Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 04-08-2004, 12.05.27   #51
nicola185
al di là della Porta
 
L'avatar di nicola185
 
Data registrazione: 15-02-2004
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da Giulma
Hai ragione. Ma io ho i miei metodi. E non mi interessa se sbaglio. Quando sbaglio imparo.
Be' dai se quando sbagli impari vuol dire che un po' ti interessa.
Citazione:
[i]Ad esempio, senti tu come parli. Mi parli di illusorietà delle parole, di soggettività nell'interpretazione (quindi, la mente). Ti rendi conto? Inizi a spaventare anche me, tra un pò,



Incredibile no?

Ciao, Giulio [/b]

Evviva ci sono riuscito. Scherzi a parte anch'io ho i miei metodi e sono basati sulla mia esperienza. Ma comunque incominciano ad interessarmi anche i tuoi.
nicola185 is offline  
Vecchio 04-08-2004, 12.08.54   #52
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da Giulma
“Beh, direi che su questo non c'è nulla da ribattere. Contento tu!”

Risposta infantile. Perché se io posso dirti delle cose che tu non sai, sei tu che devi saperne beneficiare. E chi ci perde, sei tu. (tu per dire chiunque con ciunque). Non ti dico questo perché mi sento meglio di te, ma perché tu non ti rendi conto che quando si parla con qualcuno, quel qualcuno può dirti qualcosa che tu non sai. In questo caso, quello che ti ho detto.



“Ah, benissimo, allora è un testo. Bene, allora cita i riferimenti. Un testo scritto da chi? quando? dove? dove è reperibile? è tradotto in italiano? o in ingelse? ... questo mi sembra il minimo per chi cita un testo. “

Non si chiedono così le cose, solo perché si è arrabbiati. Mi sembrava che non ti interessasse, prima, …

“io credo che in assoluto disutere sugli stadi dell'illuminazione sia una disquisizione dotta ma sterile se non parte da un'esperienza di carne e sangue. Come ti dicevo, possiamo parlare, sulla base di antichi testi, sulla differenza tra il sapore del mango e quello della papaia, me faremmo molto meglio ad assaggiarli se li vogliamo conoscere. Questo non è presunzione, è la mia opinione.”

Prima di conoscere certe cose, come esperienza personale, bisognerebbe andare a scuola. Un medico, prima di sperimentare cosa significa operare un paziente e che bello sia quando questo viene aiutato, deve andare a scuola. Deve diventare medico, e poi lavora. Durante la scuola, ogni tanto farà però qualche esperienza. Niente, in confronto al lavoro e alla sperimentazione che dovrà avere dopo.
Devi ancora fare la scuola, pedala! (impara il più possibile)

“Discutere sulla base dei testi e non dell'esperienza è veramente un gioco mentale.”

A scuola, questo si fa. E la vita, è una scuola.

Ti dà fastidio quello che ti dico?
Ma sono solo parole.



Giulio

Vedi, Guilio, io a scuola ci sono già stata. Si studiano tante cose inutili a scuola. A scuola si studia tutto perchè i programmi scolastici non sono in grado di stabilire che cosa serve a tizio e cose serve a caio. E poi, soprattutto, le scuole a cui fai riferimento non sono state pensate per degli occidentali. Questo è il vero problema. Noi occidentali abbiamo bisogno di scrollarci un po' di disso la nostra mania di catalogazione! Cataloghiamo tutto, cataloghiamo sempre. A noi fa male, malissimo. Non è solo inutile, secondo me è dannoso. Io la penso così, ma non mi da fastidio che tu la pensi diversamente. Mi da fastidio (ma un fastidiuccio da niente perchè non è che mi interessi gran che) che tu dica che tu sai e io no senza nemmeno conoscermi!
Fragola is offline  
Vecchio 04-08-2004, 12.12.26   #53
Giulma
Utente bannato
 
Data registrazione: 09-07-2003
Messaggi: 558
Re: Re: Re: Re: Re: Livelli...di coscienza

Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Il significato delle parole dipende dal sistema di riferimento.




...








“I termini che nelle tradizioni orientali si riferiscono alle esperienze di illuminazione sono diversi e hanno anche diverse sfumature di significato.”

Vai allora ai significati originali. Il più possibile.

