 perché la sapienza di questo mondo è pazzia davanti a Dio. Infatti è scritto:
«Egli prende i sapienti nella loro astuzia»;

Fede nella Scrittura, SI! Credo fermamente in ciò che è scritto, credo saldamente che la Bibbia è Parola di Dio, facendo il possibile nel metterla in pratica. Non sempre ci riesco, faccio del mio meglio per aiutare il mio prossimo.
Illuminato? Non ho mai asserito una simile idiozia, né mai lo farei. Cerco solo, come la Bibbia insegna, di combattere il buon combattimento della fede; cercando non per mia forza, di strappare a satana il più anime possibili. Caro Bruno, sinceramente mi spiace nel constatare la tua avversità dettata da una mancanza di fede, e da quella razionalità che solo la fede può distruggere. Cosa dirti:

2Corinzi 9:6 Ora dico questo: chi semina scarsamente mieterà altresì scarsamente; e chi semina abbondantemente mieterà altresì abbondantemente.

Galati 6:8 Perché chi semina per la sua carne, mieterà corruzione dalla carne; ma chi semina per lo Spirito mieterà dallo Spirito vita eterna.

Ognuno di noi raccoglierà i frutti di ciò che ha seminato, in bene e in male. E quando saremo dinanzi al Signore cosa potremo mai dire? Ravvedetevi e credete all’Evangelo annunciava Giovanni il Battista. Non la nostra razionalità ma la nostra fede ci condurrà fra le braccia del Padre celeste. Ahimé, Il nostro “IO”, il nostro “orgoglio”.
Lucio P. is offline  
Vecchio 09-02-2007, 17.31.01   #64
Guido
Ospite abituale
 
L'avatar di Guido
 
Data registrazione: 09-02-2007
Messaggi: 96
Riferimento: La Morte Non è Niente

Sono nuovo, anzi appena nato in questo sito e questo sarebbe il mio primo vagito...
Entrato per puro caso in questo forum, ho letto con curiosità il commento allo scritto di S. Agostino. Al di là di essere in accordo o meno con quello che dice (una opinione può essere opinabile ma pur sempre valutabile in modi differenti), devo considerare che il sopravvivere alla persona amata è difficile...
Io ho avuto il padre morto in giovane età per un incidente stradale... la mamma morta tra le sofferenze per un tumore all'intestino e racchiusi in pochi anni una carissima zia, mio suocero, un'altra carissima zia ed è passato pochissimo tempo da quando anche mia suocera è morta fra le mie braccia in una fredda notte all'ospedale; sempre per tumore..
Questo per far capire che quel tipo di dolore lo conosco bene, troppo bene!
Su questi dolorosi lutti ho scritto dei commenti per poter ricordare e dare un senso ...prima di tutto a me!
Se mai qualcuno fosse interessato posso pubblicarli, ma non è questo il punto. Quello che mi ha stupito nella risposta di Savino (quella ho letto) è stato il senso del vuoto, del nulla e deve essere assai doloroso e quasi inumano quel senso...
Se posso permettermi, al di là dei miei semplici scritti che sono ovviamente carichi di emozioni e sensazioni provate, suggerirei di leggere il saggio del filosofo S.Natoli "La felicità di questa vita" che termina così:
...........
Infine si muore bene se si muore per qualcuno. La morte isola di per sé ed è perciò inevitabile l'alone di vuoto che circonda il morente. E questo accade anche se sono presenti in tanti. Eppure, chi muore morirà meglio se si accorge che vi è qualcuno che soffre per la sua perdita, se soprattutto percepisce che quelli che restano si sentono in obbligo di ringraziare - poco importa se Dio o la sorte -perché quella vita c'è stata, quell'uomo è esistito. Chi muore ha, in generale, molte cose da farsi perdonare, ma morirà bene se ha un'eredità da lasciare, e non le sue cose e neppure i suoi pensieri, ma se stesso. Perché questo accada non è affatto necessario che chi muore sia celebre, riconosciuto, basta che sia stato, magari solo per pochi, una «biografia esemplare». Un uomo muore di meno se vi è qualcuno che ne raccoglie il testimone, e non tanto nel ricordo ma reincarnandone il valore. Proprio come dice la Bibbia, di generazione in generazione.
...........
Ho ragionato sulla morte, ho parlato della vita!
Guido is offline  
Vecchio 22-02-2007, 20.26.49   #65
Guido
Ospite abituale
 
