Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > LettereOnLine
 LettereOnLine - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica


Vecchio 23-08-2006, 16.16.32   #11
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
per Reina

Leggendoti, il mio primo pensiero è stato notare quanto hai fatto per la tua mamma, quante scelte fatte per lunghi anni più per lei che per te, più per il suo bene che per il tuo.
E paradossalmente tu invece noti di più quello che non hai potuto fare (non siamo onnipotenti, ci sono dei limiti), e non tutto quello che hai fatto.

C'è il tempo del dolore, ed ognuno lo vive come può, ma le persone che abbiamo amato rimangono con noi per sempre, fanno parte di noi, c'è una continuità che non si spezza come dice S.Agostino nel brano citato.
dana is offline  
Vecchio 23-08-2006, 23.49.29   #12
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: per Reina

Non conosco ne te, ne tua madre, e della tua storia so solo questo poco che hai scritto qui, ma leggendoti mi è venuto in mente un aneddoto, che forse è una banalità ma lo scrivo ugualmente. Krishna (un Dio indiano….. un Dio bellissimo per la verità), protagonista del Mahabarata, (un poema epico grande 7/8 volte l’Iliade e l’Odissea messe assieme), dove sta dalla parte dell’esercito dei Pandava che poi sono quelli che vinceranno, alla fine della guerra è rimproverato, per non avere fatto abbastanza e lui risponde: - ho fatto quello che ho potuto con le forze che avevo

Se ci pensi bene vedrai che in quei momenti non potevi scegliere diversamente ed anche tu, come Krishna - hai fatto ciò che hai potuto con le forze che avevi

Rintraccia nella memoria i momenti belli che hai avuto con tua mamma, la dolcezza, i sorrisi, la simpatia e tienili con te e “magari” tutto si aggiusterà… te lo auguro di cuore.



P.S. La morte, per altro è una “brutta bestia”, per rivalutarla un po’, (ammesso che sia possibile), consiglio sempre di leggere il punto di vista degli orientali sulla morte che avevo collezionato in questo scritto (presente nel sito) https://www.riflessioni.it/lettereonl...onti_morte.htm e che ho visto ha avuto un discreto successo.
VanLag is offline  
Vecchio 24-08-2006, 08.57.47   #13
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: per Reina

Ho dimenticato di quotare il post al quale rispondevo che era quello di reina

VanLag is offline  
Vecchio 25-08-2006, 11.14.06   #14
dumbo
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 25-08-2006
Messaggi: 1
Riferimento: La Morte Non è Niente

ciao a tutti volevo rispondere a tutti quelli che come me hanno perso il padre o la madre ,mio padre era un un uomo che da quando e' andato in pensione girava il mondo ,nel dicembre del 2004 ha avuto dei problemi alla schiena ma niente che l'impedisse di svolgere il suo operato come volontario dell'unicef pur che i dolori fossero forti.
a gennaio decise che voleva partire ,consulto' il medico e parti' per circa un mese in tunisia percheì disse che era vicino ,be il giorno del suo rientro cioe' il lunedi mattina del 14/03/2005 mi chiamarono dal 'estero dicendo che mio padre era morto.
in quel momento non posso descrivere che cosa ho provato disperazione ,lui e' morto cosi sedendosi sul sedile dell autobus e' rimasto li .non c'e' stato nulla per riportarlo in vita.
non solo la trafilla burocratica per portarlo a casa ,in piu' non siano neanche riuscita ha vederlo perche eì arrivato dopo 8 giorni schiuso e sigilllato non ho potuto neanche abbracciarlo pero' lui e' morto come lui avrebbe voluto era in viaggio anche se il pensiero e' sempre nella tua mente e ti sembra di aver perso qualcosa di te ,bisogna farsi forza e andare avanti ieri il mio papa averbbe compiuto 69 anni un abbraccio grazie
dumbo is offline  
Vecchio 25-08-2006, 16.29.48   #15
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da reina
Sto cercando conforto ovunque, in ogni religione o filosofia e non so nemmeno io in cosa credere.

