Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 29-02-2008, 22.41.50   #61
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: Sesso in vendita

Uscendo da ogni disputa personale, seriamente, voglio esprimere con sincerità la mia gratitudine a coloro che lasciano trasudare e colare così tanto disprezzo nei loro commenti verso gli uomini (come categoria umana).
Perché, senza rendersene conto, portano tanto di quel fieno in cascina della "questione maschile", che nessun altro mio intervento sarebbe in grado di fare nella stessa misura.
Infatti, a parte i devoti "emancipatori", che scodinzolano fedeli e festosi ad ogni verbo femminile, qualche utente di sesso maschile - che non abbia vergogna di questa sua caratteristica innata e costituzionale - prima o poi comincerà ad aprire gli occhi ed osservare e sentire il fiele che gli piove addosso ormai da decenni.
Molti, purtroppo, ci hanno fatto l'abitudine, a forza di sentirsi etichettare in tutti i modi più inverecondi possibili dai titoli dei giornali, da quelli dei tiggì, dai commenti televisivi e da quelli quotidiani, delle persone comuni.
Qualcuno, magari, sentendosi sbattere addosso certe cose anche nel banale colloquio nel contesto di un forum - dopo i consueti e vari "maschio assassino" e "maskioporco" di rilevanza pubblica - è probabile (non certo, probabile) che cominci a realizzare che stanno parlando anche di lui.
No, non di Tizio, Caio o Sempronio ma proprio di tutti, anche di sè stesso.
Non sarà facile ma forse qualcosa succederà in questo senso e qualcuno tornerà a svegliarsi dal profondo sonno ideologico in cui si è lasciato cadere.
...e si badi che questo è un commento davvero sulle idee e non è una disputa personale con qualcuno/a in particolare; lo dico sul serio.
Per questo sono profondamente grato a chi lascia colare così tanto disprezzo....
iulbrinner is offline  
Vecchio 01-03-2008, 09.06.03   #62
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
La "QUESTIONE MASCHILE"

Come ... "la questione maschile", please?

Una discussione si apre sul tema "che strano che non tutte le donne fanno le puttane, visto quel che si guadagna!?"..... e qualcuno è pure capace di vederci dentro "la questione maschile"

Provocazione per provocazione (SCHERZOSA, ovviamente da ambo i lati, come chiarito da Bomber per quel che lo riguarda e come chiarito da me ancor prima di pronunciarla) mi rammarico solo d'aver mancato di quel guizzo di tempestività che consentisse di rispondere, subito e direttamente, "guarda che QUEGLI uomini che lo trovassero invidiabile.... anzichè invidiare possono farlo anche loro! Guadagnano anche di più".

Fuor da ogni scherzo, e benchè la discussione fosse di quelle che possono permettere di lasciare in ricarica le batterie del cappello pensatore e rilassarsi un po' in scioltezza, a me sembra che contributi attenti, lucidi, pertinenti, e non ovvii come quelli di Misterxy e Chlobbygarl o semplicemente signorili e delicati come quelli di Espert , siano stati palesemente stimati dalle donne presenti nella discussione (tra cui la sottoscritta) almeno per quel tanto che basta a non generare "complessi di genere" in chi ha il privilegio di non averli e a non fomentarli in chi pur dovesse viverne dosi fisiologiche. Per le dosi patologiche.... beh! credo che avremmo anche potuto parlare di sottomarini.... e sarebbe venuta fuori ugualmente "la questione maschile"....

Vergognandomi parecchio (questa volta sì che mi vergogno) nello sprecar righe per solo dire (pensa che novità!) che vedo dalla nascita Persone Splendide (uomini e donne) e persone mediocri (uomini e donne) e persone infime (uomini e donne)..... mi resta un simpatico enigma per il weekend: come sarà stato possile trarre una "questione maschile" PROPRIO da una discussione in cui - di battuta in battuta - s'è poi TRANQUILLAMENTE visto "il maschio" , tanto quanto "la femmina", nel suo intero ventaglio posturale sull'argomento?
Ossia: parlando di prostituzione, s'è visto dal maschio vittima (il mio tonto) al maschio sfruttatore, come parlando della femmina s'è visto della femmina sfruttata a quella sfruttatrice............
Mistero!
donella is offline  
Vecchio 01-03-2008, 09.11.56   #63
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Altra domanda...

