Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 04-04-2008, 01.14.52   #151
robbybass
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-03-2008
Messaggi: 101
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Ciao,cosa importa poter avere 10.000 donne se te ne interessa solo una?
Io mi sono chiuso in camera con foto musica e tutto quello che mi ricordava
il mio amore non corrisposto.Ho chiesto aiuto e ho cominciato a piangere.
Non solo per lei,ma per me.Ho cominciato a vedere chi ero.....
Non mi sarei mai sognato di stare con me se fossi stato la peggio donna sulla terra.Ora sono felice,ho una donna bellissima in tutti i sensi,non la devo
trattenere perchè nessuno può capirla come me.Mi conosco,la conosco.
Prepara i clinex.
robbybass is offline  
Vecchio 04-04-2008, 09.27.31   #152
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
..basta con quest'incubo!

Citazione:
Da Robbypass:
Ora sono felice,ho una donna bellissima in tutti i sensi,non la devo
trattenere perchè nessuno può capirla come me.Mi conosco,la conosco.
Prepara i clinex.


Ciao Robbypass
Finalmente una bella e commovente testimonianza.. un bel dato di fatto che ci tira su di morale.. alla faccia degl'incubi!

..hai scritto poche parole ma dicono tutto!

Buon cammino a tutti e due..
veraluce is offline  
Vecchio 04-04-2008, 16.42.41   #153
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Ascolta, quanto sostieni non è del tutto vero, perché la bellezza è "anche soggettiva", ma niente affatto "soggettiva".
In merito leggi quanto segue.
L'articolo parla solo del viso (i suoi caratteri somatici), io parlavo dell'essere magri o grassi, dell'essere abbronzati o meno, dell'avere capelli lunghi o corti, ecc.

Una donna magra e abbronzata era mal vista tempo fa, per il semplice fatto che erano entrambe caratteristiche di chi lavorava all'aperto (schiave), e non di chi faceva parte del ceto alto della società.

Essere bianchi (pallidi) era vista come una caratteristica bella, come anche avere le curve abbondanti (sinonimo di avere tanto cibo con cui sfamarsi, e quindi soldi).

In tal senso la bellezza cambia con il mutare della società e dei modelli da essa proposti.

Anche un neonato che magari dà segni di preferire certi visi piuttosto che altri può cambiare parere crescendo, se un certo viso gli ricorda un brutto evento, o qualcosa di spiacevole, o se una certa caratteristica viene improvvisamente vista dalla società in modo negativo (i baffi alla Hitler non sono più tanto considerati in modo positivo, dopo quel che ha combinato quel personaggio; eppure un tempo erano considerati belli).
Elijah is offline  
Vecchio 04-04-2008, 19.10.22   #154
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Elijah
L'articolo parla solo del viso (i suoi caratteri somatici), io parlavo dell'essere magri o grassi, dell'essere abbronzati o meno, dell'avere capelli lunghi o corti, ecc.

Una donna magra e abbronzata era mal vista tempo fa, per il semplice fatto che erano entrambe caratteristiche di chi lavorava all'aperto (schiave), e non di chi faceva parte del ceto alto della società.

Essere bianchi (pallidi) era vista come una caratteristica bella, come anche avere le curve abbondanti (sinonimo di avere tanto cibo con cui sfamarsi, e quindi soldi).

In tal senso la bellezza cambia con il mutare della società e dei modelli da essa proposti.
Ho già avuto modo di scrivere che la bellezza è "anche soggettiva", perciò...
In merito riporto un altro articolo, pubblicato su SCIENZA & VITA, nell'agosto del 1996.


LA BIOLOGIA DELLA SEDUZIONE
In quale modo percepiamo la bellezza
e perché noi le attribuiamo importanza?
E cosa rende un essere umano molto più
attraente di un altro? La risposta è un
istinto antico: si chiama lotta per la sopravvivenza



Vinca il più bello

"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace". Alzi la mano chi non ha mai fatto ricorso a questa frase fatta per esprimere la propria disapprovazione estetica sul nuovo fidanzato dell'amica del cuore o sulla futura sposa del cugino così attraente e fascinoso che, a detta di tutti i membri della famiglia, avrebbe sicuramente meritato una compagna per la vita meno insignificante.
Ebbene, mai affermazione fu più scorretta e arbitraria, almeno stando alle ultime ricerche scientifiche sulla bellezza. Sì, perché ora anche gli scienziati hanno deciso di dedicarsi allo studio di questa entità evanescente e indefinibile che da sempre affascina l'umanità, come sottolinea Nancy Etcoff, una neuroscienziata del Media Lab del Massachusetts Institute of Technology. "Sfido chiunque" afferma la studiosa "a indicare una società, rintracciabile in qualsiasi momento storico o in qualsiasi parte del mondo, in cui non ci si preoccupi della bellezza".

