Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 02-04-2008, 16.58.36   #131
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Risulta anche a me che sia alta la percentuale di donne che dice di non essere soddisfatta dal sesso.
Però continuo a chiedermi se il loro (vero) problema sia.... che non è stato centrato il punto G, OPPURE che non è stato neanche intravisto (dai rispettivi partners) quel sogno di fusione e intimità REALE che loro (donne) agognano con tante belle speranze NEL sesso.

Ne consegue che:
Vero anche secondo me che il buon sesso non cade dal cielo e che sia un'arte che va imparata.
Ma non per questo degrada a "tecnica" studiabile in un manuale.
Da quello puoi apprendere la più probabile collocazione del punto G, e anche tante altre cosine sfiziose,.... solo che l'arte vera (secondo me) è così personalizzata che... per "manuale" ha soltanto se' stessi (più veri possibile) e l'altro/altra (di cui interessarsi il più possibile): l'altro/l'altra sono unici e irripetibili nella loro psiche e nella loro storia e anche nel loro corpo: non credi che la mappa di cui essere curiosi nell'altro, e di cui fornire l'altro circa se' stessi, debba essere QUESTA, e non quella risultante da medie statistiche risultanti da manuali???????
Sai, ho apprezzato il libro di Linda Lou Paget proprio per il fatto che lei ti racconta parecchie cose, ma il consiglio più importante e quello principale è e rimane: chiedete al vostro partner cosa gli/le piace o meno. Questa è la base per poter avere del buon sesso. Comunicare e farsi dire cosa uno gradisce, cosa invece no, ecc. Non siamo tutti uguali, alcuni hanno certe preferenze, altri altre, e l'unico vero modo per conoscere i gusti sta nel chiedere. Ma quanti lo fanno? hanno il coraggio di farlo?
Si danno un sacco di cose per scontate, quando la realtà è che molti dei problemi sorgono propri dal fatto che si è letto in modo sbagliato il pensiero degli altri.

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Tu parli di "dire la cosa giusta al momento giusto".
Ne convengo.
Solo che - almeno in una COPPIA - (io credo davvero che) "la cosa giusta al momento giusto" è quella che mi viene da dire o tacere esattamente come ed esattamente quando mi viene - SPONTANEAMENTE - da dirla o tacerla.
Intendo dire che se la coppia, e anche la coppia in divenire, ha bisogno di manuali "dabbene" o su "il giusto modo per".... quella coppia è meglio che non nasca, perchè è già nata l'ipocrisia che la precede, e che poi la governerà, e che poi ne mostrerà le ossa rotte e scarnificate nella povera urna da sempre pronta per la sua tumulazione.
Credo che tu abbia preso un punto base scorretto per i tuoi discorsi.
In questo mondo non tutti sono normali, nel senso che non hanno problemi.
Chi è timido deve capire se oltre ad essere timido (come molti lo considerano) non soffra magari di fobia sociale (che è una malattia curabile). Persone del genere quando incontrano delle donne se si comportassero "spontaneamente" scapperebbero e basta, visto che sarebbero pieni di ansia e di emozioni "negative". Questo è dovuto ha una ipersensibilità, che causa problemi di questo genere. Problemi che devono essere affrontati con cure e consigli, modi di procedere adeguati per cambiare le emozioni "negative" e di "angoscia" in emozioni positive. Non c'è nulla di cui preoccuarsi nell'avere un appuntamento con una ragazza o un ragazzo, eppure c'è chi considera questo evento come la fine del mondo, quasi impossibile da realizzare.

Dunque ha senso di dire alle persone di essere sé stesse solo fino a quando si è certi che non abbiamo a che fare con problemi di ansia o altro ancora. Ma in caso contrario, cioè se il soggetto soffre di ansia, dire/consigliare cosa fare può rilassarlo (visto che in genere si ha ansia anche per il fatto che non si sa cosa fare in quelle situazioni, quindi dire semplicemente: sii te stesso, non aiuta molto... . Non aiuta ad uscire dal problema, dal circolo vizioso in cui si è finiti: gente che vorrebbe socializzare, ma che non ci riesce perché ha angoscia addosso).

Citazione:
Originalmente inviato da donella
So che puoi capirmi.
E mi meraviglierebbe davvero molto non trovarti d'accordo.
Il tuo discorso è perfetto per chi non è finito in un circolo vizioso, in un vicolo cieco. Thunder afferma di essere in una situazione del genere. Quindi dirgli: sii te stesso e vedrai che tutto andrà bene, mi dispiace, ma credo che non sia sufficiente per superare il problema in modo definitivo.

