Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 29-03-2008, 19.02.05   #71
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Cravo&Canela
E tu vorresti una che ti giudica per quante ex hai avuto?
Da come parli, sembra che tu veramente ti cerchi le persone più vuote e superficiali di questo mondo. Per questo prendi solo due di picche.
Brava, a quanto pare anche tu sei l'ennesima prova provata che la "superiore sensibilità femminile" è soltanto una leggenda metropolitana, che va sfatata al più presto.
misterxy is offline  
Vecchio 29-03-2008, 19.12.19   #72
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Thunder
La mia situazione è anche figlia dell'ipocrisia delle donne,e sopratutto del fatto che mi sia fidato troppo spesso dei loro buoni consigli,che guarda caso non trovano mai riscontro nel mondo reale.
Caro amico, io sono nato nel 1965, mi occupo di certe tematiche da molti anni e di donne ne ho conosciute parecchie (in tutti i sensi), perciò so bene da dove proviene il tuo disagio; diciamo pure che le femmine e l'ipocrisia vanno di pari passo. Sicché, non aspettarti da parte loro la benché minima autocritica. Sappi che quando si tratta di queste cose le donne non si assumono mai la responsabilità di nulla. Per loro il colpevole di tutto è sempre l'uomo.
misterxy is offline  
Vecchio 29-03-2008, 21.43.11   #73
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: Le donne... un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Thunder
Ormai vivo con l'incubo delle donne: continuo a desiderarle ardentemente ma allo stesso tempo ho il terrore di loro, ovvero che mi rifiutino di nuovo, che mi percepiscano come sfigato. Di conseguenza sono bloccato da un immobilismo più o meno perenne, terrorizzato dal fatto che un ulteriore fallimento potrebbe portarmi sulla via della crisi isterica, del crollo nervoso o addirittura del suicidio.

Ormai ho paura persino di fare una telefonata ad una ragazza
[...]
Insomma sono in un tunnel e non so come uscire dalla mia ossessione!!!

Il filosofo greco Epitteto disse ai tempi:
Non sono le cose a far paura all'uomo, ma il modo in cui l'uomo pensa alle cose.

Mutando le sue parole:
Non sono le donne a farti paura, ma il modo in cui tu pensi a loro.

(donna -> emozione; questo è quanto tu magari pensi che accade)
(donna -> pensiero -> emozione; questo è quello che in realtà succede; se impari a controllare il tuo pensiero, puoi regolare anche le tue emozioni [positive o negative], le tue paure, ecc., quando incontri delle donne nuove)

Sai perché ti ritrovi in un circolo vizioso senza uscita?

Per il semplice fatto che ogni volta che tu incontri una donna pensi automaticamente ad un numero elevato di cose negative come: fallirò di certo, non sono all'altezza, sicuramente troverà in me qualcosa che non va, sono uno sfigato, ecc. Cose che ti inducono inevitabilmente al fallimento (il potere della mente è più grande di quanto uno possa immaginare).

Abbiamo a che fare con i famosi "pensieri automatici negativi", e le famose distorsioni cognitive (tutto o nulla, lettura del pensiero altrui - pensare che gli altri pensano male di te -, ipergeneralizzazione - visto che una cosa non va bene, allora sei una frana in tutto -, personalizzazione - credere che le persone si comportino sempre e comunque in un determinato modo a causa dei propri atteggiamenti o di come si è -, doverizzazione - i famosi imperativi: devo! -, squalificare il positivo - notare solo quanto non va, dimenticandosi di cosa funziona -, catastrofizzazione - immaginarsi già l'esito negativo di un incontro prima ancora di averlo affrontato -, ecc.)

Hai imbucato una via tortuosa...