L'avatar di Guido
 
Data registrazione: 09-02-2007
Messaggi: 96
Riferimento: La Morte Non è Niente

A tutti coloro che soffrono per la perdita di una persona amata e non se ne danno pace....(come li capisco, e condivido il loro smarrimento!) vorrei dedicare questo brano che risulterà ....significativo per i credenti.

L'attribuzione di questo bellissimo brano è incerta ma parrebbe che prevalga, almeno per lo stile S. Agostino.
Ma credo che questo non sia importante...

"Se tu conoscessi
il mistero immenso
del cielo dove ora vivo,
questi orizzonti senza fine,
questa luce che tutto investe e penetra
non piangeresti se mi ami!
Sono ormai assorbito nell’incanto di DIO
nella sua sconfinata bellezza.
Le cose di un tempo
sono così piccole a confronto!
Mi è rimasto l'amore di te, una tenerezza dilatata
che tu neppure immagini.
Vivo in una gioia purissima.
Nelle angustie del tempo
pensa a questa casa
ove un giorno
saremo riuniti oltre la morte
dissetati alla fonte inestinguibile
della gioia e dell'amore infinito.
Non piangere
se veramente mi ami!"
Guido is offline  
Vecchio 23-02-2007, 06.45.22   #66
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da Guido
A tutti coloro che soffrono per la perdita di una persona amata e non se ne danno pace....(come li capisco, e condivido il loro smarrimento!) vorrei dedicare questo brano che risulterà ....significativo per i credenti.

L'attribuzione di questo bellissimo brano è incerta ma parrebbe che prevalga, almeno per lo stile S. Agostino.
Ma credo che questo non sia importante...

"Se tu conoscessi
il mistero immenso
del cielo dove ora vivo,
questi orizzonti senza fine,
questa luce che tutto investe e penetra
non piangeresti se mi ami!
Sono ormai assorbito nell’incanto di DIO
nella sua sconfinata bellezza.
Le cose di un tempo
sono così piccole a confronto!
Mi è rimasto l'amore di te, una tenerezza dilatata
che tu neppure immagini.
Vivo in una gioia purissima.
Nelle angustie del tempo
pensa a questa casa
ove un giorno
saremo riuniti oltre la morte
dissetati alla fonte inestinguibile
della gioia e dell'amore infinito.
Non piangere
se veramente mi ami!"



Ciao Guido e grazie per il post che hai inserito.
Molto bello e con spunti di riflessione non indifferenti, ovviamente per chi si sente di coglierne il messaggio. Aggiungerei anche questo che, penso abbia una certa attinenza.


MESSAGGIO DI TENEREZZA

Ho sognato che camminavo in riva al mare con il Signore e rivedevo sullo schermo del cielo tutti i giorni della mia vita passata.
Per ogni giorno trascorso apparivano sulla sabbia due orme:
le mie e quelle del Signore.
In alcuni tratti però, ho visto una sola orma; proprio nei giorni più difficili della mia vita.
Allora mi sono chiesto:
Signore io ho scelto di vivere con te e tu mi avevi promesso che saresti stato sempre con me.
Perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti più difficili?
E il Signore mi ha risposto:
Figlio, tu lo sai che io ti amo e mai ti abbandonerò:
I giorni nei quali c’è soltanto un’orma sulla sabbia, sono proprio quelli in cui ti ho portato in braccio.