“Il Satori dello Zen, ad esempio, non corrisponde al Nirvana.”

E che cos’è il Nirvana, lo sai descrivere visto che lo hai citato? E poi mi descrivi il Satori dello Zen.

“Conoscere queste cose a volte serve e a volte no. Dipende dalla persona. C'è chi ha bisogno di un approccio intelletuale e quindi di studiare. I tibetani, ad esempio, puntano molto sullo studio. Ma provate ad entrare in un monastero Zen e a parlare di stadi dell'illuminazione!”

Dipende chi è che fa zen. Io credo che un vero maestro zen conosca molto bene gli stadi di illuminazione.

“Comunque il Bodhisattva (si scrive così, Giulio)”

Ecco, questo lo puoi dire.


Ciao, Giulio
Giulma is offline  
Vecchio 04-08-2004, 12.15.32   #54
Giulma
Utente bannato
 
Data registrazione: 09-07-2003
Messaggi: 558
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Vedi, Guilio, io a scuola ci sono già stata. Si studiano tante cose inutili a scuola. A scuola si studia tutto perchè i programmi scolastici non sono in grado di stabilire che cosa serve a tizio e cose serve a caio. E poi, soprattutto, le scuole a cui fai riferimento non sono state pensate per degli occidentali. Questo è il vero problema. Noi occidentali abbiamo bisogno di scrollarci un po' di disso la nostra mania di catalogazione! Cataloghiamo tutto, cataloghiamo sempre. A noi fa male, malissimo. Non è solo inutile, secondo me è dannoso. Io la penso così, ma non mi da fastidio che tu la pensi diversamente. Mi da fastidio (ma un fastidiuccio da niente perchè non è che mi interessi gran che) che tu dica che tu sai e io no senza nemmeno conoscermi!


Non ti attaccare troppo alle parole e agli esempi. Prendili per quello che possono essere, e poi, butta tutto via.

Ciao, Giulio
Giulma is offline  
Vecchio 04-08-2004, 12.59.39   #55
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
La Scuola..

Citazione:
Messaggio originale inviato da Giulma
La parola illuminazione non piace neanche a me, ma perchè questo termine è stato utilizzato e ridicolizato nel tempo. Però esiste, e bisigna utilizzarlo, sperando di farlo nel migliore dei modi. Per questo ogni tanto consiglio dei testi, per tutti coloro che non sanno bene con che cosa hanno a che fare. In questi testi, i termini di cui noi parliamo sono esplicitati (per quanto chiaramente ciò possa essere possibile) in modo serio e corretto, questo per me.

Ciao, Giulio

Qui ti riprendo Giulio... Perchè "bisogna" utilizzare quel termine? Credi non sia possibile cambiare le testimonianze? Terminologie più idonee alla nostra cultura?
Si finisce per rimanere fossilizzati nell'esperienza altrui.
I tempi cambiano...la letteratura parla anch'essa.
Sono chiaramente a favore dei testi sacri, però a cognizione che non vengano strumentalizzati e presi di unico esempio... se devo dirti la verità è proprio grazie alle sintesi dei Maestri contemporanei che Ora posso rispolverare le Sacre letture e...realizzarle!!


Oltre a quello che hai compreso, ricordati che hai ancora infinito da comprendere.

Ti rispondo con bel...Silenzio...riempilo con ciò che vuoi..Va tutto bene...
atisha is offline  
Vecchio 04-08-2004, 13.42.41   #56
Giulma
Utente bannato
 
Data registrazione: 09-07-2003
Messaggi: 558
Re: La Scuola..

Citazione:
Messaggio originale inviato da atisha
Qui ti riprendo Giulio... Perchè "bisogna" utilizzare quel termine? Credi non sia possibile cambiare le testimonianze? Terminologie più idonee alla nostra cultura?
Si finisce per rimanere fossilizzati nell'esperienza altrui.
I tempi cambiano...la letteratura parla anch'essa.
Sono chiaramente a favore dei testi sacri, però a cognizione che non vengano strumentalizzati e presi di unico esempio... se devo dirti la verità è proprio grazie alle sintesi dei Maestri contemporanei che Ora posso rispolverare le Sacre letture e...realizzarle!!


Oltre a quello che hai compreso, ricordati che hai ancora infinito da comprendere.