E' colpa dei media?

Come dicevamo, le ricerche attuali confutano proprio il luogo comune secondo cui gli ideali di bellezza variano da epoca a epoca e da cultura a cultura, se non da persona a persona.
Un esempio emblematico al riguardo è l'esperimento condotto da alcuni ricercatori dell'Università di Louisville, negli Stati Uniti, che hanno selezionato una serie di volti con diverse caratteristiche somatiche, o molto regolari e fini, oppure decisamente pronunciate, e li hanno mostrati a persone di diverse razze. Sembra strano, ma il background etnico ha avuto ben scarsa influenza sulle preferenze estetiche espresse dai soggetti esaminati, i quali hanno invece mostrato una certa comunanza di gusti al di là delle differenze etniche e culturali. Per i nemici dell'omogeneizzazione culturale potrebbe trattarsi dell'ennesima conferma del fatto che la cultura occidentale sta monopolizzando l'intero pianeta attraverso l'uso dei mass-media. Ma un altro studio, sempre compiuto negli Stati Uniti, sembra smentire questa tendenza "forzata" verso l'uniformazione dei gusti in fatto di bellezza.
Alla fine degli anni Ottanta Judith Langlois, una psicologa dell'Università del Texas, scelse un certo numero di neonati di età compresa fra tre e sei mesi e sottopose al loro giudizio verosimilmente ancora "spontaneo" diverse fotografie riproducenti volti di donne bianche.

Chi è il più bello

Le immagini non venivano mostrate ai bambini tutte insieme, ma due alla volta. Le coppie di foto erano state scelte con un criterio ben preciso: una riproduceva un volto considerato attraente secondo il gusto della maggioranza degli adulti, mentre l'altra ritraeva una persona non propriamente bella. Dalla prima serie di osservazioni risultò che i neonati fissavano lo sguardo più a lungo sulle foto delle donne considerate più attraenti anche dagli adulti. Incuriosita da questo atteggiamento, la psicologa decise di ripetere la prova usando volti di uomini bianchi, donne nere e persino di altri bambini. Anche in questo secondo esperimento i gusti dei neonati risultarono essenzialmente coincidenti con quelli dei grandi. In che cosa consiste dunque la bellezza? Possiamo affermare con sicurezza che ci sono regole innate, ovvero scritte nei geni, che determinano il comportamento che seguiamo nel valutarci a vicenda e nel scegliere i nostri partner?

Tu ami la simmetria

Rispondere a questa domanda non è certo facile. Un aiuto in questo senso viene però dalle ricerche portate avanti da Randy Thornhill, un etologo americano che fino a qualche anno fa si dedicava esclusivamente allo studio delle mosche scorpione giapponesi. Seguendo quotidianamente le lotte di questi insetti, Thornhill scoprì che gli esemplari dotati di ali più simmetriche, quindi i più belli, se la cavavano meglio in tutte le competizioni per il cibo e per l'accoppiamento. Lo scienziato stabilì inoltre che le femmine mostravano una netta preferenza per i maschi dotati di un corpo simmetrico anche quando non riuscivano a vederli: evidentemente le caratteristiche somatiche più regolari si traducono in un odore più gradito alle rappresentanti del gentil sesso alato. Alla luce di questi sorprendenti risultati, Thornhill decise che valeva la pena di studiare più da vicino anche la nostra specie. In collaborazione con lo psicologo Steven Gangestad cominciò a esaminare la "questione simmetria" in centinaia di studenti universitari di entrambi i sessi. Alla valutazione delle caratteristiche somatiche seguì la compilazione di un questionario confidenziale in cui i soggetti indagati dovevano rispondere a domande di carattere riservato, riguardanti in particolare le abitudini sessuali. I collegamenti riscontrati tra il comportamento a letto e l'aspetto fisico sono stati sorprendenti: si è scoperto, per esempio, che i maschi con caratteristiche somatiche più simmetriche avevano iniziato l'attività sessuale prima rispetto a quelli "asimmetrici". Inoltre, sia per gli uomini sia per le donne, la maggior simmetria coincideva con l'aver avuto un maggior numero di partner.
Tutto ciò non deve sorprendere perché le persone attraenti, ovvero le più simmetriche secondo quanto visto, hanno una caratteristica che li accomuna: la normalità, requisito estremamente importante anche dal punto di vista evolutivo.