Citazione:
Originalmente inviato da chlobbygarl
Qualunque donna, prostituta o meno, è in grado di fare tutto quanto è possibile fare, a patto che chi ha di fronte si appassioni a toccare le giuste corde della sua sensibilità femminile.
E viceversa, perché il sesso si fa in due (volendo, anche in tre o quattro, ma questa è un'altra storia).
Per essere più chiaro: anche la donna deve saperci fare di suo... a prescindere dall'uomo che ha di fronte.
misterxy is offline  
Vecchio 01-03-2008, 11.14.40   #64
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Altra domanda...

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
Ringrazio tutti per le risposte. In particolare, ho trovato sinceramente interessanti gli interventi riportati da misterxy.

Avrei, bontà vostra, un'altra domanda... lasciando da parte per un attimo chi va con la prostituta in assenza di una compagna.

Chiedereste, chiedete o avete chiesto alla vostra compagna le prestazioni che chiederste alla prostituta?[/b] Se sì, con quali reazioni?
Personalmente, alla/e mia compagna/e ho chiesto e chiedo molto di più di quanto potrei chiedere a una prostituta, questo per i seguenti motivi:
1- Ci sono pratiche sessuali che nemmeno le prostitute accettano, sia perché fa loro schifo, sia perché rischiano altrimenti di contrarre delle malattie (e viceversa). Infatti, contrariamente a quanto si narra in ogni dove, nessuna prostituta accetta di farsi penetrare senza preservativo. Al massimo ce ne sono alcune che accettano di praticare la fellatio "senza" (ancora di meno quelle che si fanno eiaculare in bocca) o di ricecere il cunnilingus. Molto più rare sono quelle che dicono sì a certi "giochi estremi". Solo le "famose" tossiche da eroina degli anni Ottanta-Novanta - o meglio, una parte di esse - accettava e proponeva ai clienti dei rapporti vaginali e anali* (seppur molto più raramente*), non protetti.

2- Non ho alcun tabù sessuale. (*) Salvo alcune cosiddette perversioni, mi piace di tutto. Non altrettanto ho potuto riscontrare nelle donne che ho conosciuto e frequentato nei miei 42 anni di vita, salvo alcune piacevoli eccezioni, che però, inizialmente, non erano disinibite quanto me. Di solito le donne "bisogna portarcele"...
Le reazioni? Beh, dal "rifiuto garbato ed anche divertito", al "rifiuto incazzato-schifato", al "Ma tu sei un porco! Io non faccio certe cose! Per chi mi hai presa? Per una t****?
Di più. A me le tipe alla "Santa Maria Goretti" (con tutto il rispetto per la defunta) non provocano alcuna erezione.
Per essere ancora più chiaro: mi piace la femmina maiala.
Ora tu mi chiederai:"Ma solo come "compagna di giochi" oppure anche come fidanzata/moglie?".
Risposta: entrambe.


(*) Un piccolissimo esempio: durante l'estate non indosso mai le mutande.
Ne potrei portare anche altri, ma il fatto è che questo non è un forum porno...
misterxy is offline  
Vecchio 01-03-2008, 12.23.54   #65
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Sesso in vendita

a me incuriosisce una cosa..del perche quando a una donna..di cui nelle discussioni precedenti si e' fatto un ampio esempio e in tutte le sue varianti possibili,racchiudendo quindi in se tutto il repertorio,se gli si dice puttana,questa si sente pure offesa mortalmente?...un rigurgito di etica e moralita?!
acquario69 is offline  
Vecchio 01-03-2008, 12.30.43   #66
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Altra domanda...

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
.....
2- Non ho alcun tabù sessuale. (*) Salvo alcune cosiddette perversioni, mi piace di tutto....

Nulla da eccepire se la tua compagna ne riceve un uguale piacere, se lo fa per altre ragioni è una prostituta a tutti gli effetti, anche se non chiede denaro.

Ciò premesso non considero tabù sessuale l'uso indiscriminato del corpo proprio o altrui (consenziente), lo considero semplicemente un uso improprio ove manchi la spinta iniziale e sana del RAPPORTO uomo-donna.
Non sono una moralista, puritana, pudica, retrograda, Santa...., no non mi ritengo tale. E mai vorrei esserlo.

A mio insindacabile giudizio trovo che il sesso sia cosa meravigliosa e mezzo straordinario di piacere e crescita e condivisione e arricchimento.
Così come ritengo che un sano utilizzo del sesso sta nell'attrazione reciproca, profonda, intensissima che due individui provano l'uno con l'altra.

Non so se riesco a spiegarmi in modo esauriente, ci provo ancora.