Ti rispondo con bel...Silenzio...riempilo con ciò che vuoi..Va tutto bene...


“Perchè "bisogna" utilizzare quel termine? Credi non sia possibile cambiare le testimonianze?”

Non bisogna cambiare le testimonianze. Bisogna capirle. Poi integrarle, trovare il filo che le unisce. E poi andare avanti, sempre.

Il termine può certamente essere relazionato con una terminologia più moderna e idoneea alla cultura. Certo. Ma rimane.

Sappi questo: che se un illuminato parla dice delle cose molto interessanti, ma possono contenere errori. I giusti errori. Quando un realizzato o buddha parla, non ci sono errori. Non c’è niente da correggere. Anche questa è una differenza importante. Che ne dici?

Chiaro?


Ciao, Giulio
Giulma is offline  
Vecchio 04-08-2004, 14.22.52   #57
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Citazione:
Messaggio originale inviato da Giancarlo_Deangelis

Per atisha.
A mio modo di vedere hai centrato il bersaglio, non solo perché replichi, a tua insaputa, quanto da me scritto sul mio libro: "Le equazioni di Dio", dove affermo, che mai nessun popolo, gruppo etnico o uomo ha mai formulato un pensiero che sia stato accettato da tutta l'umanità; pertanto, nessuno di questi grandi che ci hanno preceduto è stato un illuminato, proprio perché, come tu affermi, ne sarebbe sufficiente uno per diventarlo tutti. Auguri e ciao a tutti.

In ogni modo, tutto quello che ho letto in questo forum, mi è sembrato un noziosisismo abbastanza consunto, giacché non ho trovato nulla di originale, nel senso di un qualcosa elaborato dalla propria fantasia o libero arbitrio.

Replico ad insaputa?
Ma è Sapienza divina!!
Connessione...
Vuoi che non lo sappia??

Non mi hai del tutto compreso... così, parafrasando..
Tutti siamo illuminati (o illuminanti)..la differenza è che NON crediamo di esserlo...
Il vero lavoro sta nel riuscire a togliere quel NON crediamo...e lì, si "sgobba" e fondamentalmente siamo un po' tutti "napoletani" (mi scuso con l'ego napoletano.... è un po' come attribuire la tirchiaggine al genovese..eheh)
Per finire non credo assolutamente tu NON abbia trovato nulla di originale... dunque non lo riverseresti semplicemente a titolo provocatorio...
Comunque, grazie per l'offerta di lettura "sotto l'ombrellone"...
A risentirci..
Namasté
atisha
atisha is offline  
Vecchio 04-08-2004, 14.26.18   #58
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Re: Re: La Scuola..

Citazione:
Messaggio originale inviato da Giulma
“Perchè "bisogna" utilizzare quel termine? Credi non sia possibile cambiare le testimonianze?”

Non bisogna cambiare le testimonianze. Bisogna capirle. Poi integrarle, trovare il filo che le unisce. E poi andare avanti, sempre.

Il termine può certamente essere relazionato con una terminologia più moderna e idoneea alla cultura. Certo. Ma rimane.

Sappi questo: che se un illuminato parla dice delle cose molto interessanti, ma possono contenere errori. I giusti errori. Quando un realizzato o buddha parla, non ci sono errori. Non c’è niente da correggere. Anche questa è una differenza importante. Che ne dici?

Chiaro?
Ciao, Giulio

A questo punto ..per Volere Divino, integrandomi con le tue terminologie..ti do ragione, dunque non ne usciamo verbalmente neanche noi...

CHIARO....

atisha is offline  
Vecchio 04-08-2004, 14.47.01   #59
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
x Fragola

........... .............
atisha is offline  
Vecchio 04-08-2004, 15.15.08   #60
Giulma
Utente bannato
 
Data registrazione: 09-07-2003
Messaggi: 558
Re: Re: Re: La Scuola..

Citazione:
Messaggio originale inviato da atisha
A questo punto ..per Volere Divino, integrandomi con le tue terminologie..ti do ragione, dunque non ne usciamo verbalmente neanche noi...

CHIARO....



Non ha nessuna importanza che tu mi dia ragione. Si sta solo discutendo per aumentare le capacità di spaziare con la mente, punto.


Ciao, Giulio
Giulma is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it