La legge degli ormoni

Infatti, come sottolinea Judith Langlois, "gli individui normali, cioè dotati delle caratteristiche tipiche della popolazione media, dovrebbero avere meno probabilità di essere portatori di mutazioni genetiche dannose". La normalità serve quindi a favorire la prosecuzione della specie.
Anche gli studiosi che si occupano di psicologia evolutiva hanno molto da insegnarci in tema di bellezza: questi scienziati hanno scoperto che i tratti del volto che ci attirano di più sono proprio quelli che differenziano i maschi e le femmine durante la pubertà, il periodo dell'esistenza che coincide con una grande produzione di ormoni sessuali. Secondo gli psicologi evolutivi, l'esplosione ormonale tipicamente adolescenziale sarebbe un ottimo indizio delle potenzialità di un individuo ai fini del buon esito dell'accoppiamento. In particolare, la mascella piccola che gli uomini prediligono nelle rappresentanti del gentil sesso è fondamentalmente un "monumento" agli estrogeni (per intenderci gli ormoni che nella femmina inducono la comparsa dei caratteri sessuali secondari, regolano la dinamica del ciclo mestruale e sono necessari per il mantenimento della gravidanza) e quindi, indirettamente, alla fertilità. Questo naturalmente non significa che gli zigomi più o meno pronunciati siano un indice della probabilità che una donna ha di rimanere incinta, ma, nello stesso tempo, indicano che potrebbe avere migliori possibilità in questo senso. In modo analogo è statisticamente provato che in generale le donne preferiscono gli uomini con tratti più marcati nella parte inferiore del viso. Un maschio con fattezze simili possiede sicuramente una grande quantità di androgeni, gli ormoni steroidei sessuali prodotti dalle cellule interstiziali dei testicoli e dalla corteccia surrenale. E qui viene il punto: una mascella grande, pur essendo dispendiosa dal punto di vista biologico (la quantità di androgeni necessaria a produrla tende infatti a compromettere il funzionamento del sistema immunitario), è indice di un'ottima resistenza alle malattie. Secondo gli psicologi evoluzionisti le donne colgono al volo questa forma di "pubblicità corporea". Il messaggio recepito è più o meno il seguente: se questo uomo può permettersi una mascella così grande senza ammalarsi, deve avere un eccellente sistema immunitario. Ecco un'altra conferma del fatto che alla base delle scelte sessuali c'è la necessità di fornire alla progenie quelle caratteristiche che favoriscono la sopravvivenza.
misterxy is offline  
Vecchio 04-04-2008, 19.11.12   #155
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Occhio alle curve

Non è un caso quindi che prima della pubertà e dopo la menopausa le donne abbiano lo stesso giro vita dei maschi, mentre nell'età fertile una tipica rappresentante del gentil sesso accumuli intorno ai fianchi e alle cosce il cosiddetto grasso riproduttivo, fonte delle calorie necessarie a sostenere una gravidanza. Si potrebbe quindi concludere ancora una volta che le "curve" sono una sorta di unità di misura del potenziale riproduttivo. Tutto ciò che interferisce con la fertilità, come l'obesità, la malnutrizione, la gravidanza, la menopausa, cambia molto le fattezze di una donna. Normalmente una femmina sana, nel periodo fecondo, ha un rapporto tra la vita e i fianchi compreso tra 0,6 e 0,8: cio significa che la circonferenza della vita corrisponde al 60-80% di quella dei fianchi, indipendentemente dal peso corporeo. Molte donne le cui misure non rientrano in questo valore standard sono sane e possono avere figli ma, come risulta da uno studio compiuto da alcuni ricercatori olandesi nel 1993, anche un leggero incremento nella misura della vita rispetto a quella dei fianchi può essere indice di problemi di carattere riproduttivo. Da un punto di vista evolutivo, è difficile immaginare che gli uomini non rispondano a tali segnali rivelatori. E, in effetti, vi rispondono eccome.