Più che darti consigli per come uscirne, ti consiglio alcune letture che potresti fare, se hai voglia, tempo e denaro. Letture che vanno in realtà anche un po' al di là del tuo problema con le donne, ma che ti possono lo stesso dare molto - dal mio punto di vista chiaramente:

Autostima, assertività e atteggiamento positivo (I fondamenti e la pratica della crescita personale)
Il timore degli altri (Libro "auto-aiuto" in realtà fatto per chi soffre di fobia sociale, cosa che non mi pare il tuo caso - nonostante parli di paura, timore, ansia, incubo, ecc. -, ma ti può tornare assai utile per imparare a controllare i tuoi pensieri automatici negativi quando incontri le donne e mutarli con dei pensieri positivi, costruttivi, edificanti: la base per far sì che le cose vadano bene)

Letture magari più intriganti per te e che non riguardano solo il sesso (come potrebbe sembrare dai titoli), ma che parlano anche del come cercare di piacere ad una donna al di fuori dal letto:
Come farla impazzire a letto (Tutto ciò che le donne vogliono, tutti i modi per soddisfarle)
Rendila felice (Questo è un libro che non ho trovato male sul sesso, cosa fare per soddisfare le donne a letto, in caso ti sentissi insucuro al riguardo e desideri saperne di più. Un libro equilibrato, che dà delle buone dritte - a mio avviso)
Generazione sex (Un libro che dà una panoramica generale sul mondo sessuale. Al riguardo vorrei dire che sapere è potere. Noto sovente persone che hanno già diversi anni d'esperienza sessuale alle spalle che però non sanno quasi nulla di sesso, cosa che mi lascia piuttosto perplesso. Sapere come fare sesso [buono e sicuro] non è un qualcosa di innato, che uno sa a priori. Trovo insomma insensato chi non si informa sul tema sesso acquisendo una buona base teorica per poter apprezzare al meglio questa sfera una volta che deve affrontare la pratica)

Ma ascoltami, alla fin fine fai come vuoi. Per me già il fatto che ti sembra di avere un problema mi fa un po' sorridere (ma in senso buono ). I problemi veri sono altri - almeno per me. La vita può dare molto anche senza vivere esperienze sessuali o amorose. Basti pensare ai campi umanitari, ai volontariati, al fare del bene, ad aiutare il proprio prossimo, a quanto insomma queste esperienze possano dare molto.
E sai una cosa?
Per conquistare una donna non importa molto il tuo passato sessuale. Importa a mio modo di vedere molto di più chi tu sei nella vita di tutti i giorni. Dedicare parte del proprio tempo ad un volontariato - ad esempio - ti assicuro che ti fa sembrare una persona in gamba, seria, con un cuore, una persona amabile, e apprezzabile. A queste cose le donne con un po' di testa ci danno peso.
Ricordati insomma che le donne più interessanti non le incontri e conosci in discoteca, ma le incontri svolgendo attività umanitarie (o altre attività ancora; non so che genere di hobbys hai, ma se non ne hai sarebbe il tempo di crearsene qualcuno). Così almeno la penso io.

Pace e bene.
Elijah is offline  
Vecchio 30-03-2008, 00.53.22   #74
xman
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-07-2007
Messaggi: 43
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Cravo&Canela
.
Gli italiani non fanno sentire la donna importante, quando passa una donna per strada, neanche la degnano di uno sguardo...e dopo vi lamentate se le donne si rivolgono agli stranieri? Cavolo, loro ti sussurrano " ciao bella, quanto sei bella" dietro...è chiaro che una donna che non se l'è mai sentito dire ci cade subito...
La mia esperienza personale mi porta a dire che c'è un metodo infallibile per determinare se una donna è straniera o italiana:
se si sussurra: "ciao bella, quanto sei bella" e quella vi lancia un'occhiata sprezzante o si gira dall'altra parte e affretta il passo allora è italiana senza dubbio. Se vi sorride e vi saluta allora non può che essere straniera.
Questo almeno a Roma.
E' un metodo testato, ha una validità nel 99% dei casi ed è approvato dal 50% della popolazione residente a Roma (stranieri inclusi). Naturalmente sto parlando della totalità degli uomini.
xman is offline  
Vecchio 30-03-2008, 01.31.09   #75
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
1- Per quanto mi riguarda non ho mai sofferto di depressione. Nondimeno, le appartenenti al sesso femminile me li hanno fatti girare spesso e volentieri.
E' raro, molto raro, trovare una donna veramente libera e non ipocrita. Ancora più raro è trovarne una che riesca a vivere bene il sesso, senza la solita infinita serie di masturbazioni mentali, che esse puntualmente trasferiscono all'uomo che hanno accanto, provocando in lui anche uno spaventoso calo della libido...