Una donna ed un uomo che si incontrano possono provare una reciproca fortissima attrazione fisica e poi una emotiva (possiamo anche invertire l'ordine il prodotto non cambia) che si traduce in un rapporto sessuale straordinario, gratificante, avvolgente, superlativo a dirla in breve.

Nel caso manchi la capacità di provare emozioni psico-fisiche spontanee allora si rende necessario trovare una stimolazione diversa, più robusta, più aggressiva, diciamo più....stimolante. E su quella strada esiste solo il limite della fantasia.
Essendoci due forme basilari di sesso una puramente meccanica che nasce in loco ed una mentale che viene dalla mente (o anche dal cuore se vogliamo) dipende dall'uso che ne facciamo.

Siamo liberi di agire come vogliamo fino a quando non interferiamo con l'altrui libertà, ciò premesso trovo che la sessualità che vale la pena di vivere è quella che si concretizza fra due individui che si donano reciprocamente e che oltre al puro piacere fisico lascia un piacere chiamiamolo così "spirituale" di altissima qualità. Tutto il resto è una liberazione di impulsi fisici che lascia l'amaro in bocca (a chi conosce entrambi gli stati).

Come sempre parlo da donna, ma siccome in genere si fa sesso fra maschi e femmine credo e spero ci siano anche uomini capaci di provare livelli di qualità molto elevati. E la qualità molte volte è inversamente proporzionata alla quantità.
Mary is offline  
Vecchio 01-03-2008, 13.21.18   #67
chlobbygarl
Lance Kilkenny
 
Data registrazione: 28-11-2007
Messaggi: 362
Riferimento: Altra domanda...

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
E viceversa, perché il sesso si fa in due (volendo, anche in tre o quattro, ma questa è un'altra storia).
Per essere più chiaro: anche la donna deve saperci fare di suo... a prescindere dall'uomo che ha di fronte.
"Viceversa" è scontato e sono d'accordo, rispondevo alla domanda di Nevealsole, posta quindi da ottica femminile.Non sento il bisogno ad ogni paragrafo di ribadire l'ineludibile e doverosa reciprocità comportamentale intersessuale per affermare la mia presenza di maschio.

... sulla donna che "ci sa fare di suo a prescindere da chi ha di fronte" sono d'accordo a metà.Una donna che conosce il sesso e lo interpreta bene ovviamente è meglio di una che non lo conosce, ma io proprio da maschio devo pensare che sia possibile tirare fuori ad una donna un "meglio" ancora migliore che è il frutto della mia attitudine personale esperita con lei in quel momento.Dunque ben venga una donna che ci sa fare "a prescindere", non è assolutamente detto però che io mi accontenti di quello che lei può darmi già "di suo" e anzi il suo preteso saperci fare potrebbe verosimilmente deludermi molto.

il modo in cui viviamo la sessualità è manco a dirlo un punto di vista sulle cose, sul mondo, e quando sei troppo 'saggio' o troppo consapevole di saperci fare appari abbastanza spesso un "sistema chiuso" e non più nella condizione di anelare esperienza e conoscenza ulteriori.Mi intriga una donna che conosce il sesso ma che si approccia e si fa approcciare dimenticandosene.
chlobbygarl is offline  
Vecchio 01-03-2008, 13.30.45   #68
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
a me incuriosisce una cosa..del perche quando a una donna..di cui nelle discussioni precedenti si e' fatto un ampio esempio e in tutte le sue varianti possibili,racchiudendo quindi in se tutto il repertorio,se gli si dice puttana,questa si sente pure offesa mortalmente?...un rigurgito di etica e moralita?!

Ma dove l'hai incontrata , qualche donna così?

Gli psicologi , dal loro punto di osservazione (oggettivamente privilegiato) potrebbero testimoniarti di quante donne, che di puttana non hanno nulla, vivano con tribolazione il cosiddetto "complesso della puttana".

Ma sono gli psicologi a poterlo illustrare molto meglio di me.

Poi, ovviamente, resta l'uso intenzionalmente offensivo dei termini. E dinanzi a quello s'altera quasi chiunque: un negro sa benissimo d'essere negro e non lo considera un disvalore.... ma se un noto razzista ...anzichè chiamarlo per nome lo chiama per "negro".... forse la persona di colore ricambia con un calcio sui denti del razzista.

Lo trovi strano?
donella is offline  
Vecchio 01-03-2008, 14.18.45   #69
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Altra domanda...