Cosa dice il maschio

Non solo: il gusto degli uomini in fatto di forme è sorprendentemente stabile. Lo dimostra lo scienziato di origine indiana Devendra Singh, che ha effettuato un confronto delle misure delle ragazze apparse sui paginoni centrali della rivista Playboy e delle vincitrici del concorso Miss America dal 1923 al 1990. I loro corpi si sono snelliti con gli anni, ma il rapporto tra vita e fianchi è rimasto compreso tra i valori 0,68 e 0,72. Un simile risultato si è avuto quando Singh ha mostrato alcune figure femminili a dei maschi di età compresa tra 8 e 85 anni e di estrazione culturale e nazionalità diverse.
Al di là di minime differenze di gusto, la figura femminile dominante è stata quella di una donna di peso medio con un rapporto tra vita e fianchi pari a 0,7
. Forse aveva ragione Goethe quando scrisse che "il bello è una manifestazione di arcane leggi della natura che senza l'apparizione di esso ci sarebbero rimaste eternamente celate".

Paola Pardieri
e Geoffrey Cowley
misterxy is offline  
Vecchio 04-04-2008, 23.09.06   #156
Aizram
Ospite
 
Data registrazione: 27-03-2008
Messaggi: 6
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Thunder
Ciao a tutti,sono nuovo del forum.

Vorrei delineare la mia situazione psicologica per quanto concerne il rapporto con l'altro sesso,queste "adorabili" fanciulle ,situazione che ormai ha pervaso anche tutti gli aspetti della mia vita quotidiana,rendendola assai complicata e insoddisfacente.

Ho 24 anni e,fino ad adesso,ho uno score con le donne quantomeno imbarazzante:un paio di storielle poco significative,e per quanto riguarda il sesso...non sono più vergine ma preferisco non entrare nel dettaglio.

Ormai vivo con l'incubo delle donne:continuo a desiderarle ardentemente ma allo stesso tempo ho il terrore di loro,ovvero che mi rifiutino di nuovo,che mi percepiscano come sfigato.Di conseguenza sono bloccato da un immobilismo più o meno perenne,terrorizzato dal fatto che un ulteriore fallimento potrebbe portarmi sulla via della crisi isterica,del crollo nervoso o addirittura del suicidio.

Ormai ho paura persino di fare una telefonata ad una ragazza e comunque io non pretendo la luna:non cerco il "grande amore"(almeno non soltanto quello)ma sono anche ben disposto verso avventure sessuali che mi possano finalmente elevare da questo torpore.

Fisicamente sono un ragazzo normale(qualcuna dice pure che sono carino)ed ho una visione della vita piuttosto materialistica e "godereccia",per cui la sensazione maggiore di impotenza è quella di vedersi totalmente feriti nella propria virilità.Forse è un pò colpa mia,perchè ho sempre evitato di avvicinarmi a ragazze che non mi piacessero fisicamente...sta di fatto che non so più cosa fare.Questo problema sta attanagliando tutta la mia vita,portandomi a trascurare alcuni esami universitari,opportunità di lavoro e via dicendo...insomma sono in un tunnel e non so come uscire dalla mia ossessione!!!

Ciao!Sono una nuova ospite.
Comprendo il tuo problema in quanto anche la mia vita è stata caratterizzata da una ricerca ossessiva e disperata di un uomo senza riuscirci, infatti ho sempre incontrato solo rifiuti!!Questo mi ha creato solo tanta sofferenza ed è stato molto difficile accettare e affrontare la situazione e mi è sorto spontaneo chiedermi il perchè .E' stata lunga la strada e ho tentato varie vie finchè ho trovato quella giusta ; in seguito ad un profondo lavoro interiore ,caratterizzato da una sincera intima richiesta d'aiuto e tante lacrime di dispiacere, ho scoperto un'amara verità su me stessa .Il mio problema stava nella non accettazione del mio essere donna, nel vergognarmi oltre ogni limite e volontà di essere femmina a letto per il mio uomo,nel darmi a lui e nel vivere senza tabù ,liberamente il puro e naturale piacere sessuale.
Per allontanarmi e difendermi dal prendere coscenza di questa mia incapacità,mi sono travestita da donna che cercava l'amore vero, che sapeva amare ,che non avrebbe mai fatto sesso senza amore accusando gli uomini di essere tutti dei maniaci sessuali e basta!!!
La verità,invece, stava nel fatto che il mio rifiuto e odio per me stessa ,x la mia natura, si rispecchiava nell'essere rifiutata e disprezzata dagli uomini...di conseguenza ho dovuto accettare di essere donna x poter avere un uomo a fianco!
P.S..considera che sono carina e quindi non potevo attribuire certo al mio aspetto i miei insuccessi!!!Ciao ciao!
Aizram is offline  
Vecchio 06-04-2008, 11.04.49   #157
Anagarika
Ospite abituale
 