Autore sconosciuto
Lucio P. is offline  
Vecchio 03-05-2007, 21.07.40   #67
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Riferimento: La Morte Non è Niente

Ho ricevuto questa e-mail che giro a voi:

Sono appena tornata da un funerale di una giovane signora.
Una sua amica ha letto La morte non è niente. .
Non la conoscevo. l'ho trovata di una profondità che solo S Agostino, come pochi sa trasmettere.
Ed è per questo che sono andata a ricercarla in internet, per poterla rileggere, per poterci pensare.
Ho 51 anni ed un figlio di 23 e godo di buona salute.
La morte mi ha sfiorata 17 anni fa per un tumore. La vita non è stata facile, ma quella esperienza mi ha dato una grande forza interiore: sentirsi una sopravvisuta è un dono meraviglioso.
E mio figlio, allora di appena 7 anni, mi ha dato gli strumenti per lottare e per desiderare con tutta me stessa di vederlo diventare un uomo.
Sentendo le parole di S.Agostino ho pensato alla mia morte, ed al dolore di mio figlio, dei miei cari.
Oggi sto bene e mi auguro di diventare una vecchietta con tanti capelli bianchi e...tanti nipotini...almeno uno!
Ma ho deciso di scrive un quadernino di riflessioni, e lasciarlo a mio figlio per il giorno che verrà.
E lo inizierò con le parole di S.Agostino.
Grazie per avermela fatta conoscere.

Lettera firmata
webmaster is offline  
Vecchio 04-05-2007, 09.52.21   #68
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da webmaster
Ho ricevuto questa e-mail che giro a voi:

Sono appena tornata da un funerale di una giovane signora.
Una sua amica ha letto La morte non è niente. .
Non la conoscevo. l'ho trovata di una profondità che solo S Agostino, come pochi sa trasmettere.
Ed è per questo che sono andata a ricercarla in internet, per poterla rileggere, per poterci pensare.
Ho 51 anni ed un figlio di 23 e godo di buona salute.
La morte mi ha sfiorata 17 anni fa per un tumore. La vita non è stata facile, ma quella esperienza mi ha dato una grande forza interiore: sentirsi una sopravvisuta è un dono meraviglioso.
E mio figlio, allora di appena 7 anni, mi ha dato gli strumenti per lottare e per desiderare con tutta me stessa di vederlo diventare un uomo.
Sentendo le parole di S.Agostino ho pensato alla mia morte, ed al dolore di mio figlio, dei miei cari.
Oggi sto bene e mi auguro di diventare una vecchietta con tanti capelli bianchi e...tanti nipotini...almeno uno!
Ma ho deciso di scrive un quadernino di riflessioni, e lasciarlo a mio figlio per il giorno che verrà.
E lo inizierò con le parole di S.Agostino.
Grazie per avermela fatta conoscere.

Lettera firmata

"capaci di udire e vedere i deboli segnali che Dio manda nel mondo e che in questo mondo rompono la dittatura della consuetudine." (J. R. Gesù di Nazaret: 116)
scrivo a colei che gioisce perché sogna se stessa con i capelli bianchi a veder crescere suo figlio, dopo esser stata sfiorata dalla morte a 17 anni.
Anche a me piace sant’Agostino, un filosofo che può dar lezione in queste Riflessioni, dove pullulano coloro che si giudicano saggi ed audaci perché si arrendono alla morte. Non predomina in me il giudizio, ma la serenità che Gesù mi ispira.
Con questa serenità dico che Dio ha dato anche a me un segnale forte che mi ha rotto la dittatura della consuetudine: nell’aprile del 1991 sono stato in coma da emorragia cerebrale. Cause immediate?: stress e soprappeso. Ai filosofini di cui sopra ciò basta ed avanza. Io so che non basta affatto. Lo so, ma non ho abbastanza parole per dirlo.
Anche san Paolo sulla via di Damasco fece un’esperienza così e poi scrisse: “Il regno di Dio non consiste in parole, ma in potenza”.
Ovvero, Cristo è capace di animare in potenza, di amare con potenza –e trasformare un persecutore nel suo miglior aiutante (Paolo), trasformare un letterato manicheo nel suo massimo filosofo (Agostino), trasformare un bilaureato agnostico (me) in un ricercatore delle origini delle lingue in grado di sentire i Suoi segnali diventati deboli per la resa al Nulla e alla dittatura della consuetudine.
Povero di Spirito mi dichiaro perché cerco di animare la potenza di Dio nelle parole, e non riesco come san Paolo è riuscito perchè dovrei aprirmi di più allo Spirito. Ma non mi arrendo!
Ringrazio il webmaster che ha voluto rendermi partecipe della gioia della donna che si sogna con i capelli bianchi ad amare suo figlio che cresce: questo è Amore e gioia.
Non è la libertà di dire di no allo Spirito quella che ci riempie di gioia; non è la paura della morte fisica quella che ci fa pieni di gioia piena; è riconoscere che Lui solo è la Via, la Verità e la Vita capace di lasciarsi morire per rivivere in tutti -solo che uno lo accetti-.
Rompere la dittatura della consuetudine, in questo mondo acculturato in modo leggero, è gridare forte: Io sono un Cristiano!
Carlo Forin is offline  
Vecchio 05-05-2007, 14.44.54   #69
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: La Morte Non è Niente