In definitiva immagino che stiamo semplicemente parlando di soggetti e situazioni differenti.

Pace e bene.
Elijah is offline  
Vecchio 02-04-2008, 18.53.34   #132
Thunder
Ospite
 
Data registrazione: 09-01-2008
Messaggi: 23
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Allora,quello che hanno ben chiaro Scorpion e MisterXY è la mia situazione vista dal punto di vista dell'uomo.

Ci sono poche cose così degradanti per la psiche di un uomo di veder castrato il proprio bisogno di affermazione virile.E mi pare che soltanto loro due abbiano colto pienamente il senso.

Anche perchè,caro Elijah,pur rispettando la tua fede,io sono l'antitesi della tua personalità.Sono ateo,non credo in nessuna Istituzione religione,benchè meno in un Dio,e sono convinto che siamo in vita per goderne il più possibile i frutti.
Quindi ho peccato su molte altre cose nella mia vita(alcool in maniera esagerata,droga ecc...)e non me ne sono mai pentito.Quindi nel mosaico della mia personalità,ti puoi facilmente rendere conto di quanto sia terribile un curriculum sentimentale vuoto.
Che per uno che è impegnato nel sociale molto tempo della sua giornata potrà fargli nè caldo nè freddo,per una persona con la mia forma mentisè un dramma.

Scusate se posso sembrare egoista,ma probabilmente lo sono,e lo sono sempre stato.
Thunder is offline  
Vecchio 02-04-2008, 19.29.37   #133
Scorpion
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-02-2008
Messaggi: 84
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
Per un ragazzo giovane e sano "il sesso per il sesso" non e' una scemata ridicola, ma un qualcosa di importante, che voi donne invece disprezzate.

su questo punto ti devi ricredere proprio!...lo apprezzano,lo apprezzano, ..forse ancora piu di "noi"
Io non mi baso solo sulla mia limitata esperienza con le donne, ma anche e soprattutto su quella di altri uomini, che conosco personalmente e che di esperienze ne hanno avute molte piu' di me. Ora, stando a quello che ho potuto vedere e ascoltare, non mi sembra proprio che le donne siano attirate dal "sesso per il sesso" (cioe' senza alcuna implicazione sentimentale) nella stessa misura degli uomini. A me risulta il contrario. L'esistenza stessa della prostituzione lo sta a testimoniare.
Scorpion is offline  
Vecchio 02-04-2008, 19.39.38   #134
Scorpion
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-02-2008
Messaggi: 84
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Ciao Scorpion.
Solo una precisazione: quando ho portato l'esempio dell'uomo che , non avendo un gran curriculum sessuale, lo spiega con "il sesso per il sesso è una scemata un po' ridicola" NON portavo una MIA lettura, bensì un concetto davvero sentito dalla viva voce di uomini (giovani e colti) realmente conosciuti.
Poi non entro nel merito della totale veridicità di questa loro autoanalisi (può essere un bluff assolutorio per alcuni e avvicinarsi all'autentico sentire per altri, certamente). Posso dirti che almeno in qualche caso non ho avuto dubbi che fosse vero: si trattava di uomini molto presi da loro interessi , molto portati alla riflessione su tutto, molto inclini a privilegiare il lato etico ed estetico della vita, e non si fa fatica a credere che non amino disperdere le loro energie in "passatempi" più o meno disinvolti, essendo una loro tendenza innata e poi coltivata quella di cercare che ogni loro cosa e attività abbia "un senso compiuto", una "dignità" assicurata dallo spessore.
Credo che tu abbia centrato un punto importante, ossia che quelle loro affermazioni non sono del tutto vere. Cio' non toglie che in alcuni casi lo siano veramente. C'e' pero' un dettaglio che reputo importante sottolineare: e cioe' che quei discorsi non sono usciti dalla bocca di uomini "non colti". Per esempio muratori, imbianchini, carrozzieri o meccanici, ovvero uomini non abituati a riflettere su tutto ma semplicemente a faticare e a sopravvivere. Quindi uomini molto piu' spartani, rudi e maschili.
Scorpion is offline  
Vecchio 02-04-2008, 19.42.42   #135
Scorpion
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-02-2008
Messaggi: 84
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Risulta anche a me che sia alta la percentuale di donne che dice di non essere soddisfatta dal sesso.
Però continuo a chiedermi se il loro (vero) problema sia.... che non è stato centrato il punto G, OPPURE che non è stato neanche intravisto (dai rispettivi partners) quel sogno di fusione e intimità REALE che loro (donne) agognano con tante belle speranze NEL sesso.
D'accordo, ma a me risulta che esiste pure un'alta percentuale di uomini non soddisfatti dal sesso, perche' non se ne parla? Perche' si evidenziano sempre, solo e comunque, le problematiche femminili?
Scorpion is offline  
Vecchio 02-04-2008, 19.47.37   #136
Scorpion
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-02-2008
Messaggi: 84
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Elijah
Immagino, presumo comunque che ciò che ti ha bloccato veramente non era il tuo aspetto fisico, ma il come tu ti vedevi (i tuoi pensieri su di te) e come tu credevi di essere visto (lettura dei pensieri altrui).
No, non e' cosi'. Checche' se ne dica, la bellezza estetica esiste, ed io, al pari di qualsiasi altra persona onesta con se stessa, so cosa e' bello e cosa e' brutto, so cosa piace e cosa non piace.
Scorpion is offline  
Vecchio 02-04-2008, 19.53.35   #137
chlobbygarl
Lance Kilkenny
 