Ti amava tua madre?

Se ti amava, non avrebbe mai voluto, che tu ti sentissi in colpa.
Se non ti amava, desiderava e voleva, che tu ti sentissi in colpa.

Io non so se lei ti amava o meno, ma so che se ti amava, avrebbe condiviso le seguenti parole:

Se io muoio non piangere per me, fai quello che facevo io e continuerò vivendo in te.
(Che Guevara)

Se lei ti amava, avrebbe voluto, che tu continuassi ad amare.
Se non ti amava, avrebbe voluto, che tu andassi in depressione, e smettessi di amare.

Io non so, se tu che lo sai nel tuo cuore, qual è la Via che porta alla pace.
Fai buon viaggio.
Elijah is offline  
Vecchio 28-08-2006, 13.03.40   #16
reina
Ospite
 
Data registrazione: 22-08-2006
Messaggi: 3
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da senzanome
.
Mi fai un po' invidia (parlo seriamente) perchè il Tuo Papà ti ha insegnato qualcosa che a me è stato negato: affrontare il dolore e quindi affrontare la vita con la giusta dose di coraggio, senza tralasciare la dolcezza e l'amore.
Sei fortunata perchè questo rimarrà dentro di Te per sempre come una Sua eredità preziosa, insieme a tante altre bellissime immagini.


Io non so cosa darei per poter avere avuto una famiglia da bambina.
La morte è tantissimo. E' la fine della nostra strada conosciuta perchè, io non so cosa ci sarà dopo, sono tra quelli che semplicemente sà cosa c'è qui ora e dopo forse non c'è niente o forse si, non lo so. Probabilmente è per questo che soffro così tanto per la morte della mia mamma, perchè sò che definitivamente non potrò più parlarle, più sentire la sua voce, più ricevere una carezza dalla persona che più ho amato al mondo dal primo istante della mia vita e non ha importanza se lei mi ha amato nel modo sbagliato rendendomi dipendente da lei anzichè indipendente. Avere la fede è qualcosa di molto consolatorio per qualsiasi situazione difficile nella vita. E' un po' affidare la responsabilità di ciò che ci capita o si compie a qualcun'altro, e questo io non riesco a farlo. Fatico anche a fidarmi delle persone, ma d'altro canto, mio padre abbandonò la famiglia quando io avevo 10 anni e mia madre non ha mai superato il trauma, come potrei fidarmi quando da piccina i grandi hanno tradito la mia fiducia. La morte è la fine del film della nostra vita e può essere tragico, comico, romantico o tutto insieme, dipende dagli autori del copione (i nostri genitori) e dal registra-attore (che siamo noi) e dagli altri attori (che a loro volta hanno il loro copione con il loro registra e magari altri attori) facile che sul set si crei un gran casino. La morte di mia madre ha interrotto questo film perchè è venuto a mancare chi la storia l'ha iniziata e io non so come continuare, devo ritrovare il filo conduttore e spero di farcela.
Per ora sono persa e piango.
Un abbraccio
reina is offline  
Vecchio 20-11-2006, 11.23.00   #17
kooun
Ospite
 
L'avatar di kooun
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 4
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da senzanome
La morte non è niente?
Nota del webmaster
Dalle LettereOnLine:
La morte non è niente. Commento a Sant'Agostino di Bruno Savino