per senzanome, reina e lettera firmata.

Volevo scrivere dei pensieri per ognuno di voi,
ma le banalità sono sempre in agguato e quindi
desisto. Vi invio dei brevi versi, dove forse di
banalità ve ne possono essere un pò di meno.

RIASSETTO

ho ricucito gli strappi dei miei sogni
con i logori fili dei miei capelli bianchi.
Ho rincollato le pagine staccate,
nella cantina della mia coscienza
con le lacrime dense che avevo conservato.
Ho raschiato via dalle mie unghie insanguinate
la terra che ho scavato,
quando cercavo tra i rimpianti sotterrati, il più remoto
per cullarlo come un bambino appena nato.
Ho lavato e rilavato nella mia memoria
le amare verità di questa vita,
usando per sapone
la saliva scaturita da ore di parole,
come mucchi di lettere appiccicate.
Ed infine
avvolta nel cappotto dell'incomoprensione
ho gettato via su fogli bianchi e illesi
i brandelli rimasti dell'anima mia,
perché credevo ancora
che un granello d'amore
potesse sciogliere quel gelido mare...d'indifferenza.


Giancarlo
katerpillar is offline  
Vecchio 05-05-2007, 15.21.38   #70
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da katerpillar
per senzanome, reina e lettera firmata.

Volevo scrivere dei pensieri per ognuno di voi,
ma le banalità sono sempre in agguato e quindi
desisto. Vi invio dei brevi versi, dove forse di
banalità ve ne possono essere un pò di meno.

RIASSETTO

ho ricucito gli strappi dei miei sogni
con i logori fili dei miei capelli bianchi.
Ho rincollato le pagine staccate,
nella cantina della mia coscienza
con le lacrime dense che avevo conservato.
Ho raschiato via dalle mie unghie insanguinate
la terra che ho scavato,
quando cercavo tra i rimpianti sotterrati, il più remoto
per cullarlo come un bambino appena nato.
Ho lavato e rilavato nella mia memoria
le amare verità di questa vita,
usando per sapone
la saliva scaturita da ore di parole,
come mucchi di lettere appiccicate.
Ed infine
avvolta nel cappotto dell'incomoprensione
ho gettato via su fogli bianchi e illesi
i brandelli rimasti dell'anima mia,
perché credevo ancora
che un granello d'amore
potesse sciogliere quel gelido mare...d'indifferenza.


Giancarlo
Caro Giancarlo,
quel mare d'indifferenza non è glaciale ed i tuoi capelli bianchi intrecciano umanità: prova ne è che qui hai scritto. Dal mare glaciale la lettera non sarebbe partita! Questi versi non sono banali. Se sono tuoi hai ragione di scriverne altri. Se non sono tuoi e li apprezzi, hai tanti motivi per proseguire questa primavera col calore che abbiamo davanti.
Carlo Forin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it