L'avatar di Anagarika
 
Data registrazione: 10-03-2008
Messaggi: 70
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Aizram
Ciao!Sono una nuova ospite.
Il mio problema stava nella non accettazione del mio essere donna, nel vergognarmi oltre ogni limite e volontà di essere femmina a letto per il mio uomo,nel darmi a lui e nel vivere senza tabù ,liberamente il puro e naturale piacere sessuale.
Per allontanarmi e difendermi dal prendere coscenza di questa mia incapacità,mi sono travestita da donna che cercava l'amore vero, che sapeva amare ,che non avrebbe mai fatto sesso senza amore accusando gli uomini di essere tutti dei maniaci sessuali e basta!!!
La verità,invece, stava nel fatto che il mio rifiuto e odio per me stessa ,x la mia natura, si rispecchiava nell'essere rifiutata e disprezzata dagli uomini...di conseguenza ho dovuto accettare di essere donna x poter avere un uomo a fianco!

Ciao Aizram, il tuo intervento mi ha fatto riflettere su quanto l'incapacità di accettare e vivere serenamente la propria femminilità sia un problema diffusissimo a causa del punto di vista "femminista".

L'aver colpevolizzato tutti gli uomini per le colpe di alcuni, il loro modo di sentire perchè è diverso dal nostro, aver scambiato le differenze per discriminazioni ed aver tentato di liberarcene negandole forse ci ha rese un "incubo" per qualcuno, ma soprattutto nemiche di noi stesse.
Anagarika is offline  
Vecchio 06-04-2008, 19.05.23   #158
Scorpion
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-02-2008
Messaggi: 84
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da chlobbygarl
Problemi con le donne e annessa ricaduta psicologica sono relativamente frequenti a quell'età, già il fatto di trasformarli in un'ossessione però, come anche quello di usare termini quali suicidio, dovrebbero farlo riflettere sull'eventualità di riconsiderare e 'rinominare' le dimensioni del fenomeno che sta vivendo.Le 'ossessioni' si curano velocemente con terapie di vario tipo.
(...)