2- No, guarda, stai toppando alla grande. Le donne non sono per me "un incubo", ma figuriamoci. I miei incubi sono le scadenze di fine mese, le bollette da pagare, le rate della banca, insomma il dinero... Mentre in passato lo sono stati il cancro di mia madre, le malattie vascolari di mio padre con conseguente amputazione della gamba destra e infine la loro prematura morte.
Eh, cara Mary, magari fossero state le donne il mio problema N°1...

Riguardo alla questione delle donne violentate, ti chiedo: ma tu lo sei mai stata? E quante ne conosci che hanno realmente subìto tali violenze?
Oppure vorresti farmi credere che la gran parte delle donne, se non quasi tutte, sono sistematicamente violentate dagli uomini? Stai scherzando, vero? No, perché di rimando, potrei parlarti di quei bambini che vengono maltrattati e uccisi dalle proprie madri. In merito, sei a conoscenza del fatto che la maggior parte degli infanticidi è opera delle donne-madri anziché dagli uomini-padri? E lo sai che queste madri infanticide nel 65% dei casi uccidono dei bambini di sesso maschile...? E già che ci siamo, vogliamo pure parlare degli stupri psicologici delle donne sugli uomini? Stupri che a volte possono indurre un uomo al suicidio? Oppure credi che non esistano solo perché non si vedono e nella nostra società non se ne parla? O meglio, non ne parla chi dovrebbe, cioè gli intellettuali (dicasi pure i cagnolini maschi al servizio delle Padrone...).

Ah, a proposito, tu scrivi:
"Ma di uomini che volevano da me sesso e sesso ne ho incontrati a bizzeffe. Non che tutti mi saltassero addosso ma ho dovuto difendermi da sempre".
Pensa che io, ogni 2x3 (...), sento delle donne che si lamentano "perché gli uomini non ci provano più"... oppure perché "non esistono più gli uomini di una volta", etc. etc. Tanto è vero che molte di esse si rivolgono poi agli extracomunitari, ovvero a quel genere di uomini che le femministe occidentali hanno combattuto per decenni... Insomma, tutto e il contrario di tutto. Ma ancora più "divertente" è che in ogni dove si narra che oggi sarebbero le femmine a dare la caccia ai maschi (nelle chiacchiere e nei film americani, ovvio...).



beh riprendendo il discorso, non penso che mary intendesse che tutte le donne siano o meno state violentate o aggredite.
Che tu conosca delle donne che ti dicono che non sono state violentate, questo non toglie che ci siano parecchie donne che hanno subito questa sorte.

Poi commentando il tuo commento che dice che molte donne si lamentano degli uomoni certo ne conosco molte anch'io di donne che si lamentano che non sono corteggiate come una volta, ma diciamo chiaro che dipende cosa intendono.
Si perchè se la figlia di fantozzi mi dice che non viene corteggiata ce un motivo...
ma anche le belle dicono questo perchè si lamenano della mancata galanteria degli uomini, ovvero delle maniere delicate che una volta (pensano loro) ci fossero ed ora sembrerebbe non esserci più.
e donne di solito si lamentano della qualità della relazione con gli uomini, mancanza di galanteria, educazione, ecc...
in vita mia non ho mai sentito una donna di aspetto normale lamentarsi del poco sesso, quello se voglino ne trovono in quantità industriale, quello che cerano è la soddisfazione di certi bisogni emotivi,affettivi che non sono collegati al sesso.
bomber is offline  
Vecchio 30-03-2008, 12.13.43   #76
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

qual'e' stato il percorso "emancipativo" delle donne negli ultimissimi decenni?

rivalsa e competitivita..da qui un voler assumere atteggiamenti che tendono a voler assomigliare piu alle caratteristiche maschili perdendo poi le proprie femminili..da quel punto in poi e' nata la diffidenza quasi assoluta nei confronti degli uomini, a volte addiritura disprezzo, che ha indotto le donne a mascolinizzarsi sempre più (dentro) e ad accentuare gli attributi femminili che sanno aver potere sui maschi (fuori). Per il potere, credo, snaturando tutto e regalando infelicità a tutti.

ovvio che poi ce chi non sogna piu ma gli vengono solo gli incubi!
acquario69 is offline  
Vecchio 30-03-2008, 13.23.09   #77
Cravo&Canela
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-04-2007
Messaggi: 73
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
1- Ma perché, toglimi una curiosità, di solito le donne italiane sanno sedurre?
Cos'è, una barzelletta? Casomai mostrano e provocano molto, questo sì, ma per il resto...? Te lo dico io: siete tutto fumo e niente arrosto, nonché anti-erotiche, perciò cosa pretendete? La luna, forse?

