Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 01-03-2008, 17.31.19   #71
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Storia e vittimismi....

Mi trovavo su Wikipedia per altre ragioni.... e ho giocato, prima di chiudere, a digitare "puttana".

Mo sapete che s'è offesa pure la Wiki?
Mi ha subito redirezionato su un più urbano "prostituzione"!

Lì, mondiale, ho trovato un ottimo sedativo per tanti complessi.
Eccolo:

Origine del termine
La parola "prostituzione" deriva dal verbo latino prostituĕre (pro, "davanti", e statuere, "porre"), e indica la situazione della persona (in genere schiava) che non "si" prostituisce, ma che come una merce viene "posta (in vendita) davanti" alla bottega del suo padrone. Questa origine richiama quindi la condizione storicamente più abituale della prostituta, la quale non esercita autonomamente la sua professione, ma vi è in qualche modo indotta da soggetti che ne sfruttano il lavoro traendone un proprio guadagno (c.d. "protettori").

Storia della prostituzione

Grecia classica
Nella società greca antica esisteva sia la prostituzione femminile che quella maschile.
La prostituzione maschile era molto comune in Grecia. Era spesso praticata da adolescenti, come riflesso della pederastia greca. Giovani schiavi lavoravano nei bordelli di Atene, mentre, un adolescente libero, nel caso vendesse i propri favori rischiava di perdere i diritti sociali e politici una volta divenuto adulto.


NDR: la sottolineatura è mia, il testo NO.

donella is offline  
Vecchio 01-03-2008, 19.30.05   #72
ornella
farabutta
 
L'avatar di ornella
 
Data registrazione: 05-02-2008
Messaggi: 327
Riferimento: Sesso in vendita

Qualcuno lo ha già accennato, ma non è stato a mio avviso messo a fuoco come dovrebbe. La prostituzione non è solo uno scambio di prestazioni sessuali in cambio di denaro. L'amore per la libertà mi rende sopportabile la scelta di una donna di prostituirsi anche solo per passione e abnegazione (Certo in questo caso la gratuitità ne aumenterebbe il valore sociale).Ma la realtà è espressa dai dati:http://www.youtube.com/watch?v=J79atT3nHE8
http://www.edscuola.it/archivio/hand...n_the_road.htm
Vengono picchiate, violentate, subiscono umiliazioni e per queste vengono pagate.
Anche le ragazzine che si prostituiscono per studiare o costruirsi un futuro migliore, mostrano di aver ceduto ad una logica sociale aberrante.
Non si può paragonare al lavoro di un operaio, forse a quello di uno schiavo. Socialmente la mercificazione della propria sessualità, sdoganata come mestiere con tanto di partita I.V.A. conquistata la legalità, potrebbe far acquisire dignità sociale a queste professioniste o professionisti per scelta, ma i clienti a parer mio non vogliono solo sesso.
Poi se volete leggete questo:http://action.web.ca/home/catw/readingroom.shtml?x=52997&AA_E X_Session=d9082bd6bc977ab341e0 74ac9eac22fd
ornella is offline  
Vecchio 01-03-2008, 21.06.51   #73
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da ornella
Qualcuno lo ha già accennato, ma non è stato a mio avviso messo a fuoco come dovrebbe. La prostituzione non è solo uno scambio di prestazioni sessuali in cambio di denaro. L'amore per la libertà mi rende sopportabile la scelta di una donna di prostituirsi anche solo per passione e abnegazione (Certo in questo caso la gratuitità ne aumenterebbe il valore sociale).Ma la realtà è espressa dai dati:http://www.youtube.com/watch?v=J79atT3nHE8
http://www.edscuola.it/archivio/hand...n_the_road.htm
Vengono picchiate, violentate, subiscono umiliazioni e per queste vengono pagate.
Anche le ragazzine che si prostituiscono per studiare o costruirsi un futuro migliore, mostrano di aver ceduto ad una logica sociale aberrante.
Non si può paragonare al lavoro di un operaio, forse a quello di uno schiavo. Socialmente la mercificazione della propria sessualità, sdoganata come mestiere con tanto di partita I.V.A. conquistata la legalità, potrebbe far acquisire dignità sociale a queste professioniste o professionisti per scelta, ma i clienti a parer mio non vogliono solo sesso.
Poi se volete leggete questo:http://action.web.ca/home/catw/readingroom.shtml?x=52997&AA_E X_Session=d9082bd6bc977ab341e0 74ac9eac22fd
Sì, ma i fatti non stanno esattamente come li raccontano i mass media.
Leggi qui:
http://jonathanx.altervista.org/
misterxy is offline  
Vecchio 02-03-2008, 00.01.58   #74
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Sesso in vendita

Ringrazio chi ha risposto alle mie domande.
Confesso che ho scordato il filo logico che mi aveva portato a formularle.
Credo, però, tendesse a rilevare che di donne disinibite ce ne sono abbastanza in giro... ragion per cui la tesi del ricorrere alla prostituta per avere ciò che non si riesce ad avere a casa propria a me non convince.
In ogni caso, mi rendo conto di aver spostato l'argomento, rispetto alla domanda originaria, che riguardava invece la prostituta e i soldi facili... generando l'ennesima guerra tra sessi.
nevealsole is offline  
Vecchio 02-03-2008, 01.49.48   #75
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Ma dove l'hai incontrata , qualche donna così?