la morte non è niente? beh, secondo me ci sono due tipologie di morte: la propria e quella di una persona cara!
a mio parere la seconda è peggiore della prima, però non tutti la pensano così! qual è il dono più grande che Dio ci ha fatto? la vita, la nostra vita... dunque la perdita di una persona cara in teoria non dovrebbe essere la cosa peggiore che ci possa capitare poichè il peggio dovrebbe essere la nostra stessa morte! con un pizzico di ipocrisia potrei dire che per i vivi che perdono una persona cara la vita continua e dovrebbero sforzarsi di andare avanti senza fossilizzarsi sulla disgrazia... eppure io non la penso così! personalmente non apprezzo molto il dono della vita e sono arrivato al punto di non temere più la morte, quindi preferirei di gran lunga morire io stesso che farmi capitare una disgrazia come la morte di una persona cara... tuttavia la mia visione pessimistica non è bella, se potessi cambierei ottica... qual è la morale? non riducetevi come me e pensate che finchè vivete nessuna disgrazia potrà mai buttarvi giù
kooun is offline  
Vecchio 20-11-2006, 15.57.15   #18
crepuscolo
viandante
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 199
Smile Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da kooun
la morte non è niente? beh, secondo me ci sono due tipologie di morte: la propria e quella di una persona cara!
a mio parere la seconda è peggiore della prima, però non tutti la pensano così! qual è il dono più grande che Dio ci ha fatto? la vita, la nostra vita... dunque la perdita di una persona cara in teoria non dovrebbe essere la cosa peggiore che ci possa capitare poichè il peggio dovrebbe essere la nostra stessa morte! con un pizzico di ipocrisia potrei dire che per i vivi che perdono una persona cara la vita continua e dovrebbero sforzarsi di andare avanti senza fossilizzarsi sulla disgrazia... eppure io non la penso così! personalmente non apprezzo molto il dono della vita e sono arrivato al punto di non temere più la morte, quindi preferirei di gran lunga morire io stesso che farmi capitare una disgrazia come la morte di una persona cara... tuttavia la mia visione pessimistica non è bella, se potessi cambierei ottica... qual è la morale? non riducetevi come me e pensate che finchè vivete nessuna disgrazia potrà mai buttarvi giù

Forse la tua paura è più paura della solitudine, dell'abbandono. La morte in se non fa paura inizia nell'attimo stesso che veniamo in vita e FINISCE quando il corpo cede al disfacimento
crepuscolo is offline  
Vecchio 22-11-2006, 07.41.44   #19
kooun
Ospite
 
L'avatar di kooun
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 4
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da crepuscolo
Forse la tua paura è più paura della solitudine, dell'abbandono. La morte in se non fa paura inizia nell'attimo stesso che veniamo in vita e FINISCE quando il corpo cede al disfacimento

beh, paura di restare solo? forse si, ma non è poi così tanta visto che tecnicamente sono già solo!
"non bisogna avere paura della morte perchè quando arriva noi non ci siamo già più"... non condivido perchè la cosa brutta è morire in modo lento e doloroso!
kooun is offline  
Vecchio 27-11-2006, 02.27.06   #20
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: La Morte Non è Niente

Citazione:
Originalmente inviato da kooun
... beh, secondo me ci sono due tipologie di morte: la propria e quella di una persona cara!....

Il dolore, sempre da rispettare profondamente in tutti, fa dire cose strazianti; è giusto che sia così, ed è anche giusto che certi discorsi non si possano fare bene se non a mente serena.

In effetti ci sono più tipologie di morti... degli altri!
Quella di una persona cara, quella di un conoscente, di uno sconosciuto, di un nemico, di un animale, di una pianta, di una cosa che mangerò... di qualunque altra cosa. O sogno, o pensiero, o illusione, o speranza...

Poi, c'è la morte mia. Che è tutt'altra cosa.

Rispondevo nel febbraio scorso, su questo stesso forum ad un discorso su "Che cosa prevale nell'Universo", e provocatoriamente dicevo "Io, e di gran lunga!". Infatti per ognuno di noi l'Universo, e tutto quanto in esso contenuto di materiale o spirituale, trova giustificazione in noi stessi.

Percepiamo ciò che è attraverso noi stessi, e quindi ognuno può dire: "O con me, o niente"

Ecco perché, secondo il mio pensiero, la mia morte non è comparabile con nessun'altra. Queste impoveriscono l'Universo di qualcosa, grande o piccola seconda i casi; quella, la mia, toglie giustificazione al Tutto!

E ciò indipendentemente da quanto grande sia la mia fede.
Lucio Musto is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it