Data registrazione: 28-11-2007
Messaggi: 362
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Thunder
Ci sono poche cose così degradanti per la psiche di un uomo di veder castrato il proprio bisogno di affermazione virile.
Il tuo bisogno di affermazione virile non può soddisfarlo nessuno se non te stesso.La virilità non chiede ad altri di permetterle di affermarsi.Non ho letto tutto il thread ma sembrano davvero incredibili 10 pagine di consigli che non vuoi o che non sai utilizzare.Non so se te lo hanno già scritto ma un uomo che si lamenta della crudeltà femminile, che permette chissà come alle donne di castrare il proprio bisogno di affermazione virile, è un uomo innanzitutto debole.La debolezza non è un peccato ovviamente, ma bisogna iniziare a lavorarci partendo dal suo riconoscimento.Se questo riconoscimento diventa invece vittimismo è finita, troverai sempre motivi a cui appigliarti per non rialzarti più.Le donne possono essere tutto quello che vuoi e tutto quanto è stato scritto qua, ma se hai palle nessuna donna deve essere in grado di castrarti.Se non ce le hai trova il modo di fartele sennò saranno .azzi amari.
chlobbygarl is offline  
Vecchio 02-04-2008, 22.56.55   #138
Cravo&Canela
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-04-2007
Messaggi: 73
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Elijah

Immagino che la tendenza sarà di considerarti - ahimè - una donna materasso. Ma con questo non sto dicendo che io la pensi allo stesso modo.

In che senso " donna materasso"?
Cravo&Canela is offline  
Vecchio 03-04-2008, 00.53.06   #139
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Elijah

Credo che tu abbia preso un punto base scorretto per i tuoi discorsi.
..................
Dunque ha senso di dire alle persone di essere sé stesse solo fino a quando si è certi che non abbiamo a che fare con problemi di ansia o altro ancora.
..................

Il tuo discorso è perfetto per chi non è finito in un circolo vizioso, in un vicolo cieco. Thunder afferma di essere in una situazione del genere. Quindi dirgli: sii te stesso e vedrai che tutto andrà bene, mi dispiace, ma credo che non sia sufficiente per superare il problema in modo definitivo.

Ti dò la mia parola d'onore che quelli che dicono "sii te stesso" (e basta)... mi ispirano così poca fiducia.... che non posso fingere d'aver voluto dire questo, perchè non mi sopporterei io per prima.

Oltretutto... se uno che davvero teme il giudizio femminile volesse esser "sè stesso" fino in fondo.... probabilmente (per esserlo davvero) dovrebbe addirittura evitare d'incontrar donne, giacchè - prendendosi per buono così com'è - sa con certezza che quel contatto gli crea disagio.

Quel che realmente mi ero permessa di suggerire, invece, era un pochino diverso e partiva da una puntata prima (Chlobbygarl l'ha detto in modo più diretto di me, ma mi sembra che partiamo dalle stesse premesse e arriviamo alle stesse conclusioni). E cioè : tu, Thunder, non sei vittima di altri che del tuo punto di vista; non sei vittima "delle donne" e mai potresti esserlo... perchè il mostro antropomorfo "le donne" non esiste! Non esiste un'entità che si chiama "le donne". Esistono milioni di donne e nessuna uguale all'altra. Tra queste.... sarebbe da ridere se non fosse da piangere.... magari qualcuna ha avuto "paura di te" mentre tu avevi paura di lei (per esempio).