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Personalmente, alla/e mia compagna/e ho chiesto e chiedo molto di più di quanto potrei chiedere a una prostituta, questo per i seguenti motivi:
1- Ci sono pratiche sessuali che nemmeno le prostitute accettano, sia perché fa loro schifo, sia perché rischiano altrimenti di contrarre delle malattie (e viceversa). Infatti, contrariamente a quanto si narra in ogni dove, nessuna prostituta accetta di farsi penetrare senza preservativo. Al massimo ce ne sono alcune che accettano di praticare la fellatio "senza" (ancora di meno quelle che si fanno eiaculare in bocca) o di ricecere il cunnilingus. Molto più rare sono quelle che dicono sì a certi "giochi estremi". Solo le "famose" tossiche da eroina degli anni Ottanta-Novanta - o meglio, una parte di esse - accettava e proponeva ai clienti dei rapporti vaginali e anali* (seppur molto più raramente*), non protetti.

2- Non ho alcun tabù sessuale. (*) Salvo alcune cosiddette perversioni, mi piace di tutto. Non altrettanto ho potuto riscontrare nelle donne che ho conosciuto e frequentato nei miei 42 anni di vita, salvo alcune piacevoli eccezioni, che però, inizialmente, non erano disinibite quanto me. Di solito le donne "bisogna portarcele"...
Le reazioni? Beh, dal "rifiuto garbato ed anche divertito", al "rifiuto incazzato-schifato", al "Ma tu sei un porco! Io non faccio certe cose! Per chi mi hai presa? Per una t****?
Di più. A me le tipe alla "Santa Maria Goretti" (con tutto il rispetto per la defunta) non provocano alcuna erezione.
Per essere ancora più chiaro: mi piace la femmina maiala.
Ora tu mi chiederai:"Ma solo come "compagna di giochi" oppure anche come fidanzata/moglie?".
Risposta: entrambe.


(*) Un piccolissimo esempio: durante l'estate non indosso mai le mutande.
Ne potrei portare anche altri, ma il fatto è che questo non è un forum porno...


Spero venga ammesso alla pubblicazione, anche se è solo una grande grande stretta di mano, a cui darei il titolo : "quando equilibrio, cultura, sensualità, senso di sè e senso dell'altro.... vanno veramente e magnificamente d'accordo!"

donella is offline  
Vecchio 01-03-2008, 15.34.57   #70
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
a me incuriosisce una cosa..del perche quando a una donna..di cui nelle discussioni precedenti si e' fatto un ampio esempio e in tutte le sue varianti possibili,racchiudendo quindi in se tutto il repertorio,se gli si dice puttana,questa si sente pure offesa mortalmente?...un rigurgito di etica e moralita?!
Mi sembra che tu abbia centrato pienamente il senso che aveva ed ha assunto, nel suo sviluppo, la presente discussione.
La problematica, infatti, attiene all'etica del comportamento umano e, quindi, ai valori che la società attribuisce ai diversi comportamenti, nel senso di "bene o male", "giusto o sbagliato", "ammissibile o inammissibile".
La profonda discrepanza etica che si riscontra - un vero e proprio gap insanabile - sta nella diversità di approccio alle questioni del maschile rispetto a quelle del femminile ed alle conseguenti, differenziate valutazioni morali.
Come giustamente evidenzi, il termine "puttana" (1) assume una valenza che, a seconda delle convenienze ideologiche, sta ad identificare qualcosa di eticamente sbagliato (se e quando utilizzato dal mondo maschile) mentre (se utilizzato o praticato fattivamente e deliberatamente da quello femminile) la sua valenza etica assume improvvisamente tutt'altro significato e valore; anzi, sprizza simpatia.
Ciò che rimane condannabile, sempre e comunque, senza se e senza ma, è la figura maschile del cliente.
Un bell'accomodamento etico della situazione a vantaggio della donna; vallo a spiegare a chi certe cose non le vuole vedere e capire in alcun modo....
Ti risponderanno sempre che, alla fine, è sempre tutto uguale ed indistinto; bene e male, giusto e sbagliato, vero e falso sono tutto un grande minestrone, all'occorrenza sbagliata.
All'occorrenza giusta, però, vedrai come certe categorie etiche rispuntano fuori all'improvviso, gravide di implicazioni sociali viste a danno della solita parte: prova ad indovinare quale...

(1) ...al di là del fatto che "puttana" è meno raffinato di "prostituta"; ma il problema non mi sembra estetico, come ho ricordato, piuttosto etico.
iulbrinner is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it