Gli psicologi , dal loro punto di osservazione (oggettivamente privilegiato) potrebbero testimoniarti di quante donne, che di puttana non hanno nulla, vivano con tribolazione il cosiddetto "complesso della puttana".

Ma sono gli psicologi a poterlo illustrare molto meglio di me.

Poi, ovviamente, resta l'uso intenzionalmente offensivo dei termini. E dinanzi a quello s'altera quasi chiunque: un negro sa benissimo d'essere negro e non lo considera un disvalore.... ma se un noto razzista ...anzichè chiamarlo per nome lo chiama per "negro".... forse la persona di colore ricambia con un calcio sui denti del razzista.

Lo trovi strano?

...e chiedi dove si incontrano donne cosi?! ma dapertutto,in ogni luogo e dove,spesso e sopratutto nei limbi della cosidetta "normalita" ed e' proprio in questi casi (come il negro che sa di essere tale) che ce' la pretesa di salvare capra e cavoli all'occorrenza,sempre e comunque!

lo trovi corretto?

..e forse posso pure pensare che ce' una scissione di fondo che riguarda propriamente la figura femminile in se,su certi parametri che e' piu conveniente adottarli in privato che non al pubblico (puttane si,ma meglio non farlo sapere in giro..)
acquario69 is offline  
Vecchio 02-03-2008, 02.31.27   #76
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
ragion per cui la tesi del ricorrere alla prostituta per avere ciò che non si riesce ad avere a casa propria a me non convince.
Per tanti uomini è così. Sai perché tale tesi - che in realtà è un dato di fatto - non ti convince? Perché di solito gli uomini non parlano di queste cose e la maggior parte di essi, quando lo fa, è estremamente superficiale al riguardo. Di conseguenza, a una donna che per tutta la vita ha assorbito altri concetti (in gran parte falsi), risulta difficilissimo accettare l'idea(=dato di fatto) che in circolazione ci siano tanti ma tanti uomini (e di rimando, tante ma tante donne...) che fanno pochissimo sesso - se non per niente -.
Ti dirò di più: in merito, molti uomini mentono anche a se stessi. Questo per tutta una serie di motivi che ora non ho voglia di elencare.
misterxy is offline  
Vecchio 02-03-2008, 09.45.22   #77
Franco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-10-2005
Messaggi: 508
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Per tanti uomini è così. Sai perché tale tesi - che in realtà è un dato di fatto - non ti convince? Perché di solito gli uomini non parlano di queste cose e la maggior parte di essi, quando lo fa, è estremamente superficiale al riguardo. Di conseguenza, a una donna che per tutta la vita ha assorbito altri concetti (in gran parte falsi), risulta difficilissimo accettare l'idea(=dato di fatto) che in circolazione ci siano tanti ma tanti uomini (e di rimando, tante ma tante donne...) che fanno pochissimo sesso - se non per niente -.
Ti dirò di più: in merito, molti uomini mentono anche a se stessi. Questo per tutta una serie di motivi che ora non ho voglia di elencare.


misterxy,

questo è per me il primo post di un certo interesse, dico di un certo interesse, qualcosa che potrebbe dare e dà una svolta all'intera discussione.

Approfondire il tuo discorso potrebbe far luce sul fenomeno della prostituzione femminile in quanto tale; dico della prostituzione femminile in quanto tale perchè ritengo che la prostituzione sia un fenomeno essenzialmente femminile. "La" prostituzione è femmina fino a prova contraria.

Franco
Franco is offline  
Vecchio 02-03-2008, 10.28.31   #78
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
...e chiedi dove si incontrano donne cosi?! ma dapertutto,in ogni luogo e dove,spesso e sopratutto nei limbi della cosidetta "normalita" ed e' proprio in questi casi (come il negro che sa di essere tale) che ce' la pretesa di salvare capra e cavoli all'occorrenza,sempre e comunque!

lo trovi corretto?


No Acquario. E' proprio che non lo trovo.
Ossia non riesco a stringere in alcuna osservazione di senso compiuto quel che hai scritto e che, probabilmente, non so leggere.