ti dico una cosa banale:fatti 6 mesi di terapia cognitiva.
Non sono uno psicologo ma nutro seri dubbi riguardo al fatto che certe "ossessioni" possano essere risolte velocemente con terapie di vario tipo. Anzi, ritengo che se in gioventu' non si vive la vita sessuale-affettiva "come va/andrebbe vissuta", diventa poi difficilissimo uscirne e "guarire", perche' c'e' un tempo per ogni cosa. Il vissuto che ciascuno di noi si porta dietro non lo si cancella facilmente con nessuna terapia. Ad esempio, io ho 33 anni, ed ho sempre avuto una certa difficolta' a relazionarmi col l'altro sesso a causa della mia timidezza. Questo ha fatto si' che, arrivato a 33 anni, abbia avuto una sola storia relativamente lunga e importante (le poche altre sono state brevi e di scarsissima importanza), ed oggi, che sono solo, so che per me sara' veramente dura riuscire ad instaurare una relazione seria con una donna (che magari possa sfociare in una convivenza o in un matrimonio), perche' dentro di me "sento" che non saprei gestire quel genere di rapporto. Non lo saprei gestire non perche' sono "nato stupido" o chissa' cosa; semplicemente non ho un' esperienza tale di queste cose che mi possa permettere di vivere serenamente e con sicurezza un rapporto con una donna. Oltretutto sai cosa penso? Che molto spesso nascere maschi sia una disgrazia, invece che una fortuna, perche' a noi uomini le donne non perdonano la benche' minima debolezza.
Scorpion is offline  
Vecchio 06-04-2008, 20.28.23   #159
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Scorpion
Non sono uno psicologo ma nutro seri dubbi riguardo al fatto che certe "ossessioni" possano essere risolte velocemente con terapie di vario tipo. Anzi, ritengo che se in gioventu' non si vive la vita sessuale-affettiva "come va/andrebbe vissuta", diventa poi difficilissimo uscirne e "guarire", perche' c'e' un tempo per ogni cosa. Il vissuto che ciascuno di noi si porta dietro non lo si cancella facilmente con nessuna terapia. Ad esempio, io ho 33 anni, ed ho sempre avuto una certa difficolta' a relazionarmi col l'altro sesso a causa della mia timidezza. Questo ha fatto si' che, arrivato a 33 anni, abbia avuto una sola storia relativamente lunga e importante (le poche altre sono state brevi e di scarsissima importanza), ed oggi, che sono solo, so che per me sara' veramente dura riuscire ad instaurare una relazione seria con una donna (che magari possa sfociare in una convivenza o in un matrimonio), perche' dentro di me "sento" che non saprei gestire quel genere di rapporto. Non lo saprei gestire non perche' sono "nato stupido" o chissa' cosa; semplicemente non ho un' esperienza tale di queste cose che mi possa permettere di vivere serenamente e con sicurezza un rapporto con una donna. Oltretutto sai cosa penso? Che molto spesso nascere maschi sia una disgrazia, invece che una fortuna, perche' a noi uomini le donne non perdonano la benche' minima debolezza.


Ma sei di coccio peggio di me allora... ma chi te l'ha detto che le donne non perdonano le debolezze? Ma guarda avanti Scorpion che ci son tanti tipi di donne.. non restare ancorato a queste prospettive negative, che tanto non ci guadagni niente.. e poi nei rapporti vieni coinvolto spontaneamente non è che devi saper gestire chissà che cosa.. ma che vi avranno fatto mai queste donne da sconvolgervi così tanto a livello esistenziale.. anch'io ho sofferto molto per gli uomini ma mica sto sempre a dire che sono così o cosà.. anzi..
per questo forse non ho mai avuto problemi a relazionarmi con l'altro sesso (fino ad ora almeno)..se state un pò tranquilli e pensaste che le donne sono esseri umani come voi forse andrebbe tutto meglio.. cercate di comunicare con le donne, di guardarle negli occhi, senza stare sempre a catalogarle..

..la volpe non arrivando all'uva disse che era acerba..

Ari-tante belle cose!

P.S.: a 33 anni sei giovane, cerca di sorridere di più.. vedrai che le esperienze arrivano...
veraluce is offline  
Vecchio 06-04-2008, 21.08.35   #160
Anagarika
Ospite abituale
 
L'avatar di Anagarika
 
Data registrazione: 10-03-2008
Messaggi: 70
Riferimento: Le donne..un incubo per me!

Citazione:
Originalmente inviato da Thunder
Ho un ulteriore problema...ho un bisogno incredibile di "concludere" più velocemente possibile con una ragazza(visti i miei anni di trascorsi negativi)e avere la mia vittoria personale,e quindi molto spesso mi deprimo di fronte ad alcune resistenze nell'uscire,nel vedersi,nel darmi il num di telefono.

Sono scoraggiato dalla difficoltà dell'approccio e del corteggiamento.Ho perso troppo tempo e vorrei concludere subito.Voglio sentirmi uomo.E di certo le prostitute non mi interessano...

Caro Thunder,
non ricordo se qualcuno te l'ha già detto ma... sei giovanissimo!

I "tuoi anni di trascorsi negativi" sono davvero pochi, a meno che l'esperienze sessuali non comincino alle elementari... cosa mi son persa?
E' anche vero però che hai l'età giusta per fremere, esattamente come stai facendo. Devi solo nasconderlo un po', alle ragazze intendo, se capiscono che sono così "bramate" le più timide scappano e le più scafate se la tirano...

Fossi in te uscirei con i miei amici e non le guarderei proprio, vedrai che qualcuna ti casca addosso
Ovviamente, non è detto che sia quella giusta, ma almeno rompi il ghiaccio!
Anagarika is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it