2- Tu scrivi:"Gli italiani non fanno sentire la donna importante, quando passa una donna per strada, neanche la degnano di uno sguardo"...
... proprio sicura? No, sai, perché non è da escludere che l'Umbria sia un altro mondo (...), ma a me non risulta proprio che gli italiani non facciano sentire la donna importante (molti di essi si salassano pure economicamente per "farvi sentire importanti"...), men che meno che non vi degnino di uno sguardo. Anzi, molto spesso siete proprio voi femminucce a non desiderare quegli sguardi, mostrando un evidente, palese, chiaro fastidio quando un uomo vi guarda, perché magari indossate una minigonna girof*** oppure dei pantaloni che definire "a vita bassa" è un eufemismo... capito? Magari sarebbe il caso che iniziaste a fare una sana autocritica e ad essere un po' meno diffidenti e scostanti nei confronti dei vostri connazionali. Volendo, potreste andare anche a scuola di seduzione da qualche brasiliana o colombiana...

L'hai appena detto...vedi che preferisci una "brasiliana o colombiana" rispetto ad un'italiana?? Che anche tu sei del club "appena vedo una straniera impazzisco e mi faccio salassare economicamente"? Le brasiliane seducono solo perchè sono più brave a letto? O perchè c'hanno il fondoschiena più ritto e sodo delle italiane? O per quale altro motivo? Di brasiliane caro mio, ne conosco a bizzeffe, molte seducono gli uomini italiani senza farsi nessuno scrupolo solo per spillare loro tutti i soldi e poi li riempiono di corna con altri brasiliani loro connazionali. Guardati intorno. Quanti matrimoni ci sono tra straniere poco più che 20enni e italiani ultrasettantenni, ma anche quarantenni? Cosa credi che a queste ragazze piaccia davvero un uomo di 70 anni...o ci stanno solo in cambio di soldi? E voi ci cascate solo perchè vi seducono! Voi poveretti non guardate all'interiorità di una persona, all'intelligenza di una donna, se quella donna vi vuole bene o meno, vi ama per come siete e non per le vostre finanze...a voi basta una cretina che vi sculetta davanti per perdere la testa e anche i soldi! E poi andate a piangere perchè la straniera di turno vi ha ridotto all'indigenza?? Ma per favore.

Cmq, anche voi italiani dovete andare a scuola di seduzione da qualche brasiliano ( il mio ragazzo difatti è brasiliano). Al contrario che i brasiliani con una donna con la minigonna a girof...come hai detto te, ci vanno una notte e poi le tirano un bel calcio nel sedere. Invece voi vi limitate solo a guardare le donne vestite sconciamente e perdete la testa per quelle, mentre quelle tipo me ( che mi sono sempre vestita sobria, e non faccio versi da poco seria) sono solo degli alberi camminanti incapaci di sedurre...gli italiani.


Siete molto superficiali, guardate solo all'esteriorità. L'interiorità di una donna non vi interessa minimamente. Invece di guardare quelle con la minigonna corta, guardate quelle vestite seriamente. Forse quelle non rifiuteranno il vostro sguardo. E' che le donne serie, qui in Italia, nessuno le considera niente.
Cravo&Canela is offline  
Vecchio 30-03-2008, 13.27.04   #78
Cravo&Canela
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-04-2007
Messaggi: 73
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Brava, a quanto pare anche tu sei l'ennesima prova provata che la "superiore sensibilità femminile" è soltanto una leggenda metropolitana, che va sfatata al più presto.