I "limbi della cosiddetta normalità" dovrebbero essere quelli mondo femminile dopo aver escluso la prostituzione professionale. Giusto?

Che, in questi limbi, residui ancora una percentuale di prostituzione (ugualmente professionale) ma simulata..... beh.... mi sembra sfondare una porta aperta! (la moglie o l'amante stabile per pura convenienza, ad esempio)
Ma questa è una porta che è tenuta aperta da ALTRE e DIVERSE donne, da molto prima che tu la sfondi!

Che guardando a questa frazione di donne (le prostitute sotto maschera dabbene) ci si possa prender l'arbitrio di arrivare a qualcosa che potrebbe suonare come "le donne sono tutte puttane".... oltre che essere una pseudo riflessione da totale ottenebrazione della capacità di giudizio... quando non sortisce la silente commiserazione delle tante donne che puttane non sono affatto... mi sembra non solo corretto ma quasi doveroso che sortisca almeno un molto perplesso "ma che stai a dì?".

A chiusura del cerchio : la silente commiserazione tanto quanto il perplesso "ma che stai a dì?" , capisco, possono sembrare molto "schierati" a chi è effettivamente schierato sul profondo e colto concetto "le donne son tutte puttane".

Udito scanditamente il quale, tutte le donne, puttane e non, unite da un semplice briciolo di senso materno e finalmente in possesso della chiave, non han problemi a fermarsi un momento e chiedere, a chi è così schierato, "mo ben, tesorino ma cosa mai t'han fatto le donne che hai incontrato TU?"

donella is offline  
Vecchio 02-03-2008, 11.46.41   #79
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da donella
No Acquario. E' proprio che non lo trovo.
Ossia non riesco a stringere in alcuna osservazione di senso compiuto quel che hai scritto e che, probabilmente, non so leggere.

I "limbi della cosiddetta normalità" dovrebbero essere quelli mondo femminile dopo aver escluso la prostituzione professionale. Giusto?

Che, in questi limbi, residui ancora una percentuale di prostituzione (ugualmente professionale) ma simulata..... beh.... mi sembra sfondare una porta aperta! (la moglie o l'amante stabile per pura convenienza, ad esempio)
Ma questa è una porta che è tenuta aperta da ALTRE e DIVERSE donne, da molto prima che tu la sfondi!

Che guardando a questa frazione di donne (le prostitute sotto maschera dabbene) ci si possa prender l'arbitrio di arrivare a qualcosa che potrebbe suonare come "le donne sono tutte puttane".... oltre che essere una pseudo riflessione da totale ottenebrazione della capacità di giudizio... quando non sortisce la silente commiserazione delle tante donne che puttane non sono affatto... mi sembra non solo corretto ma quasi doveroso che sortisca almeno un molto perplesso "ma che stai a dì?".

A chiusura del cerchio : la silente commiserazione tanto quanto il perplesso "ma che stai a dì?" , capisco, possono sembrare molto "schierati" a chi è effettivamente schierato sul profondo e colto concetto "le donne son tutte puttane".

Udito scanditamente il quale, tutte le donne, puttane e non, unite da un semplice briciolo di senso materno e finalmente in possesso della chiave, non han problemi a fermarsi un momento e chiedere, a chi è così schierato, "mo ben, tesorino ma cosa mai t'han fatto le donne che hai incontrato TU?"



..la prostituzione e' femmina,come gia qualcuno ha ribadito prima di me..tante' a nessuno sarebbe venuto in mente una discussione dal titolo; sesso in vendita...del resto a me sembra evidente che se esiste una richiesta ce anche un offerta e questa mica si limita ai marciapiedi!..funziona cosi,e' tutto in funzione di...e' la "legge del mercato"o magari si puo pure chiamarla "legge di vita", e' cosi che funzionano le cose,e' sempre stato cosi'.
acquario69 is offline  
Vecchio 02-03-2008, 12.39.58   #80
ornella
farabutta
 
L'avatar di ornella
 
Data registrazione: 05-02-2008
Messaggi: 327
Riferimento: Sesso in vendita

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Sì, ma i fatti non stanno esattamente come li raccontano i mass media.
Leggi qui:
http://jonathanx.altervista.org/
Capita per strada di vederle, non mi sembra una vita desiderabile. Io non vorrei essere al loro posto, anche se guadagnano più di me. Ho conosciuto due figli di prostitute, non diciamo che è normale o normalizzabile, sono traumi. Chi è favorevole alla prostituzione, e ritiene che è un lavoro come un altro, coerentemente deve farmi sapere se riterrebbe sconveniente per le figlie o la moglie o la madre un simile impiego. Vediamo dove arriva la nostra apertura mentale. Io no, ne per me ne per nessuno, ripeto chi si sente questa passione la dia gratis, che oltretutto è anche più democratico.
ornella is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it