E allora: benissimo lavorare su sè stessi, se questo significa alzarsi e camminare fino a conquistare nuovi e più panoramici punti di vista. MA : lavorare su se stessi per conquistarsi prospettive intime più rasserenanti non ha nulla in comune con il tenersi il punto di vista chiuso da una parete rocciosa... e imparare a "fingersi normali" : ossia restar lì, con la roccia grigia davanti.... e , da un libro con belle foto di paesaggi, allenarsi a descrivere vallate e pianure a perdita d'occhio per saperne parlare "con normalità".
Non le descrivi molto meglio se ti alzi, cammini, e raggiungi il punto in cui LE VEDI DAVVERO?
Insomma, per stare meglio : avere nel taschino il prontuario della "cosa giusta" da dire e da fare (continuando a sentirsi una monnezza che "ci prova" a sembrar meglio), e dunque confidare nella pura e semplice RECITA di una "normalità" che non c'è....OPPURE.... alzare prima la testa e poi lo sguardo per cominciare a guardare sè stessi e il mondo , anzichè continuare a rimuginarlo a capo chino ed occhi chiusi?

Torno al senso generale assunto dalla discussione, restando su questo esempino piccolo e sciocco ma utile : Thunder ne "le donne" (entità inesistente) vede quella roccia grigia che gli chiude ogni visuale. Milioni di donne (esistenti) tutte diverse l'una dall'altra sono le pianure e vallate lussureggianti che lui - oggi - non vede.
Realistico e solidale (per me) è invitarlo a considerare che CI SONO, e magari aggiungere che tra quelle pianure e vallate ci sono anche fossi e dirupi insidiosi e anche discariche e sabbie mobili, e infine ricordargli che l'esser caduto in qualche dirupo e fosso è successo a quasi tutti.
Ma non trovo per nulla realistico nè solidale rafforzare la convinzione IRREALE e dannosa che esista davvero la roccia grigia chiamata "le donne".
Che infatti, CVD, lascia quel capo chino, lascia quegli occhi chiusi, e rafforza all'istante il vittimismo letto da Chlobby.

A chi giova?

-----------------
Che, poi, guardata da altro punto di vista, questa discussione mi sembra riassumibile così :
Thunder chiede "dove sono sbagliato io?".
Alcuni rispondono "non sei sbagliato tu: sono sbagliate "le donne".
Thunder afferra al volo. Immagino ci sia anche un beneficio momentaneo.

Quello che è strano son le conseguenze pratiche se si resta coerenti alla verità così acclarata, e cioè:
Thunder non si sposta di un millimetro, perchè non c'è nulla di "sbagliato" da rivedere.
"Le donne" non si spostano di un millimetro. Anzi, visto che si tratta di un solo gigantesco mostro, è più esatto dire che "le donne" non si sposta di un millimetro. E certo, che non si sposta, povero mostro! Mica per cattiveria! E' che... come fa a spostarsi quello che non c'è?

Ergo: mi sa proprio che non si sposta NULLA di un millimetro rispetto a non so quante pagine fa.
donella is offline  
Vecchio 03-04-2008, 09.09.13   #140
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Scorpion
D'accordo, ma a me risulta che esiste pure un'alta percentuale di uomini non soddisfatti dal sesso, perche' non se ne parla? Perche' si evidenziano sempre, solo e comunque, le problematiche femminili?

Scusa Scorpion, ma chi mai ha impedito o si è rifiutato di parlarne?

Se volessi aprire una discussione con questo tema, credo che sarebbe frequentatissima e desterebbe grandissimo interesse e partecipazione in tutti (uomini e donne).

Penso che non se ne stia parlando qui, semplicemente perchè sarebbe un divagare rispetto al tema proposto da Thunder. Il quale, anzi e addirittura, sembrerebbe più che attratto e soddisfatto dal sesso per sè stesso... individuando il suo vero problema soltanto nel "come" raggiungerlo.
Che, poi, anche su questa scissione, mi sembra che si potrebbe riflettere a lungo; per me, per esempio, (e qui sono molto d'accordo con concetti che tu hai espresso sopra riguardo al sentire femminile) è praticamente impossibile pensare "al sesso" in quanto tale, perchè è un termine che mi si riempe di colori del tutto diversi esclusivamente in funzione del partner a cui lo riferisco. Insomma: non è "il sesso" ad essere dotato di un colore suo, bensì assume il colore che ogni coppia riesce ad evocare.
donella is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it