Scusa ma questa me la devi spiegare...
Cravo&Canela is offline  
Vecchio 30-03-2008, 13.34.53   #79
Cravo&Canela
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-04-2007
Messaggi: 73
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Caro amico, io sono nato nel 1965, mi occupo di certe tematiche da molti anni e di donne ne ho conosciute parecchie (in tutti i sensi), perciò so bene da dove proviene il tuo disagio; diciamo pure che le femmine e l'ipocrisia vanno di pari passo. Sicché, non aspettarti da parte loro la benché minima autocritica. Sappi che quando si tratta di queste cose le donne non si assumono mai la responsabilità di nulla. Per loro il colpevole di tutto è sempre l'uomo.

Scusa, intervengo un attimo...non è vero che è sempre colpa dell'uomo di tutto. Ci sono donne che effettivamente non capiscono niente e sono ipocrite, ed ovviamente quelle sono le prime a non ammettere i propri errori.
Io credo che l'ipocrisia non abbia distinzione di sesso...per la mia esperienza posso dirti che io sono stata ripetutamente ferita e tradita dagli uomini, tanto che adesso ne sono abbastanza diffidente,e tengo gli occhi ben aperti anche con il mio ragazzo. Non mi aspetto niente dagli uomini, solo brutte sorprese. L'amore per me non ha più quella magia di una volta.
Io ho fatto di tutto, mille sforzi per stare con loro, ho dato loro tutto il mio cuore e loro mi hanno soltanto mollato per andare con altre donne.
Un altro stava a 90 km di distanza da me, ero sempre io a muovermi per andare nella sua città a trovarlo, sempre io a fare sforzi, di punto in bianco mi ha lasciata senza una spiegazione.
Ovviamente i miei erano ragazzi che non valevano niente e che i miei genitori molte volte mi avevano sconsigliato di frequentare. Gente che è meglio perdere piuttosto che trovare.
Io potrei dire le stesse cose degli uomini no? In effetti ogni uomo che trovo non fa altro che confermare le mie idee.
L'ultima ieri sera: ero in pizzeria con i miei...e c'era in un altro tavolo un ragazzo insieme alla sua ragazza, e lui mi guardava continuamente pur avendo la ragazza accanto. Ho provato dolore per quella ragazza.
Cravo&Canela is offline  
Vecchio 30-03-2008, 14.03.41   #80
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Mi permetto di esprimere un giudizio un po' forte: non credo la discussione sia condotta in modo realistico.
Se vogliamo generalizzare va bene, ma io trovo che dobbiamo decidere qual è il punto di vista.

Se partiamo dal presupposto, come fa Elia, o Mary, o altri, di guardarsi dentro e poi guardare dentro l'altro/a arriviamo a risultati di un certo tipo, e come dice Benni... prima o poi l'amore arriva.

Se ne facciamo una questione di esteriorità, credo le cose cambino.
Io sono donna, spesso in strada mi fanno complimenti, spesso sorrido, spesso ringrazio. Poi proseguo per la mia strada, che percorrevo per altri motivi e non per essere sedotta da chicchessia.
Se il complimento, o le occhiate, provengono da un gruppo di uomini, abbasso lo sguardo e tiro dritto, non perché sono "superba" ma perché sono imbarazzata e anche un po' spaventata.
In ogni caso, ed in tutta onestà, l'approccio "on the road" funziona se sei George Clooney, sennò ti puoi risparmiare la fatica.
E prima che arrivino critiche dagli uomini, li invito a considerare quali siano le donne a cui rivolgono i loro approcci.
Io mi sono spesso trovata in imbarazzo presentando ad alcune tipologie di amici, amiche, definite dai medesimi uomini "bruttarelle" (per non dire di peggio), e che sono state con molta superficialità snobbate (per non dire di peggio).
Allora, prima di giudicare, domandiamoci cosa o chi stiamo cercando: perché se vogliamo che l'altro guardi dentro di noi, allora anche noi dobbiamo guardare dentro l'altro.
Se poi uno pretende di trovare una uguale alla Bellucci, dolce, tenera, sessualmente disponibile, intelligente, e che si innamori di lui pure se non ha nessuno degli attributi fisici, caratteriali e di prestigio per piacere, allora nono stiamo a vaneggiare che siano le donne a cercare il principe azzurro...
nevealsole is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it